User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Minchia che alleanza!!

  1. #1
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Minchia che alleanza!!

    l'intervista Il leader degli «autonomisti» spiega l'alleanza con Bossi

    Lombardo: patto chiaro per il Sud

    «Non un voto andrà alla Lega, ci battiamo solo per la nostra gente»


    Raffaele Lombardo, è il leader del Movimento per l'Autonomia che, alle elezioni del 9 e 10 aprile si presenta con una lista in alleanza con la Lega Nord. Perché un partito del Sud e perchè ora, non è troppo tardi? «Perché siamo il fanalino di coda dell'economia e della società italiana. Ultimi i calabresi, penultimi i siciliani, per esempio, quanto al reddito pro capite e così anche per l'occupazione. Perché bisogna invertire una tendenza, perché i partiti nazionali a cui abbiamo consegnato, con una delega in bianco, fiducia e consenso ci hanno tradito, hanno trattato la Sicilia, la Puglia, la Campania come un feudo» Arrivano attacchi o obiezioni o accuse da tutte le parti, da Casini come da Bianco, che hanno definito innaturale l'alleanza con la Lega. «Temono che gli venga meno il granaio siciliano. Li capisco. L'accordo con la Lega era l'unico possibile per una semplice ragione: anzitutto conviene a noi. Intanto perché ciascuno è padrone a casa sua. Noi al Sud, loro al Nord. Questo fatto ci ha consentito di candidare Siciliani autonomisti in Sicilia, pugliesi in Puglia e calabresi in Calabria e cosi via fino al Lazio, Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania e Sardegna. Quindi non un nostro voto andrà alla Lega. E poi perchè condividiamo un terzo del simbolo e non abbiamo avuto bisogno di raccogliere le firme. Se ci fossimo alleati ai partiti dei sopraddetti Signori, cosa avremmo avuto? Né pezzetti di simbolo, né candidati. Saremmo scomparsi». Certo la Lega si porta dietro un'etichetta imbarazzante di razzismo. «Razzisti sono i partiti dei sopraddetti signori, non la Lega. La Lega era antimeridionalista, ma solo a parole, prima che sottoscrivesse un accordo con l'Mpa. Noi meridionali non abbiamo dato un solo voto alla Lega. La Lega ha servito gli interessi dei suoi elettori del Nord. Noi i voti li abbiamo dati ai partiti nazionali. E cosa ne hanno fatto?» Si sarebbe potuto anche alleare con Prodi. Perché non l'ha fatto? «Perché Prodi dice no al Ponte sullo Stretto di Messina e no alle grandi infrastrutture. Sono convinto che il veto dei Verdi sul Ponte sia la classica foglia di fico. Prodi a mio avviso non lo vuole perché la pensa come certi poteri economico-finanziari (che non a caso si sono espressi a suo favore attraverso l'appoggio concessogli dal Corriere della Sera) che relegano il Sud al ruolo di mercato di consumo: stipendi e pensioni per comprare elettrodomestici, autovetture e merendine; niente infrastrutture, niente produzione, salvo un po' di agricoltura e turismo». È alleato con Berlusconi anche dopo avergli lanciato molte accuse. «Ho detto sì a Berlusconi perché ha detto davvero sì al Ponte. Perché ha collocato il Sud al 2° punto dei 10 del suo programma di governo ed è intervenuto sul Ppe e sul capogruppo al Parlamento Europeo, Poettering, perché prima la commissione parlamentare e poi il Parlamento europeo deliberassero a favore (era il 14 febbraio scorso) della fiscalità di vantaggio o compensativa. Perché si anticipasse al 9 marzo l'avvio del lavoro del Comitato promotore della Banca del Sud. Io temevo fosse un baraccone. Tremonti mi ha spiegato che i 5 milioni di dotazione iniziale servono solo per il lavoro preparatorio e che il capitale della banca, di cui il Sud ha disperatamente bisogno, sarà a prevalenza privato. E poi sia chiaro: l'approccio dell'MPA al tema delle alleanze non è stato fideistico-ideologico, ma programmatico. C'è un patto chiaro: se sarà mantenuta la priorità Mezzogiorno, l'amicizia sarà lunga; se invece il patto sarà violato ognuno per sé, Dio per tutti, l'MPA per il Sud». Andrea Lodato

    30/03/2006 Gazzetta del Mezzogiorno

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Basileus ton Romaion
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Località
    Neà Ròmi
    Messaggi
    17,931
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa è la più grande fregnaccia che Lombardo potesse dire. Il simbolo dell'alleanza Lega-MPA è troppo simile (per non dire uguale) a quello della Lega Nord, e un meridionale non lo voterà mai. Sta cercando di recuperare credibilità.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'11 aprile.

    - 12. Manca ormai poco al "giorno del giudizio". Effettivamente dal risultato che conseguira' la Lega bisognera' sottrarre i voti degli altri, che ovviamente non ci appartengono e che serviranno solo, parlo per noi, come un incremento artificiale.

  4. #4
    Il Longobardo
    Data Registrazione
    12 Aug 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    514
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sempre sperando che non venga eletto uno del MPA.

  5. #5
    Subcomandante
    Data Registrazione
    22 Nov 2002
    Località
    Savona, LIGURIA -PDN-
    Messaggi
    888
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da El Milanes
    Sempre sperando che non venga eletto uno del MPA.
    A dire il vero qualche rischio a riguardo potrebbe esserci, soprattutto nella sicilia feudo di lombardo, nel lazio o in campania con cecchi gori e forse in sardegna, anche se questi rischi potevano esserci con una Lega al 10%, ma al 4% sono meno probabili..........

    LIGURIA NAZIONE
    PADANIA INDIPENDENTE
    Subcomandante

  6. #6
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Brenno
    A dire il vero qualche rischio a riguardo potrebbe esserci, soprattutto nella sicilia feudo di lombardo, nel lazio o in campania con cecchi gori e forse in sardegna, anche se questi rischi potevano esserci con una Lega al 10%, ma al 4% sono meno probabili..........

    LIGURIA NAZIONE
    PADANIA INDIPENDENTE
    In Sardegna mi pare che l'MPA non esista...... E se si, come partito itagliano, tipo Ds, AN, Rif. Com., ecc.
    Un candidato Psd'Az lo avete invece nelle vostre padanissime liste in Lombardia, e si chiama Giacomo Sanna (N.9)......

    Comunque che Lombardo e i siculo-italo-meridionali la smettano di infilare la nostra Isola nei loro territori: solo un'idiota masochista vorrebbe sostituire l'attuale colonialismo romano con uno terrone...... Solo un babbeo potrebbe candidarsi con l'MPA......

    Ne nord, ne sudde: Sardinnya no est Itaglia.....
    Indipendentzia!

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Messaggi
    270
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vedrete in campania quello che succedera',se e'veo che calderoli ha fatto 3000 tessere equivalgono a minimo 6/7000 voti....mamm mia che casino.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,960
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rosenthal
    vedrete in campania quello che succedera',se e'veo che calderoli ha fatto 3000 tessere equivalgono a minimo 6/7000 voti....mamm mia che casino.
    intendi questo

  9. #9
    Indipendentista sardu
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Località
    Varese - Disterru
    Messaggi
    13,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kornus
    In Sardegna mi pare che l'MPA non esista...... E se si, come partito itagliano, tipo Ds, AN, Rif. Com., ecc.
    Un candidato Psd'Az lo avete invece nelle vostre padanissime liste in Lombardia, e si chiama Giacomo Sanna (N.9)......

    Comunque che Lombardo e i siculo-italo-meridionali la smettano di infilare la nostra Isola nei loro territori: solo un'idiota masochista vorrebbe sostituire l'attuale colonialismo romano con uno terrone...... Solo un babbeo potrebbe candidarsi con l'MPA......

    Ne nord, ne sudde: Sardinnya no est Itaglia.....
    Indipendentzia!

    no che non esiste, ma credo parlino del PSd'Az, ma non sanno che in Sardegna si presenta solo al senato e per i fatti suoi, nessun voto per la Lega Nord quindi... non so cosa l'hanno fatto a fare l'accordo con l'anguillifero G. Sanna... bòh... bene che gli vada ci smenano un parlamentare leghista e va sù Sanna...

  10. #10
    Indipendentista sardu
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Località
    Varese - Disterru
    Messaggi
    13,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lettera di G. Sanna alle iscritte ed agli iscritti.

    --------------------------------------------------------------------------------

    PARTIDU SARDU - PARTITO SARDO D'AZIONE
    Il Segretario Nazionale


    Caro/a iscritto/a,
    le strumentalizzazioni di questi ultimi giorni, unite all'esito delle trattative in vista delle elezioni politiche, mi obbligano a sottolineare alcuni punti centrali riguardanti la collocazione del partito per le elezioni della Camera dei Deputati e dei Senato.

    Il PsdAz al Senato
    il 9 e 10 aprile prossimo il Partito Sardo d'Azione partecipa alle elezioni per il rinnovo del Parlamento Italiano, presentando la lista dei Quattro Mori e i candidati solo al Senato (scheda gialla). La decisione di non presentare la lista del Psd'Az anche per l'elezione della Camera dei Deputati è stata assunta in accordo con il Consiglio nazionale e la Direzione nazionale dei partito. Le ragioni di tale scelta, derivano dall'impossibilità di concorrere all'assegnazione dei seggi per effetto delle norme liberticide della legge elettorale attualmente in vigore. Lo sbarramento fissato, per i partiti che non si presentano né con la coalizione del centrodestra e né con quella del centrosinistra (è il caso dei Partito Sardo d'Azione) è del 20% a livello italiano. Ciò significa che se anche l'intera Sardegna votasse il Psd'Az non raggiungeremo neppure un quarto dei quorum richiesto. I nostri avversari politici non avrebbero dimenticato di denunciare come il voto ai Quattro Mori, sarebbe stato nella realtà un “voto sprecato” e il Partito, non avrebbe potuto concentrare le sue risorse economiche e i suoi sforzi laddove, invece, l'elezione di un sardista è non solo possibile ma, anche probabile: al Senato. Queste valutazioni, condivise e deliberate dai preposti organismi di partito, sono state dibattute e discusse nelle riunione del Consiglio nazionale e soprattutto, in quella operativa dell'ultima riunione della Direzione, tenutasi a Macomer. Prima quindi delle decisioni inerenti gli accordi politici (poi saltati) e prima dell'approvazione delle candidature.

    Le trattative con l'Unione
    Il Partito Sardo d'Azione ha ricercato il confronto politico con i partiti del centrosinistra, per dare corpo ad un'alleanza elettorale in vista delle elezioni politiche. Lo abbiamo fatto in termini propositivi e con la lealtà che ci contraddistingue. Abbiamo allargato il tavolo delle trattative con l'Unione ai partiti che insieme al Psd'Az costituiscono il partito europeo dei popoli identitari (l'Alleanza Libera Europea). In particolare abbiamo attivato un interlocuzione positiva con la Liga Veneta e l'Alleanza Lombarda e, insieme ai nostri alleati a Bruxelles, abbiamo condotto le trattative con i responsabili italiani della coalizione che sostiene Romano Prodi. L'esito è stato il seguente: l'Unione ha riconosciuto il diritto di tribuna alla Liga Veneta, candidando nella lista dell'Ulivo per la Camera in Lombardia, il suo leader Fabrizio Comencini, All'Alleanza Lombarda (che eleggerà per la terza volta con il proprio simbolo il senatore Egidio De Paoli) è stato assegnato un ulteriore seggio, sempre nalla lista dell’Ulivo alla Camera nella circoscrizione Lombardia. La risposta per il PsdAz è stata una delega, da parte dei coordinatori nazionali dell'Unione, al responsabile degli enti locali della segreteria nazionale dei Ds, Antonello Cabras, perché definisse i dettagli dell'accordo con il Psd'Az in Sardegna. Ma nessuna risposta è pervenuta al Psd'Az, se non un provocatorio invito a sostenere il centrosinistra alla Camera e a concorrere all'elezione di un proprio rappresentante, attraverso la presentazione della lista dei Quattro Mori al Senato. Nessuna possibilità di interloquire con gli estensori del programma e neppure nessun accenno sulle eventuali opzioni programmatiche dei sardisti, da inserire nel programma politico della coalizione del centrosinistra. Un atteggiamento irriguardoso e persino offensivo. Ma non è una novità. Sono, infatti, dieci anni esatti che il partito non conclude accordi con il centrosinistra nelle elezioni politiche, né in quelle regionali. L'ultimo è datato 1996, il centrosinistra conquistò grazie ai voti sardisti quattro collegi in più rispetto al centrodestra in Sardegna e il Psd'Az ottenne un seggio al Senato con l’indimenticato Franco Meloni. Dopo quella esperienza si sono consumate gravi rotture politiche tra il Psd'Az e il centrosinistra in Sardegna. Mi limito ad elencarle cronologicamente: nel 1997, l'allora presidente della giunta regionale, Federico Palomba, sostenuto da una maggioranza di centrosinistra, scarica dal governo regionale il Partito Sardo d'Azione, preferendo imbarcare in giunta e in maggioranza il partito di Rifondazione Comunista e Rinnovamento Italiano. Nelle politiche del 2001 sardisti e Ulivo non raggiungono alcun accordo e il Psd'Az si presenta in coalizione con Sardigna Natzione.

    Alle Regionali dei 2004, dopo un accordo sul programma, le segreterie italiane dei partiti dei centrosinistra impongono alle segreterie sarde la candidatura a governatore di Renato Soru. Stravolgono metodo e programma e il Psd'Az si è presentato con la coalizione indipendentista "Sardegna Libera". Le uniche collaborazioni tra il Partito Sardo d'Azione e i partiti dei centrosinistra si sono limitate alle elezioni amministrative dei 2000 e alle ultime dei 2005. Grazie ai recenti successi alle elezioni dello scorso maggio sardisti e centrosinistra governano insieme sette province su otto e numerosi e importanti Comuni. Emerge un dato, i voti sardisti sono stati determinanti, nella maggior parte dei casi, per la elezione dei sindaci e dei presidenti di Ds o Margherita, ma nessun sardista è stato eletto sindaco o presidente della Provincia con i voti del centrosinistra. Cito i casi di Leonardo Marras a Sassari, Linalba Ibba a Oristano e l'ultimo, in ordine di tempo, dei presidente del partito, Silvano Cadoni, unico candidato dei centrosinistra in Sardegna ad essere sconfitto alle elezioni dei maggio 2004.

    Il Psd'Az e la Lega Nord-Movimento per le Autonomie
    Il Partito Sardo d'Azione non ha siglato alcun accordo politico con la Lega Nord-Movimento per le Autonomie in vista delle prossime elezioni politiche. La Lega ha riconosciuto, spontaneamente e autonomamente, al Partito Sardo d'Azione, il così detto “diritto di tribuna”, candidando nella lista dei Senato in Lombardia, il segretario nazionale dei Psd'Az. Il partito non ha alcun vincolo di schieramento e gli eletti sardisti non hanno alcun vincolo di adesione ai gruppi parlamentari. Le liste della Lega-Mpa non sono in contrapposizione a quelle dei Psd'Az in nessuna circoscrizione dei territorio italiano e tanto meno in Sardegna. Dalla Lega ci è stata offerta una opportunità politica che i nostri alleati tradizionali (il centrosinistra) ci hanno negato. La scommessa della Lega è creare, all'indomani delle elezioni politiche, una grande alleanza tra tuffi i partiti e i movimenti autonomisti e indipendentisti che operano in Italia ed è in questa ottica che il “diritto di tribuna” ai sardisti nel prossimo parlamento, rappresenta il riconoscimento politico ai valori e alla grande tradizione federalista di cui il Psd'Az è portatore in Italia e in Europa. E' un progetto appena avviato che come sardisti non abbiamo approvato. Perché non lo abbiamo mai discusso. Lo faremo con coscienza e senso di responsabilità nell'unica sede deputata a stabilire linea politica e strategia d'azione: il Congresso nazionale. Per questo ritengo opportuno preannunciare la richiesta di un assise straordinaria del partito, da tenersi entro l'anno, così da consentire agli iscritti e ai militanti di partecipare, in autonomia e libertà, alle scelte politiche e strategiche che condizioneranno il cammino futuro del Partito Sardo d'Azione.


    Il voto per la Camera dei Deputati
    Per le ragioni evidenziate in precedenza, il Partito Sardo d'Azione non presenta il proprio simbolo, né candidati, per l'elezione della Camera dei Deputati. I sardisti hanno libertà di voto. Ma la priorità dei sardisti è compiere ogni sforzo possibile per raccogliere quanto più consenso possibile a sostegno della lista dei candidati dei Psd'Az per il Senato. Per questo il voto sardista alla Camera andrà a chi ci sostiene al Senato e non certo a chi, ha cercato di cancellare il partito dal prossimo Parlamento, per portare a compimento un processo, in corso ormai da anni, che punta a indebolire tutti i sardisti, privando il partito della legittima libertà di scelta e di azione.
    Confido, dunque, nel tuo impegno e nel tuo sostegno ai candidati del Psd'Az e alla politica sardista, offrendoti l'incondizionata disponibilità a promuovere insieme, tutte le iniziative che riterrai opportune, per far vincere il Partito Sardo d'Azione nelle imminenti e decisive elezioni politiche dei prossimo 9 e 10 aprile.

    Fortza Paris

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. minchia 19.000 post!
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 23-09-12, 09:47
  2. Minchia
    Di DrugoLebowsky nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 08-04-07, 10:27
  3. Minchia oh.....................
    Di RibelleSano nel forum Fondoscala
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-04-06, 14:24
  4. Minchia....
    Di O'Rei nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-06-04, 15:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226