User Tag List

Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 155
  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    El segreto de la Felisità xe la Libartà,e de la Libartà el Corajo." Onore a G.Segato

    l'ideologo dei Serenissimi ....l'ho appreso or ora dal tiggì3 regionale

    sentite condolianze





    W..SAN MARCO

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Gustave1874
    Ospite

    Predefinito

    Come?

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    25 Mar 2006
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito era malato?

    puoi darci maggiori informazioni? grazie

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    si so che non godeva della miglior salute...altri particolari non li so, perchè l'ho appena sentito al tiggì3 la notizia mi ha preso in contropiede, non avevo fatto molto caso a quanto dicevano se non alla fine quando ho capito l'accaduto

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Riposi in pace.



    W SAN MARCO

  6. #6
    Moderatamente estremista
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    1,555
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dei Serenissimi ho conosciuto personalmente solo Severino Contin, avevo sempre desiderato parlare un giorno con Segato. Mi dispiace. Sentite condoglianze, anche a tutti i veneti.
    San Marco

  7. #7
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball
    Riposi in pace.



    W SAN MARCO
    ONORE A BEPIN SEGATO, UNO CHE NON HA MAI RINNEGATO NIENTE, UNO DA CUI IMPARARE.

    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

  8. #8
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Guerriglieri per una notte

    I carabinieri bloccano otto "ribelli veneti"


    dal corrispondente de La Repubblica
    ROBERTO BIANCHIN

    --------------------------------------------------------------------------------

    VENEZIA - Hanno le mani alzate al cielo e gli occhi ridotti a due fessure quando escono sconfitti da quel buffo blindato fatto in casa sui resti di un camion, che monta la canna di una stufa al posto del cannone e ha un leone spettinato dipinto sulla fiancata. Un sole tiepido si affaccia su San Marco alle otto del mattino. Sono giovani, tranne uno, hanno i capelli corti e gli occhi stanchi, gli ultimi combattenti della Serenissima. Due escono dal blindato, gli altri sei dal campanile.
    I carabinieri non fanno complimenti. Li sbattono in ginocchio, testa in giù sulla piazza. Li frugano, li ammanettano. Loro ringhiano. "Sèmo prigionieri poitici" gridano nel dialetto stretto delle campagne venete. "I ne vendicarà". "Ci vendicheranno" minacciano. Una voce, un'ora dopo, urla nel telefono, al centralino della Rai: "State attenti, la lotta continua. Viva la Repubblica Veneta". E alle nove di sera la "Armata veneta di liberazione" minaccia, in un comunicato all'Ansa, di "rispondere alla violenza degli occupanti italiani" se gli otto veneti non verranno rilasciati entro 48 ore.
    Sono riusciti a "liberarla", Venezia, solo per sette ore, asserragliati in cima al campanile, protetti da un camper e dal blindato, armati di un mitra, di casse di vino e bottiglie di grappa, naturalmente veneta. Per resistere almeno fino a lunedì, giorno del bicentenario della caduta della Serenissima. Per lanciare proclami e volantini. Come aveva detto il loro Doge, il pirata, durante le intrusioni televisive al Tg1: 15, dal 17 di marzo. L'ultima, alle sei e mezza di ieri mattina, trasmessa da un'emittente di forte potenza che si erano portati dietro e avevano piazzato in cima al campanile: "Abbiamo liberato Piazza San Marco". Un'impresa che può costare molto cara. I "liberatori" dovranno probabilmente rispondere di una sfilza di reati: banda armata, associazione sovversiva, sequestro di persona a scopo di eversione, attentato all'integrità dello Stato e detenzione illegale di armi. Condanne: da 15 anni all'ergastolo.
    Gli otto combattenti del "VSG" (Veneto Serenissimo Governo) e della "VSR" (Veneta Serenissima Repubblica), hanno resistito una notte sola. Ma per una notte hanno tenuto in scacco la città, con Piazza San Marco isolata, blindata, i tiratori scelti appostati sui tetti dei palazzi, gli elicotteri a ronzare nel cielo, e quel buffo blindato a gironzolare solitario per la piazza con la bandiera oro e granata della Serenissima sul tetto e un faro sul davanti. Uno scenario irreale, da golpe. Non si sono arresi, no. Aspettavano il loro "ambasciatore" e il loro "presidente", che però non si sono fatti vedere. Alle prime luci del giorno, sono stati sorpresi da un blitz fulmineo dei Gis, i reparti speciali dei carabinieri, che in otto minuti hanno scalato il campanile e li hanno bloccati. Uno dopo l'altro.
    Sono quattro veronesi e quattro padovani. Flavio e Christian Contin, zio e nipote (Flavio è il più vecchio del commando, ha 55 anni), Andrea Viviani, Fausto Faccia, Moreno Nemini, Gilberto Buron, Luca Peroni, Antonio Barison. In serata a Cittadella, nel padovano, ne fermano un altro. Giuseppe Segato, studioso del popolo veneto. E' sospettato di essere l'"ambasciatore" degli insorti e l'autore dei testi dei proclami al Tg1. Barison invece finisce in ospedale, in prognosi riservata. Ignote le cause del malore, i Gis dicono che non ci sono stati scontri, secondo la "Armata veneta" invece ci sono state "torture e sevizie", perchè gli agenti "tutti del sud, odiano la gente del nord".
    Nel cortile della caserma dei carabinieri, a San Zaccaria, dove arriva il comandante generale dell'Arma, Sergio Siracusa, a fare i complimenti ai suoi uomini ("lo Stato ha dimostrato una capacità di reazione molto importante"), gli otto serenissimi combattenti sfilano coi ferri ai polsi. Orgogliosi. Flavio, il vecchio, ha ancora addosso una specie di tuta mimetica, di foggia militare. Sorride, sprezzante, come di chi si sente dentro la storia. "Par Venessia - biascica - par eà Republica". Gli altri sono in jeans, portano maglioni, camicie a righe e capelli corti. Uno ha gli occhiali da miope e una faccia da ripetente, un altro è grassottello, sulla trentina. I Contin, insieme a Viviani e Faccia, erano già finiti nel mirino del procuratore capo di Verona. Guido Papalia, che li considera "simpatizzanti leghisti fuoriusciti", li teneva d'occhio sin dai giorni dell'inchiesta sulle camicie verdi, nel settembre '96, e li aveva indagati, lo scorso marzo, per le incursioni nel Tg1. La procura veronese aveva preparato un blitz per arrestarli stanotte.
    "Siamo prigionieri politici" dicono. E spiegano che hanno agito "come esponenti dell'esercito del Veneto Serenissimo Governo, e su mandato del presidente della Repubblica di Venezia". In tasca hanno una carta di identità contraffatta, rilasciata dalla Repubblica di Venezia. "Doveva arrivare il nostro ambasciatore in Piazza San Marco - aggiungono - ma non ha potuto farlo, perchè è sopraggiunto un impedimento che all'ultimo momento non gli ha consentito di raggiungerci". Spiegano che l'assalto al campanile aveva un significato di "occupazione simbolica" di tutta la città in attesa dell'arrivo del misterioso "Presidente", previsto per lunedì.
    Erano arrivati col ferry-boat, il blindato nascosto sopra un camion con rimorchio. Per la corsa di mezzanotte e venti, dal Tronchetto al Lido, c'era una fila di auto in attesa. Loro vestono divise militari e superano la coda, scaricano il blindato, lo mettono di traverso, bloccano l'accesso, e puntano il Mab (l'unica arma del commando, con 70 pallottole) in faccia al comandante del "San Marco", Giovanni Girotto. "Molla gli ormeggi" gli dicono, e chiudono nel cesso gli unici quattro passeggeri. "Erano determinati, si parlavano tra loro con delle radioline - racconta Girotto - ma non sembravano molto preparati militarmente, e dicevano che con la Lega non c'entravano nulla. Prima di salire hanno anche pagato il biglietto".
    Il commando fa fermare il ferry davanti al molo di San Marco. Sbarcano il camper e il blindato ma lasciano a bordo il camion. "Regalalo a Scalfaro" urlano al comandante. I turisti che tirano tardi nei caffè non fanno una piega. Credono che sia un film. Si preoccupano solo quando vedono arrivare un esercito di poliziotti e di carabinieri armati che circondano la piazza. Il blindato scorazza per San Marco. "Andate via o spariamo" gridano i serenissimi che hanno il volto coperto dai passamontagna. Parcheggiano il camper davanti alla porta del campanile, la sfondano e salgono su. Comincia una lunga notte di trattative, attorno al camper, tra il commando e la polizia. Poi arriverà anche il sindaco. "Diteci cosa volete" dice la polizia. "Non avvicinatevi, tra poco arriverà il nostro ambasciatore, parlerete con lui" ripetono gli assaltatori.
    La trattativa non porta a nulla. Alle otto del mattino Giovanni Troiani, il prefetto, ordina il blitz. 24 agenti speciali dei Gis dei carabinieri sono arrivati nella notte con un volo da Livorno. Hanno una Range Rover d'assalto con il tetto che si alza fino a dieci metri. Si dividono in tre gruppi e salgono, con delle scale, fino in cima al campanile. Tirano due lacrimogeni e in pochi minuti sorprendono i serenissimi combattenti che si arrendono senza fare resistenza. Nel campanile trovano pacchi di volantini, casse di viveri, come se pensassero di resistere a lungo, e una radio trasmittente.

  9. #9
    Moderatamente estremista
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    1,555
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ma quando la Lega farà i conti con questa storia?

  10. #10
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    dopo il 10 aprile...la sua misera percentuale sarà come un pò fare i conti anche con la storia dei Serenissimi

 

 
Pagina 1 di 16 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 18-12-08, 09:10
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 10:40
  3. el corajo
    Di Jefferson nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-07-07, 22:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226