User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il cambio di regime in Iran è in cima agli obiettivi diplomatici Usa

    Gli Stati Uniti stanno lavorando a un cambio di regime in Iran e hanno già moltiplicato gli sforzi diplomatici ed economici in questa direzione. Lo ha rivelato ieri il Washington Post.

    Le decisioni prese. “L’Iran è il Paese da cui potrebbe arrivare la nostra sfida più grande”, ha detto la settimana scorsa al Senato il segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice. “Non abbiamo nessun problema con il popolo iraniano, vogliamo che sia libero. Il nostro problema è con il regime iraniano”. Secondo il quotidiano della capitale, nelle sue riunioni interne l’amministrazione Bush è più esplicita sull’argomento. E negli ultimi tempi ha consultato diversi esperti, ha creato un “ufficio Iran” a Washington, ha finanziato le attività dell’opposizione iraniana. Inoltre, progetta di sestuplicare nel Paese degli ayatollah le trasmissioni di Voice of America, la radio di proprietà del governo statunitense.

    Finanziamenti e aumento dei diplomatici. A questo proposito è già stato lanciato un programma da 75 milioni di dollari: oltre alle ore di trasmissione radiofonica – già passate da 1 a 4 al giorno, ma Washington punta a coprire ogni momento della giornata –, il denaro servirà per finanziare organizzazioni non governative e promuovere scambi culturali (leggi: far conoscere l’America agli iraniani). Nel frattempo, secondo il Washington Post, i funzionari del dipartimento di Stato che lavorano a tempo pieno sull’Iran sono passati da 2 a 10. Il sottosegretario di Stato Nicholas Burns ha annunciato in un’intervista che il dipartimento aumenterà il personale diplomatico a Dubai, negli Emirati Arabi, potenziando anche le ambasciate negli altri Paesi che circondano l’Iran, dove gli Usa, dal 1979, non hanno un’ambasciata. Secondo Burns, la struttura di Dubai sarà “l’equivalente nel 21esimo secolo” di quello che fu Riga, la capitale della Lettonia, verso l’Unione Sovietica negli anni Trenta, quando gli Usa non avevano un’ambasciata a Mosca.

    La questione arriva all’Onu.
    Il cambio di rotta dell’amministrazione Bush è maturato negli ultimi mesi. In precedenza, l’anno scorso, Washington aveva lasciato che a occuparsi dell’Iran fosse l’Europa: le trattative con Teheran sul nucleare – l’Iran sostiene di volere energia a scopi pacifici, la comunità internazionale sospetta che miri a dotarsi di ordigni atomici – erano state portate avanti dal trio composto da Gran Bretagna, Germania e Francia. Ma già nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, il 31 gennaio, Bush parlò direttamente ai cittadini iraniani: “L’America vi rispetta e rispetta il vostro Paese. Noi rispettiamo il vostro diritto di scegliervi un futuro e ottenere la vostra libertà. E la nostra nazione spera di diventare, un giorno, la più vicina amica di un Iran libero e democratico”, disse il presidente. Intanto questa settimana, al Consiglio di sicurezza dell’Onu, si discute dei provvedimenti da prendere nei confronti dell’Iran, che ha deciso di andare avanti sul nucleare: Russia e Cina, membri permanenti del Consiglio con diritto di veto, difficilmente approveranno un’eventuale richiesta di sanzioni. Il tiro alla fune con Teheran rischia di andare avanti ancora a lungo.

    Alessandro Ursic

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    “L’Iran è il Paese da cui potrebbe arrivare la nostra sfida più grande”, ha detto la settimana scorsa al Senato il segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice. “Non abbiamo nessun problema con il popolo iraniano, vogliamo che sia libero. Il nostro problema è con il regime iraniano”.

    risposta " iraniana" facile facile


    “L' america è il Paese da cui potrebbe arrivare la nostra sfida più grande”,..“Non abbiamo nessun problema con il popolo americano , vogliamo che CI LASCI liberi Il nostro problema è con il regime americano ..
    "dammi i soldi, e al diavolo tutto il resto "
    Marx


    (graucho..:-))

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 16-09-13, 14:29
  2. i veri obiettivi dell'IRAN
    Di Conte Von Stauffemberg nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-06-12, 09:47
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-11, 12:33
  4. In cima agli scalini c'è il congresso.
    Di Niccolò nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-07-07, 13:21
  5. La solidarietà del Pri agli obiettivi dei brigatisti
    Di nuvolarossa nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 17-02-07, 19:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226