User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Sul Convegno di BS...

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sul Convegno di BS...

    facciamo pò di chiarezza visto che le serpi in giro sono tante e le montagne di balle che circolano sono immense e si autoalimentano come una valanga.

    1) il convegno di Brescia è stato organzzato da 4 associazioni ben precise
    a- Comunità Antagonisa Padana - Studenti Indipendentisti
    b- Indentità Padana
    c- Centro Studi L'Insorgente
    d- Identità e Tradizione
    Oneto, Pagliarini, Raixe Venete e gli altri erano ospiti e non hanno contribuito all'organizzazione dell'evento.
    2) nessuno può parlare o scrivere a nome del Coordinamento nato a Bs tranne chi indicato dal coordinamento stesso.
    3) il coordinamento si prefigge di rappresentare la componente "radicale" della lega nord nelle sue varie espressioni (etnonazionalisti, separatisti, comunitaristi, tradizionalisti). Ergo nessuna scissione è stata preventivata ma si è determinata la creazione di un "braccio patriottico". Se il movimento lega nord rifiuterà qst sostegno (e non darà lo spazio dovuto agli indipendentisti) magari rispondendo con espulsioni il coordinamento agirà di conseguenza.
    4) a bs vi erano circa 800 persone in gran parte SOCI ORDINARI MILITANTI della lega, consiglieri comunali e giovani tutti consapevoli e concordi con quanto organizzato (basta verificare tramite applausometro)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    www.identitapadana.org

    La lotta dell'uomo per i propri ideali fa crescere ed evolvere i popoli.

    L'IDEALE è di per se qualcosa di non materiale, è impalpabile, oso definirlo il propellente dello spirito umano; va coltivato, costruito su saldi principi e su valori inalienabili perché altrimenti rischia di non involgere in se stesso come una casa senza fondamenta.

    Nell'epoca in cui viviamo dove il benessere è stato costruito dai nostri avi nell'arco di secoli, è diventato motivo di sfruttamento da parte del capitalismo globalizzatore; serve riscoprire e rivalorizzare l'identità del nostro popoloche rischia di essere cancellata.

    Dobbiamo difendere a spada tratta le nostre origini perché la società è come un albero secolare, se togli ad esso le radici secca e muore.

    La storia della nostra terra è plurimillenaria, ogni elemento storico che la coinvolge è importante, perché oltre a farci comprendere la struttura della nostra società ci aiuta a scoprire le sue attuali esigenze.

    La domanda di riflessione che deve scaturire parlando di questo argomento è: “i mutamenti repentini che la società padana ha subito nel corso di pochi decenni possono contribuire a cancellare il nostro popolo?”. Effettivamente la globalizzazione voluta fortemente dalle multinazionali ha contribuito a questi mutamenti provocando ai popoli, non solo al nostro, degli squilibri che sono letali per le loro identità, le quali invece nel corso di innumerevoli secoli si svilupparono senza forzature evolvendo spontaneamente.

    Il nostro obbiettivo è quello di creare una controtendenza alla globalizzazione e all'appiattimento delle masse, seguendo una corrente di pensiero che crede si nello sviluppo dell'umanità ma nel rispetto e nella valorizzazione delle identità che la compongono.

    Lo spirito dei popoli è forte dell'energia scaturita dagli eventi e dagli uomini che li hanno costruiti.

    L'ideale contro l'interesse, lo spirito contro il materialismo consumistico, i valori contro l'alienamento sociale è la nostra battaglia.

    Con le seguenti pagine vogliamo coinvolgere il lettore e renderlo partecipe dei nostri profondi motivi che spingono tutti noi a sentirci padani, inoltre, vogliamo portare una testimonianza del nostro popolo e della nostra terra.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    www.insorgente.org


    L'Insorgente

    Foglio di lavoro per la riscoperta di una cultura autonomista ed antagonista

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    www.cinghialecorazzato.org

    In data lunedì 20 marzo 2006, il Movimento Universitario Padano dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ha deliberato all’unanimità, durante una riunione straordinaria, di uscire dal Movimento Giovani Padani per fondare un gruppo universitario autonomo denominato CAP (Comunità Antagonista Padana) –Studenti Indipendentisti, sempre però legato al partito Lega Nord. La decisione è maturata negli ultimi due anni, periodo in cui il MUP si è ritrovato in disaccordo su molte istanze politiche portate avanti, in maniera esclusivamente acritica e servile, dai vertici dell’MGP (tra cui, volendo trascurare gli errori meno recenti, citiamo solo la battaglia per la devolution, l’alleanza con Lombardo, l’accordo elettorale con la Casa delle Libertà e il silenzio su alcune mancate candidature come quella di Max Ferrari). La questione che però ha causato maggior sdegno è stata la totale dimenticanza e noncuranza da parte dell’MGP delle idee separatiste, essenza vitale di un partito come la Lega Nord che ha come scopo primo l’indipendenza della Padania. L’MGP ha contribuito notevolmente a svilire la carica padanista della nostra battaglia contaminandola con espressioni e idee italiane che non hanno nulla a che fare con noi. Se, nei gloriosi anni a cavallo tra il 1996 e il 1997 vi era una chiara sensibilità di appartenere ad un popolo altro, diverso da quello italiano, ora le idee non sono così chiare e le appartenenze sono confuse. Il CAP ha come obbiettivo primo la battaglia culturale e politica al fine di promuovere l’indipendenza della Padania, cosa che risultava impossibile all’interno dell’MGP per i motivi già sopra citati. La scelta del nome riflette, come una cartina tornasole, l’identità del nostro gruppo: Comunità indica la forza insita nel nostro gruppo e il suo sostegno al progetto europeo delle piccole patrie, Antagonista indica la sensibilità che distingue il nostro movimento dalle bassezze della destra e della sinistra italiane; in ultimo l’aggettivo Padana ripresenta lo scopo ultimo del nostro agire.

    Fino all’indipendenza. Duri per durare.

    CAP (Comunità Antagonista Padana)-Studenti Indipendentisti

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    [email protected]

    Associazione Culturale
    Identità e Tradizione

    Da troppo tempo ormai le nostre comunità etnonazionali, le Nazioni Padano-Alpine, sono divenute terre nelle quali è sempre più difficile riconoscere e ritrovare le nostre radici etniche e le nostre Tradizioni di Popoli Padano-Alpini. Lo Stato italiano, attraverso l'immigrazione selvaggia, strumento dei poteri forti e dei potentati economici, cerca di perseguire un vero e proprio tentativo di genocidio etno-culturale ai danni dei nostri popoli, distruggendone le radici etno-culturali, promuovendo l'uniformizzazione egualitaria della mentalità ed omogeneizzando i costumi all'insegna dei valori edonistici, creando un vero e proprio meticciato, dove cresceranno solo i vuoti miti del capitalismo mondialista. Per questo assieme ad altri Patrioti Padano-Alpini è stata costituita quest'associazione. Identità e Tradizione, più che una normale associazione culturale è un vero sodalizio di Patrioti Padano-Alpini che si sono posti come compito, come dovere imperativo quello di salvaguardare l'immenso patrimonio etnonazionale, culturale, storico e linguistico dei Popoli Padano-Alpini ed Europei dai tentativi di sradicamento e d'alienizzazione posti in essere dall'ideologia mondialista, americanofila e terzomondista. Scopo principale dell'Associazione Culturale Identità e Tradizione è quello di promuovere ogni attività di tipo culturale, sociale, linguistico, storico, tendente alla valorizzazione ed alla difesa delle Identità e delle Tradizioni dei Popoli Padano-Alpini ed Europei ed alla diffusione del pensiero etnonazionalista ed etno-federalista. Nostro primo dovere quindi è quello di far riscoprire a tutti i Popoli Padano-Alpini l'appartenenza alle proprie millenarie comunità etnonazionali. Opporsi, dunque, all'alluvione allogena che sta confondendo e deformando la stessa conformazione antropo-etnica dei nostri Popoli. Lo scopo di quest'invasione è chiaro: distruggere ogni legame etnico, culturale, tradizionale, la memoria ancestrale degli Avi per imporre un modello di società di tipo multirazziale e multireligiosa dove a popoli liberi perché consapevoli della propria identità etno-culturale verrà sostituita una massa acefala e apolide. Noi etnonazionalisti riteniamo che sia necessario "restituire" ai nostri Popoli quella essenza smarrita e così preziosa che è la facoltà e la volontà d'essere se stessi.
    L'etnicità costituisce per noi etnonazionalisti il criterio fondante della nazione, che prende corpo attraverso la forza del Sangue. Il singolo individuo è subordinato al volere della Volksgemeinschaft, della comunità etnica. Nella visione etnonazionalista la mappa geopolitica dell'Europa andrebbe ridisegnata, attraverso la nascita di una Federazione europea etnica, costituita da Regioni-Stato, etnicamente omogenee. Ecco perché nel nostro "edificio" etnocentrico non vi è posto per lo Stato nazionale eterogeneo. Il pensiero etnofederalista si rifà ad una concezione oggettiva della nazione, che corrisponde al Volk della tradizione di Herder, Fichte e M.H. Boehm. Bisogna sostituire gli Stati nazionali etnicamente pluralisti, e quindi ingiusti, con un insieme d'unità etnicamente omogenee. Lo Stato nazionale di matrice massonica è il nemico in quanto si è storicamente sviluppato come realtà istituzionale etnicamente eterogenea, che non fonda i diritti di cittadinanza sull'appartenenza etnica. Il concetto di Sangue e Suolo non è certo astratto e trova un riscontro materiale nelle mappature genetiche italiane, che dimostrano in maniera scientifica come non esista in termini etnici un popolo italiano e come gli antichi popoli pre-romani siano ancora oggi presenti con i loro geni. Anche linguisticamente le differenze sono nette e parlare di dialetti è un eufemismo non supportato da riscontri scientifici. Non si può inoltre confondere la razza con l'etnia, ragion per cui gli Europei autoctoni sono razzialmente omogenei ed etnicamente divisi. Il Sacro Romano Impero della Nazione Germanica, unendo nella diversità rimane l'esempio più alto di un'Europa forte, libera e rispettosa delle tante patrie che la compongono. Detto questo riteniamo comunque che di fronte al pericolo immediato e mortale per l'intera Civiltà europea di un'immigrazione che è un'autentica invasione, sia oggi più importante ricercare i valori della comune Tradizione europea ed unire le forze per salvare il salvabile. Lo stato italiano è condannabile in quanto giacobino e perciò centralista e mondialista e nemico delle etnie che lo compongono. Un'etno-federazione padano-alpina basata sui valori dell'Identità e della Tradizione potrebbe essere un passo fondamentale verso la costruzione della Padania e dell'Europa delle Piccole Patrie etniche che sogniamo.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Condivido pienamente

 

 

Discussioni Simili

  1. Convegno a VI
    Di Il Patriota nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-11-03, 18:31
  2. convegno
    Di www.adsum.it nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-05-02, 03:12
  3. convegno
    Di www.adsum.it nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-05-02, 09:03
  4. convegno
    Di www.adsum.it nel forum Abruzzo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-05-02, 15:39
  5. convegno
    Di www.adsum.it nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-05-02, 15:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226