User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito «È Giorgetti il vero erede di Bossi»

    Varese - Un dirigibile segnerà l'inizio della campagna elettorale per la Lega Nord. I candidati presentati ai Giardini Estensi



    --------------------------------------------------------------------------------

    A Varese piovono candidature politiche e dirigibili. La Lega Nord nel giorno della presentazione dei suoi candidati alla Camera e al Senato, oltre ai nomi, annuncia l’arrivo di un dirigibile padano che martedì decollerà da Malpensa e segnerà l’inizio della campagna elettorale del Carroccio. Nomi ed effetti speciali sono stati presentati sabato mattina nel luogo simbolo della città: i Giardini Estensi.
    Leonardo Tarantino, segretario provinciale del Carroccio, mostra con orgoglio la sua pochette verde padano ed esordisce baldanzoso: «Siamo qui per ribadire che su Palazzo Estense non si indietreggia». «La candidatura di Maroni a sindaco – rilancia il segretario cittadino Fabio Binelli – ci consente la corsa solitaria, che a noi piace di più».

    Due giovani sposi hanno appena detto il fatidico sì in comune e Tarantino, ridendo, lancia il programma con un etero-avvertimento: «Noi non celebreremo mai matrimoni gay a Palazzo Estense».



    All’adunata varesina non ci sono tutti e sedici i papabili romani della Lega. Il veterano Luigi Peruzzotti, in decima posizione nella lista, nonostante abbia remote possibilità di essere eletto, sembra sereno: «Le scelte non si discutono. Io mi metto a disposizione del movimento, l’importante è continuare su questa via».
    Di contro Dario Galli da Tradate, parlamentare uscente che sarà sicuramente rieletto al senato, sorride silenzioso.

    Sono i padani più verdi, però, ad essere scatenati. Il giovane Alessandro Vedani (il primo da destra nella foto), diciottesimo della lista, quando parla degli alleati della Cdl, scalpita: «La Lega quando viene messa in un angolo reagisce e scalcia. Il referendum sarà un banco di prova importante per la coalizione. Quindi se non passa bisogna rivedere la linea politica e l’impegno con gli alleati».
    Per la verità qualche calcio negli stinchi di Forza Italia è già arrivato. Gli azzurri varesini appaiono in difficoltà sia sul fronte interno, in quanto avranno un solo rappresentante del territorio a Roma, il senatore Antonio Tomassini, sia su quello delle alleanze esterne. «Noi andiamo avanti per la nostra strada – incalza Tarantino – e non ci fermiamo ad aspettare nessuno. La Lega sta dimostrando al suo popolo che ha la forza di rappresentarli: candidiamo quindici varesini e ne portiamo in Parlamento almeno quattro. Calderoli e Castelli li abbiamo sistemati in Piemonte e Giorgetti a Milano».
    Discorso a parte merita la candidatura del vecchio Leoni (Giuseppe): leghista della prima ora, primo deputato della Lega, quando la Lega era ancora lombarda, nel 1987 (X legislatura), primo consigliere del Carroccio al comune di Varese, fedelissimo del Senatur e braccio cattolico del movimento. Una candidatura che è un segnale per tutti i leghisti: serrare i ranghi e ritornare alle origini. Un messaggio chiaro per chi pensa che la Lega si sia imborghesita all’ombra del Colosseo e per chi si è imborghesito veramente.

    Sulla successione-secessione a Umberto Bossi nessuno si sbilancia. I nomi dei delfini Giancarlo Giorgetti e Marco Reguzzoni sembrano graditi a tutti. La formula dubitativa è d’obbligo perché, tra sorrisi e pause troppo lunghe, il sospetto che ci sia qualche lamentela non è campato in aria: «Due varesini e per di più giovani, mi sembra una scelta coerente. Comunque per il momento è Bossi il nostro leader, in futuro si vedrà» dice Tarantino. Più articolato - come è suo solito – il segretario cittadino Fabio Binelli: «Sono due nomi validi. Penso però che Bossi rimarrà alla guida della Lega per molti altri anni ancora. Il suo ruolo è determinante. E comunque sarà il consiglio federale a scegliere. Secondo me è Giorgetti il vero successore».
    (foto sopra, da sinistra: Fabio Binelli e Dario Galli)






    Sabato 11 Marzo 2006

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    almeno i matrimoni gay avvengono tra omosessuali.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 10-03-06, 23:57
  2. Lega: castelli, bene giorgetti e reguzzoni eredi di bossi
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-03-06, 16:48
  3. Il vero erede del berlusconismo è Fini
    Di C@scista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-07-05, 20:55
  4. Il vero erede del berlusconismo è Fini?
    Di C@scista nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-07-05, 19:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226