Bene, allora eliminiamola questa maledetta ICI sulla prima casa, è una tassa ingiusta, specie quando uno la casa la sta ancora comprando pagando un mutuo.
Ma a questo punto alcune domande si impongono. Non cera un partito che voleva il federalismo fiscale?
Eliminare l'ICI può anche essere fattibile, ma per come è oggi strutturata la spesa dei Comuni questa entrata deve per forza essere sostituita da altre, perchè piaccia o no, non si possono licenziare i dipendenti comunali che sono pagati anche grazie a tale imposta, non credo proprio che finiranno le consulenze esterne strapagate (vedere ultimi rapporti della Corte dei Conti) e pertanto si dovrà per forza tagliare parte dei servizi sia alla persona (sociali) sia alla collettività (es manutenzioni dei marciapiedi).
Si tenga conto che è oramai da trenta anni che lo Stato sta delegando servizi in quantità sempre maggiori ai Comuni e l'ICI era stata istituita anche per fornire una entrata propria per fare fronte a tali spese sostenute per conto di servizi che prima no svolgeva.

L'alternativa appunto sarebbe quella di un ritorno massiccio ai finanziamenti assistenzialisti da parte dell'odiato Stato centrale (se ci saranno i soldi) e non credo proprio alla bufala dei Comuni che parteciperanno al recupero dell'evasione fiscale, visto che gli Enti locali, specie quelli più piccoli non sono dotati, per tale incarico personale sufficiente formato e da anni oramai hanno esternalizzato il recupero dei crediti a società esterne.