User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: La Lega cambia

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Lega cambia

    Alla maggior parte degli italo-canadesi, soprattutto quelli vicini alla cinquantina, il nome di Guido Renzi suonerà quasi familiare. Per gli altri è sufficiente una rapida sbirciata su qualsiasi motore di ricerca telematico. Internet pullula di racconti sul giovanotto romano che, a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, ha partecipato a Cantagiro e Disco per l'estate con un paio di serenate à la Peppino Gagliardi. Quel Guido Renzi è lo stesso che oggi, a parecchi lustri di distanza, ha deciso di accettare le avances della Lega Nord e di correre per un posto alla Camera. Scelta inconsueta? A sentire lui no, anzi, tutto come da programma. «Sono un Don Chisciotte - dice al Corriere Canadese - mi batto da una vita, non potevo perdere questa occasione».

    Il suo più grande successo s'intotola Amica Mia (1969) e ha venduto oltre un milione e mezzo di copie. Poi è stato il momento di Tanto Cara (1970), terza al Cantagiro. Una volta sceso dal palcoscenico, Renzi ha condotto una serie di trasmissioni televisive su emittenti locali italiane. Oggi vive a Montréal con la propria famiglia, dove insegna italiano.

    Allora ci spieghi, Guido Renzi: com'è venuta la scelta di rappresentare la Lega Nord in Canada?
    «Io apprezzo questo partito politico. So che in passato ci sono stati degli episodi in chiaro scuro, che possono anche aver dato un'idea non proprio positiva del partito. Però le cose sono profondamente cambiate ora. E la dimostrazione pratica di quel che voglio dire si può leggere facilmente nelle cronache degli ultimi cinque anni, nell'azione che la Lega ha svolto al governo. Il partito ha sempre utilizzato un linguaggio piuttosto forte, ma credo si trattasse di una necessità per attirare gli elettori, soprattutto quelli del Nord. Lo slogan "Roma ladrona" per esempio, tanto in voga negli anni Novanta, è stato una trovata per così dire pubblicitaria. Il fatto che Roma sia ladrona un po' è vero, ma lo stesso si sarebbe potuto dire di Milano se Milano fosse stata la capitale d'Italia».

    Cosa le piace della Lega Nord?
    «Glielo spiego subito. La Lega è un partito come me, pane al pane e vino al vino, dice le cose come stanno, senza compromessi. Prendiamo la questione dell'immigrazione per esempio, che in Italia è vissuta come una problematica. Noi siamo tra i pochi che hanno cercato di affrontare con decisione questo fenomeno, fuori da ogni retorica. Oggi infatti c'è una legge chiamata Bossi-Fini che regolamenta in maniera severa l'immigrazione».

    Quindici anni fa, quando la Lega ha cominciato la propria ascesa, lei viveva ancora in Italia. In quel periodo Bossi parlava di secessione, i toni del Senatur non erano esattamente quelli del circolo Lord Brummel. Lei è romano, non era infastidito dalla propoganda leghista?
    «La Lega non è un partito perfetto, però sta cercando un proprio equilibrio, ha dei valori che vuole difendere, come il rispetto per gli elementi fondanti della nostra società: la religione cattolica, la famiglia, il lavoro. E poi, come ho detto, credo che i toni siano cambiati molto negli ultimi anni. È vero, prima si parlava di secessione, poi di federalismo, adesso si è arrivati alla devolution e recentemente è stata completata una riforma costituzionale che ha ottenuto l'appoggio di tutto il centrodestra, da Forza Italia all'Udc ad Alleanza nazionale. Penso che, probabilmente, quindici anni fa sia stato necessario usare determinate espressioni per attirare l'elettorato. Ora non è più necessario, l'esperienza di governo ha fatto maturare il partito, ci stiamo avvicinando ad un nuovo equilibrio anche sotto il profilo dei valori, questo è innegabile».

    Gli elettori nordamericani potrebbero faticare a comprendere il passaggio e, di conseguenza, a concederle la loro fiducia. La maggior parte degli italo-canadesi proviene dal Meridione: questo potrebbe rappresentare un grande problema grande per lei.
    «Sì, sinceramente credo che questo possa essere un problema. Ed è possibile che io non vinca, che non venga eletto, ma poco importa. Sono un Don Chisciotte, mi batterò ugualmente, lo faccio anche per me stesso. Voglio dire quello che penso, parlare di quello che farei per migliorare la vita degli italo-canadesi. Le mie idee non coincidono sempre con quelle della Lega: io sono io, ho i miei princìpi, i miei ideali, e credo che questa sia l'occasione giusta per far sentire la nostra voce. È un'occasione storica, per la prima volta abbiamo la possibilità di eleggere dei nostri rappresentanti al Parlamento italiano. Non possiamo perdere questa chance».

    Quali sono i primi punti che le piacerebbe realizzare nel caso venisse eletto?
    «C'è tanto da fare per la nostra cultura. Io voglio una scuola tutta italiana in Canada, dalle elementari alle superiori. Siamo molto numerosi qui e non capisco perché non ci sia già una struttura del genere in Canada. Poi bisogna sovvenzionare tutto quel che ruota intorno alla cultura. Quindi più contributi all'informazione in lingua italiana, alla stampa, alla radio, ma anche al teatro. La cultura va incentivata, sia per senso pratico che per orgoglio nazionale. Il Canada, poi, è pazzo dell'Italia».

    Quali sono i problemi principali da risolvere?
    «Penso che sia necessario ridare la cittadinanza italiana alle persone che l'hanno persa. C'è anche tanta gente che, venendo qui, ha perso le proprietà che aveva in Italia. Cerchiamo allora una forma di accomodamento».

    Lei potrebbere anche finire all'opposizione. Come si comporterebbe a quel punto?
    «Io vorrei dire solo una cosa ai politici italiani, e lo faccio da cittadino. Vorrei che la smettessero di fare i buffoni. Odio l'ipocrisia. Detesto il fatto che, chi sta alla minoranza, debba sempre gridare alla catastrofe, allo scandalo, alla rovina. Credo che questo modo di fare attiri solo antipatie: non si possono prendere in giro le persone, tutti vedono che le cose non vanno così male come si dice. L'opposizione deve esercitare il proprio ruolo, che può essere anche di critica, ma critica positiva, costruttiva. In caso contrario, quando si costruiscono solo barricate, il risultato che si ottiene è solo quello di insultare l'intelligenza delle persone».

    http://www.corriere.com/viewstory.ph...d=48852&page=1

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,960
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  3. #3
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io voglio una scuola tutta italiana in Canada, dalle elementari alle superiori. Siamo molto numerosi qui....


    Della serie: gli immigrati non si integrano, pretendono addirittura di avere delle scuole loro, invece di adeguarsi alla cultura del paese che li ospita ecc ecc ecc....(dove le ho lette queste cose?)

    Del resto legge il compitino che gli hanno detto di leggere da bellerio, la linea e' quella....orgoglio nazziunale, religione cattolica, dio-patria-famiglia, siamo paisa', ...

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ormai sono dichiarazioni normali. Lo stesso segretario nazionale ligure, ieri sera in un'intervista al TG3 regionale, in occasione della presentazione delle liste (fossi stato in loro non le avrei presentate sperando che la gente non le leggesse), ha parlato di "orgoglio di essere italiani".
    Ormai è chiaro che questa è la linea. Se poi qualcuno vuole ancora votare Lega, lo faccia. Ma sappia che vota un normale partito italiano o forse, ormai, il partito italiano per antonomasia.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 94
    Ultimo Messaggio: 27-01-06, 10:25
  2. Lega e Udc: la par condicio non si cambia
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-10-05, 17:19
  3. Lega: la legge elettorale non si cambia
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-09-05, 09:21
  4. Provinciali: Lega non cambia idea, a Milano corre da sola
    Di Il Patriota nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-05-04, 22:21
  5. Bossi cambia la LEGA ???
    Di Zickler nel forum Padania!
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 25-06-03, 21:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226