Torno a sollevare un problema ormai “finale”. Ho avuto modo di passare per uffici di alcuni comuni della mia zona in orario da lavoro: impressionante!!!! Il numero di asiatici e soprattutto magrebini nuovi che vanno a dichiarare casa e mogli è oltre ogni immaginazione a conferma che nulla è veramente cambiato, anzi. Continua a ritmi serrati l’arrivo di forze nuove che certamente non arrivano con quei 4 barconi che la marina accoglie con tutte le attenzioni. Tutto questo mentre in ospedali scuole medici di base si moltiplicano i cartelli in arabo ed in cinese a conferma che il nostro mondo è già caduto, tutte le case vengono acquistate da loro. La testimonianza la trovate anche nei nostri giovani che riempiono pub e bar, intenti a fumare di tutto ed a riempirsi di alcolici e birre in ogni momento del giorno, zattere alla deriva che non vedono nemmeno più quale dovrebbe essere il loro futuro se non godimenti e schei. Tutto questo mentre i soliti politici si azzuffano falsamente nei loro vestiti impeccabili nelle varie televisioni dove parlano e parlano senza mai dire nulla di vero, basta catturare voti. Viene da sorridere sentire i soliti che rimestano la solita solfa del dialogo da sviluppare con i moderati e stronzate simili: un mondo ormai è caduto e loro si crogiolano nelle loro seghe mentali spacciandole per verità mentre tutto è pronto per l’assalto finale. Fra poco saranno in ue 50 milioni di allogeni determinati contro (forse) 8 – 10 milioni di europei determinati e 350 milioni di europei stanchi, drogati, sazi di tutto, intossicati dalla tv e dalla degenerazione, soprattutto anziani e malandati. Mai come adesso è attuale “Il campo dei santi” sopratturro negli ultimi capitoli dove le “masse occidentali sono inebetite dal benessere immeritato e incapaci di reagire all’invasione se non con la fuga”. Certo qualcuno reagirà o almeno ci proverà, eroi ed antieroi si confronteranno ma sarà un confronto impari, non illudiamoci.
Spengler scriveva: “l’uomo di colore scruta l’uomo bianco mentre questi discorre di umanità e di pace perpetua. Ne fiuta l’incapacità e l’assenza della volontà di difendersi”Qualcuno adesso, immagino, dirà che anche Spengler è solo un disfattista come Zinoviev quando prevedeva l’ “umanaio globale” dove “nove decimi dell’umanità aspettano il momento opportuno per gettarsi contro di noi, per distruggere tutto ciò che si può distruggere e saccheggiare tutto ciò che si può saccheggiare. Ma noi, occidentoidi, li aiutiamo, portando all’assurdo tutte le conquiste della nostra civiltà e tutti i nostri successi” (C’era una volta l’umanità – Zinoviev)
Ribadisco a scanso di fraintendimenti: è cmq nostro dovere morale non arrenderci mai, continuare a creder nell'onore e nella forza del cuore in questo mondo cadaverico ma assomiglia sempre più alla battaglia di Berlino.