User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    25 Mar 2006
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Amarcord: Gilberto Oneto in risposta a Montanelli

    Amarcord : Gilberto Oneto in risposta a Indro Montanelli
    Gilberto Oneto in risposta a Indro Montanelli
    da La Padania del 7 giugno 1998
    da "La Padania" del 7 giugno 1998

    Meglio figli di puttana
    che figli della lupa

    di Gilberto Oneto
    Montanelli è stato un grande giornalista, ha nel suo lungo passato dimostrato grandi capacità professionali, ha anche avuto memorabili momenti di coraggio (che ha pagato di persona) e di coerenza ma è anche stato il cantore del compromesso, dell'italica propensione a servire tutti i vincitori, è stato il temerario fondatore de Il Giornale ma anche quello che diceva di turarsi il naso e votare DC (e a forza di turarsi il naso si rischia di privare il cervello di ossigeno...), ha lasciato il Corriere perché era organo di regime e vi è tornato per lo stesso motivo.
    È sicuramente meglio degli altri vecchi del giornalismo italiano che hanno vissuto una vita con i pantaloni abbassati: lui li ha abbassati solo qualche volta ma proprio per questo quando lo ha fatto lui è stato peggio.
    Ormai oggi però i pantaloni non li porta nemmeno più e sta terminando la sua carriera in compagnia di tutti i leccaculo di regime da cui ha sempre cercato di distinguersi.Per questo fa più rabbia e più tristezza.
    L'ultima tavanata è di martedì scorso. Il suo editoriale sul Corriere è un capolavoro di prostituzione intellettuale.Ci mette dentro tutto e il contrario di tutto.C'è il solito coraggioso slancio di razzismo mediterraneo che descrive i Padani come una congrega di ignoranti, trogloditi e analfabeti.Non vale più neppure la pena di rispondere a vaccate del genere, che gli derivano da frequentazioni pelasgiche. Ripropone poi la capziosa distinzione fra lingue e dialetti che ha appreso dalle veline di regime; confonde l'Italiano con il Toscano e l'Italia con la Toscana (che è anche peggio) e ci insegna che l'unico elemento che unifica fin dal Cinquecento l'Italia è la cultura, scambiando ancora una volta la Toscana con l'Italia. Finisce poi in bellezza, sparando: "insegnerete alle nuove leve padane la Storia degli Insubri, di cui vi proclamate figli, che è come dire figli di padre ignoto, che è come dire figli di puttana". E bravo l'Indro: finiti gli argomenti, anche quelli banali, ritriti, stupidi e spuntati il vecchio patriota passa agli insulti. Evviva.Pensate cosa avrebbe detto se l'avessimo fatto noi, se la Padania avesse scritto che gli Italiani sono figli di buona donna o della lupa. Razzista, isterico, privo di argomenti, fazioso e triviale.E anche ignorante, perché il meglio di sé (si fa per dire) lo dà all'interno dello stesso Corriere, nella sua "Stanza" della posta, abituale teatro delle sue più olimpiche banalità e dove dimostra che senza Roberto Gervaso a scrivere i libri (e a rispondere alle lettere) riesce solo a fare figure da vecchio cioccolataio.
    Un lettore gli parla dei campi di concentramento dei soldati borbonici in Piemonte e dei morti della guerra del brigantaggio. L'Indro dice di non sapere nulla delle cosiddette "Buchenwald piemontesi" lasciando intendere che se non ne sa nulla lui allora non sono mai esistite. Migliaia di soldati dell'esercito napoletano furono invece deportati all'ex lazzaretto di Livorno, in alcuni conventi di Cagliari, a Lombardore (dove ne passarono 12.447), a Savigliano (CN), a San Maurizio (TO), alla cittadella di Alessandria e alla fortezza di Fenestrelle in Val Chisone che fu, il 22 agosto 1861, teatro di un sanguinoso tentativo di ribellione. Liquida poi la cosiddetta "guerra del brigantaggio" come un "gran brutto episodio", nega che ci siano stati i 700.000 morti incautamente ipotizzati dal lettore ma pontifica che siano stati solo 7.000, che già non sarebbe male per una "operazione di polizia". In realtà furono mobilitati fra 250 e 300 mila uomini (fra soldati italiani e milizie locali) e i morti accertati superarono i 60.000, ben di più di tutte le guerre risorgimentali messe assieme (compresi i morti di colera in Crimea). Imperturbabile Indro: ancora fedele dopo tanti anni alle veline del Minculpop fascista che vietavano di occuparsi di dialetti, considerati "sopravvivenze di un passato che la dottrina morale e politica del Fascismo tende decisamente a superare" (4/6/1943) o che ricordavano che "Il Fascismo è intransigentemente e rigorosamente unitario. L'unità spirituale degli Italiani ha cominciato a formarsi tra il Piave e l'Isonzo ed è stata poi completata dal Fascismo. Bisogna ora evitare qualunque ritorno al passato". (2/8/1933). Eja, eja, Alalà ! Certo, mi rendo conto che non sia facile per chi (come Montanelli) ha avuto per bisnonno uno di quelli che hanno cacciato via dalla Toscana una persona per bene come il Granduca Leopoldo per consegnarla a una masnada di affaristi e mascalzoni, per un cuore che ha sempre palpitato di amor patrio (sia pur sotto camicie e canottiere di diverso colore), per chi è venuto su a veline e sillabari di regime e a poppate di latte di lupa capitolina, di dover ammettere la precarietà morale e l'inconsistenza storica di tutta la brodaglia tricolore in cui ha guazzato per quasi un secolo. Ci dispiace comunque di doverlo intruppare con i Cito e i Mussi di cui in fondo non si merita la cameratesca compagnia. Ma proprio perché è (o è stato) una persona intelligente che non dovrebbe neppure pensarle certe pistolate, figuriamoci scriverle sul quotidiano del Giuanìn Lamera, organo ufficiale della peggiore ammucchiata del regime italione. Ci duole che non riesca a concludere in bellezza (e in saggio silenzio) una carriera lunga e sostanzialmente gloriosa ma che sia finito per diventare uno dei tanti sapüta di regime, un Biagi o un Bocca qualsiasi, cosa che dovrebbe essere per lui il peggiore insulto. Io gli auguro di vivere ancora a lungo, sicuramente fino a vedere la libertà della Padania e la fine della sua italietta scalcinata e fasulla. Sarebbe troppo comodo uscire di scena prima della fine. Gli auguro di godersela invece tutta, fino in fondo, l'agonia della sua patria inventata, e di avere dei tremendi contorcimenti delle sue budella tricolori. E di sentirsela bene la dichiarazione di indipendenza di quei "figli di puttana" dei popoli della Padania. Nei suoi cento dialetti.



    Inserito da: Terzaghi in data 13/10/2002, ore 204
    Scritto in Padano per la parte Cultura di MGP Federale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    25 Mar 2006
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ecco le parti che Montanelli potrebbe scrivere su Oneto
    Indro Montanelli in risposta a Gilberto Oneto


    Meglio figli di lupa
    che figli di puttana

    di Indro Montanelli

    Oneto è stato un grande padanista, ha nel suo lungo passato dimostrato grandi capacità professionali, ha anche avuto memorabili momenti di coraggio (che ha pagato di persona) e di coerenza ma è anche stato il cantore del compromesso, dell'italica propensione a salvare tutti i traditori, è stato il temerario fondatore de i Quaderni Padani ma anche quello che diceva di turarsi il naso e votare LEGA (e a forza di turarsi il naso si rischia di privare il cervello di ossigeno...), ha lasciato La Padania perché era organo di regime e vi è tornato per lo stesso motivo.
    È sicuramente meglio degli altri vecchi del giornalismo padano che hanno vissuto una vita con i pantaloni abbassati: lui li ha abbassati solo qualche volta ma proprio per questo quando lo ha fatto lui è stato peggio.
    Ormai oggi però i pantaloni non li porta nemmeno più e sta terminando la sua carriera in compagnia di tutti i leccaculo di regime da cui ha sempre cercato di distinguersi.Per questo fa più rabbia e più tristezza.
    L'ultima tavanata è di domenica scorsa. Il suo editoriale sulla Padania è un capolavoro di prostituzione intellettuale.Ci mette dentro tutto e il contrario di tutto.C'è il solito coraggioso slancio di padanismo che descrive gli attuali dirigenti del partito come una congrega di ignoranti, trogloditi e analfabeti.Non vale più neppure la pena di rispondere a vaccate del genere, che gli derivano da frequentazioni pelasgiche. E bravo Gilberto: finiti gli argomenti, anche quelli banali, ritriti, stupidi e spuntati il vecchio padano passa agli insulti dicendo che nella Lega c'è una congrega di personaggi con bisogno di immunità. Evviva.Pensate cosa avrebbe detto se l'avessi scritto io, se il Corrirere avesse scritto che alcuni leghisti sono figli di buona donna o cadregari. E' privo di argomenti, fazioso e triviale.E anche ignorante, perché il meglio di sé (si fa per dire) lo dà all'interno della stessa Padania: mi metto a disposizione per la battaglia referendaria dove serviranno autonimisti collaudati e non federalisti last minute.
    Mi dispiace comunque di doverlo intruppare con i Lombardo e i Cecchi Gori di cui in fondo non si merita la cameratesca compagnia. Ma proprio perché è (o è stato) una persona intelligente che non dovrebbe neppure pensarle certe pistolate, figuriamoci scriverle sul quotidiano della Padania, organo ufficiale della peggiore ammucchiata del regime italione. Mi duole che non riesca a concludere in bellezza (e in saggio silenzio) una carriera lunga e sostanzialmente gloriosa ma che sia finito per diventare uno dei tanti sapüta di regime, cosa che dovrebbe essere per lui il peggiore insulto. Io gli auguro di vivere ancora a lungo, sicuramente fino a vedere la libertà della Padania e la fine della Lega scalcinata e fasulla. Sarebbe troppo comodo uscire di scena prima della fine. Gli auguro di godersela invece tutta, fino in fondo, l'agonia della sua Padania inventata, e di avere dei tremendi contorcimenti delle sue budella con il simbolo dell'Mpa. E di sentirsela bene la dichiarazione di indipendenza di quei "figli di p... dei popoli della Sicilia. Nei suoi cento dialetti.

    inserito da Indro Montanelli dall'aldilà.

    Adesso non scatenatevi con gli insulti ho solo cambiato le parole per adattarle al testo originale, così come suona?

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito se dopo la morte si capisce tutto ...

    Mi sa che questo sarà per molti l’ultimo rospo schifoso da ingoiare. Per tanti motivi. Non si può dimenticare anni di speranze (via via più fievoli), anni di discussioni, di scontri anche con persone amate. Dalla proposta di federalismo alla secessione (stagione esaltante) e alla pallida imitazione delle glorie passate di un regionalismo impossibile, frutto di un compromesso obbligato, in cui berlusconi ha fregato bossi prendendosi la rivincita del 1994.
    Orsù turiamoci il naso per l’ultima volta. Poi se non ce la faremo a rovesciare il tavolo delle tre tavolette, crepi Sansone con tutti i Filistei.
    Bisogna dare l’ultima possibilità di riscatto alla Lega. Ma si sappia che è l’ultima apertura di credito.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    "Per valutare,o meglio, misurare la coerenza di una persona occorre non perdere di vista il riferimento, il centro e il polo a cui noi tutti dobbiamo riferirci:
    l'Indipendenza della Padania.
    Confrontare un pedofilo negriero con un Signore come Gilberto è un'offesa al buon senso oltre che all'Oneto medesimo.
    Mettere sullo stesso piano l'inevitabile partito unico padanista con una moltitudine di liste che fanno riferimento al partito unico italiano, mi pare una grande ingenuità.
    Il pedofilo di Fucecchio era una prostituta della peggior risma, senz' arte nè parte.
    Oneto, oltre che essere una persona dabbene, è l'unico riferimento vivente sicuro per il mondo padanista, dopo la scomparsa di Gianfranco Miglio e l'assorbimento di Bossi da parte del $i$tema."

    Ripreso questo post di eridano dal forum Padania, apprendiamo con piacere che certi tread apparentemente banali si sono rivelati utili.

    E adesso,dopo aver segnalato, il giuan alla moderazione lasciamo fare alla derattizzazione."

 

 

Discussioni Simili

  1. Gilberto Oneto ora su LA7
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-11-10, 22:09
  2. appello a Gilberto Oneto
    Di montecristo2006 (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 30-09-07, 21:26
  3. Intervento di Gilberto Oneto
    Di Nanths nel forum Padania!
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 11-07-06, 18:13
  4. Intervento di Gilberto Oneto
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 21:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226