User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
     Likes dati
    0
     Like avuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I rapporti tra fascismo e massoneria

    Comparso in «Storia Illustrata» - n. 335 Ottobre 1985

    Il tema del rapporto tra fascismo e massoneria costituisce uno di quei nodi storiografici che non è possibile sciogliere con l'apparente lama delle facili generalizzazioni. il ricercatore si trova dinanzi a una specie di partita a scacchi che si svolge su una scacchiera magica, in cui i pezzi neri non si confrontano con pezzi bianchi, ma con cavalli senza colore e torri invisibili, dato il carattere anonimo dell'appartenenza alla massoneria; di più, tra gli scacchi trasparenti ve ne sono di quelli mascherati da uno spesso strato di vernice nera, di modo che diviene un vero rompicapo la loro esatta collocazione sulla scacchiera.

    Al livello delle "conoscenze" correnti nella pubblica opinione, l'immagine è di un'opposizione tra i due termini storici, poiché la massoneria sarebbe stata posta al bando dal fascismo. Soltanto negli anni più vicini a noi la parziale visualizzazione di alcuni intrecci stretti tra neofascismo e potere occulto ha contribuito a ridimensionare l'immagine convenzionale, risvegliando un interesse più vasto per gli studi storici intesi a porre in luce il nesso fascismo-massoneria.

    Per cogliere l'affinità tra i due termini del problema occorre risalire all'origine del fascismo, a quel 1919 in cui sorse a Milano il primo fascio di combattimento. In un'Italia percorsa da uno stato d'animo millenaristico e dalla radicalizzazione della lotta politica, il fascismo nasceva dalla germinazione di un complesso sistema mistico-ideologico che elevava la nazione a manifestazione del divino. Nella storia moderna europea la prima comparsa di questo fenomeno avviene durante la rivoluzione inglese del 600, durante la quale le sette puritane (riprendendo nell'assidua frequentazione del Vecchio Testamento l'idea di "popolo eletto") elaborarono la visione di una nazione di santi, che sarebbe stata appunto, in tale versione secentesca, l'Inghilterra. Sotto il profilo della politica internazionale la missione dei santi consisteva nell'atterrare il papato e le monarchie continentali, e nello stabilire quindi sulla terra il millennio paradisiaco.

    In questo clima si costituiva a Londra la massoneria, che cristallizzava in una organizzazione segreta e in una liturgia occulta le credenze anzidette. Da questa vena scorre la linfa vitale del nazionalismo, che 5 impone sul continente europeo con la rivoluzione francese, con la quale, negata la monarchia di diritto divino, il diritto divino viene per così dire immanentizzato nella nazione. In questo processo sono contenute le premesse per l'affacciarsi alla ribalta della storia europea dello stato totalitario, il cui potere non è limitato da alcunché, in quanto la volontà generale che lo guida è identificata con il divino stesso.

    Questo divino immanente possiede suoi oracoli, ed è su tale nodo che si opera la biforcazione tra i due tipi di democrazia di massa che si sono affermati nel secolo XX in connessione con la prima guerra mondiale e la caduta degli imperi tradizionali. Ove l'oracolo della volontà generale sia scelto in base a un'operazione quantitativa, si ha una democrazia di tipo parlamentare, nella quale alla maggioranza numerica è demandato, almeno ufficialmente, il governo dello stato; se invece l'oracolo della volontà generale è individuato sulla base di considerazioni qualitative, il governo dello stato diviene compito di una minoranza illuminata che "sente" e che per ciò stesso "è", anzi "fa" la nazione e lo stato. Tale e la concezione fascista, concettualizzata in Italia soprattutto da Giovanni Gentile, al quale nel 1922, quando Mussolini forma il governo, viene affidato il ministero della Pubblica istruzione.

    Dopo la svolta della guerra mondiale "fu Gentile", confida Mussolini a Y. De Begnac, "a preparare la strada per coloro che, come me, desideravano percorrerla". In realtà l'atmosfera politico-culturale del fascismo era già formata prima della guerra mondiale in ambienti occulti e tuttora completamente ignorati anche dalla storiografia. Giovanni Gentile faceva parte della massoneria del Grande Oriente Italiano, costituita da Eduardo Frosini nei primi anni del secolo, secondo una notizia medita, comunicata a chi scrive dal figlio di Frosini, il dottor Pitagora. Dopo la nomina a ministro, il Gentile cessò di frequentare i lavori, ma non per questo mutò le sue idee.

    La tematica imperialistica, che si tradurrà poi in una martellante propaganda di massa incentrata sulla figura del "duce", ha la sua origine all'inizio del secolo in quei ristretti cenacoli massonici (di cui Frosini e Reghini furono gli esponenti italiani più significativi) che riesumarono i simboli dell'aquila e del fascio quando ancora Mussolini non aveva fondato il movimento fascista, ed era soltanto un maestro elementare.

    Il Grande Fratello è un pargolo allevato nella famiglia ideologica della massoneria. "La massoneria", scrive nel 1920 Emily Lutyens, dignitaria della massoneria mista universale, "non ha soltanto un insegnamento per l'anima individuale, essa ha pure un messaggio per la società in generale". Messaggio che, una volta accolto, porterà finalmente all'edificazione di "un mondo nuovo" e alla vittoria sul caos, "poiché nella costituzione della massoneria troviamo il perfetto collegamento dell'autocrazia con la democrazia".

    Ognuno in loggia, spiega la dignitaria, può aspirare al rango di maestro, ma quando questo è designato, governa con indiscussa autorità grazie al principio della fratellanza: "la massoneria riconosce il vero principio di fratellanza che non consiste nell'eguaglianza, ma nel riconoscimento di fratelli maggiori e minori, aventi ognuno la propria parte da rappresentare nella vita della famiglia". Le indicazioni della Lutyens rivestono un notevole interesse, quando si constati come il dittatore dei regimi di massa del XX secolo è appunto il tipo del Grande Fratello, è "uno di noi", diversamente dalla tradizionale figura del monarca, che incarnava un principio sovraordinato alla nazione: mentre il re traeva la sua legittimità dall'alto dalla divinità trascendente (sentimento di paternità), il dittatore la riceve dalla nazione, o volontà generale (sentimento di fratellanza).

    É soltanto all'interno della cornice ideologica qui brevemente tratteggiata che diviene possibile comprendere il quadrò del rapporto storico tra fascismo e massoneria> senza scadere nell'episodico e nel banalmente casuale; in tale cornice acquistano luce accadirnenti fattuali come il contributo finanziario della massoneria alla marcia su Roma, la nomina di Mussolini a gran maestro onorario, la militanza massonica di Farinacci e di larga parte dell'estremismo fascista.

    Il distanziarsi del fascismo dalla massoneria negli anni 1923-'25 costituisce un processo parallelo alla trasformazione del fascismo da movimento in regime. Le caratteristiche originarie del movimento vengono sacrificate in ragione del compromesso che la "rivoluzione" si vede costretta a operare con le realtà tradizionali italiane, rappresentate dalla monarchia e dalla chiesa cattolica.

    Il massone Fernando Agnoletti, segretario del Fascio di Firenze nel 1919, parlando in una loggia fiorentina in qualità di "fratello visitatore" osservava nel 1923 che "sarebbe idiota il dire che gli uomini che oggi sono al potere non servano bene il Paese: mai l'Italia è stata così ben servita"; ma non poteva non deplorare il fatto che si ritenesse "conveniente il sostituire l'espediente al principio",

    La divaricazione dell'empirismo fascista dal principio massonico lasciò tuttavia inalterati i caratteri del nucleo dirigente del fascismo, di modo che l'incompatibilità tra l'appartenenza alle logge e al partito, dichiarata nel 1923, risultò essere agli occhi dei più attenti osservatori niente di meglio che una gigantesca farsa.

    "O.S.B.G." - chi conosce il significato di questa sigla? Benché non fosse segreto, l'Ordine dei soldati per la buona guerra è ancor meno conosciuto della massoneria. Fondato a Milano nel 1925, nell'ambiente di quegli ex squadristi e fascisti intransigenti che non accettano la farsa antimassonica, fu continuamente vessato dalla polizia fascista, finché non pose termine alla sua breve esistenza. "Noi, squadristi autentici, del primo '19 e di sempre, segnati nel corpo, invasati nello spirito, fanatici e irriducibili servi del fascismo e della patria, siamo buoni testimoni della truffa consumata", proclamavano i Soldati per la buona guerra. Essi avevano creduto nel fascismo come rinascita di valori morali, guerreschi, virili, e non potevano transigere nei confronti dei "rettili umani" ai quali era permesso "di giurare nel nome dei morti di non essere massoni, e di irridere l'indomani all'ingenuità dei semplici mettendo loro sotto gli occhi le tessere che li insigniscono dignitari del buio".

    Gli aderenti all'ordine antimassonico furono espulsi dal Pnf. "Non domandatevi mai", scrissero allora sarcasticamente rivolgendosi ai propri camerati, "perché quel partito che da due anni ha dichiarato l'incompatibilità con la massoneria e la massoneria ha dichiarato di combattere, espelle i veri antimassoni senza prima aver fatto almeno finta di espellere un massone". La loro vicenda è estremamente significativa dei reali termini del rapporto tra fascismo e massoneria.

    A questa situazione pirandelliana si deve riportare l'analisi dei fatti di violenza che talvolta si verificavano tra fascisti e massoni; spesso nascondevano soltanto dei regolamenti di conti tra diversi gruppi massonici; e quando i fascisti assalivano la sede di una loggia, il materiale rinvenuto, gli elenchi dei "fratelli" eccetera, generalmente non veniva sequestrato, ma tutto era disperso o dato alle fiamme, come se si volessero cancellare tracce compromettenti.

    Infine occorre rilevare come la cosiddetta legge antimassonica, presentata alla camera il 12 gennaio 1925, e promulgata il 26 novembre, non fosse in effetti una legge contro la massoneria, che non è nemmeno citata nel testo, ma un dispositivo che dava facoltà alla pubblica sicurezza di richiedere l'atto costitutivo, lo statuto, i regolamenti interni, l'elenco delle cariche e dei soci di qualsiasi associazione operante nel Paese. Evidentemente, la legge avrebbe potuto applicarsi anche alla massoneria (date le aspettative popolari, donde la legge aveva tratto il generale consenso) ma questo non avvenne, poiché le logge si sciolsero prima che la legge entrasse in vigore, appunto per evitare che la polizia potesse richiedere l'elenco dei soci, che poi sarebbe finito inevitabilmente sulla stampa.

    Come è possibile applicare una legge a una associazione che non esiste più? In quella esoterica partita a scacchi anche lo scacco matto finale si dissolveva nell'aria come una iridescente bolla di sapone.

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
     Likes dati
    0
     Like avuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
     Likes dati
    0
     Like avuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
     Likes dati
    0
     Like avuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
     Likes dati
    0
     Like avuti
    10
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,419
     Likes dati
    46,241
     Like avuti
    21,154
    Mentioned
    153 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    gran bei articoli der wehrwolf bravo

  7. #7
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    A tale proposito, c'è un libro documentato e illuminante :"Chiesa, Fascismo e Massoneria" dello storico Gianni Vannoni, edito da Laterza agli inizi degli anni 80. Fondamentale per capire gli intrecci perversi fra fascismo e massoneria.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,419
     Likes dati
    46,241
     Like avuti
    21,154
    Mentioned
    153 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Totila
    A tale proposito, c'è un libro documentato e illuminante :"Chiesa, Fascismo e Massoneria" dello storico Gianni Vannoni, edito da Laterza agli inizi degli anni 80. Fondamentale per capire gli intrecci perversi fra fascismo e massoneria.
    chissa se si trova in giro

  9. #9
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ken il warriero
    chissa se si trova in giro
    Forse in qualche libreria che tratta l'usato.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    4,295
     Likes dati
    63
     Like avuti
    323
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Thumbs up Re: I rapporti tra fascismo e massoneria

    I rapporti tra Fascismo e Massoneria sono stati ormai ben documentati in vari libri (come quelli che segnalo sotto a seguire) ed articoli (come questo comparso in «Storia Illustrata» - n. 335 Ottobre 1985); essi furono altalenanti, all'inizio sicuramente in larga misura positivi, ma successivamente Fascismo e Massoneria diventarono realmente incompatibili dopo il cambiamento di rotta politico e religioso in direzione filo-cattolica (e la sua sincera conversione personale al Cattolicesimo Romano almeno negli ultimi anni di vita, v. opere sulla questione di Don Ennio Innocenti, Luciano Garibaldi, Piero Vassallo, ecc.) impresso da Benito Mussolini...
    Luca Leonello Rimbotti - scrittore di valore, persona affabile e simpatica che ho avuto il piacere di conoscere nel 2011 attraverso il figlio Federico che mi invitò a casa sua, conservo davvero un buon ricordo, anche se poi ho perso i contatti ed onestamente dopo la mia conversione al Cattolicesimo integrale non posso più condividere in alcun modo la maggior parte delle loro posizioni viziate da anticristianesimo e neopaganesimo, ma prego per il loro ravvedimento - quindi sbaglia parlando in un suo articolo di totale incompatibilità, la realtà fu ben diversa; Fascismo & Massoneria furono sicuramente in simbiosi all'inizio e parzialmente anche fino alla fine, molti fascisti di vertice erano anche massoni e viceversa; insomma ci fu uno stretto legame, è inutile negarlo e nasconderlo, ma poi le cose cambiarono progressivamente durante il regime grazie alla svolta filo-cattolica impressa da Benito Mussolini...

    Sull'antica origine storica etrusco-romana del fascio littorio da segnalare questo libro:





    Antonio M. Collini, Il fascio littorio, Ritter, Milano 2011.
    "Antonio M. Collini
    Il fascio littorio, riedizione anastatica di un volume pubblicato nel 1933 a cura di Antonio M. Colini, collaboratore qualificato dell’allora Museo dell’Impero, ripercorre in maniera completa ed esauriente la storia del simbolo della potenza imperiale romana. Il suo significato è infatti illustrato sia dal punto di vista del valore simbolico, sia per quanto riguarda le memorie e rappresentazioni di queste insigna imperii in monete, bassorilievi, statue e monumenti di vario genere. La prima parte dell’opera descrive dettagliatamente l’origine e la forma dei fasci romani e la loro attribuzione a littori e magistrati a seconda della loro funzione istituzionale, del loro ruolo e del particolare momento storico. Il libro passa poi, nella seconda parte, a descrivere con minuziosa e documentata attenzione, la presenza dei fasci littori nei monumenti dell’arte antica, indicandone la provenienza zona per zona e illustrandoli nel dettaglio sia quanto alle costruzioni principali, sia quanto a monumenti minori e frammenti isolati. A completare l’opera vi sono infine un capitolo dedicato alle monete ed una serie completa di tavole illustrative, che rendono il libro estremamente interessante non solo per gli storici ma anche per i curiosi e gli appassionati.
    Brossura 17 x 24 cm. pag. 248 con molte illustrazioni b/n
    Stampato nel 2011 da Ritter Edizioni"
    http://www.ritteredizioni.com/compon...dc9caf8fcc.jpg







    L'origine del simbolo del fascio littorio fu originariamente etrusca ed i romani avevano ripreso e copiato il simbolo dalla più antica civilità etrusca - come anche tante altre cose - però quello riesumato dai fascisti italiani derivava più o meno direttamente dalle logge massoniche...
    Il Fascismo italiano delle origini fu infatti un fenomeno politico dietro il quale si celavano appunto forze esoterico-occultistiche tipo il magico gruppo di Ur (v. il libro di Gianfranco De Turris "Esoterismo e fascismo. Storia, interpretazioni, documenti" sul tema e vari altri tipo "Massoneria e fascismo: Dall'intesa cordiale alla distruzione delle Logge: come nasce una «guerra di religione»" di Fabio Venzi, "Fascismo e massoneria" di Michele Terzaghi, Edizioni Arktos; Natale M. Di Luca, Arturo Reghini. Un intellettuale neopitagorico tra massoneria e fascismo, Atanòr, Roma 2003, ecc.) nonché finanziamenti giudeo-massonici...



    Gianfranco de Turris (a cura di), Esoterismo e fascismo. Storia, interpretazioni, documenti, Edizioni Mediterranee, Roma 2006.




















    Da cattolico contro-rivoluzionario, quindi da nemico dichiarato dell'esoterismo e della massoneria ne penso tutto il male possibile (però forse effettivamente a voler essere generosi qualcosa si può salvare, qualche elemento buono vi è a livello di idea di società, pur depurato opportunamente alla luce della LETTERA ENCICLICA "RERUM NOVARUM" DI S.S. LEONE XIII del 15 maggio 1891 e della "Dottrina Sociale della Chiesa", v. qui: Rerum Novarum (15 maggio 1891) | LEONE XIII ) del programma ferocemente anti-clericale ed anti-cristiano/cattolico dei "Fasci Italiani di Combattimento" del 23 Marzo 1919...
    Tra l'altro vi rammento che vi fu l'appello comunista del 1936 ai "fratelli in camicia nera" (firmato da oltre sessanta dirigenti del PCdI, tra cui Palmiro Togliatti, che si richiamava proprio al noto programma dei "Fasci di Combattimento" del 23 marzo del 1919, elaborato da Mussolini insieme a sindacalisti rivoluzionari, socialisti interventisti, anarchici, futuristi, ecc.) ove si diceva: "I comunisti fanno proprio il programma fascista del 1919" a conferma del fatto che fascio-sinistroidi, nazional-socialisti e social-comunisti pari sono nella sostanza, in realtà finanziati entrambi da quel sistema demo-plutocratico che a parole fingevano di combattere cioè dalla giudeo-massoneria...


    Benito Mussolini successivamente - spiacente per chi è rimasto al programma del 1919 - però cambiò posizioni spostando il Fascismo-Regime verso la Destra politica più o meno contro-rivoluzionaria (malgrado le molte contraddizioni, i diversi gravi errori ed i limiti innegabili del Ventennio) e verso la fine della vita si convertì sinceramente al Cattolicesimo Romano...



    https://www.fedecultura.com/La-conve...lini-p64169236






    https://www.donennioinnocenti.it/pub...ito-mussolini/






    http://www.cammino.it/maggio2001/articolo16.html
    http://www.cammino.it/maggio2001/fotomaggio2001/16c.jpg
    https://www.effedieffeshop.com/produ...col+duce~.html
    https://www.effedieffeshop.com/pimag...-big-2-507.jpg

    Luciano Garibaldi, Vita col duce: l’attendente di Mussolini, Pietro Carradori, racconta, Effedieffe, Milano 2001








    Nel CENTUNESIMO ANNIVERSARIO della fondazione dei “FASCI ITALIANI DI COMBATTIMENTO” (23 MARZO 1919 – 23 MARZO 2020) riporto un’ampia documentazione per comprendere meglio la matrice settaria del “fascismo delle origini” (quello sansepolcrista e socialisteggiante, erede del giacobinismo rivoluzionario e dell’ideologia “risorgimentale” mazziniano-garibaldina che ha ammassato alla rinfusa arditi della prima guerra mondiale e legionari dannunziani fiumani, nazionalisti e socialisti radicali, anarchici e sindacalisti rivoluzionari nonché hippies ante-litteram, ancor oggi rimpianto da molti fascio-sinistroidi che infestano l’area della Destra radicale purtroppo), esso stesso un prodotto del “complotto demo-pluto-giudaico-massonico” cioè delle logge massoniche, delle conventicole esoterico-occultistiche e dell’alta finanza ebraica per cercare di distruggere la Santa Romana Chiesa.
    Grazie a Dio poi Benito Mussolini è riuscito, seppur in maniera imperfetta e solo parziale dato che non ha mai epurato definitivamente certi massoni o massonizzanti di vertice neanche durante la R.S.I. dovendosene alla fine seriamente ed amaramente pentire, a purificare un po’ alla volta il “primo fascismo” soprattutto a partire dal “Concordato Stato-Chiesa” cioè dai “Patti Lateranensi” (pur criticabili in un’ottica catto-integrale, ma comunque molto meglio di ciò che c’era in precedenza) sottoscritti tra il Regno d’Italia e la Santa Sede l’11 febbraio 1929 imprimendogli (all’inizio forse per mero pragmatismo ma in seguito per vera convinzione essendosi convertito il Duce al Cattolicesimo Romano almeno negli ultimi anni) una decisiva svolta filo-cattolica…





    https://www.vatican.va/roman_curia/s...anensi_it.html
    «INTER SANCTAM SEDEM ET ITALIAE REGNUM
    CONVENTIONES*
    INITAE DIE 11 FEBRUARII 1929
    TRATTATO FRA LA SANTA SEDE E L’ITALIA
    CONCORDATO FRA LA SANTA SEDE E L'ITALIA
    PROCESSO VERBALE DELLO SCAMBIO DELLE RATIFICHE, 7 giugno 1929
    (Il Trattato fra la Santa Sede e l’Italia sottoscritto l'11 febbraio 1929 fu pubblicato negli Acta Apostolicae Sedis n. 6 del 7 giugno 1929. Esso è corredato dei seguenti quattro Allegati: Pianta del territorio dello Stato della Città del Vaticano; Elenco e pianta degli immobili con privilegio di extraterritorialità e con esenzione da espropriazioni e da tributi; Convenzione finanziaria. Il documento, redatto dal Cardinale Pietro Gasparri e dal Primo ministro italiano Benito Mussolini, doveva essere sottoposto alla ratifica del Sommo Pontefice e del Re d’Italia.)»




    Consiglio di ascoltare e guardare con molta attenzione il video fondamentale della validissima conferenza di Don Francesco Ricossa dell’“Istituto Mater Boni Consilii” (I.M.B.C.) tenutasi il giorno 12/10/2019 a Modena (personalmente ero là presente) intitolata "I Fasci di Combattimento: per quale combattimento?" ove spiega il ruolo decisivo avuto dalla giudeo-massoneria nel "fascismo delle origini" e di leggere anche i seguenti stralci delle interviste rilasciate al settimanale francese "Rivarol" di Jérôme Bourbon dal medesimo sacerdote:




    Video di Modena - Sodalitium
    Le lezioni di Modena 2019 - Centro Studi Giuseppe Federici
    https://www.youtube.com/user/sodalitium/videos
    «I Fasci di Combattimento: per quale combattimento?
    https://www.youtube.com/watch?v=S8zQfGvC5V8
    Modena, 12/10/2019, XIV GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "GLI AMICI E I NEMICI DELLA REGALITA' DI CRISTO".
    Seconda lezione: ”I Fasci di Combattimento: per quale combattimento?” Relatore: don Francesco Ricossa»

    https://www.sodalitium.biz/wp-conten...ortune36-1.pdf



    https://www.sodalitium.biz/intervist...cossa-rivarol/
    «Intervista di Don Francesco Ricossa, rilasciata al settimanale francese Rivarol, pubblicata sul n° 3305 del 15 novembre 2017, condotta da Jérôme Bourbon

    Il Direttore della rivista Sodalitium, l’italiano Don Francesco Ricossa, ogni anno, da un decennio, tiene a Parigi una serie di conferenze di alto livello su questioni importanti relative all’attualità religiosa o alla dottrina cattolica. In occasione del terzo centenario della nascita della massoneria moderna, il 26 novembre terrà una serie di istruzioni, ciascuna seguita dalle domande del pubblico, su questo fenomeno, la sua origine, la sua dottrina, le sue ramificazioni, la sua infiltrazione e la sua influenza negli ambienti “cattolici” sia modernisti, sia tradizionalisti. Gli abbiamo rivolto quindi delle domande su questo tema importante, ma anche su altri di attualità.
    (…) Rivarol: I movimenti della destra radicale in Europa, non sono anch’essi infiltrati dalla massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Sì, e questa infiltrazione esiste da due punti di vista: dal punto di vista degli uomini e dal punto di vista delle idee. Vi sono dei movimenti in cui i massoni sono accettati e perfino promossi. In maniera aperta o nascosta. E poi vi è un problema di idee: persone che non sono degli iniziati ma condividono i princípi più importanti della massoneria. Non parlo solo di quei princípi che sono diventati, ahimè, il pensiero comune a tutti, che si insegnano a scuola, che si proclamano nelle “parrocchie”: libertà, uguaglianza, fraternità ecc., ma parlo dell’esoterismo. Nei “nostri” ambienti, quelli che si oppongono spesso sinceramente alla triade rivoluzionaria e al mondo moderno, lo fanno frequentemente in nome di una dottrina esoterica che è l’essenza stessa della massoneria. Si esce da un errore per cadere in un altro errore non meno grave.
    Rivarol: Pensa all’influenza che possono avere pensatori come René Guénon e Julius Evola negli ambienti della destra radicale?
    Don Francesco Ricossa: Questi due pensatori, Guénon ed Evola, possono aver detto qualcosa di vero, in particolare sul rigetto e la denuncia del mondo moderno, mischiato a molte cose false, di modo che sono numerosi quelli che, pensando di opporsi al mondo attuale, aderiscono a tutti i princípi della massoneria. Questo è evidente nel caso di René Guénon, poiché era lui stesso un iniziato. Nel caso di Evola, la sua appartenenza alla massoneria è lungi dall’essere dimostrata, ma il fatto che fosse un intellettuale le cui frequentazioni massoniche sono evidenti e che non ha mai nascosto la sua dottrina esoterica, ne fanno oggettivamente un compagno di strada della massoneria.
    Rivarol: Quali sono stati i rapporti tra il fascismo italiano e la massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Il fascismo italiano è stato inizialmente un pragmatismo mosso dall’istinto politico di Mussolini, che è cambiato numerose volte, adattandosi alla pratica. E’ certo che all’inizio del fascismo la maggior parte dei gerarchi erano degli iniziati, quasi tutti quelli che nel 1943 hanno votato contro il Duce nel Gran Consiglio del Fascismo erano anche massoni, ma anche alcuni di quelli che sono rimasti al suo fianco nella Repubblica Sociale Italiana. Ma è anche vero che il fascismo ha dichiarato illegali tutte le società segrete, di modo che la massoneria, sotto Mussolini, è praticamente sparita dal paese ed è tornata ad avere diritto di cittadinanza solo quando gli Alleati americani ed inglesi sono sbarcati in Italia. E’ vero altresì che quelli che hanno provato prima della guerra ad assassinare Mussolini venivano dalla Teosofia e dunque erano legati alla massoneria. Le cose sono dunque complicate. Io ne ho parlato su Sodalitium in un articolo su un personaggio molto amato negli ambienti fascisti, il grande poeta Ezra Pound, il quale veniva da un ambiente inglese molto vicino alla Teosofia.
    Nessun dubbio, peraltro, che il fascismo all’origine fosse vicino ai princípi del Risorgimento. Ed è anche vero che, durante il Regime, certuni hanno pensato che il governo di Mussolini avrebbe condotto al trionfo dell’esoterismo, per esempio il gruppo di Evola e Reghini, ma non solo loro, anche quello di D’Annunzio. Questa corrente voleva che il fascismo segnasse una continuazione del movimento risorgimentale in un senso chiaramente esoterico. Ma rimase delusa al momento del Concordato. Altre correnti hanno invece pensato che il fascismo, malgrado tutti i suoi difetti dottrinali, a poco a poco, avrebbe potuto costituire, da un punto di vista più pratico che speculativo, un rimedio alla rivoluzione italiana ed hanno lavorato a questo scopo; per esempio Mons. Benigni, il fondatore del Sodalitium Pianum, che si opponeva ai princípi del movimento fascista, ma che ha collaborato attivamente col Regime, e questo allo scopo di portarlo su posizioni cattoliche. Tutti hanno quindi provato a portare questo governo dalla propria parte. (…)»



    Intervista di Don Francesco Ricossa, IMBC, Rilasciata al settimanale francese Rivarol il 15 novembre 2017

    Gli amici e i nemici della Regalità di Cristo - Intervista di Don Francesco Ricossa - 27 novembre 2019



    Intervista di Rivarol a don Ricossa - Centro Studi Giuseppe Federici
    Intervista di Rivarol a don Ricossa - Centro Studi Giuseppe Federici
    «Intervista di Rivarol a don Ricossa.

    L’importante rivista francese “Rivarol” anche quest’anno, in occasione del convegno di studi organizzato da don Jocelyn Le Gal a Parigi ha intervistato il relatore don Francesco Ricossa. Il tema di quest’anno ha ripreso l’argomento trattato alla giornata per la regalità sociale di Cristo a Modena. Presentiamo al pubblico italiano la traduzione dell’intervista.
    Don Francesco Ricossa: “Come valutare il fascismo da un punto di vista integralmente cattolico?” (…)
    Rivarol: Come giudicare il fascismo da un punto di vista integralmente cattolico?

    Don Francesco Ricossa: Il fascismo in senso stretto concerne soltanto l’Italia, il paese in cui il movimento fascista è nato, ma in un senso più ampio concerne tutta l’Europa con movimenti simili. Questo è il problema di un movimento che è stato una reazione nata in trincea per dei pericoli molto reali. Nella mia seconda conferenza, studierò quali sono i punti di accordo e disaccordo tra il fascismo e la dottrina del cattolicesimo integrale e mostrerò come questa rivista di cattolici integrali “Fede e Ragione” ha giudicato il fascismo dell’inizio, il fascismo movimento del 1919, in questo caso si tratta di una opposizione netta e poi il fascismo regime a partire dalla fine del 1922 e del 1923, quando la politica di Mussolini cominciò a cambiare, allontanandosi dall’appoggio della massoneria che era presente all’inizio, e cercando di trovare un accordo fra Chiesa cattolica e movimento fascista.
    Mons. Benigni giudicò inizialmente in modo molto severo il movimento fascista nascente, scorgendovi l’influenza della massoneria. In seguito, quando vide che vi era la possibilità grazie al governo nazionale di Mussolini, di operare contro i nemici comuni, vale a dire la massoneria e tutte le sette esoteriche, il movimento modernista e democristiano e altri nemici comuni, scelse la collaborazione. Al punto da dare delle indicazioni al governo, dapprima al ministero degli Affari Esteri ed in seguito al ministero dell’Interno. Come è stato possibile che un difensore del cattolicesimo integrale sia passato da una posizione ostile al movimento fascista ad un attivo sostegno al movimento di Mussolini? E’ quanto dovrò spiegare nella conferenza.
    Rivarol: Quali furono i rapporti fra il fascismo italiano e la massoneria?
    Don Francesco Ricossa:Il fascismo dichiarò apertamente la sua opposizione alla massoneria (non tanto sulla sostanza, bisogna pur dirlo, ma piuttosto per il fatto che la massoneria era una società segreta). Vi fu la risoluzione del Gran Consiglio che escluse la possibilità di appartenere contemporaneamente al partito fascista e alla massoneria, e in seguito fu anche votata una legge nazionale che, di fatto, soppresse le società segrete. Anche se questa legge non menzionava esplicitamente la parola massoneria, quando questo progetto di legge venne discusso in Parlamento, era perfettamente evi dente che si trattava della massoneria.
    D’altra parte è assolutamente certo che i principali dirigenti del fascismo italiano, nel momento della marcia su Roma nell’ottobre del 1922, con l’eccezione evidente e notevole di Mussolini, erano quasi tutti iniziati. Le due obbedienze massoniche, il Grande Oriente e la Grande Loggia, diedero persino un sostegno economico al fascismo nella fase iniziale del regime. Ma in seguito degli attentati contro Mussolini furono fomentati dalla teosofia e dai gruppi esoterici. Da una certa collaborazione si arrivò presto ad una aperta ostilità. Per quale motivo vi fu questo cambiamento di linea? E fino a qual punto? Sarà uno degli oggetti di studio di queste conferenze.
    Rivarol: Pio XI era stato eletto papa da qualche mese soltanto quando Mussolini giunse al potere nell’ottobre 1922. Quale fu il suo apprezzamento riguardo al fascismo mussoliniano?
    Don Francesco Ricossa: L’apprezzamento di Papa Pio XI fu sfumato. Vi fu un atteggiamento favorevole quando si trattò di accordarsi con governo di Mussolini al momento dei Patti Lateranensi nel 1929, i quali furono preceduti da molti anni di trattative. Durante questa fase preparatoria vi furono delle difficoltà, ma anche dei reali passi avanti. Poi, in seguito ci fu uno scontro sulla questione dell’educazione cristiana della gioventù, vi fu persino un’enciclica di Pio XI, la “Divini illius magistri”, sull’argomento, e un altro scontro sulla questione dell’azione cattolica. Su questi punti si arrivò quasi alla rottura.
    Le riserve di Pio XI nei confronti del fascismo assomigliano a quelle dei cattolici integrali, ciò che è logico perché si tratta di cattolici in un caso e nell’altro, ma ci sono delle sfumature. I cattolici integrali avevano molto apprezzato l’enciclica programmatica di Pio XI, la “Ubi arcano Dei”, ma la linea seguita dalla segreteria di Stato del cardinale Gasparri era totalmente opposta, e soprattutto quella del direttore della rivista dei gesuiti, la Civiltà cattolica, padre Rosa, nemico mortale dei cattolici integrali. I cattolici integrali italiani, come mons. Benigni, si mostrarono dunque globalmente più favorevoli al fascismo-regime della Santa Sede. (…)»
    http://www.centrostudifederici.org/w...ybeh-copia.png









    Don Francesco Ricossa su Ezra Pound, la Teosofia, il Fascismo e l'Antifascismo:




    https://www.sodalitium.biz/ezra-pound-e-la-teosofia/
    Ezra Pound e la Teosofia, di don Francesco Ricossa (dalla rivista “Sodalitium”, n. 67, dicembre 2015)
    (...) Teosofia, Fascismo e Antifascismo

    L’adesione di Ezra Pound al Fascismo è successiva alle sue frequentazioni negli ambienti teosofici. A prima vista, potrebbe sembrare contraddittorio il sostegno al Fascismo da parte di chi ha frequentato così da vicino gli ambienti esoterici.
    Mussolini, in effetti, sostenne prima l’incompatibilità tra l’appartenenza alla Massoneria e quella al Partito Socialista. In seguito, nel 1923, il Gran Consiglio del Fascismo – sulla spinta dei Nazionalisti – decretò l’incompatibilità tra l’appartenenza alla Massoneria e quella al Partito Fascista. Nel 1925 la legge sulle Associazioni (che proibiva le società segrete) portò di fatto alla dissoluzione delle due principali obbedienze massoniche: quella di Palazzo Giustiniani, che organizzò all’estero, specie in Francia, l’antifascismo e quella di Piazza del Gesù (che dichiarò che il Fascismo, realizzando i propri fini, aveva reso inutile la loro società). In Italia, la Massoneria potè riorganizzarsi solo alla caduta del Fascismo, favorita dai vincitori inglesi e americani. Tra il 1925 e 1926 vi furono quattro attentati alla vita di Mussolini: quello di Zaniboni, nel quale fu coinvolto il massone generale Capello, quello dell’antroposofa inglese Violet Gibson, e quelli di Lucetti e Zamboni; in tutti vi è una traccia esoterica e, pare che in quello della Gibson fosse coinvolto l’antroposofo ex-ministro Duca Giovanni Antonio Colonna di Cesarò (figlio di Emmelina Sonnino De Renzis, anch’essa teosofa, sorella di Sidney Sonnino, e membro del Gruppo di Ur di Evola e Reghini). Colonna di Cesarò fu uno dei protagonisti dell’Aventino. D’altra parte, squadre fasciste colpirono nel 1925 l’uomo politico antifascista Giovanni Amendola – teosofo e massone – che morì l’anno dopo in seguito alle percosse. Né ebbe certo rispetto per il Mago Crowley il governo italiano quando, nel 1923, lo espulse da Cefalù e lo rispedì in patria. Quella patria, l’Inghilterra, dove la ‘papessa’ della Teosofia, Annie Besant, attaccava il regime mussoliniano nemico della democrazia. Eppure, esiste anche l’altro aspetto, per il quale rinvio il lettore a due opere significative: Massoneria, Fascismo e Chiesa Cattolica di Gianni Vannoni (ed. Laterza, 1980) ed Esoterismo e Fascismo, a cura di Gianfranco de Turris (ed. Mediterranee, 2006). Lo storico della Massoneria, Aldo Alessandro Mola, vi elenca i nomi di fratelli muratori che furono anche esponenti fascisti: Giacomo Acerbo, Michele Bianchi, Alessandro Dudan, Italo Balbo, Achille Starace, Giovanni Marinelli e probabilmente Emilio De Bono (che si servì del massone Dùmini per il delitto Matteotti), Cesare Rossi, Edmondo Rossoni, Roberto Farinacci, forse Dino Grandi (ne è certo Vannoni, come pure per De Bono, Cesare Maria De Vecchi e Giuseppe Bottai), Massimo Rocca, Alberto Beneduce et alibi aliorum plurimorum. Tutti costoro rimasero – in sonno – ai vertici del nuovo regime, per poi scegliere chi la caduta del Duce, nel ’43 (come Grandi, De Bono, Marinelli, De Vecchi), chi l’avventura della RSI, come Farinacci. E non parliamo dei militari… Abbondantissimi i massoni tra i sindacalisti rivoluzionari e i dannunziani fiumani (incluso il “Vate”) che prepararono sia il Fascismo sia l’antifascismo (come nel caso del massone Alceste De Ambris), come pure tra i futuristi (non ultimo il massone teosofo pitagorico Arturo Reghini, appartenente all’O.T.O.). L’autoscioglimento delle Logge massoniche non coinvolse i club di servizio, come il Rotary, né le Società Teosofiche (fino al 1939), né l’Antroposofia (fino al 1941). La lotta alla Massoneria fu quindi superficiale, senza risalire ai principi, e questo pure nel caso dell’ex sacerdote Giovanni Preziosi – il più ostile alla massoneria – che però alla sua rivista Vita italiana faceva collaborare gli esoteristi René Guénon, Julius Evola, Massimo Scaligero (alias Antonio Massimo Sgabelloni, antroposofo, discepolo di Giovanni Colazza, che frequentava la stessa Loggia teosofica di Amendola e Colonna di Cesarò) e Guido De Giorgio. L’antimassonismo di Preziosi, quindi, non può essere confuso con quello dei cattolici integrali, come Mons. Benigni, che sempre si oppose a ogni tipo di setta e di esoterismo.
    In guisa di conclusione
    Con questo articoletto non intendo certo schierarmi coi carcerieri di Ezra Pound… Ritengo però – come detto in apertura – che il cattolico militante non deve lasciarsi trascinare da pericolosi sincretismi dottrinali. C’è chi pensa che i “liberi pensatori” di Casa Pound (ai quali forse, come diceva il massone Reghini degli altri massoni, manca l’esser liberi e l’esser pensatori) si gloriano abusivamente del nome di Pound; forse, invece, non sono loro che su questo punto si sbagliano, ma i cattolici poundiani! In materia sociale (e Pound non avrebbe obiettato) una buona formazione di base si può trovare nelle encicliche pontificie, come – tra le altre – Rerum novarum di Leone XIII e Quadragesimo anno di Pio XI; per chi ha le capacità e l’interesse di una formazione più approfondita, la Chiesa indica la strada di San Tommaso: Ite ad Thomam. Guardiamoci invece da dottori che si sono abbeverati alle fonti incantatrici del torbido mondo delle sètte iniziatiche (siano esse anglosassoni – come nel nostro caso – o indigene).
    http://www.sodalitium.biz/sodalitium_pdf/67.pdf





    Don Francesco Ricossa ha scritto anche la presentazione a questo recente libro di Raffaele Amato "Vangelo e moschetto":



    Raffaele Amato, Vangelo e moschetto. Fascismo e cattolicesimo: sintonie, attriti, battaglie comuni, Edizioni Solfanelli, Chieti 2019.

    Edizioni Solfanelli - Raffaele Amato, Vangelo e Moschetto
    Edizioni Solfanelli - Raffaele Amato, Vangelo e Moschetto
    «Raffaele Amato VANGELO E MOSCHETTO Presentazione di don Francesco Ricossa

    Per oltre vent’anni Fascismo e Chiesa cattolica convissero e interagirono, a volte con il tentativo di servirsi l’uno dell’altro, altre volte scontrandosi. Ma, più spesso, condivisero idee, valori, progetti e battaglie.
    Quest’opera vuole essere un contributo di chiarezza, evidenziando gli aspetti su cui fascismo e cattolicesimo si confrontarono.
    Oltre ai processi storici che partono dalla Questione Romana e si concludono con la fine della Seconda Guerra Mondiale, si analizzano i principali elementi dottrinari su cui le due entità possono essere accostate: la critica al sistema liberalcapitalista e al marxismo, attraverso l’alternativa del corporativismo, la lotta alla Massoneria, il sostegno cattolico all’impresa di Etiopia e alla partecipazione alla Guerra di Spagna, autentica crociata del XX secolo.
    Le critiche rivolte da Pio XI al regime nell’enciclica “Non abbiamo bisogno”, il concetto di religione secondo la dottrina fascista, sono alcuni dei punti che vengono esaminati, per concludere con il percorso spirituale di Benito Mussolini.
    Il frutto più importante del confronto tra Fascismo e Chiesa, destinato a sopravvivere sino ad oggi, fu la Conciliazione, che pose fine a decenni di lacerante Questione Romana».
    http://www.edizionisolfanelli.it/vangeloemoschetto.jpg


    VANGELO E MOSCHETTO, Gruppo Editoriale Tabula Fati


    https://www.agerecontra.it/2019/11/vangelo-e-moschetto/
    «VANGELO E MOSCHETTO 11 NOVEMBRE 2019 DA STAFF "CHRISTUS REX"
    In evidenza, segnalazioni librarie
    L’amico Raffaele Amato ha scelto la stessa casa editrice Solfanelli per un saggio che si può definire in linea con le tesi storico-politiche espresse da “Cattolici tra europeismo e populismo” del nostro responsabile Matteo Castagna».







    Matteo Castagna, Cattolici tra Europeismo e Populismo. La sfida al nichilismo, Solfanelli, Chieti 2018


    https://www.agerecontra.it/prodotto/...al-nichilismo/
    «PUBBLICAZIONI
    CATTOLICI TRA EUROPEISMO E POPULISMO. LA SFIDA AL NICHILISMO

    17,00€
    Di Matteo Castagna
    Editore: Solfanelli
    Collana: Faretra
    Anno edizione:2018
    Pagine: 248 pagine, Brossura
    EAN: 9788833050959
    Questo saggio costituisce un unicum sul piano della teologia e della storia del cattolicesimo. Sebbene l’autore non abbia alcuna pretesa “dogmatica” o definitiva su questioni aperte, alle quali egli vuole fornire il proprio contributo di studioso e “politico cattolico”. Avvalendosi del confronto con la migliore produzione teorica contemporanea, quasi interamente appartenente alla corrente progressista montiniana o neo-modernistica, ci permette di comprendere la storia italiana, occidentale e cattolica alla luce di tre elementi fondamentali».
    https://www.agerecontra.it/wp-conten...NICHILISMO.jpg






    https://www.agerecontra.it/2017/10/l...r-prima-parte/
    «La Contro-Rivoluzione nel 1900: Benito Mussolini e Antonio Salazar (Prima parte) 28 OTTOBRE 2017 DA STAFF "CHRISTUS REX"
    Questa è la seconda nuova Rubrica “Rex” di www.agerecontra.it , curata da Cristiano T. Gomes, 35 anni, nostro secondo nuovo collaboratore, laureato in teologia e scrittore emergente. Oggi, 28 Ottobre 2017, data significativa per la storia politica italiana, pubblichiamo il suo primo saggio, che farà discutere»
    https://www.agerecontra.it/2017/11/i...-ultima-parte/





    http://www.fondazionespirito.it/wp/w...talita.it_.pdf
    "PENSIERO FORTE
    Matteo Castagna, Cattolici tra europeismo e populismo. La sfida del nichilismo (Solfanelli, pagg. 247, Euro 17,00)

    Lo Stato fascista mussoliniano e il regime lusitano di Salazar si presentavano come rivoluzioni nazionali ma, in un’ottica più ampia essi rappresentarono concretamente una controrivoluzione opposta al materialismo sovietico e americano, e ai vari partiti popolari, progressisti e modernisti. Questo saggio di Matteo Castagna, sulla teologia e sulla storia del cristianesimo in epoca moderna, analizza le due correnti antagoniste che divisero il campo cattolico: da una parte l’integralismo di mons. Benigni e dall’altra il modernismo democristiano di Montini, discepolo dell’ecumenismo laicista e mondialista. Oggi questa distinzione si manifesta nella scelta politico-religiosa tra sovranità e identità (incardinate nel populismo), e cosmopolitismo ed europeismo (rappresentate dal progressismo conciliarista). In questa prospettiva non può esistere un cattolicesimo progressista, se non come apogeo dell’ateismo, dell’‘irreligione naturale’ e dell’evoluzionismo nichilista. L’unico cattolicesimo possibile, dunque, è effettivamente quello integrale, che assegna a Roma una funzione metapolitica e spirituale. In questo quadro si inserisce la ‘teologia politica’ del Fascismo, che mons. Benigni imperniava sulla dottrina cattolica e metteva al centro del tentativo di salvezza dell’uomo".





    Consiglio di leggere pure i seguenti libri interessantissimi, ormai datati e difficili da trovare eppure essenziali (nelle biblioteche ben fornite è reperibile), di Gianni Vannoni sui complessi rapporti tra Fascismo, Massoneria, società segrete e Chiesa cattolica:



    Gianni Vannoni, Integralismo cattolico e fascismo: «Fede e Ragione», in Autori vari, La Chiesa del Concordato, a cura di F. Margiotta Broglio, Il Mulino, Bologna 1977.
    Gianni Vannoni, Le società segrete dal Seicento al Novecento, Sansoni, Firenze 1985.
    Gianni Vannoni, Massoneria, fascismo e Chiesa cattolica, Laterza Roma-Bari 1980.

    https://i.ebayimg.com/images/g/bm4AA...wI/s-l1600.png









    https://www.maurizioblondet.it/23-ma...igi-copertino/
    «23 MARZO 1919 – 23 MARZO 2019: UN CENTENARIO SCOMODO.
    Il 23 marzo 1919, a Milano, in una sala concessa in affitto dall’industriale massone ed ebreo Cesare Goldmann, nascevano i “Fasci di Combattimento”.
    Oggi ricorre il centenario di quell’evento destinato a cambiare profondamente la struttura sociale dell’Italia e la storia del mondo intero»






    https://forum.termometropolitico.it/...attimento.html
    https://forum.termometropolitico.it/...timento-2.html
    https://forum.termometropolitico.it/...timento-2.html
    https://forum.termometropolitico.it/...pensate-5.html
    https://forum.termometropolitico.it/...l#post18545759

    "23 marzo 1919 – 23 marzo 2019: Un centenario scomodo"





    Lodato sempre sia il Santissimo nome di Gesù, Giuseppe e Maria!!!
    CHRISTUS VINCIT, CHRISTUS REGNAT, CHRISTUS IMPERAT!!!
    Luca, SURSUM CORDA – HABEMUS AD DOMINUM!!!
    ADDIO GIUSEPPE, amico mio, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    «Réquiem aetérnam dona ei, Dómine, et lux perpétua lúceat ei. Requiéscat in pace. Amen.»

    SURSUM CORDA - HABEMUS AD DOMINUM!!! A.M.D.G.!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Rapporti tra costituzione italiana e massoneria
    Di Affus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-07-11, 04:40
  2. Rapporti Tra Badoglio E La Massoneria
    Di luigi maria op (POL) nel forum Storia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 12-06-08, 20:52
  3. Pannella e is uoi strani rapporti con la massoneria
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 07-07-02, 14:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •