User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,738
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito 1° Maggio, festa della schiavitù

    Il Gazzettino Mercoledì, 3 Maggio 2006


    Il lavoro, di cui si è testè celebrata ...
    di Massimo Fini

    Il lavoro , di cui si è testè celebrata la Festa in pompa magna, è uno dei valori più importanti del la società moderna, se non addirittura il principale visto che la nostra Costituzione si apre, al primo articolo, con l'affermazione solenne: "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro ".
    Ma non è stato sempre così. In epoca preindustriale il lavoro era se non proprio un disvalore quantomeno per dirla con San Paolo, "uno spiacevole sudore del la fronte".

    In altre culture il lavoro non è mai stato un valore e in alcune, quelle che si sono salvate dall'assalto del la nostra economia, non lo è mai diventato.
    In Europa il lavoro assurge a valore solo con la Rivoluzione industriale.
    Sia per i liberali che per i marxisti.
    Per Marx è "l'essenza del valore" (non a caso Stakanov è un eroe del l'Unione Sovietica) per i liberal-liberisti è quel fattore che, combinandosi col capitale, dà il famoso "plusvalore".

    In precedenza il lavoro non è un valore. In epoca feudale e medioevale è nobile chi non lavora e l'artigiano e il contadino lavorano solo per quanto gli basta, il resto è vita.
    Non che il contadino e l'artigiano medioevale non amino il loro mestiere - certamente lo amano di più, perchè maggiormente personale e creativo del l'odierno operaio industriale o del l'impiegato - ma non sono disposti a sacrificargli più di tanto del loro tempo.

    Perchè per quella gente il vero valore è appunto, "il tempo". E, una volta assicurato il fabbisogno essenziale, il tempo va usato per vivere, non per accumulare altro lavoro . E quindi ricchezza.

    Anche a quegli uomini e a quelle donne piaceva, com'è sempre stato da che mondo è mondo, la ricchezza, ma a nessuno era mai passato per la testa che la si dovesse fare lavorando e non piuttosto con un colpo alla Ruota del la Fortuna o mettendosi in caccia di qualche tesoro.

    Come notano Max Weber e Werner Somabart la ricchezza attraverso il lavoro è un concetto, inaudito, che si afferma con l'avvento di quella classe doverista, metodica, calcolatrice, razionalizzatrice, punitrice e autopunitrice, autolestionista e masochista che è la borghesia e che venne poi proprio, per mimesi, dal proletariato e dalle filosofie ad esso collegate.

    Con la Rivoluzione industriale cambia anche il modo di concepire, di pensare e di sentire il lavoratore. Il signore, il maestro artigiano, il padrone del la bottega non considerava i dipendenti una merce che si può vendere e comprare e nè essi si sentono tali.

    Il feudatario può considerare il servo casato una sua proprietà, ma sempre come una persona non come cosa, oggetto, merce. L'attività del dipendente è incorporata nella sua persona e non ne può essere scissa.

    Oggi invece il dovere e il lavoratore sono una merce come un'altra, tanto che esiste un "mercato del lavoro " così come c'è un mercato del bestiame o dei latticini o del l'abbigliamento o dei "prodotti derivati" o di qualsiasi altra cosa (per mascherare un po' la mercificazione i lavoratori vengono oggi ipocritamente chiamati "risorse".

    Ma se sono tali come mai ce ne si libera così volentieri?). Se il lavoro è il valore massimo, la disoccupazione - che in epoca preindustriale non esisteva perchè ad ogni nucleo familiare era assicurato il proprio, sia pur limitato, spazio vitale - è il suo contraltare negativo, la disperazione, l'orrore.

    Però oggi nelle società sviluppate ci sono milioni di disoccupati che, benchè tali, hanno di che nutrirsi, vestire, abitare, sia pur modestamente.
    Poter vivere senza lavorare - com'è il caso di questi disoccupati - è sempre stato il sogno del l'uomo.

    Almeno fino a quando ha avuto la testa. Invece costoro, immersi in una società opulenta, soffrono una drammatica frustrazione e si sentono umiliati e monchi perchè non possono accedere ai beni voluttuari che gli altri posseggono.
    Ma basterebbe un'inversione concettuale, come quando invece che nuotare controcorrente la si asseconda e capirebbero che sono loro i veri ricchi, perchè hanno a disposizione il bene più prezioso, proprio quello che agli altri, gli invidiati, coloro che lavorano, penosamente manca: il tempo.

    Mi ha sempre fatto sorridere che noi, il Primo Maggio, si celebri allegramente la Festa della nostra schiavitù.
    E non mi pare privo di un significato su cui forse varrebbe la pena riflettere che la Festa di questo valore importantissimo e decisivo, qual'è oggi considerato il lavoro , si celebri facendo il contrario: non lavorando.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi sembra qualunquisticamente controcorrente ad ogni costo.

    Che poi se un giorno è di festa è festa appunto...

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,737
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Lavoro = schiavitù (sia in senso teologico sia filosofico).
    Padani, grandi lavoratori.
    E se ne vantano pure.
    Strabelin...

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    meglio schiavo che terùn

  5. #5
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi pare una cagata stavolta....

    quelli che adesso o in passato (nobili, disoccupati, terroni, ecc) apprezzano il valore del "tempo" e del riposo anziche' del lavoro, lo potevano e possono fare solo perche' tutti noi altri lavoriamo per mantenerli, direttamente (soldi) e indirettamente (tenendo in piedi la baracca dell'economia).

    E poi, quel concetto che oggi siamo schiavi del lavoro mentre nel medioevo si lavorava solo per vivere e si godeva il resto del tempo, anche quella mi pare una cagata. Il 99% della gente si alzava all'alba, lavorava fino al tramonto e andava a dormire, altro che godersi il tempo libero o le vacanze.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    fini bevi di meno

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,738
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    è chiaro che solo chi apprezza il valore del tempo, merita di goderlo pienamente.........

    nel medioevo il tempo veniva misurato per stagioni perché erano quelle che cadenzavano i ritmi lavorativi, quello che non si faceva oggi lo si rimandava al domani; per costruire una cattedrale ci si prendeva qualche secolo........ora il tempo lo si vive al millesimo di secondo..........
    bello il progresso con annessa nevrosi perpetua........


  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,738
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano


    Padani, grandi lavoratori.
    E se ne vantano pure.
    Strabelin...

    sono padano DOC ma spero di diventare Cavaliere del Riposo,
    piuttosto che Cavaliere del Lavoro........

 

 

Discussioni Simili

  1. NON HO MAI CAPITO LA FESTA DEL PRIMO MAGGIO, FESTA DEL LAVORO
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-05-11, 10:24
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-05-10, 21:16
  3. Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 21-05-06, 03:43
  4. 1° Maggio, festa della schiavitù
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04-05-06, 20:10
  5. 8 Maggio-festa Della Donna
    Di skorpion (POL) nel forum Arte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-03-04, 23:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226