User Tag List

Pagina 1 di 21 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 206
  1. #1
    live long and prosper
    Data Registrazione
    29 Mar 2002
    Località
    Perugia
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Formazione Comitato Promotore per il SI al Referendum sulla Devoluzione

    invito tutti i forumisti leghisti e padani ad aderire con entusiasmo al comitato promotore per il SI al referendum costituzionale

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=250512


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    live long and prosper
    Data Registrazione
    29 Mar 2002
    Località
    Perugia
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il 16 novembre 2005 il Senato ha definitivamente approvato il disegno di legge di riforma della Parte II della Costituzione.

    Il testo della legge Costituzionale, approvato in seconda deliberazione a maggioranza assoluta, ma inferiore ai due terzi è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 269 del 18 novembre 2005. Entro tre mesi dalla pubblicazione del testo, un quinto dei membri della Camera, o 500.000 elettori o 5 Consigli regionali possono domandare che si proceda a referendum popolare.

    Questa legge è il quarto provvedimento di riforma della suprema legge dello Stato approvato nel corso di questa legislatura.

    In questo modo:
    - si mette ordine tra le competenze delle Regioni e quelle dello Stato, dopo la confusione prodotta dalla pasticciata riforma approvata dal Centrosinistra alla fine della scorsa legislatura
    - si mette fine al bicameralismo perfetto, razionalizzando e velocizzando la procedura per fare le leggi
    - con il premierato e le norme antiribaltone si conferma il potere dei cittadini di scegliere un leader, un programma, una coalizione
    - si riduce il numero dei parlamentari, come era indicato nel nostro programma del 2001.
    Con questa riforma:
    - La riforma costituzionale introduce il federalismo o devoluzione, che significa semplicemente che le Regioni possono fare le leggi in una serie ben precisa di materie, per realizzare meglio gli interessi dei cittadini legati al territorio ma sempre nel rispetto dell'interesse nazionale, garanzia formale e sostanziale dell'unità del Paese. Nella Costituzione attuale – voluta dal centrosinistra a fine della scorsa legislatura con soli quattro voti di margine - non c'è nessun riferimento all'interesse nazionale.
    I Paesi federali hanno uno sviluppo più elevato e duraturo, costi amministrativi più bassi, maggiore efficienza e sono più vicini alle esigenze dei cittadini. Federalismo vuol dire autogoverno, dunque l'avvicinamento dei cittadini alle decisioni che li riguardano e che sono più consone alle esigenze dei loro territori.
    Il federalismo, presentato dall'opposizione come frutto di una volontà egoistica e prevaricatrice del Nord, è invece lo strumento per realizzare una effettiva parità tra tutte le parti del Paese nel segno della responsabilità: la gestione delle proprie risorse e l'individuazione del proprio interesse metteranno fine al rimpallo delle responsabilità tra potere centrale e poteri locali.
    - La riforma mette ordine nel caos delle competenze tra gli organi centrali e gli organi locali, creatosi con la riforma pasticciata approvata dal centrosinistra nel 2001, che ha provocato centinaia di ricorsi alla Corte Costituzionale, paralizzando in molti settori l’attività delle Regioni e dello Stato centrale.
    - La riforma riduce il numero dei parlamentari, come era indicato nel programma elettorale 2001 della Casa delle Libertà.
    -La riforma pone fine al bicameralismo perfetto che, duplicando il passaggio di ogni disegno o proposta di legge, ha sistematicamente rallentato l’azione del governo. Con la riforma viene distinto il ruolo nazionale della Camera, che dà la fiducia al governo, ed il ruolo federale del Senato. La Camera si occuperà dei problemi dello Stato e il Senato delle regioni e del territorio. Il tutto con un risparmio di tempi e di pubblico denaro.
    - La riforma rafforza il diritto dei cittadini a scegliere un primo ministro, una programma e una coalizione di governo.
    - Con i maggiori poteri attribuiti al primo ministro, (scioglimento delle camere, revoca dei ministri) e le norme antiribaltone, la riforma rafforza la governabilità e il bipolarismo, togliendo potere alla partitocrazia.
    Non hanno quindi fondamento gli allarmi dell'opposizione che denuncia la riforma come anticamera della disgregazione dello Stato. La Commissione bicamerale presieduta da Massimo D'Alema aveva concordato su un punto essenziale: quello di dare al governo e al premier, indicato anche se non eletto direttamente dei cittadini, i poteri necessari per guidare il Paese sia nelle esigenze quotidiane sia nei grandi piani progettuali.

    Nel 2001 il governo Berlusconi si era impegnato ad adeguare le istituzioni del Paese alle esigenze di oggi e soprattutto a quelle di domani.

    Cambiare lo Stato, e quindi il modo di governare e di fare politica, è possibile solo cambiando le istituzioni in una ben precisa direzione: rendere facile il passaggio dalla volontà dei cittadini all'azione del governo.

    Questo è possibile solo modificando le istituzioni e avvicinandole ai cittadini, da un lato attraverso il federalismo o devoluzione, e dall'altro lato accrescendo i poteri del governo e del primo ministro che, per ragioni storiche, nella Costituzione ancora in vigore rimasero fortemente limitati.

    Questo è il risultato che la CdL può presentare ai cittadini: la legislatura che volge al termine è stata utile al Paese in quanto lo ha dotato delle istituzioni indispensabili per il futuro.

  3. #3
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    libero, cerchiamo di capirci: il comitato promotore non è una cosa internet. Io pretenderò chein quello della mia zona gli altri partiti sgobbino esattamente quanto sgobbano i leghisti , lo formo e poi ci metto anche un libro registro delle presenze e assenze...

  4. #4
    live long and prosper
    Data Registrazione
    29 Mar 2002
    Località
    Perugia
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilariamaria
    libero, cerchiamo di capirci: il comitato promotore non è una cosa internet. Io pretenderò chein quello della mia zona gli altri partiti sgobbino esattamente quanto sgobbano i leghisti , lo formo e poi ci metto anche un libro registro delle presenze e assenze...
    è importante muoversi anche in internet
    datemi retta, internet è molto diffuso soprattutto nelle fasce più giovani della popolazione
    anche alla scorse elezioni, secondo degli studi approfonditi, si è visto che il mezzo che ha più influito sulle scelte degli indecisi è stato internet
    non sottovalutiamolo
    muoviamoci in tutti gli ambiti e in tutti gli ambienti possibili ...anche su internet !

    l'importante è essere uniti per far vincere il SI

    noi di forza italia e della cdl vogliamo mettercela tutta per far passare il federalismo e la devoluzione .... dateci una mano !! anzi, diamoci una mano !

  5. #5
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    credo sia la scusa per non alzare i sederini e andare a volantinare ai mercati. in internet basta ben poco... ciò che ci vuole è la capacità di muoversi sul territorio. e il territorio non è virtuale.

  6. #6
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    56,782
    Mentioned
    69 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilariamaria
    credo sia la scusa per non alzare i sederini e andare a volantinare ai mercati. in internet basta ben poco... ciò che ci vuole è la capacità di muoversi sul territorio. e il territorio non è virtuale.
    Sicuramente il contatto diretto è più efficace. Ma perché rinunciare a priori ad una risorsa come internet ?

    Lo dice uno che le scarpe da tennis le porta ancora adesso...

  7. #7
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    perchè per propagandare il si al referendum su interent bastano due o tre persone al massimo e perchè internet è usato al massimo dal 10% della popolazione, a meno che non volgiate fare dei banner da mettere nei siti porno., mentre il resto delle persone vanno nei mercati...

  8. #8
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    E' più necessario andare in tv

  9. #9
    Moderatori anghe noi...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    56,782
    Mentioned
    69 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilariamaria
    E' più necessario andare in tv
    Le TV nei prossimi due mesi saranno impegnate con altri "importantissimi" argomenti come le liti all'interno dell'unione, il toto-ministri, il toto-Presidente, il toto-premier e il Totocalcio.

    Il cittadino che vorrà informarsi su questa riforma lo potrà fare agevolmente fra le 23.30 e le due di notte, oppure a Ballarò, ascoltando politici di parte contrapposta accapigliarsi e litigare senza capirci nulla.

    Internet può essere un ausilio, non certamente la soluzione più efficace; ma può essere il punto di partenza per motivare qualcuno che, magari, avrebbe voglia di fare ma non sa come...

    Ci pensi. Se è vero che il fine giustifica i mezzi a maggior ragione vale anche per internet.

  10. #10
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    berlusconi ha tre tv. ora nonc'è più il conflitto di interessi. se vuole dimostrare che fa qualcosa, le usi per il referendum come le ha usate per le elezioni.

 

 
Pagina 1 di 21 1211 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226