User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Gaeta resiste ancora!
    Data Registrazione
    05 Dec 2005
    Località
    Nvceria Constantia
    Messaggi
    7,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Partito separatista degli Italici

    Partito separatista degli Italici

    Programma


    1 – Il fallimento dello Stato unitario e le dure conseguenze del colonialismo interno sono i presupposti politici negativi che stanno all’origine del Partito separatista degli Italici.

    2 - Il processo unitario si collegò al principio napoleonico di nazionalità. Ciò aveva la pregnanza di un valore per le regioni del Centronord, divise in sei stati, ma non per il Sud, dove da ottocento anni esisteva uno stato unitario e dove l’integrazione nazionale risaliva all’Alto Medioevo.

    Per storia, cultura, religione, principi morali, leggi civili, lingua, oltre che per il territorio comune - si è affermando e si afferma - che l’Italia è una sola nazione.

    L’affermazione è falsa. In passato l’Italia è stata politicamente unita soltanto durante la dominazione romana. Per altro, la storia attesta che neanche l’egemonia di Roma dette luogo a una sola nazione. Infatti, da un lato Roma portò la civiltà mediterranea nella parte centrosettentrionale della Penisola e in Europa, e dall’altra schiavizzò il Sud. Basta un solo esempio per rendersi conto di ciò, le Verrine di Cicerone, come dire l’autodenuncia di un romano doc. La devastazione del manto boschivo e la creazione del latifondo senatorio pesano tuttora sulla vitalità dell’ambiente meridionale.

    Comunque sia, la presunta unità politica si ebbe soltanto per qualche secolo, rispetto ai trentotto secoli di civiltà che vengono attestati per la parte meridionale della penisola, punteggiata da insediamenti civilmente avanzati già mille anni prima dell’ampollosa leggenda della fondazione di Roma.

    Sicuramente l’unità non esisteva prima della conquista romana e altrettanto sicuramente si interruppe irreversibilmente con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente.

    L’Italia rimase divisa dal Quinto secolo d. C. al 1860, cioè per i quattordici secoli comprendenti tutta l’Età medievale, tutta l’Età moderna e parte dell’Età contemporanea.

    3 – Il termine Italoi, da cui i Latini trassero le parole Italicus, Italici, Italia, risale al Secondo millennio a. C. A coniarlo furono le popolazioni che abitavano la Penisola greca prima degli Elleni. Il termine si riferiva alle popolazioni stanziate dal Monte Circeo a Reggio, con le quali dette popolazioni intrattenevano intensi scambi religiosi, culturali e commerciali. Non comprendeva, invece, i gruppi barbarici insediati al di là del Circeo e del Tronto, come gli Etruschi e i Galli cisalpini.

    La parola Italiani, per definire gli abitanti di tutta la penisola, è posteriore di duemila anni. Venne usata, a partire dal XV sec., più spesso dagli stranieri che dagli abitanti della penisola, in connessione con le compagnie di ventura a composizione interregionale, che combattevano sui vari fronti d’Europa, a volte al servizio del re di Spagna a volte al servizio del re di Francia. Essa venne diffusa sul finire della prima metà dell’Ottocento dagli agitatori politici, in una fase storica in cui i termini correnti per distinguere i meridionali erano “Napoletani” o “Siciliani” (nel significato storico ma anche di duosiciliani).

    4 – Il partito separatista adotta l’originario nome di Italici e respinge la parola Italiani, che cancella le diversità culturali e rovesciala primogenitura storica e geografica del toponimo Italia.

    La dizione Italici viene adottata in contrapposizione alla dizione “Italiani”. Il progetto separatista mira a sostituire, nel paese meridionale, alla sovranità della Repubblica italiana lo Stato indipendente degli Italici.

    Tuttavia la parola Italici non viene assunta in un significato antropologico o storico, ma in un significato marcatamente politico.

    5 - Il partito separatista intende operare soltanto nelle regioni che i Greci chiamavano Italia, lo stesso che dire fra le popolazioni che fino al tempo dell’unità padanista vennero chiamate “napoletane”, in quanto insediate sul territorio del secolare Regno di Napoli.

    Esse sono: l’Abruzzo, il Molise, la Puglia, la Basilicata, la Calabria, la Campania, che comprende storicamente la provincia di Gaeta.

    6 - I termini “Regno di Napoli” e “Napoletano”, che in passato indicavano lo Stato, nonché il termine “Napoletani”, che indicava i sudditi del re di Napoli, sono ancora nell’uso corrente, ma con un significato diverso: in funzione soltanto della città di Napoli. Resuscitarne l’uso darebbe luogo a equivoci. Né sarebbe coerente il ricorso al termine Duesiciliani, in quanto è doveroso riconoscere alla Sicilia e ai Siciliani il diritto di scegliere se associarsi o no alla viaprescelta dal Partito separatista degli Italici. Sarebbe comunque politicamente scorretto collegare l’appartenenza nazionale degli Italici al trono di un re.

    7 - L’impellente esigenza di separare il paese italico dallo stato italiano scaturisce dal fatto che lo stato italiano, sin dal suo sorgere, ha adottato dei meccanismi volti a drenare risorse dalle regioni meridionali a favore delle le regioni toscopadane. Il carognesco risultato di tale strategia politica è che il Centronord ha compiuto il suo “Risorgimento”, gode di una condizione di piena occupazione, tanto da importare manodopera extracomunitaria per coprire i vuoti occupazionali, e si prefigge un più alto grado di competitività internazionale.

    Al contrario il Sud non ha il potere di gestire le proprie risorse e versa in un miserando vuoto produttivo e occupazionale.

    8 - Disoccupazione, degrado morale e politico s’inseguono e s’accavallano. Il disonestoequilibrio erariale instaurato dallo stato unitario è stato recentemente riformato in peggio. A questo punto la retorica patriottarda non basta più a salvare la mostruosa costruzione di uno Stato che al suo interno include un popolo indipendente e una colonia.

    9 – Nonostante le affermazioni retoriche del vincitore, la colonizzazione del paese meridionale è stata conseguita con atti delittuosi e spesso incivili da parte dei governi italiani.

    Ne ricordiamo qualcuno:

    - il genocidio di centinaia di migliaia di persone, tra militari, resistenti borbonici e inermi contadini;

    - l’azzeramento della borghesia attiva duosiciliana realizzato attraverso il saccheggio dell’ingente risparmio duosiciliano;

    - l’annientamento dell’industria pubblica napoletana e dei cantieri navali;

    - il blocco dell’industria privata e del sistema creditizio duosiciliano;

    - il blocco della marina mercantile, il conseguente invecchiamento della flotta, una delle grandi conquiste napoletane;

    - la vendita di oltre un milione di ettari di terre demaniali ed ecclesiastiche, per foraggiare i risorgimentati neo-capitalisti toscopadani;

    - l’inaugurazione nelle campagne di una crisi secolare, le cui conseguenze sono la disoccupazione strutturale, l’improduzione e due migrazioni bibliche in appena settant’anni;

    - in età giolittiana, il saccheggio della valuta rimessa dagli emigranti e il suo uso per industrializzare la Liguria, il Piemonte e la Lombardia;

    - il connesso protezionismo industriale e la penalizzazione dei produttori e consumatori italici, costretti a pagare le merci toscopadane a prezzi esorbitanti;

    - lo scippo mussoliniano delle riserve valutarie del Banco di Napoli (ancora una volta rimesse degli emigrati), che vennero devolute alla Banca d’Italia in stato fallimentare;

    - il fascismo;

    - la prima e la seconda Guerra Mondiale, a cui le popolazioni italiche dettero un contributo di sangue proporzionalmente maggiore che le popolazioni italiane;

    - lo scippo da parte dei capitalisti padani del controvalore delle Amlire spese dai militari americani durante i due anni di occupazione del Sud, tra il 1943 e il 1945;

    - l’alleanza secolare tra lo stato, le industrie, le banche, i costruttori toscopadani con le mafie e i mafiosi;

    - l’annientamento di Napoli, di Palermo e delle altre città italiche;

    - la falsificazione degli eventi storici, il ribaltamento sugli italici delle responsabilità toscopadane, la cancellazione della storia politica e della stessa memoria storica degli italici, l’opera d’indrottinamento negativo circa la storia e l’antropologia italiche, portata spavaldamente e vilmente aventi nelle aule scolastiche e attraverso i mass-media;

    - l’imposizione di un modello culturale forestiero, che ha diffuso il degrado morale e culturale nel Paese italico, ed ha prodotto un baratro tra borghesia urbana romanizzata e popolazioni rurali marginalizzate nel diritto al lavoro e nelle attività produttive;

    - la disoccupazione strutturale, che è divenuto un fenomeno non modificabile.

    10 – La rivendicazione dell’indipendenza italica riguarda la funzione regolatrice dell’ente Stato nell’economia, nei rapporti civili e sociali, nella vita privata, nel risparmio, nella formazione culturale, sul destino degli individui e delle famiglie, sull’onore di ciascuno, sulle finalità che un paese libero si prefigge.

    11 – Il fallimento del meridionalismo dimostra che i problemi creati dall’unità non hanno possibilità alcuna di soluzione nel quadro cavourrista. La sommatoria di una società politica colonialista e di una società civile subalterna impedisce il libero movimento delle forze italiche della produzione. Ciò determina il blocco dello sviluppo e rende praticamente vano qualunque tentativo di superare il problema secolare dell’inoccupazione e improduzione.

    La presenza, al Sud, di maestranze moderne e di una classe di tecnici di alto livello rende più dolorosa l’impotenza.

    12 - Il progetto separatista si fonda sul diritto/dovere di rispettare il nostro passato, i nostri morti, il loro e il nostro lavoro. Il processo di liberazione comporta una profonda rivoluzione sociale.

    13 -Il colonialismo toscopadano ha un punto di forza che non sta nella violenza delle armi, bensì nella corruzione di specifici settori della collettività meridionale, affinché operino a favore del sistema toscopadano e contro gli interessi delle popolazioni meridionali. Di conseguenza il progetto separatista non configura un’azione militare contro chicchessia, all’interno o all’esterno del paese. Il suo fondamento sta nell’esigenza vitale di dare un nuovo e diverso ordine all’assetto culturale, politico ed economico del paese italico.

    14 - L’indipendenza sarà proclamata attraverso la procedura di revisione costituzionale prevista dall’art. 138 della legge costituzionale della Repubblica italiana.

    Una tappa intermedia tra l’attuale condizione di sudditanza e l’indipendenza politica potrebbe essere la formazione di una macroregione italica comprendente le regioni sopra elencate.

    15 - L’azione politica volta a riconquistare l’indipendenza si svolgerà nelle forme previste dalle leggi vigenti, attraverso la conquista democratica dei Comuni, delle Province e delle Regioni dell’attuale stato, e l’elezione al parlamento italiano di candidati del Partito separatista.

    16 - Conseguita l’indipendenza, il paese italico andrà risanato dalla corruzione, dall’inefficienza, dalla immoralità civica, dall’improduzione, che pesano sulla vita dei suoi abitanti.

    Per i cinque anni successivi, il governo centrale del nuovo Stato non avrà rappresentati elettivi.. Sarà invece guidato da un Reggente provvisorio, che nominerà ed eventualmente revocherà il capo del governo e i ministri.

    17 - Allo scadere del terzo anno d’indipendenza, il Reggente indirà un referendum popolare che, a maggioranza assoluta dei votanti, scelga tra la forma repubblicana e la forma monarchica dello Stato. Nel caso di vittoria della repubblica, il reggente assumerà la funzione di presidente provvisorio della Repubblica italica, nel caso di vittoria della monarchia, sarà proclamato il Regno italico, la dinastia dei Borboni di Napoli sarà restaurata e salirà al trono un o una discendente di Ferdinando II che non abbia ancora raggiunto il quindicesimo anno d’età.

    18 - Nei cinque anni successivi alla proclamazione dell’indipendenza, il governo sarà coadiuvato da una Consulta nazionale di cento membri e dalle commissioni particolari di cui la Consulta vorrà farsi aiutare per il perfezionamento delle sue proposte.

    19 - I consultori saranno scelti fra tutti i docenti delle università italiche mediante un unico sorteggio nazionale. Ogni anno, a partire dalla fine del secondo anno, i trenta consultori più anziani decadranno. Il sorteggio successivo, sempre fra i docenti universitari, riguarderà tanti posti di consultore quanti mancano per il plenum di cento.

    20 - Alle popolazioni italiche verranno garantiti tutti i diritti naturali dell’uomo e del cittadino, non escluse le libertà di parola, di riunione, di stampa, di associazione e di libera organizzazione in partiti politici.

    21 - Lo Stato si assumerà le spese tipografiche dei giornali di qualunque tendenza politica e filosofica che abbiano non meno di quindicimila lettori paganti.

    22 – Lo Stato avrà carattere laico, tuttavia assisterà economicamente i ministri della Chiesa cattolica e delle altre chiese cristiane nella loro opera di guidare i giovani verso la morale della solidarietà e del rispetto umani.

    23 - Nel campo della produzione, l’iniziativa privata sarà difesa e sostenuta dallo stato.

    Le società fra lavoratori potranno ottenere in leasing macchine e impianti.

    Ove occorra, lo Stato procederà a investimenti di tipo industriale. Le industrie così create saranno quotate in borsa e devolute agli acquirenti.

    24 – Il sistema bancario e creditizio sarà di natura pubblica e riservato allo stato, alle regioni, alle province e ai comuni. Non sono ammesse altre istituzione bancarie, sia pure di carattere mutualistico e cooperativistico.

    La banca di emissione sarà un’istituzione pubblica. Essa provvederà anche al cambio della valuta estera.

    25 - L’attività agricola avrà carattere professionale. I poderi saranno dati in affitto per un triennio dal comune nel cui territorio ricadono a una ditta individuale o collettiva. L’ente pubblico fornirà i capitali occorrenti per migliorare o convertire la produzione. Le migliorie apportate con il lavoro dell’assegnatario saranno valutate in base al risultato

    Gli enti territoriali programmeranno gli indirizzi colturali e produttivi per ogni ciclo agrario.

    La rendita fondiaria. spettante agli ex proprietari sarà pagata dal Comune e si estinguerà con la morte della persona fisica che la percepisce, tranne il caso di discendenti minori o incapaci che non abbiano altra fonte di reddito, e di altri familiari del defunto che vengano a trovarsi nella medesima condizione.

    26 - La scuola sarà pubblica e gratuita in ogni grado. Gli studenti meritevoli riceveranno uno stipendio mensile.

    27 -Il potere giudiziario sarà indipendente, sovrano e incensurabile. La funzione di magistrato non sarà revocabile e verrà esercitata in una sede lontana non meno di 150 chilometri dal luogo di nascita e di residenza.

    Lo Stato risarcirà le vittime di un eventuale errore giudiziario.

    Lo Stato degli Italici provvederà rapidamente alla riforma delle varie procedure giudiziarie nel senso di renderle più spedite, meno formalistiche e più certe.

    Nelle cause civili e amministrative (ma non in quelle tributarie) la conciliazione giudiziaria sarà istituzionale e precederà ogni grado del giudizio. La conciliazione delle cause avrà l’efficacia di una sentenza, ma non sarà appellabile.

    Presso ogni tribunale sederanno uno o più giudici conciliatori, i quali seguiranno tutte le cause in svolgimento, al fine di proporne la chiusura attraverso una transazione giudiziaria.

    28 - Le leggi vigenti nella Repubblica italiana, ad eccezione delle leggi costituzionali, resteranno in vigore nel paese italico fino a revoca.

    29 – Nel nuovo Stato, il diritto di detenere e portare armi da fuoco è riservato alle forze armate e agli organi di polizia.

    I permessi di caccia saranno aboliti.

    30 – Le associazioni di tipo malavitoso saranno vietate. Gli affiliati alla malavita saranno espulsi dal territorio dello stato. I delitti di sangue commessi per scopo di lucro saranno puniti con i lavori forzati.
    Per questa fattispecie di delitto non sarà ammessa alcuna forma di riabilitazione.
    I reati di traffico illecito di sostanze stupefacenti e di armi, commessi vigente lo stato italiano (direttamente o indirettamente complice degli stessi), verranno amnistiati.

    31 – I pubblici ospedali potranno somministrare gratuitamente sostanze stupefacenti alle persone che ne facciano richiesta.

    32 - La finzione tributaria, che distribuisce fra un’infinità di voci il carico fiscale, cesserà. Sarà in vigore una sola imposta diretta sul reddito delle persone fisiche, e due imposte indirette: una su quei consumi che si riterrà di voler contenere, in particolare sugli involucri non biodegradabili come le bottiglie di plastica, e una seconda rappresentata dal dazio confinario in entrata o in uscita, con aliquote specifiche.

    33 - La consistenza dell’interscambio mondiale lascia intuire che l’umanità cammina verso un’organizzazione giuridica sovrana di livello internazionale.

    Lo Stato degli Italici favorirà detto processo e restringerà la propria sovranità nella misura in cui l’ente preposto promuoverà una pianificazione mondiale della produzione e dei consumi e contrasterà le attuali forme di liberismo predatorio ai danni dei paesi poveri e di quelli militarmente deboli.




    Partito separatista degli Italici

    Statuto

    Organizzazione del Partito

    1. Il Partito è organizzato in sezioni locali corrispondenti, ove possibile, a un solo comune. Nella fase di preparazione le sezioni potranno abbracciare un territorio più vasto.

    2. Le sezioni sono fondate con atto del luogotenente nazionale.

    3. Il Partito è diretto da un luogotenente nazionale, il quale nomina e revoca i suoi collaboratori.

    4. Il luogotenente nazionale dura in carica un solo anno. Il compatriota Nicola Zitara è il primo luogotenente nazionale e scadrà dall’incarico il 31 dicembre 2006. I candidati per l’anno successivo presenteranno la propria candidatura entro il 30 novembre 2006 con una dichiarazione personale resa nota a tutti gli iscritti via internet, o in altro modo. La luogotenenza nazionale provvederà a inserirle sul proprio sito.

    5. Ogni iscritto esprimerà il suo voto per posta, con lettera autografa.

    6. Lo scrutinio sarà pubblico. Sarà eletto il candidato che raccoglierà il voto della maggioranza assoluta degli iscritti. Nel caso contrario il luogotenente in carica resterà confermato nella funzione per l’anno successivo.

    7. Le sezioni territoriali con almeno 50 tesserati nomineranno un loro rappresentante, il cui parere dovrà essere richiesto su ogni importante decisione del Partito.

    8. Il Partito terrà il 15 settembre di ogni anno un congresso politico aperto a tutti gli iscritti e senza ordine del giorno. Il luogotenente ha facoltà di indire congressi e incontri straordinari per trattare temi specifici.

    9. Entro il 28 febbraio dell’anno successivo il luogotenente nazionale e i rappresentanti di tutte le sezioni pubblicheranno il rendiconto delle entrate e delle uscite dell’anno precedente.



    Tesseramento

    L’Italico per diritto di sangue, dovunque residente e maggiore di anni 21, che intenda partecipare alla vita del Partito, deve dimostrare di conoscere le sue finalità politiche, il suo programma e il suo statuto. La domanda d’iscrizione va fatta in forma scritta con lettera indirizzata al luogotenente. Il luogotenente, sentito il rappresentante locale e assunte le informazioni che riterrà utili, provvederà all’iscrizione nella sezione territoriale di residenza.
    L’iscritto stabilirà in accordo con il luogotenente generale il contributo annuale a favore del Partito e le modalità di pagamento.
    11 – In via temporanea, il Partito ha sede presso la residenza privata del luogotenente.


    Domanda d’iscrizione


    Si prega di seguire il seguente schema:

    CognomeNomeLuogo di nascita e data di nascita Comune di residenza, via e numero civicoTelefonoInternetAltroProvincia di residenza – Ove possibile anche area sub-provinciale di residenza/ Nome del Comune capo circondarioProfessioneConiugato/a: Sì No (cancellare la risposta non corrispondente) Figli: Sì NoCasa: Proprietà AffittoReddito: Ufficialmente disoccupato-a/ Esente da imposta personale sul reddito / Benestante / Più che benestante (con almeno 100 milioni di ex lire di reddito annuo/ Ricco (con almeno 500 milioni di ex lire di reddito annuo). Precedenti orientamenti politici (per esteso)Spiegazione anche succinta della domandaFirmaIndicazione di conoscenti di idee separatiste:
    Indirizzare la domanda a:

    Nicola Zitara
    Via delle magnolie 53,
    89048 – Siderno


    www.eleaml.org

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Sep 2003
    Messaggi
    3,056
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito sebbene sia poco piu' che uno scherzo Ti prendo parola

    e mi associo alla Tua iniziativa.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Messaggi
    13,224
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scavatevi la fossa.

    Insieme con sedicente "luogotenente"

    L’iscritto stabilirà in accordo con il luogotenente generale il contributo annuale a favore del Partito e le modalità di pagamento.
    In via temporanea, il Partito ha sede presso la residenza privata del luogotenente.

  4. #4
    Gaeta resiste ancora!
    Data Registrazione
    05 Dec 2005
    Località
    Nvceria Constantia
    Messaggi
    7,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sebbene sia poco piu' che uno scherzo Ti prendo parola

    e mi associo alla Tua iniziativa.
    Se si sogna insieme i sogni diventano REALTA' !
    la parte che spiega i motivi del DISASTRO MERIDIONALE e indica la SOLUZIONE, è perfetta !!

  5. #5
    Gaeta resiste ancora!
    Data Registrazione
    05 Dec 2005
    Località
    Nvceria Constantia
    Messaggi
    7,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Teoria e prassi del separatismo

    di Nicola Zitara

    E’ ultimamente apparso sulla scena meridionale un partito autonomista. A chi conosca anche per sommi capi la storia italiana degli ultimi trentacinque anni, sarà ben difficile immaginare a cosa serva. Il totale fallimento al Sud dell’antico autonomismo di don Sturzo, concepito, peraltro, in un mondo agricolo e manifatturiero, ne è la prova provata. La sola ipotesi di rinnovamento riguarda l’aspirazione alla rendita parlamentare. Per il resto, la gente del Sud di tutto ha bisogno, meno che di un bossismo minore e servile, difettoso di un qualunque progetto politico e per giunta - secondo il costume dei bassi ranghi dell’opportunismo cattolico italiano - scodellato sul desco della campagna elettorale come una pietanza precotta.

    Intanto il leghismo ha una causa e uno scopo ben diversi da quel che si dice e che sembra comunemente. L’antimeridionalismo etnico e razzista è pura retorica: un medium per carpire il consenso elettorale. In effetti in Lombardia e in Veneto non sono così fessi da rinunziare spontaneamente al più importante sbocco - subito dopo il Nord stesso - delle produzioni settentrionali.

    Il progetto, che non è di Bossi ma dell’associazione degli industriali lombardi, viene da anni lontani: risale al tempo del consociativismo tra DC e PCI, ed è connesso con il debito pubblico. Tra gli economisti ammessi al “salotto buono di Milano” sorse, infatti, la preoccupazione che, con l’elevarsi dell’indebitamento, lo stato, per pagare gli interessi crescenti e le annualità in scadenza, avrebbe sottratto risorse alla spesa pubblica e alleggerito le regalie sempre lucrate dal parte dei grandi industriali. La regionalizzazione delle entrate e delle spese statali avrebbe messo in amministrazione controllata le regioni in ritardo ed eretto una trincea difensiva a favore delle regioni dove maggiore era il gettito fiscale.

    Le proposizioni federaliste e la devoluzione bossista non sono l’escogitazione populista di un tribuno avvinazzato, ma il calcolo ragionieristico di chi, come Gianfranco Miglio, considera la nazione italiana una docile funzione degli interessi globali del gruppo milanese di comando.

    Onesto o disonesto, accettato o imposto, tuttavia il progetto lumbard aveva (ed ha) la valenza politica accennata. Eguale basamento manca invece al populismo ripartitorio dell’autonomismo siciliano e meridionale. Una maggiore spesa pubblica a favore delle regioni meridionali significa soltanto che crescerebbe l’intrallazzo della classe politica, che è, storicamente, la mediatrice al Sud degli interessi del Nord. Cosa poi ci facciano, in una lista comune con i lumbard e i leghisti, delle persone che affermano di professare idee neoborboniche, è difficile capire. Più che di politica, qui siamo di fronte all’acefalia politica e a una squallida forma di clientelismo.



    Sarebbe sciocco da parte nostra, come per chiunque, dare ai fatti elettorali ed elettoralistici una consistenza politica che non hanno. Consistenti - e irresolubili nell’attuale quadro statale - sono invece i problemi accumulatisi al Sud in 150 di colonialismo interno; fortemente preoccupanti le prospettive per il futuro prossimo e meno prossimo.

    La nostra tesi è che l’unica strada da percorre perché il Sud esca dalla calamità patriottica d’essere legato allo stato italiano sta nel ritorno all’indipendenza, nel ripristinare i confini millenari dell’antico Regno di Napoli (e quadrimillenari delle popolazioni italiche) e per la parte siciliana, i confini etnici e politici che anche la Sicilia possiede da quaranta secoli.

    Tuttavia il separatismo non è “un palloncino che si gonfia”, per usare un’espressione di Totò, ma un progetto epocale, un fatto enorme, drammaticamente impegnativo per ciascuno di noi, favorevoli o contrari, italici e italiani; molto più impegnativo dell’opposto moto che portò all’assurda unità sabaudista.

    La separazione è lo sbocco inevitabile della truffa unitaria. Le ragioni che la impongono sono innumerevoli. Qui ne prenderemo in considerazione una soltanto: la causa prima della disoccupazione secolare, sistemica. Una generazione segue l’altra, una forma di governo sostituisce la precedente, ma l’Italia-una non sa e non vuole risolvere il problema. Negli ultimi cinquant’anni essa è passata dalla condizione di paese incapace di stare in piedi senza l’aiuto di un esercito e dell’oro stranieri, alla condizione di grande potenza economica. Dal ’miracolo economico italiano’ del secondo dopoguerra il Sud ha tratto notevoli benefici per quanto riguarda il tenore di vita, il livello dei consumi, i servizi pubblici, ma l’eccezionale evenienza non ha minimamente inciso (anzi ha aggravato) la disoccupazione.

    E’ opinione corrente - e persino il meridionalismo di orientamento marxista aderisce a questo insano modo di pensare - che esista una relazione da causa ad effetto tra l’iniziativa capitalistica privata e l’occupazione. La politica d’intervento straordinario nel Mezzogiorno, perseguita fino a oggi sotto forma di un beneficio in materia di oneri sociali, colloca, se non al primo posto, sicuramente al secondo posto della sua filosofia, le provvidenze volte a sostenere l’impresa capitalistica. Ovviamente, oggi si è consapevoli che si tratta di una strada sbagliata; quell’opinione nasceva, però, da una causazione storica: la distruzione dell’economia meridionale, decretata da Cavour subito dopo l’occupazione garibaldina di Napoli, aveva provocato - giuste le intenzioni del ’grande ministro’ - il crollo dell’industria e della marineria duosiciliana, troppo avanzate per non far temere che il baricentro della nuova Italia si fissasse a Napoli. Il crollo aveva a sua volta causato la sterilizzazione della borghesia attiva duosiciliana e la connessa disoccupazione dell’esercito del lavoro.



    La tesi secondo cui basterebbe agevolare l’iniziativa privata, per vedere rinascere l’economia meridionale, salta a piè pari sulla causa prima del disastro meridionale. Se si tiene conto del fatto significativo che fu proprio l’agricoltura meridionale, fra i vari comparti dell’economia nazionale italiana, quello che reagì meglio e più proficuamente alla svolta liberista dettata da Cavour, bisogna spostare l’indagine e mettere in conto i due fattori che trasformarono il Sud da centro di sé stesso a periferia di altre regioni. Esse sono la spesa pubblica, cioè lo stato, e la moneta fittizia, cioè la banca.

    ***


    La proposizione liberista merita un attento riscontro storico.
    Alle sue origini, lo stato costituiva una funzione di ordine non economico. I tributi erano una datio, un premio elargito dai privati, affinché esso, in astratto nudo come Adamo e povero come Giobbe, potesse esercitare la sua funzione morale e civile. In nessun modo il credo ammetteva che il re si impancasse a produttore. Tranne che applicare il suo conio alla moneta, provvedere all’esercito e alla marina militare, alle pubbliche infrastrutture, alle altre cose attinenti all’esercizio della sovranità in patria e in colonia, lo stato doveva “lasciar fare” ai privati. Anche oggi, le volte che lo stato deve appropriarsi di un bene privato o deve usarlo o lo danneggia, è tenuto a pagare e/o a risarcire il danno, come qualunque privato.

    Per il liberismo anche il proprietario straniero avrebbe lo stesso diritto all’iniziativa economica del proprietario nazionale. Infatti la proprietà privata è considerata un principio filosofico e politico inerente alla natura umana, cioè un ’diritto naturale’ di valenza internazionale.

    Storicamente, invece, il liberismo ha incontrato, e incontra tuttora, un limite nell’interesse nazionale delle singole formazioni sociali; o per essere più chiari, negli interessi delle classi dirigenti dei singoli stati. Si tratta di una condizione che non viene proclamata, che anzi di regola è sottaciuta, benché immancabilmente osservata. Il colonialismo, che caratterizza un’intera epoca della storia in/civile d’Europa, rappresenta la prova massima che il liberismo ha un’esplicazione fortemente nazionalistica. Storicamente, gli stati, ponendosi i rispettivi capitalismi in concorrenza fra loro per gli sbocchi industriali e/o per la confisca delle materie prime, coprono e difendono i produttori nazionali, essenzialmente i capitalisti nazionali. La nazionalizzazione del capitalismo venne persino benedetta dalla carta rivoluzionaria del 1789, che innalzò a principio costituzionale la contraddizione tra diritto naturale del proprietario e diritto “naturale” della nazione sovrana.



    La Costituzione dell’89, in cui l’individuo è prima dello stato e la nazione è prima dell’individuo, consacrò per i posteri la trappola liberal-democratica. Storicamente, tra il XVII e il XVIII sec., l’affermazione della proprietà borghese, lo sviluppo del commercio vicino e lontano, la produzione manifatturiera per l’indistinto acquirente (la merce), moltiplicarono il numero dei capitalisti. La classe attiva diventò egemone a livello nazionale, a scapito dei monarca e dell’aristocrazia redditiera.
    Il potere capitalistico si realizza nell’attitudine a muovere e portare alla produzione l’esercito del lavoro. La conseguente esigenza di anticipare il salario operaio e bracciantile spinge il capitalista verso il controllo della moneta, la quale è fatta d’oro e d’argento. I due metalli hanno un valore intrinseco, si può dire universale. Alla partenza del sistema capitalistico, oro e argento sono in mano ai proprietari fondiari, ai risparmiatori, alle grandi case bancarie. La mancanza di contante condiziona e inceppa sia il governo nazionale sia il nascente capitalista, il quale, oltre a dover anticipare i salari, deve pagare le macchine, lo stabilimento, acquistare le materie prime e, spesso, far credito ai clienti. Fino a quando è costretto a venire a patti con i possessori di liquidità monetaria, onde ottenere il contante di cui ha bisogno, il capitalismo manifatturiero resta in fasce. Il produttore, che non sia già un banchiere, subisce ricatti e usure. I profitti dell’impresa finiscono ad altri.

    La carta bancaria è uno strumento monetario ben noto sin dall’età rinascimentale. L’evoluzione che porterà il biglietto di banca all’attuale egemonia, ebbe il suo battesimo sul finire del XVII, a Londra, allorché una banca costituitasi per l’occasione prestò un milione e duecentomila sterline d’oro allo stato. Come compenso il re l’autorizzò a emettere un miliardo e duecento milioni di moneta cartacea, con l’obbligo di convertire a vista, in oro, il biglietto che venisse presentato all’incasso. La convivenza di oro e biglietti - cioè la convertibilità a vista delle banconote - nei paesi più ricchi si è protratta fino alla Prima Guerra Mondiale e alla Grande Crisi del 1929. Poi l’oro è scomparso dalla circolazione monetaria.

    Gli storici omettono di dirlo, ma la banca centrale d’emissione (cartacea) nasce “nazionale”. Ogni paese ha - o finisce con l’avere - un suo biglietto di banca. Nella storia della moneta, soltanto le banconote ’imperiali’, come la sterlina, il franco, il dollaro e adesso l’euro, raggiungono una (limitata) circolazione internazionale e vengono accettate comunemente in altri paesi. Il nazionalismo monetario non è connesso soltanto all’obbligo per il suddito di accettare la banconota in pagamento di una merce, di un servizio o di un credito precedente, ma, in tempi di pace, è anche il mediatore silenzioso del governo capitalistico. Infatti, attraverso l’emissione di banconote (in effetti di biglietti di stato), la popolazione nazionale offre all’industria e alle altre produzioni la possibilità di accedere al credito bancario.

    Il passaggio va chiarito. La banconota è un foglietto di carta che ha un costo limitato: la tipografia, la carta, la burocrazia bancaria, la polizia finanziaria. La banca centrale mette in circolazione i suoi biglietti prestandoli allo stato e alle banche commerciali. Lo stato paga il debito con i soldi dei contribuenti, cioè con valori reali ottenuti con il lavoro dei sudditi; dal canto loro le banche commerciali, che mettono in circolazione la carta del poligrafico dello stato, restituiscono alla banca centrale la stessa carta, ma solo dopo che i loro clienti l’hanno arricchita del valore del lavoro e della produzione. Insomma la banconota, che non ha valore, lo acquista perché il suddito non l’ottiene gratis et amore dei, ma come pagamento di un lavoro effettuato o di un bene venduto (e prodotto con il lavoro, come il primo). Finché passa da una mano all’altra, essa contiene una capacità d’acquisto. La perde, però, e ridiventa mera carta stampata nel momento in cui ritorna nelle mani della banca centrale, che infatti provvede a bruciarla.



    Ai fini del nostro discorso ha gran rilievo chi ottiene a credito i foglietti emessi dalla banca centrale, cioè lo stato e le banche.

    Secondo una definizione di Adam Smith, il padre dell’economia liberista, il capitale (altro non) è (che) il potere di comandare lavoro. Infatti il capitalista impiega il suo capitale per pagare chi lavora per lui e per comprare i beni necessari a realizzare la sua merce, i quali sono venduti da altre aziende o erogati da produttori di servizi. Ovviamente il capitalista paga i suoi dipendenti e le fatture dei suoi fornitori con il danaro. Per lui non fa alcuna differenza se ieri il danaro era fatto d’oro coniato, e se oggi è fatto di carta. I suoi affari vanno bene o vanno male indipendentemente dal materiale con cui è fabbricata la moneta. Il suo potere di comandare lavoro all’interno del suo paese si realizza sia con l’oro sia con la carta. Nell’un caso e nell’altro, dentro la moneta c’è un valore di scambio.
    Ma se ciò è vero per un capitalista, è tutt’altro che vero per l’intera classe dei capitalisti e per lo stato. Mentre il singolo capitalista non può inventarsi il potere di comandare lavoro, la banca centrale può farlo. Il Sud italiano (o meglio il paese degli Italici) è una delle tante vittime della “finzione” monetaria.

    Ciò premesso, passiamo dai concetti astratti ai fatti, alla storia, agli avvenimenti. I concetti esposti appariranno in controluce.



    Il disastro dell’economia meridionale non nasce dalle cose che il nostro paese ha perduto. In condizioni normali le avremmo rifatte; e rifatte al passo con i tempi. Il disastro è nato a causa della cancellazione della banca meridionale d’emissione.

    Tra il 1820 e il 1850, l’industria che impiega la macchina a vapore si afferma nel Regno Unito e va diffondendosi in Belgio, Francia, Svizzera e nei paesi di lingua tedesca. Il treno accorcia le distanze e abbassa notevolmente il costo del trasporto via terra. Verso la fine del periodo la nave a vapore fa altrettanto nel trasporto via mare. Dalle colonie extraeuropee e dalla Russia arrivano, a prezzi bassi, grano e altre derrate agricole, prodotti minerali e dell’allevamento. Il movimento internazionale delle merci avviene attraverso il pagamento in oro.

    Il Regno di Sardegna, sconfitto a Novara nel 1848, prende a indebitarsi con le case bancarie europee per pagare i debiti di guerra. Non avendo miniere veramente fruttifere, il re prende a prestito dai sudditi l’oro con cui pagare. E lo fa come abbiamo visto aveva fatto il re d’Inghilterra nel 1694. Una banca genovese presta venti milioni oro allo stato e in compenso viene autorizzata a emettere banconote per lo stesso importo, in questo caso, però, non convertibili (corso forzoso dei biglietti). Il Regno di Sardegna è un piccolo paese di cinque milioni di abitanti, in parte non italiani per lingua e tradizioni. Dal punto di vista sociale, se non comprendesse la Liguria e le province di Alessandria e di Asti, sarebbe del tutto un paese marginale nell’Italia del tempo. Il Regno è schiacciato fra due grandi potenze militari: la Francia e l’Austria. Il militarismo e l’espansionismo sono l’unica via che la casa regnante intravede per conservare il trono. A partire dal “fatale” 1848, il cartismo, il liberalismo, l’indipendentismo rappresentano per i Savoia la via per legare gli italiani al loro carro. Tra il 1851 e il 1853, Cavour diventa il leader del partito moderato e il primo ministro dello stato sabaudo. All’idea di nazione e di costituzione, con cui il Piemonte di Carlo Alberto si era presento alla gente delle altre regioni, Cavour aggiunge il liberismo commerciale e il liberalismo massonico e anticlericale. Questi particolari anagrafici sono estremamente importanti. L’Italia ottocentesca non è più una produttrice di idee. Una parte importante delle classi borghesi dei vari stati - specialmente quella lombarda, che aspira a liberarsi dall’Austria, e quella ligure, che aspira a emanciparsi proprio dal tallone sabaudo - assorbe idee dalla Francia, dalla Svizzera, dall’Inghilterra. La stessa Napoli dimentica la lezione prestigiosa di Vico a favore di Hegel e il riformismo sociale di Antonio Genovesi a favore dell’indifferenza sociale di Adam Smith. Cavour perfeziona il progetto di Carlo Alberto e usa il liberalismo come un grimaldello per ottenere le simpatie della borghesia padana. Il progetto politico dell’annessione dinastica viene nobilitato (o ipocritamente annebbiato, come in appresso si vedrà) con l’idea di un mercato unico padano. (Al principio, il cavourrismo al Sud a non ha presa perché le Due Sicilie sono già un vasto mercato. Avrà presa invece la corruzione di generali e colonnelli. Ma la vera causa della fine dell’indipendenza meridionale sta nell’innesco di una spirale viziosa che parte dalla sconfitta dell’Austria ad opera di Napoleone III e arriva alla mancanza di fiducia in sé stessa della borghesia meridionale, che si piega alla pelosa protezione dei piemontesi per timore di una rivoluzione contadina).



    Per avere le mani libere, Cavour trasforma il governo del re in governo parlamentare. Il ruolo del re è ridimensionato, di supplenza. L’elevata caratura politica del Conte lo porta a essere l’incontrastato signore delle decisioni parlamentari; quasi il padrone unico e solitario del Regno. Forte del trono morale su cui siede, egli riesce a separare lo stato dalla chiesa e a predisporre un piano articolato di costruzioni ferroviarie. Nella sua logica politica, le due cose sono la bandiera che il Piemonte liberale e liberista deve sventolare sotto il naso della borghesia padana. Ovviamente il Regno sabaudo non possiede neppure una piccola parte delle risorse occorrenti a spesare le ferrovie. Il danaro necessario viene dalla Francia. Al tempo di Luigi Filippo e Napoleone III i grandi banchieri europei acquistano dagli stati, a prezzi scontati, ingenti stock di cartelle del debito pubblico. Ovviamente non le trattengono in portafoglio: le collocano presso i risparmiatori e gli speculatori, guadagnandoci il differenziale. Attraverso la mediazione bancaria, i redditieri fondiari finanziano in Europa e in America le costruzioni ferroviarie e gli altri investimenti di lungo periodo, cioè la modernità di cui si sentono nemici.

    Il Regno sabaudo ammucchia debito pubblico senza fine. James Rothschild e gli altri banchieri si rendono conto che, se i Savoia non riverseranno i loro debiti sulla Lombardia e sul Veneto, essi stessi andranno incontro a una perdita d’immagine e a difficoltà aziendali. Cavour è consapevole che, in caso di vittoria, dovrà rastrellare l’oro circolante nelle regioni conquistate per pagare la Francia. La Banca Nazionale del Regno di Sardegna è gestita da un uomo abile e senza scrupoli. E’ questa la subdola macchina che Cavour mette a punto per condurre il patriottico saccheggio.

    L’Italia del tempo, divisa fra sette sovrani, è in ritardo rispetto alla Francia, che, dopo le guerre napoleoniche è divenuta il termine di confronto con cui la borghesia delle varie regioni misura se stessa. Tuttavia non è il paese arretrato che gli storici unitari si sbrodolano a raccontare, al fine di mettere in risalto le bellure delle ferrovie piemontesi. Le attività commerciali sono buone, le esportazioni, in particolare di seta greggia, di zolfo e d’olio, danno un decente profitto. La marina mercantile è sviluppata almeno quanto in Francia. Nel settore bancario, oltre a una decina di grosse case bancarie francesi, inglesi e tedesche, fra cui quella di Carlo Rothschild, la quale realizza a Napoli un giro d’affari così importante da dover pagare circa cinque milioni di lire equivalenti di imposte all’anno; caso assolutamente unico nell’Italia del tempo.

    Esistono inoltre due istituti di deposito e sconto relativamente grossi, la Cassa di Risparmio di Milano, che raccoglie 120/130 milioni di lire (equivalenti) di depositi e li investe in mutui edilizi, e il Banco delle Due Sicilie, che raccoglie circa 250/300 milioni di lire (equivalenti) di depositi. Il Banco rimette in circolazione l’intera raccolta e in più crea moneta fittizia per circa 90/100 milioni.
    La moneta cartolare napoletana non è però la banconota, ma un vaglia nominativo detto fede di credito, che circola mediante girata ed è convertibile in numerario a vista, sia presso lo stesso Banco sia presso le tesorerie di stato, che nel Regno sono centinaia. Il titolo è antico e allo stesso tempo moderno. Viene rilasciato come ricevuta a chi versa moneta al Banco; è garantito dal patrimonio reale e da una vincolo sulle rendite statali del Tavoliere delle Puglie. La carta napoletana soddisfa i bisogni dei possidenti, tanto da fare aggio sull’oro, cosicché il fondo metallico depositato non subisce oscillazioni significative nel tempo. Ciò premette al Banco d’impiegare una parte della riserva in sconti commerciali e anticipazioni su merci e titoli pubblici.



    Rispetto alle istituzioni bancarie di Napoli e di Milano, la Banca Nazionale sabauda appare una realtà modesta. Evidentemente meno ricca e meno affidabile di entrambe, è anche meno raffinata e meno efficiente, meno leale verso il pubblico e meno “nazionale” del Banco borbonico. Prima della conquista della Lombardia da parte dei Savoia, gli sconti e le anticipazioni concessi dalla Nazionale non superano nel momento migliore i 50 milioni di lire e la circolazione della sua carta non supera i 40 milioni di lire. In sostanza, nell’area del Regno sardo (Piemonte, Liguria, Sardegna, Valle d’Aosta) circola un sesto della carta bancaria duosiciliana, mentre Genova e Torino assieme ottengono credito in misura della metà rispetto ai regnicoli dei Borbone. Bisogna anche aggiunge che Napoli raccoglie il suo oro e lo porta in banca, mentre Torino è costretta, a causa della sfiducia che circonda la Nazionale sabauda, a comprare oro in Francia per un ammontare superiore ai biglietti in circolazione, facendolo pagare ai sabaudi in termini di minori importazioni di beni di consumo e strumentali.
    Non appena Napoli fu raggiunta dalle truppe piemontesi - l’Italia-una non ancora proclamata - Cavour, con un atto subdolo, con una truffa legalizzata da lui stesso, decretò la chiusura delle industrie napoletane e l’ibernazione del Banco delle Due Sicilie. Per le dimensioni e per la modernità, la loro sopravvivenza avrebbe fatto di Napoli l’epicentro economico del nuovo stato, cosa che sicuramente non piaceva né a lui e né al gruppo politico che gli ruotava intorno. La spiegazione che Cavour fu chiamato a dare a questo riguardo fu incentrata sulle brutture del protezionismo e sulle bellezze dello sfarfallante liberismo. Summa teologica dell’Italia una (nel prendere) e indivisibile (nel pagare), in sostanza fu un’abile presa per i fondelli dei napoletani, i quali in quel momento non sapevano (e difficilmente avrebbero potuto sapere) che le industrie sabaude (come in appresso tutte le industrie del quadrilatero Firenze-Geneva-Torino-Milano) venivano assistite con l’emissione di moneta fittizia. Francesco Ferrara, il più illustre fra gli economisti italiani del tempo, a questo sistema dette il nome di “protezionismo dall’interno”, come dire protezionismo sotto banco.

    La beffa al liberismo (il liberismo e, simmetricamente, la beffa che esso incorpora sono oggi il vero oppio dei popoli) è certificata da due cifre. Nel 1858, la Banca Nazionale effettua credito per 50 milioni, nel 1868 - fatta l’Italia - effettua credito per poco meno di un miliardo, venti volte che dieci anni prima.

    Come si spiega e cosa significa questo miracolo?
    Tra il governo sabaudo e la Banca esiste un accordo, tra tacito e illecito, in base al quale essa fa da vettore all’oro in partenza dalle tesorerie provinciali, che raccolgono i tributi, e da cassiere al ministero del Tesoro, relativamente al gettito fiscale e all’oro che lo stato incassa emettendo buoni del tesoro e cartelle del debito pubblico. Fa anche da zecca dello stato. In Italia c’erano più di dieci stabilimenti di conio (la zecca di Napoli è reputata più moderna di quella londinese), a sufficienza, quindi, per riconiare l’oro e l’argento in circolazione negli ex stati. Ma alla Banca quell’oro fa comodo. Cosicché le altre zecche vengono praticamente chiuse. Nelle sue casseforti, le vecchie monete (non sue) diventano riserva aurea, sulla cui base è autorizzata a emettere biglietti per tre volte tanto (una lira-oro, nelle casse della Banca Nazionale, diventa tre lire). Con questo gioco di prestigio, il potere di comandare lavoro triplica. Era uno, m nelle sue mani diventa tre.



    Ovviamente, con questi biglietti dal valore fittizio, essa fa credito alle banche commerciali come se fosse oro. Ora, in questo non ci sarebbe alcunché di male, se il suo credito si spargesse su tutta la penisola; cosa che sarebbe giusta e patriottica, visto che l’oro arriva da tutta la penisola. Anzi sarebbe persino un bene. Purtroppo l’amata patria tradisce i suoi patriottici sudditi: il 90 per cento del credito che la banca centrale concede va alle banche commerciali padane. Il gioco (o il risorgimento) è fatto.

    Se questo non bastasse, gli importatori stranieri acquistano in oro dalla Banca Nazionale carta commerciale che pagherà con carta in Italia. E siccome circa il 50 per cento delle esportazioni italiane parte dall’ex Regno delle Due Sicilie, i meridionali cedono oro alla banca centrale, che essa moltiplica per tre. In pratica restituisce soltanto un terzo dell’incasso. Sono questi i meccanismi che hanno partorito il capitalismo padano e la superiorità capitalistica del Nord sul Sud.


    Sconti e anticipazioni della Banca Nazionale per regione e per abitante della stessa, nell’anno 1867

    Nell’anno 1867, gli sconti e le anticipazioni della Banca Nazionale andavano dalla media di 143 lire per abitante della Liguria e dalle 60 lire della Toscana alle 6 lire degli Abruzzi e Molise, alle 13 lire della Calabria, alle 19 lire della Campania, la regione che aveva dato più oro alla patria, alle 0 lire della Basilicata. Il tutto con il tricolore sventolante al sole.

    Il dato relativo alla Sicilia è falsificato da un intrallazzo della Banca Nazionale, che colloca a Napoli titoli del debito pubblico incassando fedi di credito. Per ottenere oro senza destare sospetti nel Banco, le porta in Sicilia, al Banco isolano che, per convenzione, doveva cambiarle.
    Alla faccia del liberismo, il capitalismo padano nasce attraverso “il protezionismo dall’interno”, cioè promosso subdolamente dalla banca d’emissione; un protezionismo di cui il Napoletano e la Sicilia pagano il costo e la Padana si becca i vantaggi. Incorporato il Sud, il capitalismo padano consegue i mezzi per comandare lavoro pari a tre volte la sua circolazione precedente; non solo, ma anche pari a tre volte tutta la circolazione metallica italiana, di cui il 70 per cento circa arriva dal Sud. Il capitalismo padano prima non c’era - solo un cane da Tartufi lo scoverebbe! - adesso c’è. E sovrasta non solo Napoli ma l’intero paese, dal Veneto, all’Umbria, alle Marche, alla Romagna, al Lazio, alla Sardegna. Invece a Napoli il capitalismo c’era, sia quello di stato sia quello privato - bastano a provarlo le decine di migliaia di costruzioni navali e i diecimila e passa armatori navali - ma adesso non c’è più. Il borbonico potere di comandare lavoro, in quanto borbonico, fa un viaggio patriottico e prende la residenza a Genova e a Firenze, dove la Banca Nazionale l’ha portato. E lì resta senza rimpianti e nostalgie. Ma se anche le avesse, ci sono sempre i governatori della banca centrale a vigilare che non faccia follie. In compenso, al Sud, abbiamo la disoccupazione sistemica, il crollo di tutte le classi produttive, l’immoralità come principio dell’essere, la crescita del malaffare e la mafia (il capitalismo con il mitra).

    Quanto racconto è storia, ma è anche il paradigma che mostra come l’occupazione e la disoccupazione non siano direttamente dipendenti dall’intraprendenza del singolo capitalista. Non ci sono spiriti animali forti al Nord e spiriti animali deboli al Sud. Sono invece le regioni vincitrici che egemonizzano, bloccano, inchiodano al remo le regioni vinte.

    Quello italiano non è l’unico caso di stato nazionale nato e organizzato nella forma di regioni colonialiste e di regioni colonizzate. Purtroppo si tratta del caso che passa sulla nostra pelle. Nei 150 anni della nefasta unità le sopraffazioni settentrionali si sono ripetute un’infinità di volte; così tante volte che appaiono persino naturali. Vorrei citare qui soltanto le due più infami: lo scippo, in età giolittiana, delle rimesse degli emigranti, con cui fu messa in piedi la prima industrializzazione padana e lo scippo del controvalore delle amlire (le lire emesse dagli Alleati durante l’occupazione, tra 1943 e il 1946); una carta che era stata pagata dai meridionali con lavoro, beni e segnorite. Il controvalore in questione - generoso dono degli USA alle popolazioni, in quegli anni bisognose di pane - finì nelle tasche delle Fiat e di altri illustri componenti del padronato italiano, quelli del “salotto buono di Milano”



    ***


    Oggi l’emissione di moneta non è più una “finzione “di oro. Le banche centrali emettono la loro carta tenendo conto di variabili dell’economia reale, come la produzione, i consumi, la bilancia internazionale. Possono, inoltre, adottare scelte politiche un tempo impensabili. Sostiene Giacinto Auriti che, se si arrivasse a un governo della banconota (disinteressato, interclassista, non partigiano, dato che a pagare è alla fine sempre il consumatore), sarebbe persino possibile concepire l’abolizione delle imposte sul reddito.

    A partire del diktat di Cavour, sia la spesa pubblica statale sia le emissioni di carta viaggiano per circa l’80 per cento verso le regioni artefici, prima, e predilette, poi, dallo stato unitario. Per più di cento anni, l’unica istituzione bancaria del Sud avente rilievo, il Banco di Napoli, fu lasciata sopravvivere perché facesse, con il risparmio meridionale e la valuta raccolta presso gli emigrati d’America, il portatore di borracce, come toccava in altri anni Giovanni Corrieri a favore di Fausto Coppi. Vendendo all’oggi, l’idea ambigua e ambivalente, chiamata meridionalismo, non ha neppure il senso che aveva un tempo, quello di purgarsi l’anima. Infatti il sistema europeo ha adottato la filosofia del “lasciar fare, lasciar lucrare” al capitale già presente sulla piazza. I pannicelli caldi dei fondi regionali (europei) non curano nessuno. In questa situazione, che va oltre l’assurdo, a noi non resta altra strada che l’indipendenza dall’Italia e dall’Europa. Le risorse abbondano, sono decine e decine di volte più di quelle di cui disponeva un cinese prima del decollo del suo paese, ma viaggiano verso altri punti cardinali. Si tratta di organizzarle per sé (e non per altri) e indirizzarle allo sviluppo. In questo senso, la banca d’emissione nazionale costituisce la condizione preliminare. Erogando credito allo scoperto, a favore dalle forze della produzione al momento “oziose”, latenti, la finzione può valorizzarle e guidarle verso produzione, anziché che verso i consumi, come sta accadendo al Sud sin dal 1992, sotto la regia della banca d’Italia e sotto l’egida della Banca Europea. Niente di nuovo sotto il sole. Un uso virtuoso della moneta fittizia fu fatto dagli epigoni di Cavour, a favore delle regioni padane risorgimentate; fu fatto anche, negli anni Cinquanta e Sessanta, dalle banche IRI, ovviamente d’accordo con la Banca d’Italia, sempre a favore delle già santificate regioni. Unico vincolo per noi, l’indipendenza dai predetti risorgimentati.

    L’idea di separare una realtà politica, creata dalla retorica scolastica e dai sussidiari di terza elementare, ferisce tutti i meridionali. Un libro falso e prezzolato - il Cuore di De Amicis - è l’unica battaglia vinta da un militare piemontese in tutta l’infelice storia militare dei sabaudi, da Lamarmora, bombardatore di Genova e scannatore di briganti napoletani, a Pietro Badoglio, vero responsabile della rotta di Caporetto, conquistatore di Addis Abeba con i gas asfissianti e fuggiasco da Roma, il popolo inerme e le divisioni schierate in armi abbandonati alla mercé delle forze tedesche.

    I vinti della truffa sabauda, liberal-cavourrista, prussiana da operetta, cuor-deamicisiana, siamo noi Italici. Colpa nostra! Come il giacobinismo e gallicismo del 1799, anche il liberal-unitarismo del 1860 è arrivato a noi sulle ali della spaccatura tra le classi del lavoro e le classi della rendita; spaccatura che nel paese meridionale risale almeno al tempo di Tommaso Campanella. Nel mezzo secolo che ci separa dall’ultima tensione contadina per la terra, la spaccatura si è incancrenita, per effetto di una precisa e verificabile volontà politica dei governi nazionali. Oggi essa assume i connotati funesti di mafia e antimafia. La funzione un tempo assegnata agli abbecedari oggi è passata al commercio globale della droga, e ai corrispondenti incassi milanesi di narcodollari.

    A questo punto, il gioco si è fatto fin troppo sporco, oltre che paurosamente evidente. Spetta a noi decidere se accettare la servitù o se pagare il prezzo che la lealtà verso la nostra patria quadrimillenaria e verso i nostri figli e nipoti imporrebbero.

    Nicola Zitara

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Messaggi
    13,224
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    22 – Lo Stato avrà carattere laico, tuttavia assisterà economicamente i ministri della Chiesa cattolica e delle altre chiese cristiane nella loro opera di guidare i giovani verso la morale della solidarietà e del rispetto umani.


    Nuje vulimmo 'o Rre Burbone,
    ca rispetta la religgione.
    Giacubbine jate a mmare,
    ca v'abbrucia lu panaro


    Trad.
    Noi vogliamo il Borbone
    che rispetta la religione.
    Giacobini andate a mare
    che vi brucia il culo

    Canto dei sanfedisti - 1799

 

 

Discussioni Simili

  1. Nicola Zitara: Il partito separatista
    Di mosongo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-11-07, 20:50
  2. partito separatista degli Italici
    Di Princ.Citeriore (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 14-03-06, 00:19
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-09-05, 10:04
  4. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 02-07-04, 03:39

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226