User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Dio Padre o Padrino?

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Dio Padre o Padrino?

    La mia solita amica cattolica mi inoltra questo testo.
    Mi ha fatto riflettere. Forse farà riflettere anche voi.



    Dio Padre (o Padrino?)



    di Roberto Scarpinato



    In Italia, tranne poche minoranze, si è cattolici non per scelta ma per destino culturale. Si nasce e si muore senza interrogarsi quasi mai sui temi della religione: si attraversa un’esistenza scandita dal succedersi di riti – battesimi, matrimoni, comunioni, funerali – dei quali si è quasi smarrito il senso. Riti che in fondo sembrano servire a tenerci compagnia, a non farci sentire soli nella vita.

    Ho cominciato a riflettere sulla religione, e in particolare sul cattolicesimo, quando per motivi professionali ho iniziato a frequentare gli assassini ed ho dovuto constatare che tanti di loro erano cattolici ferventi e praticanti. All’inizio si trattava di killer e di capi della cosiddetta mafia militare, per lo più d’estrazione popolare e di modesta cultura. Ma poi venne la stagione dei colletti bianchi, degli appartenenti alla borghesia mafiosa. Persone che hanno frequentato le nostre stesse scuole e che affollano i migliori salotti. Non sparano in prima persona, ma proteggono gli assassini, li aiutano ad evitare le condanne, fanno con loro affari lucrosi, e a volte chiedono agli specialisti della violenza materiale di rimuovere qualche ostacolo che si trova lungo la strada e che non può essere eliminato con metodi incruenti. Il loro motto è: “Dio sa che sono loro che vogliono farsi ammazzare”. Ricordo tra i tanti uno dei più rinomati medici di Palermo, che diventò collaboratore e confessò di essere un mafioso. Lui frequentava la Chiesa e raccontava che suo zio, il quale era pure un capomafia, si recava a pregare sulle tombe di coloro che “era stato costretto ad abbattere”.



    Quando le indagini alzarono il velo anche sulle complicità di uomini politici potentissimi, dovetti constatare, passando di sorpresa in sorpresa, che taluni di loro, i quali avevano l’abitudine di recarsi a messa ogni mattina, a volte, dopo essersi fatti l’ultimo segno di croce, si affrettavano a partecipare a summit mafiosi nel corso dei quali si discuteva anche di omicidi.

    A questo punto sono stato costretto a pormi una domanda: ma come è possibile che carnefici e vittime preghino lo stesso Dio e che ciascuno di loro sia in pace con se stesso? A volte certe risposte sono sotto il nostro sguardo, ma noi siamo ciechi e non abbiamo occhi per vederle. Il mondo, infatti, è pieno di assassini – ben più feroci di quelli da me conosciuti nella mia esperienza palermitana – che credono in Dio, sono cattolici praticanti, sono in pace con se stessi e che muoiono nel proprio letto, convinti di avere bene operato, confermati in tale convinzione da preti e vescovi che mai li hanno criticati in vita, e li hanno benedetti in morte. Basterà qualche esempio: che dire del dittatore Pinochet, il quale ha sempre dichiarato di essere un buon cattolico, di essere in pace con se stesso e con Dio, e di avere operato per il bene della patria? E che dire dei generali argentini, che trucidarono migliaia di giovani ordinando che fossero scaraventati da aerei in volo nell’oceano? Nel corso dei rari processi ai quali furono sottoposti, alcuni di questi militari per esibire la loro cattolicità raccontarono di avere iniziato a narcotizzare le vittime, prima di scaraventarle nell’oceano, raccogliendo il suggerimento di alcuni prelati i quali avevano fatto loro notare quanto fosse anticristiano ucciderle in stato di veglia in quel modo crudele.



    Il problema dei dittatori latinoamericani non può essere minimizzato, ridimensionandolo alla follia morale di alcune persone particolarmente efferate. La storia insegna che le giunte militari argentine, brasiliane e cilene furono il braccio armato di borghesie latinoamericane che non hanno esitato a fare ricorso al genocidio di massa per difendere il sistema di privilegi che veniva messo in pericolo dalle rivendicazioni popolari. Borghesie di milioni di cattolici, praticanti, che ancora oggi considerano Pinochet, Videla e gli altri militari degli eroi della patria. Per questo motivo non è stato possibile processarli prima ed è difficile processarli oggi: sarebbe come processare un’intera parte della società latinoamericana. Dunque, ritornando alle mie ben più modeste frequentazioni con gli assassini, di che cosa mi meravigliavo?

    Il quesito iniziale, ovvero come sia possibile che vittime e carnefici preghino lo stesso Dio e siano in pace con se stessi, non riguardava più soltanto Palermo e la realtà mafiosa, ma si dilatava nello spazio e nel tempo diventando universale. Ed era un quesito che almeno per me esigeva una risposta.

    La risposta che ho tentato di darmi è questa: in realtà vittime e carnefici non pregano lo stesso Dio, ma un Dio diverso.



    Questo miracolo della moltiplicazione di Dio, della coesistenza di più di un Dio nella stessa Chiesa, avviene grazie al fatto che nella Chiesa cattolica il rapporto tra Dio e il fedele è gestito da un mediatore culturale: un sacerdote, un prelato. Ogni strato, ogni segmento della società, ogni tribù sociale esprime dal suo interno il mediatore culturale con Dio, che dunque è portatore della stessa visione della vita dell’ambiente che lo ha espresso. Esiste così un Dio dei potenti, e un Dio degli impotenti. Un Dio dei mafiosi, e un Dio degli antimafiosi. Un Dio dei dittatori, e un Dio degli oppressi. Così in America Latina vi sono prelati che siedono alla stessa mensa di dittatori che hanno commesso genocidi e ne condividono le scelte, e quelli invece, come monsignor Romero, che stanno dalla parte degli oppressi e si sono fatti uccidere per difenderne le ragioni. In Sicilia vi è stato un padre Puglisi e vi sono sacerdoti che invece condividono la cultura mafiosa, che celebrano messe in chiese affollate dal popolo di mafia e dalla borghesia mafiosa. E poi ci sono i sacerdoti della cosiddetta palude, cioè quelli che non stanno né dalla parte della mafia, né dalla parte dell’antimafia, né con la destra, né con la sinistra, né col centro, ma che stanno solo dalla propria parte.

    Ciascuno sceglie liberamente la propria Chiesa e il proprio Dio. Molto “democraticamente”. Ci troviamo dinanzi ad un politeismo segreto ed occulto. Questo politeismo è segreto per l’occhio del mondo, ma è conosciuto dalle gerarchie ecclesiastiche che, tranne qualche eccezione, evitano accuratamente di scegliere e lasciano che i vari Dio convivano l’uno accanto all’altro.



    Questo non scegliere è possibile anche perché, tranne poche eccezioni, la predicazione evangelica ha un taglio generalista che consente a chiunque un approccio non problematico. La predicazione nelle chiese è incentrata sul valore della famiglia, sulla morale sessuale, e su generici appelli alla solidarietà, all’amore per il prossimo, alla cosiddetta etica dell’intenzione, e ad una carità comoda perché si traduce quasi sempre nella cultura dell’elemosina.

    Poiché la realtà supera sempre l’immaginazione, ricordo che in una delle indagini di Tangentopoli emerse che un famoso uomo politico, già ministro della Prima Repubblica, in occasione di una rischiosa operazione al cuore aveva fatto voto alla Madonna che nel caso di esito positivo avrebbe donato cento milioni delle vecchie lire ad una parrocchia. Dopo il felice esito dell’operazione, l’uomo politico convocò un imprenditore imponendogli di versare alla parrocchia l’importo di cento milioni che gli doveva quale tangente per un appalto pubblico. Nella richiesta per l’autorizzazione a procedere alla Camera, la procura della Repubblica scrisse che appariva grottesco pretendere di fare opere caritatevoli con il denaro altrui.



    La cultura dell’elemosina non costa nulla, soprattutto se l’elemosina viene fatta con i soldi pubblici. E’ una cultura che perpetua le catene della schiavitù economica e della sottomissione ai potenti, che lascia le cose come stanno e si traduce in un’acquiescenza all’esistente, in una complicità con l’ingiustizia sociale. La cultura dei diritti e della legalità invece è scomoda, perché costringe a prendere concretamente posizione dinanzi ai potenti della Terra, quelli che operano ai vertici della piramide sociale, e che sono responsabili dell’ingiustizia sociale, della povertà e del degrado metropolitano: un Moloch che costringe milioni di persone a sopravvivere in quartieri dormitorio degradati dove a volte l’economia dell’illegalità (dal contrabbando di tabacchi, alla prostituzione, allo spaccio di stupefacenti) diventa un’economia della sussistenza. Le esistenze di tanti che occupano i gradini più bassi della piramide sociale, si consumano in un ininterrotto via vai da quartieri abbandonati al degrado, discariche sociali a cielo aperto, alle carceri, altre discariche sociali assolutamente inumane ed anticristiane perché i detenuti sono costretti a vivere in celle sovraffollate, destinate a tre o quattro persone e dove si è obbligati a stare anche in dodici, i condizioni di assoluta promiscuità.



    Quali sono state, tranne poche eccezioni, le risposte delle alte gerarchie ecclesiastiche a tutto ciò? Silenzio dinanzi alla corruzione sistemica, grave peccato contro la solidarietà sociale. Silenzio dinanzi alla borghesia mafiosa e paramafiosa. Silenzio dinanzi all’illegalità di massa di larghi settori delle classi dirigenti che contribuisce a generare a valle l’illegalità di massa delle classi popolari. Generici appelli ad una solidarietà che si traduce in una elemosina praticata con entusiasmo da queste stesse classi dirigenti spesso con il denaro pubblico. Questo segreto ed occulto politeismo della Chiesa cattolica produce a mio avviso un fenomeno segreto: il relativismo etico della Chiesa cattolica.

    L’accusa che in questi tempi viene rivolta alla cultura laica democratica è di alimentare una deriva relativistica dei valori. A fronte di quest’accusa, basterà ricordare che – come tra gli altri ha recentemente osservato Gustavo Zagrebelsky – la democrazia si fonda sulla libertà di coscienza di tutti i cittadini. La libertà di coscienza determina il pluralismo culturale ed il pluralismo dei valori quindi non significa nichilismo, disprezzo per i valori, ma al contrario il rispetto per i valori degli altri. Le istituzioni pubbliche sono il luogo nel quale i diversi relativismi si confrontano in modo trasparente. Per decidere quale relativismo deve prevalere su un altro, si adotta il principio della maggioranza. Ma per evitare che il principio della maggioranza si trasformi nella dittatura della maggioranza, e che quindi il relativismo della maggioranza diventi assolutismo, lo Stato democratico di diritto prevede il frazionamento dei poteri, il loro reciproco bilanciamento ed una serie di garanzie per le minoranze.

    Il relativismo della Chiesa cattolica invece è occulto ed è tenuto segreto. Ed infatti mentre i vertici ecclesiastici rivendicano di essere depositari di una verità senza se e senza ma e, proprio sulla base di questa verità assoluta, pretendono a volte di condizionare la legislazione statale, dall’altro lato nelle chiese e nelle parrocchie di tutto il mondo Dio, la verità e l’etica cattolica spesso si relativizzano, quali balcanizzandosi.



    Perché sui temi che riguardano la quotidiana fatica del vivere, il dolore causato dalla prepotenza e dalle ingiustizie sociali, a ciascuno è dato di scegliere il proprio Dio, e quindi la propria etica. Questo relativismo etico produce a mio parere il pericolo di una vera e propria cristianizzazione strisciante, di una diserzione dal cristianesimo. In tante, in troppe chiese, per milioni di fedeli, Dio parla per bocca di preti che frequentano senza problemi i salotti della borghesia corrotta e di quella mafiosa o le stanze del potere dei dittatori, e che riducono Dio a guardiano dei comportamenti da tenersi in camera da letto.

    Questo non scegliere, alla base del relativismo di molte gerarchie cattoliche – fatte salve naturalmente alcun eccezioni illuminanti che restano tuttavia episodiche o minoritarie – non sempre è praticabile. A volte la realtà ha costretto le gerarchie cattoliche a scegliere. Ma la lezione della storia dimostra che non sempre questa scelta è stata a favore degli ultimi e degli oppressi, i quali sono stati troppo spesso abbandonati al loro destino.



    In occasione di un viaggio di lavoro a Buenos Aires, ho incontrato le cosiddette madri coraggio, che da tanti anni protestano sfilando in silenzio dinanzi ai palazzi del potere, per chiedere giustizia per i loro cari. In quel tempo la Spagna aveva chiesto l’estradizione di Pinochet per processarlo ed il Vaticano aveva espresso la propria contrarietà. Una di queste donne inviò ad una rivista una lettera che ho conservato e di cui mi colpì il seguente brano: “Lui [il papa] che avrebbe dovuto alzare una parola quando c’era la violenza, la disperazione, la strage nelle nostre famiglie, lui che avrebbe dovuto generare tutta la reazione internazionale perché sapeva cosa stava accadendo, lui ha taciuto, abbandonandoci nelle mani degli assassini e dei torturatori. Solo noi sudamericani sappiamo bene cosa è la curia argentina,cilena, sudamericana. Ed ora che dopo tanti tentativi, tante speranze, pensavamo che si cominciasse finalmente ad ottenere qualche risposta internazionale alla nostra storia, al nostro dolore, ancora intatto, lui, finalmente dopo tanto silenzio, parla. Ma parla per sottrarre alla giustizia il capo dei nostri assassini, per dire no ad una condanna per i delitti aberranti, terribili che ci porteremo addosso per tutta la vita”.



    E’ vero che in America Latina ha operato anche monsignor Romero, il quale è stato ucciso perché difendeva le ragioni dei campesinos . Ma mi pare che le gerarchie cattoliche non abbiano scelto monsignor Romero, se è vero, come è vero, che tutta la teologia della liberazione è stata messa a tacere e che il processo di beatificazione di monsignor Romero è rimasto bloccato per sette anni.

    Ma chi decide queste ed altre scelte? O chi decide le non scelte? Forse il popolo cattolico? Certamente no. E qui veniamo al nodo cruciale del rapporto tra democrazia e Chiesa. E’ diffusa anche all’interno dello stesso mondo cattolico l’opinione che, chiusa la breve parentesi conciliare, si è assistito ad una rivincita delle burocrazie e dei vertici vaticani. La storia postconciliare sembra riconnettersi con assoluta continuità alla storia preconciliare. Alcuni parlano del canto del cigno del cattolicesimo medioevale. Sembra di essere ritornati alla restaurazione di una monarchia assoluta, che concentra il potere all’interno della Chiesa in un ristrettissimo vertice. Tra questo vertice e il popolo di base non esiste una vera corrente, una vera osmosi. Vi è una frattura fra questa realtà di base e i vertici, che sembrano divenire sempre più autoreferenziale.



    Mi pare che all’interno della Chiesa cattolica si stia vivendo una vicenda analoga e parallela a quella che travaglia la storia del potere nella laicità. Si assiste ad una ristrutturazione oligarchica e verticistica del potere e ad una crescente gestione mediatica delle masse. Il cattolicesimo sembra sempre più ridursi ad immagine mediatica, a miracolismo, a sceneggiati televisivi sulla vita dei santi, a vari minuti di Vaticano ogni giorno in tv: dovrebbe far riflettere che i media di regime, che hanno silenziato chiunque si sia rivelato scomodo per il potere, che hanno censurato l’informazione sui fatti, che ignorano completamente le esperienze di base del popolo cattolico, facciano invece da megafono ai vertici vaticani. Come è stato osservato, il vero nemico del cristianesimo non è stato Diocleziano, ma Costantino. Gesù è stato ucciso democraticamente dal potere politico e religioso. Il processo a Gesù è emblematico: il popolo, gestito demagogicamente dal potere, scelse Barabba.



    Gesù viene prima ucciso fisicamente dal potere ecclesiastico e politico, e poi viene ucciso culturalmente dal costantinismo che lo fa diventare instrumentum regni . E allora il problema, ieri come oggi, resta quello di spezzare il rapporto perverso tra fede e potere. Spezzare questo rapporto significa restituire la voce di Dio e di Cristo agli uomini, perché nel corso della storia lo spazio tra l’uomo e Dio è stato troppo a lungo sequestrato dal potere. Ritengo che ciò sia compito soprattutto dei credenti e che per assolvere questo compito sia sufficiente essere coerenti con l’insegnamento di Cristo, recuperare l’insegnamento antipotere di Cristo. A me pare che uno dei nuclei del messaggio di Gesù sia proprio la sfida ai potenti, affinché prendano atto della loro complicità nella sofferenza degli uomini. Solo i poveri sono innocenti, disse, solo i miserabili sono senza peccato, solo chi non ha pane è senza colpa. E a proposito del dovere di scegliere, mi pare che l’etica laica e l’etica cristiana coincidano nel denunciare l’immoralità del non scegliere. Sartre scrisse: “L’etica consiste nello scegliere, noi siamo le nostre scelte”. E Gesù nel Vangelo (Luca, 12,51) dice: “Voi pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, vi dico, ma piuttosto divisione”.



    Quale divisione? La divisione di chi sceglie. E sceglie di stare dalla parte degli ultimi e degli oppressi. Una scelta che si traduce nella carità attiva per la cultura dei diritti, per la liberazione dalle catene del bisogno, una scelta che condannò Gesù a morte e che sempre nel corso della storia ha condannato a morte chi ha osato schierarsi contro il potere. La lezione di Cristo dunque a me sembra esattamente opposta a quella curiale della non scelta o della scelta a favore del potere. A volte, quando a Palermo mi accade di partecipare a cerimonie funebri per commemorare le vittime di tanti omicidi mafiosi, mi guardo intorno e chiedo a me stesso: chissà quanti assassini, quanti sepolcri imbiancati ci sono qui, in questa chiesa, accanto a me, in pace con se stessi e con Dio?

    In quei momenti chiudo gli occhi: e mi piace immaginare che un giorno qualcuno scriva sulle facciate di tutte le chiese di Palermo la stessa frase che un grande vescovo brasiliano aveva dipinto sulla facciata della sua cattedrale: “Il mondo si divide tra oppressori e oppressi. Tu, cristiano, che stai per entrare, da che parte stai?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa è zizzania di apostati ; vada a vedere cosa combina la mafia russa ortodossa e vada a mettere un po di zizzania tra i suoi correligionari .
    queste tesi le protavano anche i testimoni di genova .
    Dicevano : " se andiamo in un carcere , scommettiamo che il 90% dei detenuti hanno il battesimo cattolico ?"
    Perchè si nasconde dietro la sua amica cattolica per dire cose che vorrebbe dire lei ? Non ha amiche piu intelligenti con cui dialogare ?

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vescovo Silvano, grazie per la bella riflessione. Bisogna assolutamente sciogliere il vinsolo tra il potere, il denaro e la religione affinchè l'Evangelo di Gesù possa davvero raggiugnere il cuore di ogni uomo.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ragazzosemplice
    Vescovo Silvano, grazie per la bella riflessione. Bisogna assolutamente sciogliere il vinsolo tra il potere, il denaro e la religione affinchè l'Evangelo di Gesù possa davvero raggiugnere il cuore di ogni uomo.
    nel cuore dell'uomo c'è l'amore che sta spostato a sinistra , ma la giustizia sta tutta nel braccio destro dell'uomo .

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    S. E.Vescovo Silvano, visto che i corvi atei la stanno leccando e vengono in suo aiuto , lungi da me assumere posizioni antiecumeniche e far discorsi di piccineria religiosa .
    Lei resta il benevenuto e merita tutta la nostra stima .
    Le sue alte riflessioni , lungi dall'ispirarsi a quel gretto massimalismo spirituale di anime piccine in cui è colpevole piu l'ignoranza , hanno una loro profondita e uno spessore spirituale teologico .
    Pero le proporrei prima sul suo forum dove mancano riflessioni di impegno sociale religioso , magari invitandoci poi a venirla a visitare se vede che ha poco pubblico .

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vescovo Silvano, ma lei era prima cattolico ( di quelli all'acqua di rosa ) e poi ha fatto l'apostasia o è nato ortodosso, quindi senza diretta apostasia ?

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da apoliticos
    nel cuore dell'uomo c'è l'amore che sta spostato a sinistra , ma la giustizia sta tutta nel braccio destro dell'uomo .
    antonio risponde:

    finche' non viene fatto saltare per aria, come Paolo Borsellino ad esempio
    Grande antonio

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Messaggi
    13,224
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Circa la religiosità dei mafiosi questa c'è sempre stata perché la religiosità popolare è più un fattore culturale, una ritualità e una forma di superstizione che l'adesione al messaggio di Cristo, che diceva innanzitutto di amare il proprio prossimo come sé stessi. Questa religiosità si diffonde con la ritualità in cui è venuta a consacrarsi l'esperienza religiosa qui nel meridione. Faccio un esempio: dalle mie parti, in Campania i camorristi sono gli organizzatori delle feste patronali e l'uso di portare in spalle il santo patrono è spesso una prerogativa dei picciotti. Questo avviene perché nel rito si sacralizza il potere, quello religioso-temporale della chiesa cattolica e quello criminale dei picciotti.

    Ricordate il boss Pietro Aglieri, col confessore e la cappella personale nella villa della latitanza? E Bernardo Provenzano con le sue bibbie?

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    finche' non viene fatto saltare per aria, come Paolo Borsellino ad esempio.

    Vedi , in certo cattocomunismo di accatto si fa solo una grande e continua confusione tra carità e giustizia .
    Ad esempio , in una società non esite solo il problema di dare il giusto salario all'operaio e la giustizia non è solo quello ma copre una vastissima gamma di atti di governo e di amministrazione .
    Quello che deve guidare un politico deve essere sempre e solo la giustizia e giammai la carità !
    Quando un politico agisce per carità , è chiaro che diventa un mafioso ipocrita !
    " Io ti pago lo stipendio, ti costruisco l'ospedale , non perchè hai diritto , ma perchè di mia iniziativa ti faccio questa carita per acqusire meriti davanti a Dio , una carita che potrei anche non fartela qualora non fossi crstiano e cattolico (la giustizia invece è un dovere necessario ! ).
    E' chiaro che nella vita privata questo atteggiamento è contro la carita e contro l'amore al prossimo . Ecco che quando si parla a un certo livello , bisogna tenere ben presente di cosa stiamo parlando , operando le opportune distinzioni tra fede e politica , tra carita e giustizia .
    La carita ha mille vie , cosi pure la giustizia .
    Esiste la giustizia dell'uomo verso Dio e viceversa,quindi nell'opera di Redenzione , cosi come esite la giustizia nel diritto sociale ed economico .
    La giustizia sociale , è chiaro, ha come unico metro di paragone la giustizia della legge divina e non la legge della giungla darwiniana su cui si basano alcune ideologie moderne come il comunismo e il fascismo , mentre nell'agire privato di ognuno il metro è il vangelo e non vuote regole di psicologia senza nè capo nè coda .
    Sia il marxismo, da cui il comunismo , e sia il fascismo hanno alla base lo stesso maestro : Darwin .
    Ecco perchè alla fine il fascista non è altro che un comunista cresciuto
    male . Anzi no , cresciuto meglio, perchè è un comunista che ha capito che la realtà sociale non è un' utopia religiosa , quindi dosa i suoi interventi nell'ambito pubblico a quelli necessari al bene comune .
    E' chiaro che , venendo al nostro tema , possiamo trovare piu amanti della giustizia politica naturale nel campo laico, in gente lontana dalla fede cattolica , sebbene si tratti di una giustizia molto imperfetta .
    Mentre possiamo trovare uomini di fede che si credono superiori perchè hanno la fede , ma non hanno un grammo di giustizia . Essi agiscono solo in base alla carita , cioe solo in base all'ipocrisia . " Ti do questo perchè ti faccio la carita e sono cristiano ". Quando un politico si comporta con giustizia , non fa altro che il suo dovere , non è un santo ma è solo uno che segue la natura delle cose . La santita invece è la virtu .
    Sul piano sociale ed ecclesiale quindi possiamo vedere due modi di agire diversi in cui possiamo ditinguere sia la carità e sia la giustizia .
    Possiamo vedere il prete che va incontro ai musulmani che sbarcano sulla spiaggia e li rifocilla , cosi come è giusto il questore che li cattura , chiede di che fede sono e poi li reimbarca , dopo avere messo al muro qualche delinquente o terrorista . Vi ricordate san franesco ?
    Sa francesco chiedeva la conversione (non il dialogo ) , i crociati giustamente miravano a fare piazza pulita e facevano bene .

  10. #10
    spirito libero
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Genova
    Messaggi
    1,938
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sia il marxismo, da cui il comunismo , e sia il fascismo hanno alla base lo stesso maestro : Darwin .
    Mi consolo, questa frase esemplifica il tuo stato, non hai capito nulla nè di Darwin, nè tantomeno di Marx, forse conosci per affinità elettiva il fascismo ma li ti fermi. Pensavo che i tuoi discorsi fossero frutto di malafede, invece è unicamente ignoranza ( nel senso etimologico del termine, absit injuria verbis)
    non sarà mai possibile con la ragione pervenire a qualche verità assoluta

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il Padrino (parte IV)?
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-04-08, 22:03
  2. Il padrino
    Di CADORE nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 10-11-07, 12:41
  3. La Fine Del Padrino E L'inizio Del Padrino
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-04-06, 04:22
  4. Il padrino II
    Di micknick nel forum Fondoscala
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 08-09-05, 03:50
  5. Il Padrino
    Di O'Rei nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-11-04, 17:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226