User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ma per il venditore di tappeti non andava tutto bene?

    01 marzo 2006
    Corriere.it

    Istat: In Italia crescita zero nel 2005

    Ma Tremonti è soddisfatto: «Il deficit è cresciuto meno del previsto»

    Pil fermo l'anno scorso. Cresciuto deficit al 4,1%: nel 2004 era il 3,4%. Tremonti soddisfatto: le stime del governo indicavano 4,3%

    ROMA - È la certificazione di un dato atteso. Il prodotto interno lordo italiano è rimasto fermo nel 2005, in decelerazione rispetto all'aumento dell'1,1% del 2004, e il rapporto deficit/Pil è salito al 4,1% dal 3,4% dell'anno prima. L'avanzo primario si è ridotto allo 0,5% del pil dall'1,3% dell'anno precedente.

    TREMONTI SODDISFATTO - Le rilevazioni stati diffuse dall'Istat, che non fornisce, però, come avvenuto negli anni passati, il dato sull'andamento del debito in rapporto al pil: «I tempi di notifica nell'ambito della procedura dei deficit eccessivi - spiegano - sono slittati, quindi il dato verrà diffuso dalla Banca d'Italia il 15 marzo con il bollettino economico». Ma in ogni caso0 c'è chi riesce a essere ugualmente contento di queste cifre. E' il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti: le attese del c ogovreno infatti, dopo anni di stime otti8mistiche3, erano state fissdate al 4,3% per il deficit/Pil, allo 0% per il pil e allo 0,6% per l'avanzo primario. «Il calo dal 4,3% delle stime del governo al 4,1% del rapporto deficit-pil è positivo e ha sorpreso anche me», ha commentato il ministro dell'Economi Giulio Tremonti. «Vuol dire che la cura ha funzionato. Sarei stato contento già del 4,3%».

    OCCUPAZIONE - Intanto però la situazione che rende aottinista tTremonti è già costata a molti il posto di lavoro. Sul fronte dell'occupazione, infatti, nel 2005 sono state perse circa 102.000 unità di lavoro, ovvero di posti a tempo pieno. Lo comunica l'Istat specificando che nel 2005 l'occupazione - espressa in termini di unità di lavoro al netto della cassa integrazione - ha segnato un calo dello 0,4% e si è così attestata a 24.192.200 unità di lavoro. La maggior parte dell'occupazione è nei servizi, a quota 16.117.700 unità, in crescita rispetto all'anno precedente. L'occupazione totale, espressa in termini di unitá di lavoro al netto della cassa integrazione guadagni, è diminuita quindi nel 2005 dello 0,4%: +1,3% le unitá di lavoro dipendenti, -4,5% quelle indipendenti.

    --------------------------------------------------------------------------

    L'Istat: nel 2005 crescita zero, persi centomila posti di lavoro

    Sostanzialmente confermate le previsioni economiche del governo
    Continua a peggiorare anche l'avanzo primario: ora è dello 0,5%

    Il rapporto tra deficit pubblico e Pil salito al 4,1 per cento
    Soddisfatto il ministro Tremonti: "La cura ha funzionato"

    Economia italiana ferma nel 2005

    ROMA - L'economia italiana non è cresciuta nel 2005. Secondo l'Istat il Pil è rimasto fermo allo zero per cento, confermando così le ultime stime ufficiali del governo. Una frenata che ha avuto pesanti ripercussioni sull'occupazione portando, sempre secondo l'Istat, alla perdita di circa 102.000 unità di lavoro, ovvero di posti a tempo pieno. Secondo i dati comunicati dall'istituto, l'occupazione - espressa in termini di unità di lavoro al netto della cassa integrazione - ha segnato un calo dello 0,4% e si è così attestata a 24.192.200 unità di lavoro. La maggior parte dell'occupazione è nei servizi, a quota 16.117.700 unità, in crescita rispetto all'anno precedente.

    Sempre secondo l'istituto centrale di statistica, l'indebitamento netto della pubblica amministrazione, cioè il deficit calcolato in rapporto al Pil, è aumentato per l'Italia nel 2005 arrivando al 4,1%. Il dato migliora leggermente le stima del governo che prevedeva un deficit al 4,3%. Soddisfatto al riguardo il commento del ministro dell'Economia, Giulio Tremonti. "Sarei stato contento", ha detto, "se fosse stato anche al 4,3%. Questo risultato oggettivamente positivo ha sorpreso tutti, anche me, la cura ha funzionato".

    "L'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil nel 2005 - segnala ancora l'istituto nel suo bollettino - è risultato pari al 4,1% rispetto al 3,4% dell'anno precedente. In valore assoluto è aumentato di 10.265 milioni di euro, attestandosi sul livello di 57.917 milioni. Il saldo primario è risultato positivo e pari allo 0,5% del Pil. Tale risultato conferma la tendenza alla diminuzione del saldo primario in rapporto al Pil (passato dal 3,2% nel 2001, al 2,7% nel 2002, all'1,7% nel 2003, all'1,3 nel 2004)".

    "Nel 2005 - certifica ancora l'Istat - anche il risparmio delle amministrazioni pubbliche (saldo delle partite corrente) è pari ad un valore negativo stimato di 6.831 milioni di euro, contro il valore negativo di 4.879 milioni di euro del 2004. L'aumento dell'indebitamento netto del 2005 è stato determinato da un aumento differenziato tra uscite ed entrate, pari rispettivamente al 3,1% per le prime e dell'1,7% per le seconde. Le uscite di parte corrente hanno registrato un tasso di crescita più contenuto, pari al 3%, influenzato dalla riduzione degli interessi passivi che continuano a presentare un trend decrescente. In rapporto al Pil le uscite correnti risultano pari al 44,5%, contro il 44,1% dell'anno precedente".

    Repubblica.it
    (1 marzo 2006)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vero,però ragazzi ricordiamoci che è il sistema Itaglia che è a pezzi.
    I manifesti DS che garantiscono un posto sicuro a tutti fanno ridere i polli!

    L'Itaglia è dal 1995 che perde costantemente quote di mercato nel commercio mondiale,quindi a prescindere dal governo in carica.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball
    Vero,però ragazzi ricordiamoci che è il sistema Itaglia che è a pezzi.
    I manifesti DS che garantiscono un posto sicuro a tutti fanno ridere i polli!

    L'Itaglia è dal 1995 che perde costantemente quote di mercato nel commercio mondiale,quindi a prescindere dal governo in carica.
    Mah, anche se non c'è da augurarsi che le cose vadano male forse toccare il fondo è l'unico sistema per far sì che i padani finalmente si ribellino.

  4. #4
    AnnoPDN
    Ospite

    Predefinito

    Probabilissimo

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 117
    Ultimo Messaggio: 28-03-11, 09:53
  2. ma la fiat non andava bene?
    Di analista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24-09-08, 13:50
  3. Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 17-07-07, 02:16
  4. la dura vita del venditore di tappeti a Marrakech
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-07-06, 07:53
  5. Il Venditore di tappeti e i gonzi
    Di Re della Notte nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 14-03-02, 15:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226