Le radici storiche dell'8 marzo?
L'8 marzo del 1857 ci fu la prima protesta: un gruppo di donne che lavoravano in un'industria tessile a New York organizzò una protesta contro le inumane condizioni di lavoro inumane e i salari bassi, ma intervenne la polizia ed il gruppo venne disperso in quattro e quattr'otto. Due anni dopo, queste donne combattive fondarono il loro primo sindacato. Sempre l'8 marzo, ma questa volta nel 1908, a New York ci fu una marcia di protesta per chiedere un orario di lavoro più leggero, una paga migliore, il diritto di voto e l'abolizione del lavoro minorile. Venne adottato lo slogan "Bread and Roses", pane e rose: il pane a simboleggiare la sicurezza economica, e le rose una miglior qualità di vita.

Il primo giorno della donna fu celebrato dal Partito Socialista degli Stati Uniti nel lontano 1909, e nel 1911 in Europa: Austria, Germania e Svizzera erano i "paesi - pionieri".

Le donne di allora chiedevano il diritto di voto e di partecipazione agli enti pubblici, e la fine della discriminazione sul lavoro.
Meno di una settimana dopo, il 25 marzo 1911, ci fu un incendio alla Triangle Shirtwaist Company di New York, nel quale persero la vita oltre 140 ragazze (quasi tutte immigrate italiane ed ebree) a causa della totale mancanza di misure di sicurezza. Il loro funerale accorsero più di 100 mila persone, e questo episodio ebbe un impatto notevole per far procedere la legislazione sulle donne

Direi che è una festa della sinistra