User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fino a che punto caleremo le braghe?

    È passata l’idea che se una nostra ambasciata viene assalita, un nostro ministro si dimette e loro ci lasciano in pace
    Fino a che punto caleremo le braghe?
    Di seguito pubblichiamo l’articolo di apertura de Il Foglio di ieri siglato con il consueto “elefantino”.


    Non è stato soltanto un sanguinoso contrasto tra un lampo d’imbecillità e un rigurgito di barbarie, il caso della T-shirt satanica tra Gemonio e Bengasi, un’arlecchinata ministeriale contro il solito assedio a un consolato occidentale più l’aggiunta di un massacro. Ora che Calderoli se n’è andato, ora che il senso dello Stato ha suggerito prudenti dimissioni, ora che è restaurato il picci pucci diplomatico con un Paese importante per il nostro approvvigionamento energetico, ora che i biscotti danoni sono finiti in castigo e la Nestlè ha aumentato le sue quote di mercato, ora bisogna domandarsi che cosa vogliono loro da noi e che cosa vogliamo noi da loro, se volere e potere siano ancora due verbi conosciuti alle cancellerie europee e occidentali.
    Ci hanno vietato di scherzare su quel che per loro è sacro, anzi un tabù. Un divieto complicato dal fatto che da noi l’unica cosa rimasta sacra è il linguaggio libertario della satira, il nostro tabù laico e secolarista, l’ultimo rifugio dello spirito di Voltaire. Mentre noi disegnavamo e pubblicavamo vignette, loro assaltavano le ambasciate, ammazzavano un prete cattolico al grido “Allah è grande”, ci facevano assaggiare il significato della parola “umana”, una comunità mondiale legata nel più puro spirito identitario, fino al fanatismo, da sentimenti di rivalsa etnica, geopolitica e soprattutto profetica. Una comunità in grado di mobilitarsi, di distruggere i nostri simboli e bandiere, di dividerci e umiliarci in molti modi.
    Il loro divieto è passato, è già storia. Con loro non si scherza. Ma anche a far sul serio bisogna starci attenti. Guantanamo, prigione di guerre per tempi di guerra, bisognerà chiuderla, prima o poi. Con l’organizzazione terroristica che ha vinto le elezioni palestinesi bisognerà trattare, prima o poi. A manifestare davanti a una loro ambasciata, nel modo più serio e dialogante possibile, ci abbiamo provato, dopo che un loro Capo di Stato aveva minacciato di cancellare Israele dalla carta geografica; ma anche quella manifestazione politica, che non era una vignetta blasfema o libertaria, fu oggetto di attenzioni, ricatti diplomatici, promesse di ritorsione e di boicottaggio. Tutti gesti andati a buon fine, gesti utili, efficaci.
    Se vogliono la nostra umiliazione politica, se la vogliono facendo risuonare la minaccia della rabbia islamica in tutta la comunità, compresa quella insediata a Londra, a Milano, ad Amburgo, a Parigi, ottengono il loro scopo senza troppa fatica. Noi ci teniamo alla sicurezza del nostro personale diplomatico, delle nostre merci, delle nostre metropolitane, e tanto ci teniamo che siamo disposti a subire ogni tipo di pressione, ci dividiamo regolarmente nella risposta, ci odiamo tra noi e ci rimproveriamo di non fare abbastanza per evitare grane. Perfino Berlusconi si è consegnato alla linea del “dialogare, dialogare, dialogare”.
    E allora spiegateci che cosa vogliamo noi da loro, che cosa teniamo per sacro, che scuse chiediamo e che pressioni facciamo per averla vinta su questioni di un certo peso. I nostri cosiddetti islamofobi, cioè coloro che non vogliono calare le braghe, sono tutti sotto scorta, dalla Fallaci alla Hirsti Ali. Chi per aver scritto un saggio, chi per aver sceneggiato un film come la condizione della donna nell’Islam, alcuni sono morti come Theo van Gogh. Cristiani vengono martirizzati o fatti santi. Magdi Allam deve scrivere di nascosto le sue verità, minacciato di morte per apostasia. C’è gente che sa di bruciato, opinioni che non si possono portare in pubblico. È passata l’idea che se una nostra ambasciata viene assalita, il nostro ministro si dimette e loro ci lasciano in pace. L’idea grottesca che il nostro unico strumento sia il dialogo e il loro unico mezzo la guerra. Ciò che vogliamo da loro è di essere lasciati in pace, e per ottenere questo scopo, che è il dogma della religione multiculturale, siamo disposti a tutto, ma proprio a tutto, perfino a riscoprire il sacro e la blasfemia dopo averli aboliti in nome delle virtù laiche del relativismo culturale. Ma la pace ha un cartellino con su scritto il prezzo, e chi non paga non avrà altro in mano che un cumulo sempre maggiore di minaccia e di violenza.

    [Data pubblicazione: 21/02/2006]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball
    È passata l’idea che se una nostra ambasciata viene assalita, un nostro ministro si dimette e loro ci lasciano in pace
    Fino a che punto caleremo le braghe?
    Di seguito pubblichiamo l’articolo di apertura de Il Foglio di ieri siglato con il consueto “elefantino”.


    Non è stato soltanto un sanguinoso contrasto tra un lampo d’imbecillità e un rigurgito di barbarie, il caso della T-shirt satanica tra Gemonio e Bengasi, un’arlecchinata ministeriale contro il solito assedio a un consolato occidentale più l’aggiunta di un massacro. Ora che Calderoli se n’è andato, ora che il senso dello Stato ha suggerito prudenti dimissioni, ora che è restaurato il picci pucci diplomatico con un Paese importante per il nostro approvvigionamento energetico, ora che i biscotti danoni sono finiti in castigo e la Nestlè ha aumentato le sue quote di mercato, ora bisogna domandarsi che cosa vogliono loro da noi e che cosa vogliamo noi da loro, se volere e potere siano ancora due verbi conosciuti alle cancellerie europee e occidentali.
    Ci hanno vietato di scherzare su quel che per loro è sacro, anzi un tabù. Un divieto complicato dal fatto che da noi l’unica cosa rimasta sacra è il linguaggio libertario della satira, il nostro tabù laico e secolarista, l’ultimo rifugio dello spirito di Voltaire. Mentre noi disegnavamo e pubblicavamo vignette, loro assaltavano le ambasciate, ammazzavano un prete cattolico al grido “Allah è grande”, ci facevano assaggiare il significato della parola “umana”, una comunità mondiale legata nel più puro spirito identitario, fino al fanatismo, da sentimenti di rivalsa etnica, geopolitica e soprattutto profetica. Una comunità in grado di mobilitarsi, di distruggere i nostri simboli e bandiere, di dividerci e umiliarci in molti modi.
    Il loro divieto è passato, è già storia. Con loro non si scherza. Ma anche a far sul serio bisogna starci attenti. Guantanamo, prigione di guerre per tempi di guerra, bisognerà chiuderla, prima o poi. Con l’organizzazione terroristica che ha vinto le elezioni palestinesi bisognerà trattare, prima o poi. A manifestare davanti a una loro ambasciata, nel modo più serio e dialogante possibile, ci abbiamo provato, dopo che un loro Capo di Stato aveva minacciato di cancellare Israele dalla carta geografica; ma anche quella manifestazione politica, che non era una vignetta blasfema o libertaria, fu oggetto di attenzioni, ricatti diplomatici, promesse di ritorsione e di boicottaggio. Tutti gesti andati a buon fine, gesti utili, efficaci.
    Se vogliono la nostra umiliazione politica, se la vogliono facendo risuonare la minaccia della rabbia islamica in tutta la comunità, compresa quella insediata a Londra, a Milano, ad Amburgo, a Parigi, ottengono il loro scopo senza troppa fatica. Noi ci teniamo alla sicurezza del nostro personale diplomatico, delle nostre merci, delle nostre metropolitane, e tanto ci teniamo che siamo disposti a subire ogni tipo di pressione, ci dividiamo regolarmente nella risposta, ci odiamo tra noi e ci rimproveriamo di non fare abbastanza per evitare grane. Perfino Berlusconi si è consegnato alla linea del “dialogare, dialogare, dialogare”.
    E allora spiegateci che cosa vogliamo noi da loro, che cosa teniamo per sacro, che scuse chiediamo e che pressioni facciamo per averla vinta su questioni di un certo peso. I nostri cosiddetti islamofobi, cioè coloro che non vogliono calare le braghe, sono tutti sotto scorta, dalla Fallaci alla Hirsti Ali. Chi per aver scritto un saggio, chi per aver sceneggiato un film come la condizione della donna nell’Islam, alcuni sono morti come Theo van Gogh. Cristiani vengono martirizzati o fatti santi. Magdi Allam deve scrivere di nascosto le sue verità, minacciato di morte per apostasia. C’è gente che sa di bruciato, opinioni che non si possono portare in pubblico. È passata l’idea che se una nostra ambasciata viene assalita, il nostro ministro si dimette e loro ci lasciano in pace. L’idea grottesca che il nostro unico strumento sia il dialogo e il loro unico mezzo la guerra. Ciò che vogliamo da loro è di essere lasciati in pace, e per ottenere questo scopo, che è il dogma della religione multiculturale, siamo disposti a tutto, ma proprio a tutto, perfino a riscoprire il sacro e la blasfemia dopo averli aboliti in nome delle virtù laiche del relativismo culturale. Ma la pace ha un cartellino con su scritto il prezzo, e chi non paga non avrà altro in mano che un cumulo sempre maggiore di minaccia e di violenza.

    [Data pubblicazione: 21/02/2006]
    Bravo Ferrara,sai andare sempre al centro della questione.
    Una riflessione o massima di Vauvernagues:
    (n°22)tanto abbassa gli uomini la servitù che se ne fa amare.
    n° 25)vi sono ingiurie che è bene dissimulare per non compromettere il proprio onore.

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Merda all'i$lam e agli i$lamici.
    Morte all'imam di Como.
    E anche agli altri.

 

 

Discussioni Simili

  1. No global? Fino a che punto?
    Di canefantasma nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 03-09-07, 11:58
  2. fino a che punto arriveranno i poltronisti di An?
    Di lauro nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-03-06, 13:13
  3. fino a che punto?
    Di BITRE nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 14-04-04, 00:07
  4. Fino a che punto?
    Di Equilibrio nel forum Arte
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 17-02-03, 12:42
  5. Fino a che punto siete libertari?
    Di Oli nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 17-06-02, 01:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226