User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

Discussione: Bengasi Brucia.

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Jun 2004
    Messaggi
    2,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bengasi Brucia.

    In Libia hanno proprio rotto! Le poche strade che anno le debbono a noi...ma a questo punto spero che marciscano!
    Calderoli quì non c'entra un tubo, magari vogliono disfarsi di Gheddafi, o magari hanno trovato l'ennesima scusa per darla addosso all'odiato italiano, ma che se ne stiano a mangiar datteri!!! Altro che portare lavoro e impresa!


    da www.corriere.it di oggi:

    «La rivolta è una scusa, un milione di libici non sa cosa mangiare»

    Italiani in fuga da Bengasi che brucia

    «Assaltata la nostra chiesa». Operai, suore, muratori: gli ultimi scampati sull'aereo per Roma. «Ci gridavano: assassini»

    TRIPOLI (Libia) — C’era una chiesa cristiana, a Bengasi. Non c’è più. Venerdì hanno distrutto il consolato italiano. Sabato hanno cercato gli uffici degli italiani. Domenica hanno fatto scappare gli italiani. E lunedì mattina, sono entrati nell’ultima casa rimasta che li ricordasse, questi terribili bastardi che siamo: la chiesa.

    La folla si è ripetuta, lo scempio si è consumato. Una vera profanazione, come non se ne ricordano da quelle parti: sfondato il portone, sfasciate le panche, buttati a terra i quadri della Via Crucis. «Nessuno ha potuto controllare se hanno aperto anche il tabernacolo e rovesciato le ostie—racconta un testimone —, ma è il segnale: volevano dare una lezione ai crociati». La rivolta sta virando, un filo. Ora si va a caccia di qualunque simbolo occidentale. E l’aperta contestazione al regime di Gheddafi non è solo qualche slogan, il coro che domenica inveiva mentre stupravano il nostro corpo diplomatico. Adesso è ribellione vera.

    Ieri mattina, è stata presa d’assalto una caserma della polizia. Si sono sentiti spari e stavolta, dicono, a mirare non erano gli agenti. «Assassini!», gridavano dalle strade intorno, ragazzi che lanciavano sassi e qualunque cosa. Una decina di palazzi, uffici pubblici, sono stati saccheggiati. Il governatorato non ha ancora imposto il coprifuoco, ma è come se l’avesse fatto: «Le strade sono vuote — descrive chi è rimasto là —. La gente si chiude in casa dalla mattina presto, quando la situazione sembra ancora tranquilla: sanno tutti che non è finita, finché l’ultimo morto della strage di venerdì non sarà seppellito».

    La caccia al cristiano è la nuova paura. Il vescovo di Tripoli, monsignor Martinelli, rientra da Roma e si fa portare subito sulla Sirte. Va a recuperare una dozzina di quelle suore che da anni curano i malati negli ospedali della Cirenaica e, benedette ostinate, non se ne vogliono andare. Scappano di sera anche operai, gruisti, muratori. I primi sette oggi, gli altri domani. Gente che non sbrodola: «Posso raccontarvi quanti container ho spostato con queste mani qui — dice Ivano T., padovano —, ma dei disordini non so nulla: io stavo sempre al cantiere». «La rivolta contro gli italiani è una scusa — dice un collega —. Loro ce l’hanno con gli stipendi da fame, che sono bloccati dal 1971. C’è un milione di libici che non sa che cosa mangiare. E non è bello vedere, con le tv satellitari, come ce la passiamo noi».

    L’ultima volta che manganellarono la folla e spararono, raccontano, fu dopo che venne a giocare la Juventus: la settimana successiva, allo stadio, la gente protestava per tutto quel denaro sprecato e la polizia intervenne dura. E le vignette? A Bengasi se l’aspettavano, la rivolta: il 10 febbraio, tutti i giornali avevano pubblicato l’ira della fondazione Gheddafi per le parole di Calderoli che ha invitato a lanciare una guerra ai musulmani», con un appello al Papa perché ricucisse lo strappo. Ma tutti qui conoscevano lo Jyllands-Posten, il giornale danese che ha pubblicato i disegni blasfemi, anche per un’altra ragione: nel 2003, un articolo irridente sull’allegra vita di Gheddafi junior a Copenaghen aveva quasi provocato una rottura delle relazioni con la Danimarca.

    L’Italia, poi, ci ha messo del suo. «I discorsi anti italiani non mancano mai a Bengasi — racconta il console Giovanni Pirrello —. Qualche mese fa, ho organizzato una cena d’affari e ho piazzato all’ingresso una grande foto di Berlusconi che stringe la mano a Gheddafi. Un signore si è messo a protestare in pubblico, si è alzato e se n’è andato: non tollerava che si potessero fare affari con noi».

    Nella folla di domenica, si è sentito di tutto. E a contestare col pugno alzato c’erano anche i parenti dei «bambini infetti di Bengasi», una storia terribile di 400 bimbi risultati sieropositivi in un ospedale privato della città e di sette infermieri bulgari che sono in prigione condannati a morte, con l’accusa di essere gli untori. C’è una richiesta di risarcimento a Sofia per 10 miliardi di dollari, «la stessa cifra che fu data per le vittime dell’attentato di Lockerbie», e gli interessi nella vicenda della Bulgaria (che ha solo un piccolo ufficio) erano seguiti proprio dal consolato italiano, con un fondo internazionale per la raccolta di aiuti alle vittime dell’Aids.

    Qualcuno potrebbe aver avuto interesse a fomentare? Gli scampati alla rivolta se lo chiedono, sulla scaletta dell’aereo per l’Italia, e si incrociano con chi non si domanda molto e se ne va lo stesso. Gabri D.C., una tour operator, con la sua comitiva era sulla piazza degli scontri poche ore prima che scoppiasse l’inferno: «Sono tre giorni che stiamo in giro per la Libia, ma nessuno dell’ambasciata ci ha mai contattati per sapere come stavamo». Marisa F. tornava da turista in Libia per la prima volta, espulsa ed espropriata con la famiglia quando aveva tre anni: «Siamo andati a vedere la vecchia casa dei suoi nonni — racconta il marito —. Adesso è diventata una scuola coranica».

    Dopo i greci e i romani, i bizantini e gli ottomani, si consuma l’ultima cacciata: più della metà abbandona e «A Bengasi tra poche ore non ci sarà più un italiano», dice il console Pirrello, anche lui in partenza. Non ha mai attraversato posti facili, il console: studioso di lingue orientali, era a Islamabad durante l’invasione sovietica dell’Afghanistan, ad Algeri la vigilia dei primi tumulti islamici nel Mediterraneo, a Mosca negli anni della perestroika, a Salonicco quando i soldati italiani sono andati nei Balcani. Ha dovuto lasciare tutto: «La mia casa e il resto. Ho salvato il passaporto diplomatico e questa borsa».

    Il silenzio ora è calato su Bengasi. Il Leader ha preso tempo. Ha finto di tollerare, ha lasciato che si celebrassero i funerali e si sfogasse l’ultima vendetta. Adesso basta: la città rivoltosa è un angolo di mondo zittito, oscurato, scomparso dai radar dell’informazione. Tutti fuori. Nessun visto alla stampa straniera che vuole entrare, nessuna libertà ai giornalisti che s’aggirano qui. È l’ordine che circola veloce per i palazzi di regime. Via gli italiani, che rischiano troppo.

    E via gli altri, fastidiosi testimoni o inutili volontari. Alle 11 del mattino, a Tripoli si ragiona veloce sul da farsi. Nell’ufficio del potente Juma Belker, scrittore e factotum del Colonnello, caffè e sigarette sotto la foto dell’intervista fatta l’estate scorsa a Romano Prodi («Un incontro emozionante, la inserirò nella mia raccolta di conversazioni coi leader di tutto il mondo»): è da lì che arriva lo stop alla stampa e alla tv. Le notizie sono benzina sul fuoco, dicono, meglio innaffiarle di censura. Avevano promesso di portarci a Bengasi? «No, col volo delle 3 ve ne andate tutti a Roma». E rimanere almeno a Tripoli? «La situazione è pesante. Lo facciamo per la vostra incolumità ». Troppo buoni: bagaglio veloce, due ore di tempo, una Mercedes nera coi poliziotti a zigzagare nel traffico per l’aeroporto, è subito check-in. Volo Az 871: solo andata.

    Francesco Battistini
    21 febbraio 2006

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    civis_romanus
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sothis
    In Libia hanno proprio rotto! Le poche strade che anno le debbono a noi...ma a questo punto spero che marciscano!
    Calderoli quì non c'entra un tubo, magari vogliono disfarsi di Gheddafi, o magari hanno trovato l'ennesima scusa per darla addosso all'odiato italiano, ma che se ne stiano a mangiar datteri!!! Altro che portare lavoro e impresa!
    Bastardi... quelle 4 cose che ci sono in libia le abbiamo portate noi e questi sono i ringraziamenti! A questo punto che muoiano di fame da soli.... e comunque l'assalto alla chiesa e l'ennesima dimostrazione di quanto sia tollerante e aperto alle altre culture quell'islam che lentamente e senza accorgersi ci sta entrando dentro casa

  3. #3
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    si certo infatti che belle cose hanno fatto i fascisti in Libia..uso di armi chimiche, campi di concentramento per oppositori...anche se non condivido l'uso delle violenza di questi giorni capisco il risentimento dei Libici
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Jun 2004
    Messaggi
    2,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da thematrix
    si certo infatti che belle cose hanno fatto i fascisti in Libia..uso di armi chimiche, campi di concentramento per oppositori...anche se non condivido l'uso delle violenza di questi giorni capisco il risentimento dei Libici
    Perfetto! Hai ragione! Bene, ecco perchè consiglio da sempre E' DI SBATTERCENE ALTAMENTE DEI PROBLEMI AFRICANI E DI LASCIARLI NEL LORO BRODO.

    Senza di noi non sanno neanche come coltivare un campo di patate, sanno solo scannarsi a fucilate, ma come tu dici è tempo di andare via. VIA!

  5. #5
    Enclave fascista
    Data Registrazione
    17 Feb 2006
    Località
    Enclave fascista
    Messaggi
    5,774
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sothis
    Perfetto! Hai ragione! Bene, ecco perchè consiglio da sempre E' DI SBATTERCENE ALTAMENTE DEI PROBLEMI AFRICANI E DI LASCIARLI NEL LORO BRODO.

    Senza di noi non sanno neanche come coltivare un campo di patate, sanno solo scannarsi a fucilate, ma come tu dici è tempo di andare via. VIA!


    Non farti sentire altrimenti ci tolgono gas, petrolio e ingenti quantitativi di denaro.

  6. #6
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sothis
    Perfetto! Hai ragione! Bene, ecco perchè consiglio da sempre E' DI SBATTERCENE ALTAMENTE DEI PROBLEMI AFRICANI E DI LASCIARLI NEL LORO BRODO.

    Senza di noi non sanno neanche come coltivare un campo di patate, sanno solo scannarsi a fucilate, ma come tu dici è tempo di andare via. VIA!
    conosci il grande fiume artificiale, una delle piu grandi opere ingegneruistiche, la piu grande della storia della Libia? sarà pronta nel 2007 e porterà l'acqua fossile del Sahara direttamnte nlle case e nelle terre dei libici..ebbene quest'opera è stata fatta interamente dai libici senza l'aiuto di nessuno, tantomeno degli Italiani
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

  7. #7
    EUROPA CRISTIANA
    Data Registrazione
    26 Jul 2005
    Località
    ...mai in un posto solo
    Messaggi
    4,572
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    che schifo di nazione!
    andreas

  8. #8
    Saloth Sâr
    Ospite

    Thumbs down

    Bengasi Brucia



    Grazie Calderolinstein !

  9. #9
    Saloth Sâr
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da andreas
    che schifo di nazione!
    L'Italia ? ( )

  10. #10
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,811
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    ps e comunque non ti puoi permettere di lasciarli nel "loro brodo" e sai perchè? perchè se gli africani vengono lasciati da soli e si impoveriscono(che è quello che hai detto tu) tu cosa pensi che faranno questi n uovi poveri? semplice, EMIGRERANNO verso l'europa, e noi ci troveremmo una marea di immigrati in più.
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Via da Bengasi!
    Di benjamin_linus nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-01-13, 13:34
  2. News Da Bengasi
    Di AldoVincent nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-02-06, 15:35
  3. Bengasi brucia,Italiani in fuga
    Di micknick nel forum Politica Estera
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 21-02-06, 19:34
  4. Bengasi, Nuovi Scontri
    Di Danny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 19-02-06, 21:41
  5. Brucia ragazzo brucia. I gipponi
    Di Davide (POL) nel forum ZooPOL
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-08-03, 00:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226