User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 37
  1. #1
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    46,521
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Storia della Croce celtica

    Visto che in molte discussioni dei vari forum immancabilmente salta fuori qualche forumista che non conosce la storia della croce celtica e i suoi diversi significati simbolici (addirittura qualche ignorantone ha costretto, con la minaccia della querela, l'amministrazione di Pol a censurare persino gli avtar dei forumisti che la riproducevano) ho pensato di riportare qui la storia della croce celtica e dei suoi vari significati simbolici assunti nel corso dei secoli.


    La prima Croce Celtica, risalente al 10.000 a.C., è stata ritrovata in una grotta dei Pirenei francesi.
    Oggi come secoli fa, grandi croci cerchiate di pietra punteggiano le campagne, le città e i monasteri d'Irlanda. Si ritrovano, in misura minore e diverse nella forma, nelle restanti aree dell'Europa celtica: Scozia, Galles, Cornovaglia e Bretagna. Scolpite per lo più in pietra arenaria, sono disseminate un po' ovunque: spesso ad indicare i confini dei monasteri, una tomba, dedicate ad un re o ad un santo, poste nei luoghi di preghiera o a protezione contro le forze infernali.
    A partire dal VI-VII secolo d.C. furono sviluppate e perfezionate fino al XII secolo, scomparendo dopo la conquista inglese del 1170. Il periodo culminante di questa forma di scultura fu quello dei secoli agitati dalle invasioni vichinghe e scandinave, quando le scorrerie di queste popolazioni barbare attaccavano i grandi centri monastici irlandesi.
    La Croce Celtica è chiamata anche Ruota del sole, Anello Crociato, Sigillo dei Druidi o Croce Druidica.
    E' forse il più completo tra i simboli e il più universale ed è stato adottato nel patrimonio simbolico da quasi tutte le civiltà . Il cristianesimo celtico se ne appropriò successivamente causa della sua strategia di utilizzare simboli e idee già presenti nella cultura locale. Tuttavia va ricordato che la croce celtica non divenne un simbolo comunemente usato da cristiani fino almeno al IV secolo.Di Croci Celtiche n'esistono diverse varianti, alcune delle quali presentano incisioni e lavorazioni molto complesse. Può capitare che vi siano rappresentate figure umane, per narrare eventi biblici. In generale, tuttavia, i nodi, le spirali, gli intrecci geometrici e i motivi zoomorfi sono quelli che compaiono più spesso; questi sono gli stessi elementi che caratterizzano gli oggetti in metallo e i manoscritti miniati della stessa epoca. Al contrario delle scene di crocifissione dell'Europa Meridionale che mostrano la sofferenza di Cristo, generalmente seminudo e martoriato dalle ferite infertegli, la Croce Celtica sembra fatta per essere esteticamente bella. Quando appaiono le figure umane, queste sono molto semplici se messe a confronto agli intricati e complessi motivi decorativi che le stanno intorno. Sia la croce verticale che quella diagonale con i bracci della medesima lunghezza sono dei simboli presenti in moltissime culture.
    Questi due simboli, cerchio e croce, sembrano avere valenze quasi antitetiche: il cerchio non ha un inizio né una fine e non ha direzione, mentre la croce ha un moto che s'espande verso l'esterno a partire da un singolo punto centrale.
    Il cerchio è spesso simbolo lunare femminile, mentre la croce inscritta in un cerchio, sia che i bracci ne fuoriescano e sia che invece ne rimangano inscritti, è simbolo solare maschile. Infatti, alcune teorie "New Age" vedono in questo simbolo la rappresentazione del Sole e della Luna, del dio e della Dea, del Principio Maschile e di quello Femminile, facendo risalire l'origine della Croce Celtica ad un simbolo indù.
    La Croce Celtica potrebbe anche rappresentare una qualche forma di ghirlanda trionfale in onore della Croce della Redenzione.
    Ma la Croce Celtica rappresenta anche: l'Albero della vita; i quattro elementi uniti al quinto, poiché il cerchio è visto come simbolo d'energia; le quattro feste stagionali (Samhain 1 novembre, Imbolc 1 febbraio, Beltane 1 maggio, Lugfhnasadh 1 agosto); il ponte tra il mondo terreno e quello divino racchiusi nell'infinità dell'universo.
    È un simbolo spaziale e temporale e questa proprietà lo rende adatto ad esprimere il mistero del cosmo, in cui è inserita la terra. Non a caso molte abbazie hanno una pianta a forma di croce, essa viene ad essere il centro del mondo, e l'uomo, al suo interno s'orienta espandendosi nelle quattro direzioni dei quattro punti cardinali.
    Nel ventesimo secolo il simbolo fu adottato dalla divisione Charlemagne delle Waffen SS, formata da volontari francesi che combatterono fino agli ultimi giorni di vita del Reich hitleriano a Berlino contro i sovietici. Venne assunta come simbolo in Francia dalle Jeune Nation di Sidos nel 1955, subito dopo in Belgio dal Pnf, e nel 1958 in Italia dalle formazioni nazionali giovanili. I movimenti neo-fascisti hanno deciso di riprendere questo simbolo, aggiungendovi una fiamma dai colori italiani che arde sullo sfondo della croce celtica. Il simbolo fu proposto dai rautiani all'interno del M.S.I. nei primi anni '70; dal '76/ '77 esso si diffuse a macchia d'olio in tutto l'ambiente della destra missina giovanile.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Alvise
    Ospite

    Predefinito

    Se non ricordo male non era l'intera Divisione Charlemagne ad adottarla come simbolo, bensì un suo reparto (un battaglione o una compagnia).

    Ma ovviamente potrei sbagliarmi.

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 May 2009
    Messaggi
    9,426
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alvise Nutti
    Se non ricordo male non era l'intera Divisione Charlemagne ad adottarla come simbolo, bensì un suo reparto (un battaglione o una compagnia).

    Ma ovviamente potrei sbagliarmi.
    Non sbagli, era la Bretonishe Waffenverband der SS "Bezzen Perrot"

    http://www.feldgrau.com/articles.php?ID=77

  4. #4
    31°
    Data Registrazione
    10 Sep 2003
    Località
    romagna
    Messaggi
    1,107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quindi, mi sembra di capire, la "croce celtica" è un simbolo primitivo, formato da un cerchio e "qualcosa di quadrato", dal significato oggi solo supposto, date che è molto antico.
    non so se ha analogie con la "rosa camuna" o, perchè no, con la svastica.
    successivamente, nell'europa del nord ovest, questo simbolo è stato preso dal cristianesimo, e un esempio tipico sono quelle che si vedono nei cimiteri irlandesi.
    il fatto che alcuni movimenti fascisti la abbiano presa come simbolo è una nuova "appropriazione indebita", come del resto fecero i nazisti con la svastica (simbolo antichissimo, c'è in vasi minoici, in india ecc.)
    personalmente la trovo "molto carina", ma non ne vedo un significato profondo, se non l'apprezzamento generico che ho per il mondo nordico, pulito, ordinato, morale e molto poco mediterraneo.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    13,369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massena
    Quindi, mi sembra di capire, la "croce celtica" è un simbolo primitivo, formato da un cerchio e "qualcosa di quadrato", dal significato oggi solo supposto, date che è molto antico.
    non so se ha analogie con la "rosa camuna" o, perchè no, con la svastica.
    successivamente, nell'europa del nord ovest, questo simbolo è stato preso dal cristianesimo, e un esempio tipico sono quelle che si vedono nei cimiteri irlandesi.
    il fatto che alcuni movimenti fascisti la abbiano presa come simbolo è una nuova "appropriazione indebita", come del resto fecero i nazisti con la svastica (simbolo antichissimo, c'è in vasi minoici, in india ecc.)
    personalmente la trovo "molto carina", ma non ne vedo un significato profondo, se non l'apprezzamento generico che ho per il mondo nordico, pulito, ordinato, morale e molto poco mediterraneo.
    Le cose hanno il significato che gli si da. Per gli antichi celti e per i popoli germanici la simbologia della svastica era profonda ed importante, ma solo perchè un simbolo era significativo per un popolo vissuto millenni fa, questo non vuol dire che debba mantenere la sua importanza. Dipende dai punti di vista. Per un pagano che si ispira ai popoli germanici sicuramente la svastica avrà una sua importanza. Oggi, purtroppo, la svastica è il simbolo di una feroce dittatura, ed il 99% delle persone la associa agli stermini nazisti. Non mi scandalizza perciò il fatto che sia un simbolo vietato. Forsa tra qualche generazione questa connotazione sparirà.

  6. #6
    Clandestino
    Data Registrazione
    25 Aug 2004
    Località
    In Vmbra pugnabimus
    Messaggi
    1,093
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lo swastika, il triskele e la croce solare sono diffusissime in tutte le culture indoeuropee, e non solo indoeuropee..

    Anche a Roma ed in Grecia è presente lo swastika, basta guardare le decorazioni dell'Ara pacis o i mosaici appena trovati del Campidoglio arcaico. Il tracciato di fondazione e del Templum augurale, è una croce a braccia uguali orientata nei punti cardinali, cerchiata e quadrata, quindi ogni accampamento romano o città romana si basa su una 'croce celtica' ed uno 'swastica' sovrapposti. Un geroglifico simbolico che pone l'Universo sulla Terra. Anche la 'rosa camuna' o quello che chiamano erroneamente 'sole delle alpi' e diffusissimo a Pompei o addirittura in Sicilia, ed e a Roma era Simbolo Solare dell'Impero prima della sua trasformazione in 'chrismon' nell'era post-costantiniana.

    Saluti,

    FRVMENTARIVS
    Frumentarius
    "Punctim et Caesim ferire"

  7. #7
    31°
    Data Registrazione
    10 Sep 2003
    Località
    romagna
    Messaggi
    1,107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Frumentarius
    Lo swastika, il triskele e la croce solare sono diffusissime in tutte le culture indoeuropee, e non solo indoeuropee..

    Anche a Roma ed in Grecia è presente lo swastika, basta guardare le decorazioni dell'Ara pacis o i mosaici appena trovati del Campidoglio arcaico. Il tracciato di fondazione e del Templum augurale, è una croce a braccia uguali orientata nei punti cardinali, cerchiata e quadrata, quindi ogni accampamento romano o città romana si basa su una 'croce celtica' ed uno 'swastica' sovrapposti. Un geroglifico simbolico che pone l'Universo sulla Terra. Anche la 'rosa camuna' o quello che chiamano erroneamente 'sole delle alpi' e diffusissimo a Pompei o addirittura in Sicilia, ed e a Roma era Simbolo Solare dell'Impero prima della sua trasformazione in 'chrismon' nell'era post-costantiniana.

    Saluti,

    FRVMENTARIVS


    il motivo per cui le città e gli accampamenti romani erano quadrati è lo stesso per cui le stanze delle case sono quadrate, lo schermo del computer è quadrato, i libri sono quadrati, le strade si incrociano ad angolo retto ecc. semplicemete è una forma semplice, razionale e facile da tracciare con la groma.
    dove la topografia non lo consentiva i romani facevano la forma più comoda, quindi tonda, a Y ecc.
    i punti cardinali potevano essere seguiti, ma se guardi una qualsiasi carta della romagna noterai che tutta la centuriazione è orientata a 45°, perchè segue la via emilia. quindi del nord ai romani poteva non fregargliene niente, era utile solo la situazione topografica locale.
    non è sempre giusto cercare un significato "esoterico" a tutto ciò che si vede, mica siamo a voyager...

    p.s.: gli accampamenti erano sempre rettangolari, mai quadrati...

  8. #8
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massena
    il motivo per cui le città e gli accampamenti romani erano quadrati è lo stesso per cui le stanze delle case sono quadrate, lo schermo del computer è quadrato, i libri sono quadrati, le strade si incrociano ad angolo retto ecc. semplicemete è una forma semplice, razionale e facile da tracciare con la groma.
    dove la topografia non lo consentiva i romani facevano la forma più comoda, quindi tonda, a Y ecc.
    i punti cardinali potevano essere seguiti, ma se guardi una qualsiasi carta della romagna noterai che tutta la centuriazione è orientata a 45°, perchè segue la via emilia. quindi del nord ai romani poteva non fregargliene niente, era utile solo la situazione topografica locale.
    non è sempre giusto cercare un significato "esoterico" a tutto ciò che si vede, mica siamo a voyager...

    p.s.: gli accampamenti erano sempre rettangolari, mai quadrati...

    Tipico ragionamento da uomo d'oggi, che interpreta la realtà con il solo criterio dell'utile o del "semplice"... L'uomo tradizionale si basava su altri criteri, che tu li condivida o meno; criteri che traevano la loro essenza nel sacro: ogni aspetto della vita rimandava ad una qualche realtà Metafisica o Divina. Il simbolismo era pane quotidiano nelle civiltà tradizionali... e per alcuni lo è ancora oggi.
    Senza bisogno di scomodare Voyager ed i suoi deliri eso-occulto-para-tradizionalisti...
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  9. #9
    macht geht vor recht
    Data Registrazione
    24 Mar 2006
    Località
    Regno d'Italia > They challenge science to prove the existence of God. But must we really light a candle to see the sun?
    Messaggi
    7,101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da massena
    Quindi, mi sembra di capire, la "croce celtica" è un simbolo primitivo, formato da un cerchio e "qualcosa di quadrato", dal significato oggi solo supposto, date che è molto antico.
    non so se ha analogie con la "rosa camuna" o, perchè no, con la svastica.
    successivamente, nell'europa del nord ovest, questo simbolo è stato preso dal cristianesimo, e un esempio tipico sono quelle che si vedono nei cimiteri irlandesi.
    il fatto che alcuni movimenti fascisti la abbiano presa come simbolo è una nuova "appropriazione indebita", come del resto fecero i nazisti con la svastica (simbolo antichissimo, c'è in vasi minoici, in india ecc.)
    personalmente la trovo "molto carina", ma non ne vedo un significato profondo, se non l'apprezzamento generico che ho per il mondo nordico, pulito, ordinato, morale e molto poco mediterraneo.
    Quoto. C'è da capire anche perchè un simbolo che è usato senza secondi fini nel mondo anglosassone, sia stato facogitato dall'area della destra radicale che si pone in antitesi a quello stesso mondo.

  10. #10
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    46,521
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da W. Von Braun
    Quoto. C'è da capire anche perchè un simbolo che è usato senza secondi fini nel mondo anglosassone, sia stato facogitato dall'area della destra radicale che si pone in antitesi a quello stesso mondo.
    E' una domanda a cui si possono dare diverse risposte: la mia teoria è che il mondo della destra radicale ha scelto il simbolo della croce celtica per la commistione tra la simbologia pagana e quella cristiana.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. In difesa della croce "celtica"
    Di Bardamu (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-12-06, 13:18
  2. Croce Celtica:simbolo Nazionale Della Cristianita'irlandese.
    Di Lillina nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 05-12-06, 16:05
  3. Paura della Croce Celtica?
    Di ISKANDER nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 07-02-06, 20:50
  4. Simbologia della Croce Celtica
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 15-08-04, 20:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
// mettere condizione > 0 per attivare popup
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224