User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Manifesto Per L'europa Che Vogliamo

    MANIFESTO PER L'EUROPA CHE VOGLIAMO


    Vaclav Klaus, presidente della Repubblica Ceca, si scaglia contro il totem illiberale dell’ultimo europeismo. In un recente discorso tenuto presso l’ambasciata del proprio paese in Lussemburgo, Klaus ha espresso concetti impressionanti, per portata culturale ed ampiezza della riflessione filosofica, che squarciano il velo di euroconformismo ipocrita tanto caro alle cariatidi della Vecchia Europa, Romano Prodi su tutti. Il presidente ceco ha espresso seri dubbi circa il futuro “sempre più unificato” dell’Unione Europea. E colpisce il fatto che questi dubbi siano condivisi dai leader di quella che fu la dissidenza dell’Est Europa, come Vladimir Buchowsky, che tempo fa a Bruxelles ha ammonito contro la trasformazione dell’Europa in una nuova Unione Sovietica, la EURSS, il superstato totalitario.

    Spiega Klaus (traduzione del dott. Mario Seminerio, segretario del club Rif. Lib. "A. de Tocqueville" di Milano):

    “I costi, dimostrabili, del rallentamento economico dell’Unione non sono stati riconosciuti. Le modalità dell’allargamento a nuovi membri, per lo più paesi ex-comunisti dell’Europa centrale ed orientale, hanno aumentato il deficit democratico della UE. L’Unione ha continuato ad espandere a passo accelerato il numero di pagine della propria legislazione, che ora si occupa di quasi ogni aspetto della vita e dell’attività umana. L’ambizioso tentativo di accelerare il processo di unificazione per mezzo del Trattato Costituzionale è stato rigettato, ma l’unificazione procede in modo strisciante, come se nulla fosse accaduto.”
    E’ importante sottolineare che, per il presidente ceco, Unione Europea ed Europa non sono lo stesso concetto:

    “Quando guardo all’ultimo mezzo secolo, vedo due diversi stadi del processo di integrazione europea, con due differenti modelli di integrazione. Il primo stadio è stato caratterizzato dal processo di apertura inter-governativa, dalla liberalizzazione complessiva delle attività umane, dalla rimozione delle barriere confinarie tra stati, quelle che ostacolavano il movimento di merci, capitali, persone, idee e modelli culturali. Il secondo stadio, che io chiamo il modello di armonizzazione, è caratterizzato da centralizzazione, regolamentazione dall’alto, armonizzazione di ogni tipo di parametro del sistema politico, economico e sociale, standardizzazione delle condizioni di produzione e consumo, omogeneizzazione dell’esistenza umana. La sua principale caratteristica è l’unificazione orchestrata dall’alto e la nascita del sovrannazionalismo. Io sono a favore del primo modello, non del secondo. So che, ovviamente, noi abbiamo sempre un mix dei due modelli, ma il punto è capire quale dei due è dominante in questo momento. La mia posizione è chiara. Io sono convinto che la centralizzazione del processo decisionale a livello di UE, e l’armonizzazione di tutti i tipi di parametri della società sia andato troppo oltre quanto fosse necessario in base a razionalità e logica economica. Sono consapevole che esistono delle “esternalità” e dei “beni pubblici” di ampiezza continentale. Questi fenomeni esistono, senza alcun dubbio, ed è opportuno che essi siano riflessi nelle istituzioni e nella legislazione europee. Ma dire che “esistono” non equivale a dire che esse dominano. Il secondo stadio dell’integrazione europea è stato basato sul concetto, del tutto erroneo, che esse siano dominanti. Imporre artificialmente questa soluzione istituzionale è sbagliato. Perdiamo tutti, nessuno guadagna.

    Suggerisco di tornare al modello intergovernativo dell’integrazione europea. Suggerisco di tornare all’antico modello di eliminazione di ogni tipo di barriera e di apertura di ogni mercato, non solo di quelli economici. Suggerisco di minimizzare l’intervento politico nelle attività umane e, dove esso è inevitabile, di realizzarlo in prossimità ai cittadini (il che significa a livello di municipalità, regioni e stati), non a Bruxelles. Lo stato-nazione è un insostituibile garante della democrazia, in opposizione a tutti i tipi di Reichs, imperi e conglomerazioni di Stati. Noi dovremmo rendere le nostre società libere, democratiche e prospere. Ciò non sarà raggiunto con un deficit democratico, con il sovrannazionalismo, con lo statalismo, con un aumento della legislazione che ci regolamenta, scruta e monitora. Abbiamo bisogno di un sistema politico che non deve essere distrutto da un’interpretazione post-moderna dei diritti umani (con la sua enfasi sui diritti positivi, con il dominio dei diritti di gruppo su diritti e responsabilità individuali, e con la sua denazionalizzazione della cittadinanza), con l’indebolimento di istituzioni democratiche che hanno le proprie insostituibili radici sul territorio degli Stati, con la “multiculturalmente” indotta perdita di coerenza entro gli stati, e con le rendite di posizione di portata continentale delle varie istituzioni non governative.
    Abbiamo bisogno di un sistema di idee che deve essere basato su libertà, responsabilità personale, individualismo, cura degli altri basata sul diritto naturale ed una condotta di vita genuinamente morale.”


    Se qualcuno ritiene che queste affermazioni siano il prodotto piuttosto naif di un esponente di società basate sul nazionalismo, dovrebbe invece riflettere su quanto simili proposizioni siano ricche del vero europeismo, quello dei Padri fondatori della costruzione europea. Coniugare diritti e responsabilità individuali, senso della comunità e tradizione, liberalizzazione economica e tutela dei più deboli fuori dall’ormai esausto modello di welfare che ci sta condannando al declino è la vera sfida che i cittadini d’Europa hanno di fronte. Perderla equivarrebbe al declino economico, identitario e delle libertà democratiche, a tutto vantaggio della creazione di un superstato dominato da suggestioni e prassi totalitarie, ipercorporativo, infiltrato da pulsioni liberticide e fanatismo religioso, entrate nel continente grazie al cavallo di Troia della negoziazione di diritti collettivi, che rappresentano l’essenza dell’antiliberalismo.

    Mario Seminerio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Feb 2006
    Messaggi
    143
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Molto condivisibile, a parte l' enfasi posta sullo stato-nazione, a meno che non si intenda che le nazioni dovrebbero essere grandi come la Repubblica Ceca...o meglio il Lussemburgo dove è stato tenuto il discorso..a quel punto suggerirei di togliere di mezzo anche lo stato!
    Farei dell' Europa una specie di EFTA, niente più...

  3. #3
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Independent
    Molto condivisibile, a parte l' enfasi posta sullo stato-nazione, a meno che non si intenda che le nazioni dovrebbero essere grandi come la Repubblica Ceca...o meglio il Lussemburgo dove è stato tenuto il discorso..a quel punto suggerirei di togliere di mezzo anche lo stato!
    Farei dell' Europa una specie di EFTA, niente più...
    Qui siamo in EUROPA! non viene in mente a nessuno che al di là dello stato ci sono le persone. figuriamoci se un capo di stato può arrivare a pensare che siano gli individui a opporsi alla nascita di un superstato. no si riesce, solo a pensare che tutti gli individui siano d'accordo sul superstato. poi chissà perchè nei referenda il superstato è stato bocciato!
    arcani incomprensibili!!!!!!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Manifesto Per L'europa Che Vogliamo
    Di Hayekfilos (POL) nel forum Politica Europea
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 25-03-06, 08:27
  2. Manifesto Per L'europa Che Vogliamo
    Di Hayekfilos (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-03-06, 08:43
  3. Manifesto Per L'europa Che Vogliamo
    Di Hayekfilos (POL) nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-03-06, 07:48
  4. Manifesto Per L'europa Che Vogliamo
    Di Hayekfilos (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-03-06, 17:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226