User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,394
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    CANADA

    Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto
    Il boss era stato ucciso il 28 dicembre da un uomo armato. Folla ai funerali

    MONTREAL - Nick Rizzuto è stato sepolto in una bara d'oro dopo che il feretro è stato portato in corteo per le strade della Little Italy di Montreal. I media locali - pochi giorni dopo la cerimonia - hanno pubblicato le foto dei funerali del figlio del capomafia Vito Rizzuto, ucciso il 28 dicembre da un uomo armato che lo ha avvicinato mentre era in piedi vicino a una Mercedes e ha esploso contro di lui diversi colpi d'arma da fuoco.

    SERMONE - Tra imponenti misure di sicurezza, bocche cucite e ingresso vietato senza troppi complimenti ai giornalisti dal servizio d'ordine schierato intorno alla chiesa di Notre-Dame, il sermone è stato recitato in italiano. A parlare il solo Riccardo Padulo, amico di famiglia, che ha ricordato Rizzuto, 42 anni, come un «gentleman». «Agli occhi Dio è stata una bella persona e la folla ai funerali lo dimostra», ha aggiunto. Vito, il padre di Nick, sta scontando una condanna in un carcere del Colorado per estorsione e omicidio e non era presente alla cerimonia.

    04 gennaio 2010


    http://www.corriere.it/esteri/10_gen...4f02aabe.shtml
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,394
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    5/1/2010 (8:10) - LA STORIA
    Una bara d'oro per il figlio del boss



    La Little Italy di Montreal in lutto per Nick Rizzuto
    PIERANGELO SAPEGNO

    Quando la bara di Nicolò Nick Rizzuto jr. è entrata nella Chiesa di Notre Dame a Montreal, portata a spalle da otto uomini vestiti di nero, con gli occhiali scuri e il Borsalino in testa, dalla folla dei fedeli s’è levato un lungo applauso di ammirazione.

    Il sacerdote dall’altare ha detto in italiano «fate largo al nostro Nick», raschiando un po’ le labbra sul microfono. La bara era tutta d’oro luccicante e risplendeva come un’opera d’arte. In piedi, nella prima fila della navata, il vecchio boss Nick Rizzuto senior, 84 anni, s’è asciugato gli occhi con un fazzoletto bianco. Anche lui era vestito di nero, e anche lui aveva un Borsalino che stringeva nervosamente nelle mani nodose, lisciandone la tesa senza sosta. Era appena uscito dal carcere, il 25 novembre: l’avevano condannato per reati di droga, estorsione e gioco d’azzardo. Nick senior era arrivato a Montreal nel 1954, immigrato dalla sua Sicilia con poche lire e neanche un dollaro.

    Aveva solo un indirizzo in tasca, ma aveva fatto in fretta lo stesso a diventare un uomo potente nella fredda e pacifica Montreal. E’ lui che ha fondato la Sesta Famiglia, il clan più famoso della mafia canadese, alleato ai Bonanno di New York. Ha vinto tutte le guerre che c’erano da vincere, contro gli irlandesi, gli ebrei e i clan locali. Ma negli ultimi anni il suo potere s’è indebolito: la cosa strana è che sono le street gang, le bande da strada, a sfaldare la sua forza, e a rompere le sue leggi. Nessun’altra mafia l’ha sostituita. Alla metà degli Anni Novanta, ai primi tempi della crisi, la Famiglia Rizzuto, forte ancora della sua autorità, era riuscita a stringere un accordo con tutti i gruppi emergenti, il cosiddetto «Consortium», con la mafia russa, gli irlandesi e i cartelli colombiani della droga: gli italiani si erano presi quasi tutti gli affari dell’edilizia, l’80 per cento del business.

    Ora però sono le bande dei balordi che cercano il loro spazio. «E questa situazione sta gettando Montreal nel caos», come ha spiegato lo scrittore di mafia Pierre de Champlain ai giornali americani. L’erede di Nick senior è suo figlio Vito Rizzuto, che adesso è in carcere, nel Colorado, con una condanna sulle spalle di 10 anni per reati legati a tre omicidi di mafia. Nick junior era suo nipote: aveva studiato ed era un «bravo ragazzo», come dicono i siciliani dell’America. Non aveva neanche un precedente penale. E si occupava di edilizia, l’ultimo grande regno della Sesta Famiglia. L’hanno ucciso il 28 dicembre 2009, nel centro di Montreal, con 6 colpi di pistola, all’angolo della Lachine Road e di Wilson Ave, davanti alla sua Mercedes nera e a una folla di gente che svuotava i saldi dei negozi.

    Prima dell’agguato, dei balordi avevano attaccato i bar della Famiglia con attentati incendiari nel quartiere di St. Michel, la roccaforte dei Rizzuto. L’ultimo era stato il Pirandello Bar Sport distrutto con delle molotov lanciate da una macchina in corsa. Il vecchio Nick aveva sfidato i suoi nemici andando a mangiare poche ore dopo sedendosi ai tavolini del dehors, come se niente fosse successo, mentre gli operai sostituivano le vetrine distrutte e i passanti lo guardavano increduli. La verità, però, è che se la mafia italiana sfoggia il suo potere, i nuovi giovani rivali spaccano tutto e uccidono.

    Così, il 28 dicembre hanno ammazzato Nick junior, 42 anni, davanti alla folla delle feste, in pieno giorno, alle 12 e 15. La risposta per ora è avvenuta con i funerali, con la sua scenografia persino rituale del potere, e la luccicante bara d’oro per seppellire Nick, proprio com’era accaduto con John Gotti, il boss dei boss. Fuori dalla chiesa, c’era un mucchio d’altra gente e c’erano tutti i giornalisti, tenuti all’esterno da un servizio d’ordine di bulli dai modi molto spicci, tutti vestiti con cravatte sgargianti, i sigari in bocca e le pistolone che gonfiavano le giacche. Come in una puntata dei Soprano, una lunga fila di Cadillac aveva scortato la limousine nera con i vetri antiproiettile, coperta di fiori e di corone, fino davanti al tempio di mattoni rossi, sotto il suono delle campane.

    Poi, mentre dentro celebravano la funzione religiosa, s’erano disposte sotto i fiocchi di neve due lunghe code che riempivano la via per almeno mezzo chilometro. Quando gli 8 uomini con il Borsalino hanno issato sulle spalle la bara d’oro, qualcuno ha provato a sfiorarla con un bacio, toccando le grosse maniglie d’argento che pendevano dai lati. Dentro, l'omelia è stata letta in italiano. E solo un uomo, vestito di grigio piombo, con un’elegante sciarpa bianca che scivolava sulla pancia, ha fatto il ricordo della vittima. Riccardo Padulo, amico di famiglia, anche lui senza precedenti penali come Nick junior, ha composto un ritratto pieno di belle parole nel silenzio quasi irreale della chiesa di Notre Dame.

    Ha detto che «il nostro Nick era un vero gentleman». E poi si è asciugato le lacrime, con un gesto quasi teatrale: «Agli occhi di Dio è stata una bella persona, e lo dimostra tutta questa folla ai funerali». Alla fine della messa, la gente è uscita in silenzio, dietro la bara d’oro e il vecchio Nick. Mancava solo il papà, Vito Rizzuto, che deve scontare 10 anni in Colorado. Aveva chiesto il permesso, ma non gliel’hanno dato. Così il corteo s’è mosso senza di lui, passando come una marcia presidenziale dietro alla limousine ricoperta di corone, fra le vie imbandierate di Little Italy e persino lungo Melrose, nel Sud della città, dov’era scappato l’assassino di Nick. Perché questo non era solo un funerale. Era una sfida.

    Una bara d'oro per il figlio del boss - LASTAMPA.it
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,394
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    BRUCIATELI

    Uccidere i mafiosi non è reato.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    Ma dai,tengono alto il nome dell'italia no?



  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,394
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    Citazione Originariamente Scritto da Quayag Visualizza Messaggio
    Ma dai,tengono alto il nome dell'italia no?
    Certamente, come gli innumerevoli film sulla mafia.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    Citazione Originariamente Scritto da Quayag Visualizza Messaggio
    Ma dai,tengono alto il nome dell'italia no?

    Adesso diranno che la mafia c'è anche in Canada come a Duisburg.

    Insomma,siamo tutti nello stesso pentolone...peccato che a portarla a Malano come a Montreal che a Duisburg siano sempre gli stessi.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    la cosa migliore è la folla plaudente e il prete omeliante. dovranno mettere guardie armate in cimitero. roma le pagherà ?

  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,688
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Montreal, bara d'oro e corteo a Little Italy per il capomafia Nick Rizzuto

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    5/1/2010 (8:10) - LA STORIA
    Una bara d'oro per il figlio del boss



    La Little Italy di Montreal in lutto per Nick Rizzuto
    PIERANGELO SAPEGNO

    Quando la bara di Nicolò Nick Rizzuto jr. è entrata nella Chiesa di Notre Dame a Montreal, portata a spalle da otto uomini vestiti di nero, con gli occhiali scuri e il Borsalino in testa, dalla folla dei fedeli s’è levato un lungo applauso di ammirazione.

    Il sacerdote dall’altare ha detto in italiano «fate largo al nostro Nick», raschiando un po’ le labbra sul microfono. La bara era tutta d’oro luccicante e risplendeva come un’opera d’arte. In piedi, nella prima fila della navata, il vecchio boss Nick Rizzuto senior, 84 anni, s’è asciugato gli occhi con un fazzoletto bianco. Anche lui era vestito di nero, e anche lui aveva un Borsalino che stringeva nervosamente nelle mani nodose, lisciandone la tesa senza sosta. Era appena uscito dal carcere, il 25 novembre: l’avevano condannato per reati di droga, estorsione e gioco d’azzardo. Nick senior era arrivato a Montreal nel 1954, immigrato dalla sua Sicilia con poche lire e neanche un dollaro.

    Aveva solo un indirizzo in tasca, ma aveva fatto in fretta lo stesso a diventare un uomo potente nella fredda e pacifica Montreal. E’ lui che ha fondato la Sesta Famiglia, il clan più famoso della mafia canadese, alleato ai Bonanno di New York. Ha vinto tutte le guerre che c’erano da vincere, contro gli irlandesi, gli ebrei e i clan locali. Ma negli ultimi anni il suo potere s’è indebolito: la cosa strana è che sono le street gang, le bande da strada, a sfaldare la sua forza, e a rompere le sue leggi. Nessun’altra mafia l’ha sostituita. Alla metà degli Anni Novanta, ai primi tempi della crisi, la Famiglia Rizzuto, forte ancora della sua autorità, era riuscita a stringere un accordo con tutti i gruppi emergenti, il cosiddetto «Consortium», con la mafia russa, gli irlandesi e i cartelli colombiani della droga: gli italiani si erano presi quasi tutti gli affari dell’edilizia, l’80 per cento del business.

    Ora però sono le bande dei balordi che cercano il loro spazio. «E questa situazione sta gettando Montreal nel caos», come ha spiegato lo scrittore di mafia Pierre de Champlain ai giornali americani. L’erede di Nick senior è suo figlio Vito Rizzuto, che adesso è in carcere, nel Colorado, con una condanna sulle spalle di 10 anni per reati legati a tre omicidi di mafia. Nick junior era suo nipote: aveva studiato ed era un «bravo ragazzo», come dicono i siciliani dell’America. Non aveva neanche un precedente penale. E si occupava di edilizia, l’ultimo grande regno della Sesta Famiglia. L’hanno ucciso il 28 dicembre 2009, nel centro di Montreal, con 6 colpi di pistola, all’angolo della Lachine Road e di Wilson Ave, davanti alla sua Mercedes nera e a una folla di gente che svuotava i saldi dei negozi.

    Prima dell’agguato, dei balordi avevano attaccato i bar della Famiglia con attentati incendiari nel quartiere di St. Michel, la roccaforte dei Rizzuto. L’ultimo era stato il Pirandello Bar Sport distrutto con delle molotov lanciate da una macchina in corsa. Il vecchio Nick aveva sfidato i suoi nemici andando a mangiare poche ore dopo sedendosi ai tavolini del dehors, come se niente fosse successo, mentre gli operai sostituivano le vetrine distrutte e i passanti lo guardavano increduli. La verità, però, è che se la mafia italiana sfoggia il suo potere, i nuovi giovani rivali spaccano tutto e uccidono.

    Così, il 28 dicembre hanno ammazzato Nick junior, 42 anni, davanti alla folla delle feste, in pieno giorno, alle 12 e 15. La risposta per ora è avvenuta con i funerali, con la sua scenografia persino rituale del potere, e la luccicante bara d’oro per seppellire Nick, proprio com’era accaduto con John Gotti, il boss dei boss. Fuori dalla chiesa, c’era un mucchio d’altra gente e c’erano tutti i giornalisti, tenuti all’esterno da un servizio d’ordine di bulli dai modi molto spicci, tutti vestiti con cravatte sgargianti, i sigari in bocca e le pistolone che gonfiavano le giacche. Come in una puntata dei Soprano, una lunga fila di Cadillac aveva scortato la limousine nera con i vetri antiproiettile, coperta di fiori e di corone, fino davanti al tempio di mattoni rossi, sotto il suono delle campane.

    Poi, mentre dentro celebravano la funzione religiosa, s’erano disposte sotto i fiocchi di neve due lunghe code che riempivano la via per almeno mezzo chilometro. Quando gli 8 uomini con il Borsalino hanno issato sulle spalle la bara d’oro, qualcuno ha provato a sfiorarla con un bacio, toccando le grosse maniglie d’argento che pendevano dai lati. Dentro, l'omelia è stata letta in italiano. E solo un uomo, vestito di grigio piombo, con un’elegante sciarpa bianca che scivolava sulla pancia, ha fatto il ricordo della vittima. Riccardo Padulo, amico di famiglia, anche lui senza precedenti penali come Nick junior, ha composto un ritratto pieno di belle parole nel silenzio quasi irreale della chiesa di Notre Dame.

    Ha detto che «il nostro Nick era un vero gentleman». E poi si è asciugato le lacrime, con un gesto quasi teatrale: «Agli occhi di Dio è stata una bella persona, e lo dimostra tutta questa folla ai funerali». Alla fine della messa, la gente è uscita in silenzio, dietro la bara d’oro e il vecchio Nick. Mancava solo il papà, Vito Rizzuto, che deve scontare 10 anni in Colorado. Aveva chiesto il permesso, ma non gliel’hanno dato. Così il corteo s’è mosso senza di lui, passando come una marcia presidenziale dietro alla limousine ricoperta di corone, fra le vie imbandierate di Little Italy e persino lungo Melrose, nel Sud della città, dov’era scappato l’assassino di Nick. Perché questo non era solo un funerale. Era una sfida.

    Una bara d'oro per il figlio del boss - LASTAMPA.it
    ostridicolo: ostridicolo: ostridicolo:
    che teronata

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-13, 14:10
  2. Carolina girasole "la ribelle " di isola capo rizzuto
    Di Ottone-I nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 17-09-13, 22:11
  3. Architetto e insospettabile Preso il capomafia palermitano
    Di ConteMax nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-03-10, 17:54
  4. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 24-06-08, 22:35
  5. Risposte: 183
    Ultimo Messaggio: 21-04-08, 01:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226