Certo che la situazione, in questo dannato paese, è talmente degradata
da far pensare allo scoppio di un' epidemia di vera e propria demenza:
milioni e milioni di esseri umani, convinti d'essere dei cittadini,
sono andati a votare! A votare che? In quaranta giorni di campagna
elettorale, si è mai sentito un discorso appena serio di politica
estera? di politica economica? di sanità? di politica interna? di
istruzione? di ricerca? di politica energetica? di giustizia? Forse son
distratto, ma gli echi che mi sono pervenuti parlavano di finocchi, di
spinelli e di coglioni, e di tasse, poi di tasse, e ancora di tasse;
no! mi sbaglio, anche d' imposte...
Sul giornale ho poi visto que' due pezzi di carta igienica con tanti
simpatici disegnini coloratissimi (oh! quelle delicatesse!) senza manco
un nome da poter scegliere o maledire...
E allora, quei milioni che sono andati a votare, cosa diavolo hanno
votato, cosa diavolo hanno scelto?! Non mi pare che vi fosse molto da
scegliere e quegli esseri umani che si credono cittadini, non hanno
votato per scegliere : i furbi han votato per mantenere i privilegi, i
fessi per tifoseria, né più né meno come quando telefonano a
Biscardi...
Poi chi perde....va a cercare elemosine da chi ( con i numeri ha vinto, Basta UN SOLO VOTO in +), dimostrando vieppiù la levatura morale e civile di chi si è fatto o ha cercato di farsi eleggere.