User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile Una buona notizia per l'Insubria e la sua Capitale!

    fonte: Corriere della Sera

    Naviglio Pavese, dopo 88 anni si avvera il sogno
    Restaurata la Conchetta, le barche tornano in Chiesa Rossa. E da domenica partono i tour guidati lungo gli storici canali



    I portoni in legno della Conchetta fendono l’acqua lentamente, la barchetta a pannelli solari entra sicura nella chiusa. Venti minuti per abbassarsi di livello, mentre a lato si sente lo scroscio provocato dal salto. Poi tocca al taxi veneziano. Tutto ok. Si può procedere per altri due chilometri, zona Chiesa Rossa, fino alla Conca Fallata. Il nome non promette nulla di buono, invece le paratie in ferro sono un altro piccolo gioiello dell'ingegneria idraulica di inizio Ottocento. Appoggiato a un parapetto di via Ascanio Sforza, estraniatosi dai rumori di un traffico del tutto indifferente al piccolo evento che sta per compiersi, Empio Malara, fondatore e anima dell'associazione Amici dei navigli, è commosso: un altro traguardo nella sua lotta ventennale per rivalorizzare i corsi d'acqua milanesi è stato raggiunto. Dopo 88 anni il Naviglio pavese torna a essere, seppur per un piccolo tratto, navigabile.
    Era infatti dal 1918 che il canale d'acqua più «ostico» della rete che si dirama dalla città, realizzato in epoca napoleonica e austriaca dopo secoli di tentativi (vi rinunciò persino Leonardo), non veniva praticamente più solcato. E la Conchetta, ora restaurata nella sua struttura in mattoni e legno e automatizzata, era fuori uso dagli inizi degli anni Sessanta. Da qualche giorno l'acqua è tornata a scorrere abbondante nei navigli, sommergendo momentaneamente la puntuale indignazione per la quantità di rifiuti ritrovati durante la pulitura invernale. Dunque si parte. Appuntamento domenica al numero 66 di Alzaia Naviglio Grande. Qui sono appena terminati i lavori di restauro della sponda ed è stato allestito l’approdo delle due barche che faranno il piccolo tour cittadino. Si percorre il Naviglio Grande fino alla testa e attraverso la Darsena si curva nel Pavese. Affiancati i barconi dei bar, ecco la prima delle due conche.
    Tra andata e ritorno, la gita durerà un paio d'ore, una guida spiegherà la storia dei Navigli, alla Fallata (raggiungibile fra una settimana) verrà illustrato il funzionamento della turbina dell’Aem che produrrà due milioni di kilowattora all’anno, tutta energia pulita. «L'anno prossimo andremo fino al ponte di Milano Fiori», promette Malara. Contemporaneamente, sempre dallo stesso molo, una barca si dirigerà verso Gaggiano, 13 chilometri tra parchi, cascine e l'archeologia industriale di gloriose fabbriche, un servizio già attivo da tre anni. L'altro importante battesimo, il 30 aprile, sarà fuori città, ad Abbiategrasso. Da quel giorno per tutta l'estate si salperà per Castelletto di Cuggiono, 18 chilometri nel parco del Ticino, sette approdi toccando anche Albairate, Cassinetta di Lugagnano, Robecco sul Naviglio, Magenta e Boffalora in un viaggio tra vecchi borghi, ville patrizie settecentesche, laghi ricavati dalle vecchie cave di sabbia e ghiaia: quello scenario di commerci e svaghi che ebbe per secoli come spina dorsale il Naviglio.
    «Sarà una stagione sperimentale, strategica per verificare la tenuta degli argini al movimento delle barche», precisa Alessandro Germinario, direttore della Società Navigli Lombardi Scarl. Ma la consapevolezza è che dopo tanti rimpianti e proclami siamo a una svolta. «I prossimi tre-quattro anni saranno decisivi. L'ultimo piano regionale ha per la prima volta messo il turismo tra i punti da valorizzare nell'economia di tutta la Lombardia, al pari di agricoltura, industria, artigianato. E per i navigli noi ci affidiamo a Leonardo. In uno studio presentato alla Bit, il grande scienziato figura al quarto posto tra i soggetti che identificano Milano nel mondo, dopo la moda, la Scala e i media. Sarà lui il nostro testimonial nella creazione di un consorzio turistico dei Navigli che lanceremo nel 2007». Nata alla fine del 2003, la Società Navigli Scarl ha come soci la Regione, le Province di Milano e Pavia e 51 comuni. Dispone dei canoni idrici e demaniali, oltre 3 milioni di euro l'anno in un budget che arriva a 6 milioni grazie ad attività aziendali di progettazione per terzi.
    Con questi soldi, oltre al mantenimento dei corsi d'acqua si stanno avviando una serie di recuperi. Che si dislocano in tutti i punti cardinali dell'area lombarda. «Sul Naviglio Pavese riattiveremo il ponte girevole di Assago e restaureremo la conca di Rozzano. Ma qui il prossimo passo importante sarà il recupero del tratto tra Pavia e la Certosa. Bisogna eliminare due ponti a raso, il costo si aggira sui 15-18 milioni. A ovest riaprirà entro tre anni il canale di Paderno, che collega l'Adda alla Martesana e che permetterà la navigazione dal lago di Lecco a Vaprio: 4 milioni di euro su 8 li abbiamo già, stiamo cercando gli altri. Lo scoglio per la navigazione sul Naviglio Grande sono le Centrali di Vizzolo e Turbigo. Lavori più complicati perché ai due impianti non può essere tolta neppure momentaneamente l'acqua».
    L'associazione Locarno-Venezia ogni due anni compie il tragitto tra la Svizzera e la Laguna per verificare i progressi nella navigabilità. Nel 2008, con la conclusione dei lavori alla conca della Miorina che regola l'ingresso del lago Maggiore nel Ticino, e quella sul Po all'isola Serafini tra Piacenza e Cremona, i 500 chilometri di idrovia saranno tutti percorribili, comprese le diversioni sul Mincio a Mantova e sui canali ferraresi. «Un itinerario tra castelli viscontei, gonzagheschi ed estensi da mozzare il fiato», assicura Malara. Resta ancora fuori Milano. «Il progetto della navigabilità dei navigli sta in piedi se si autofinanzia. Se le attività turistiche che stiamo per lanciare riusciranno a intercettare una minima parte dei soldi che i milanesi spendono per il tempo libero, in un decennio riusciremo a navigare fino a Pavia». Dove, per congiungersi al Ticino bisognerà riattivare la spettacolare Scala d'acqua, una costruzione in blocchi di pietra con sei salti di cui due accollati) realizzata da Napoleone e in disuso dagli inizi del Novecento.
    «Un capolavoro architettonico, ma le guide di Pavia non ne parlano - spiega Malara -. È incredibile la rimozione che c'è stata in Italia sulle opere idrauliche. Eppure sin dal Quattrocento Milano era al centro di una rete senza eguali in Europa. Il Naviglio grande è stato il primo canale navigabile del Continente. L'abbondanza di acqua nella città priva di veri fiumi permise coltivazioni intensive sperimentali e la fioritura di lavorazioni manifatturiere di prim’ordine come quella delle armature. Milano grazie all'acqua dei navigli sfiorò la rivoluzione industriale già alla fine del XV secolo. Non per niente a quell'epoca aveva 200 mila abitanti contro i 40 mila di Parigi». Alla Darsena sopra il fondo asciutto svetta un cartellone con un'immagine di barconi alla fonda negli anni Settanta. L'ultima imbarcazione di sabbia e ghiaia arrivò nel '79. Il «porto» di Milano riaprirà nel 2008 recuperando la forma ottocentesca più arrotondata e sarà il quartier generale dei bateau mouche: una nuova scommessa turistica? Bisogna crederci. Malgrado il degrado attuale e la puntuale indignazione.


    NAVIGLIO PAVESE
    Da domenica dalla darsena di Porta Ticinese (Alzaia Naviglio Grande, 66) è possibile provare il passaggio della Conchetta sul Naviglio Pavese. Dal 30 aprile la gita si estenderà fino alla Conca Fallata, presso via Chiesa Rossa: in tutto 5 km.

    NAVIGLIO GRANDE
    Da domenica, dalla darsena a Gaggiano (13 km). Dal 30 aprile il tratto di 18 km tra Abbiategrasso e Castelletto di Cuggiono.

    LE PRENOTAZIONI
    Call-center 02/67020288

    Iunthanaka
    Conte della Martesana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ce ne sarebbero tante di cose da dire e scrivere su argomenti come questo.
    La grande verità è che Milano, la Capitale dell'Insubria, fu fondato sull'acqua e sull'acqua è sempre vissuto e prosperato.
    DOMA' NUNCH ritiene fondamentale e fattibile che si faccia ogni sforzo possibile per la RIAPERTURA TOTALE dei Navigli, non solo verso l'esterno ma anche IN MILANO.

    E' necessario far passare il semplice ma oggi dirompente concetto che I NAVIGLI POSSONO E DEVONO VENIRE RIAPERTI totalmente.
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sarebbe un'ottima operazione, credo almeno in parte realizzabile e rendere Milano più europea e meno itagliana

  4. #4
    INSubrian SOCialism
    Data Registrazione
    11 Apr 2003
    Messaggi
    1,296
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I modelli dovrebbero essere le città del nord Europa continentale: Amsterdam, Brugge, Anversa, Amburgo, Brema. Ma anche Karlskone o Stoccolma!

    Milano era come queste città, e mi auguro che la cappa di cemento sia solo una parentesi fascista e italiana, pronta a essere spazzata via.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Dec 2004
    Messaggi
    4,622
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Iunthanaka
    Ce ne sarebbero tante di cose da dire e scrivere su argomenti come questo.
    La grande verità è che Milano, la Capitale dell'Insubria, fu fondato sull'acqua e sull'acqua è sempre vissuto e prosperato.
    DOMA' NUNCH ritiene fondamentale e fattibile che si faccia ogni sforzo possibile per la RIAPERTURA TOTALE dei Navigli, non solo verso l'esterno ma anche IN MILANO.

    E' necessario far passare il semplice ma oggi dirompente concetto che I NAVIGLI POSSONO E DEVONO VENIRE RIAPERTI totalmente.
    Concordo. Non li riapriranno mai ma concordo.

    Cristiano

  6. #6
    INSubrian SOCialism
    Data Registrazione
    11 Apr 2003
    Messaggi
    1,296
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se non c'è la volontà di riaprirli è perchè manca l'interesse nel fare grande Milan. La classe politica milanese è ben poco interessata all'identità di quella che è una della capitali d'Europa.

  7. #7
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conte Jean
    Se non c'è la volontà di riaprirli è perchè manca l'interesse nel fare grande Milan. La classe politica milanese è ben poco interessata all'identità di quella che è una della capitali d'Europa.
    Esatto. Quanti milanesi hanno il coraggio, la voglia e l'orgoglio di ammettere che Milano è la Capitale dell'Insubria?
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

 

 

Discussioni Simili

  1. buona notizia e cattiva notizia
    Di Laran nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-12-08, 22:56
  2. Una buona notizia..
    Di xwill nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-10-08, 13:18
  3. una buona notizia
    Di alfonso (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 24-07-05, 23:31
  4. una buona notizia, una cattiva notizia
    Di aussiebloke (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-03-05, 13:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226