User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bertinotti cita...don Milani....

    Roma, 29 apr. - (Adnkronos) - ''Dobbiamo ricordare la lezione morale di una grande coscienza civile e riformatrice del Paese: don Lorenzo Milani''. Lo ha detto Fausto Bertinotti nel discorso di insediamento come presidente delle Camera.



    Sarei curioso di capire a quale lezione morale si riferisce bertinotti... perchè è diventata consuetudine di bertinotti appropriarsi dei santi (in un recente port-a-porta ante-elezioni aveva dichirato di essere un estimatore di san Paolo) - ne vedremo delle belle!!!! Inoltre il discorsetto Bertinotti se lo era preparato....a chi vuole far fessi?


    ....l'attuale comunismo nostrano, come è tipico poi del nostro carattere italico....non ha più nulla di Carlo Marx.....rivendicano qua e la una certa radice contenuta ancora nella LOTTA CONTRO QUALSIASI STATO, FUORCHE' CONTRO, NATURALMENTE, LO STATO DIRETTO DA LORO......

    Durante la campagna elettorale Bertinotti ha citato pure il "poverello di Assisi".....dicendo che lui E' AFFASCINATO DALLO STILE FRANCESCANO..... peccato che poi con d'Alema (anche se non si possono vedere) pretendano di fare ancora lotta operaia con le barche a vela.....viaggi natalizi a New York come Bertinotti e consorte.......per non parlare poi dei matrimoni omosessuali che se fosse per Marx starebbero ancora nei GULAG SOVIETICI.... ....

    ......Fare parti uguali tra diseguali
    è la cosa più ingiusta del mondo....
    questo intanto diceva don Milani.... questo è l'errore più grande che la sinistra italiana si porta ancora dietro......

    Inutile dire che esistono DUE FACCE DI DON MILANI:

    - quella reale e vera che la Chiesa conserva e custodisce e ancora studia con rispettoso sguardo;
    - e quella strumentalizzata ed usata dalla sinistra per far dire fin anche a don Milani l'esatto contrario di ciò che insegna la Chiesa.....

    Il perchè di questa doppiezza va cercato in quegli anni il cui clima COMUNISTA era soffocante da una parte, ma dall'altra parte questa sinistra....stava occupandosi di quelle faccende che la Chiesa INIZIO' A FARE CON NOTEVOLE RITARDO E DOPO IL CONCILIO VATICANO II...e non dimentichiamo che I PROFETI APPARTENGONO ALLA CHIESA, solo che ci vuole tempo e pazienza PER FARE DISCERNIMENTO DELLA VERITA'...

    Per esempio:

    La Civiltà cattolica, con l'articolo di p. Perego, stroncò "Esperienze pastorali". di don Milani....siamo all'incirca nel 1958.
    La nota de "L'Osservatore Romano" di allora, motiva tale decisione dicendo che "nella concessione dell'approvazione ecclesiastica è intervenuta una serie di equivoci, ai quali è completamente estranea l'autorità diocesana" e che considerate le "severe critiche della migliore stampa cattolica" e i consensi "accordati da certa stampa comunista" conveniva ritirare il libro.
    .........

    era normale che la Chiesa all'epoca DUBITASSE del perchè don Milani facesse successo a sinistra.....mentre restava un pò in disparte fra i consensi di molti vescovi i quali NON SI PRONUNCIAVANO.....

    In un articolo di Socci in "L'ABUSO DELLA FEDE" nel quale descrive l'utilizzo dei comunisti nostrani dei sacerdoti diciamo....aperti e PROFETI (e noi molte volte li definiamo PROGRESSISTI che è invece un altra cosa legata alla Teologia della Liberazione per la quale don Milani era estraneo)...scrive:

    Ieri perfino Cesare Garboli - che non conoscevamo nei panni del "tifoso" vaticano - ha intonato, sulla prima pagina di Repubblica una specie di salmo osannante il prelato che il Papa aveva inviato a Bagdad (dove - Garboli forse lo ignora - ha provato a convincere Saddam Hussein a mollare per risparmiare ulteriori sofferenze al suo popolo). Garboll arriva a parlare del vescovo quasi con passione: «il mio cardinale, il mio Etchegaray», scrive testualmente.

    Il «mio»? Si sapeva che era un cardinale di Santa Romana Chiesa, non un cardinale «di» Cesare Garboli. Per dare a Cesare quel che è di Cesare, egli può dire «mio» - che so - al suo cane. Ma non a un cardinale.

    Anche perché questo annettersi dei cristiani per «usarli» come utili foglie di fico non è gradito affatto ai cristiani.

    Ci provano da sempre. lo fecero anche con don Lorenzo Milanì, che reagiva molto duramente. Quando la sinistra intellettuale diceva «è dei nostri!», lui rispondeva per le rime: «Ma che dei vostri! Io sono un prete e basta!».

    A volte provavano a usarlo perfino contro la Chiesa e lui rispondeva ancora duramente: «In che cosa la penso come voi? Ma in che cosa?», «questa Chiesa è quella che possiede i sacramenti. L'assoluzione dei peccati non me la dà mica L'Espresso. E la comunione e la Messa me la danno loro? Devono rendersi conto che loro non sono nella condizione di poter giudicare e criticare queste cose. Non sono qualificati per dare giudizi»,

    «ci ho messo 22 anni per uscire dalla classe sociale che scrive e legge L'Espresso e Il Mondo. Devono snobbarmi, dire che sono ingenuo e demagogo, non onorami come uno di loro. Perché di loro non sono»,

    «l'unica cosa che importa è Dio, l'unico compito dell'uomo è stare ad adorare Dio, tutto il resto è sudiciume». Grande don Milani! Sante parole: «devono snobbarmi, non onorarmi come uno di loro. Perché di loro non sono».


    Lui - con la sua franchezza toscana - lo diceva esplicitamente. Chi ricopre ruoli delicati non può parlare. Non può scendere in polemica con dei giornaletti e degli opinionisti. Giustamente.

    E allora lo facciamo noi per loro; giù le mani dalla Chiesa! Giù le mani dal papa! Il papa, semmai, lo si ascolta e lo si segue. E questo che fanno Garboli e compagni? Dicono il Rosario come raccomanda il Santo Padre, in un documento commovente, agli uomini del terzo millennio? Sono disposti a sottoscrivere le parole del Papa per il quale il primo, Garboli, attenta alla pace e l'aggressione alla vita nascente? Ritengono - come il Papa - che le sorti dell'umanità siano nelle mani di Maria come ha ripetuto solennemente a Fatima? Ritengono loro che la vera Pace è una Persona che si chiama Gesù Cristo ed è anche vero Dio?

    Non mi risulta. I loro giornali non si limitano a rifiutare tutto questo (che è il vero pensiero del Papa), ma disprezzano con una certa intolleranza questa fede insegnata dal Papa. Bastava sfogliare il settimanale di Repubblica, il Venerdì, pochi giorni fa, per veder distillare il disprezzo di uno di questi intellettuali - Beniamino Placido - verso i cristiani. Uomini, come Giovanni Paolo II e un miliardo di cattolici, che Placido considera evidentemente dei poveri picchiatelli perché si affidano alla Madonna e - udite, udite! - credono addirittura ai miracoli, credono all'Eucarestia, incredibile!

    Questo tipo di intellettuali sono dei reduci dell'altro secolo, ciò che resta delle vecchie guerre anticlericali. vivono di pregiudizi, non sopportano la luce della razionalità, vivendo di un oscurantismo laico che non tollera analisi critiche. Non sanno nulla e pretendono di insegnare, non si documentano, non leggono, non si curano neanche della scienza (che ne sa Placido degli studi del Bureau Médical di Lourdes?) (....)

    Sanno distillare solo disprezzo e sarcasmi, pensando che siano anni terribili, di fronte ai quali noi cattolici ci andiamo a nascondere, rossi di vergogna. Non sanno neanche con chi hanno a che fare, neanche sì accorgono dell'effetto che ci fanno. Già un grandissimo giornalista e scrittore inglese - il convertito Glibert K. Chesterton, penna irresistibile - ebbe a che fare con questo tipo di intellettuali.

    Rivolto a uno di costoro scrisse: «Questo riso, di cui gli uomini fanno uno strumento di tirannia, non è la potenza spaventosa che voi credete».

    Chesterton chiedeva a bruciapelo se ritenessero che la crocifissione fosse una cosa seria. Ricevendo le stesse risposte positive che i Placido, i Garboli e gli Scalfari darebbero oggi. Ma poi ribatteva loro: «Ebbene vi ingannate. La crocifissione è comica. E una cosa divertentissima. Era un modo di impalare, paradossale e osceno, ai quale erano destinate le persone delle quali si poteva ridere, gli schiavi e i provinciali... Ora, quella forca grottesca che i monelli romani disegnavano sui muri come uno scherzo grossolano, io l'ho vista risplendere sulla sommità dei templi dell'universo! E dopo di ciò io dovrei temere il ridicolo?».

    Pensate alla sorte di Pietro che fu addirittura crocifisso a testa in giù. Un vecchio uomo come lui. Eppure «con la testa in giù e le gambe in aria», scriveva Chesterton, «Pietro è ancora Pietro, per l'umanità: sebbene con la testa in basso, egli non cessa di dominare l'Europa ancor oggi, e milioni di creature non respirano che nella sua Chiesa».

    © Il Giornale - 21 Febbraio 2003



    che dite.........gli rinfreschiamo la memoria al povero Bertinotti??



    Fraternamente CaterinaLD
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ........discernimento antonio........siamo chiamti al DISCERNIMENTO.....

    per esempio quando Giovanni Paolo II ha baciato IL CORANO......sappiamo benissimo le critiche che sono volate da ogni dove, ma infatti nessun cattolico è chiamato ad imitare in questo il Papa che era un gesto di distensione con l'Islam RICONOSCENDOGLI LA CAPACITA' DEL DIALOGO ED IL RISPETTO IN CIO' CHE RITIENE SACRO....
    Benedetto XVI, amico FIDATO del suo predecessore......quando è nadato a Colonia NON è andato nella Moschea, ha fatto capire che quel gesto di apertura ci era stato e che era sufficiente e che non era necessario ripeterlo....lui i musulmani li ha ricevuti in diocesi con un gigante Crocefisso alla parete.......

    ergo, per ritornare al tema..Bertinotti va fregando chi non conosce questi sotterfugi di usare e STRUMENTALIZZARE QUESTI SACERDOTI CHE PER LA CHIESA SONO PROFETI.......e mai la Chiesa ha condannato don Milani...allora prendiamo da don Milani i suoi chiarimenti CONTRO CHI DA SINISTRA LO STRUMENTALIZZAVA........e ancora oggi lo strumentalizza....oppure non vorrai farmi credere che Bertinotti (che leggeva un foglietto) E' STATO ISPIRATO A CITARE DON MILANI TANTO PER TRANQUILIZZARE IL MONDO CATTOLICO DELLA SUA ELEZIONE NEPPURE IMPREVEDIBILE MA TUTTA PREPARATA???

    andiamo antò.....ti faccio più intelligente.....


    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  3. #3
    14/05/48 Schiavi di Sion
    Data Registrazione
    15 Jan 2005
    Località
    Al sicuro nella Basilica della Nativita', in Palestina ovvero in Terra Santa.
    Messaggi
    1,621
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    ..la riscoperta di Don MIlani da parte tua e' operazione ipocrita e intelletualmente disonesta..
    se prima tu sputi addosso a Don Milani, poi non puoi rivendicare l'esclusiva delle citazioni...
    no, non va bene..
    ecco il discernimento...l'onesta' intellettuale..
    Quello che volevo dire io...

  4. #4
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Innanzi tutto trovami dove e come e quando e in quale tema io ho mai trattato don Milani malamente......diversamente stai calunniando...

    altro aspetto trovami un solo documento della Chiesa che abbia scomunicato don Milani...e che lo abbia ridotto allo stato laicale per i suoi scritti..

    ultimo aspetto, ed è quello che chi è fuori della Chiesa come voi non comprende....è quell'esaminare IL PENSIERO DI UN SACERDOTE (ma anche di un laico) cattolico nel quale TROVARE LE CONNESSIONI CON LA VERITA' E SCARTARE CIO' CHE NON E' ACCETTABILE DAL MAGISTERO....questo discernimento (per noi semplicemente normale e legittimo) che voi non conoscete affatto, vi preclude la strada ad un pensiero molto più approfondito dei vari temi ed infatti vi soffermate sempre sulla SUPERFICIALITA' facendo ristagnare i dibattiti o finendo per farli naufragare in una disputa da osteria......

    lo dimostra il fatto che volutamente continui ad ignorare caro antonio le parole stesse di don Milani quando spiegava ai comunisti del suo tempo DI NON ESSERE AFFATTO COME LORO...e continui ad ignorare il testo di apertura soffermandoti esclusivamente su ciò che può tornarti comodo per la tua dottrina..

    ma a te che te frega? Basta che trovi l'appiglio a poter criticare UNA PARTE DELLA CHIESA, e per te il problema è risolto perchè oltre non riesci proprio ad andare....non è colpa tua....sei limitato, ma non riesci ad ammetterlo

    stammi bene....eccelso saggio
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  5. #5
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ......se te rode grattati antò......
    e vatti a rileggere anche i fatti di padre Pio..tu non conosci come procede la Chiesa....e se te ne vuoi fare maestro sei semplicemente FUORI, semplice no?

    Sei fuori della Chiesa perchè sostieni cose che il Magistero NON sostiene........tu puoi ritenerti cattolico, certamente è una tua azione legittima, ma navighi nella più blanda ILLUSIONE ti illudi di essere nel giusto quando sai bene che la Chiesa non la pensa come te su certe questioni, ergo o ci sei o ci fai....

    Sei tu che mi hai calunniato dicendo che ho parlato male di don Milani, prego, dimmi dove e come e quando..altrimenti è calunnia ed infatti la tua reazione lo dimostra come in tutti i 3D, quando vi si dice la verità li trasformate in bolge da osteria......e del tema principale si perde ogni traccia.....

    di tutti questi che tu hai citato ti risulta che la Chiesa li abbia scomunicati? si o no?
    se è si porta le prove, se è no le tue chiacchiere di diffamare una parte della Chiesa ti ricadono pesantemente come un pettegolo in giorno di mercato

    Sei talmente avido di te stesso che non hai capito neppure la risposta che ti ho dato sopra che ti spiegava come si procede nella Chiesa nel valutare le coese buone e magisteriali che vengono dette da altre cose che non collimano con il Magistero......

    dovresti rileggerti le DISPUTE FRA I CRISTIANI DEI PRIMI SECOLI CON I PADRI DELLA CHIESA per capire di cosa stiamo parlando, ma temo che non sei all'altezza per comprendere......non è colpa tua.non ci arrivi proprio..ergo invece di inkakkiarti, prendine atto e con umiltà mettiti alla scuola non mia MA DEI PADRI DELLA CHIESA SULLE DISPUTE.......

    ora se vuoi tornare al tema principale che sostiene con delle prove che la sinistra italiana SFRUTTA E STRUMENTALIZZA CERTI DISCORSI DI ALCUNI SACERDOTI CHE NELLA CHIESA HANNO CREDUTO E PER LEI SONO MORTI è un conto..se ti vuoi divertire a sfottere come è la norma dei tuoi interventi, allora non ho tempo da perdere......



    stammi bene grande saggio.......

    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ogni prete,ogni religioso, proponendosi di seguire il vangelo , non puo' non essere un " comunista " , cioè non può non avere un modello sociale ed eccclesiale basato solo sull'amore e rivolto all'accoglienza degli ultimi .
    Il modello sociale che propone il vangelo è un modello ecclesiale , valido per le comunità di fede , mai per la vita sociale naturale e Cristo mantenne una feroce distinzione per non esserene coinvolto .
    Tenete presenti le comunita monastiche ? ecco quello è il modello di vita associata che ci propone il vangelo quando parla di Chiesa e valido solo nell'ambito della fede . Per questo che il modello neocatecumenale è un 'autentica apostasia ! Un miscuglio tra societa civile ed evangelica !
    Dire a un prete che questo modello non fu affatto proposto da Cristo come societa civile , come societa naturale , significa fargli compiere un' abiura . Significa ucciderlo !
    Allontanarlo dal modello ecclesiale di fede , significa strappargli la pelle di dosso . Il modello sociale che ci propone invece la Sacra Scrittura è un modello di societa teocentrica . Un modello basato sulla giustizia della legge e questa legge si trova nella natura umana ma viene confermata da Dio . L' autorita , chiunque sia, sta a servizio della legge e la attua anche con mano pesante tra il popolo . L'obiettivo dell'autorita infatti non è fare vangelo o carita , ma far sviluppare una sociata perfetta che si costruisce intorno all'osservanza della legge . Il regno di Dio in terra è la piena osservanza della legge , come avveniva ai tempi dei maccabei , cioe quando il cronista dice con sodisfazione :" la legge era perfettamente osservata e la pace regnava sulla terra ! " E' Parola di Dio !
    Ora Don Milani , nonostante fosse un anticomunista , ha avuto la tentazione normale di proporre sul piano sociale il modello comunitario religioso . Nel modello comunitario religioso, salta ogni giustizia ; siamo tutti uguali , tutti siamo giustificati dalle mancanze e nessuno deve pagare per qualche mancanza ; ci sono mille scusanti psicologiche poi . Non esistono classi . Ora si di dà il caso che per attuare il modello di società naturale e civile , bisogna addirittura odiare
    il modello evangelico, senza nessuna concessione . Il cattocomunismo invece è il fifty fitty, ma non tra comunità religiosa e comunità civile , ma tra società civile e lo spirito mondano; direttamente tra fede e compromesso ideologico . Ecco perchè alcuni folosofi odiano l'ebraismo ,ma è piutosto un odio contro il vangelo sociale ! Il perdonismo e la carita sociale dello stato ! Tutte le moderne ideologie sono delle deviazioni dal modello naturale propostoci dalle Scritture . Sono le alienazioni del mondo contemporaneo a cui i moderni cattolici fanno la corte per essere all'altezza dei tempi . Quando l'uomo naturale vuol vivere il vangelo a livello civile o si fa religioso o diventa una bestia .
    Diventa una bestia perchè dimentica che esiste uno sviluppo ordinato di tutte le facoltà naturali dell'uomo che non si oppongono al vangelo, che resta solo un opzione individuale di molti non necessaria alla società civile .
    Se i santi contrapposero talvolta alla loro natura il vangelo, ciò avvenne solo perchè avevano eliminato prima ogni forma di ingiustizia e trasgressione alla legge dalla loro vita .

  7. #7
    Cielo stellato
    Data Registrazione
    21 Jun 2005
    Messaggi
    4,917
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Caterina63
    Roma, 29 apr. - (Adnkronos) - [COLOR=red][B]''Dobbiamo ricordare la lezione morale di una grande coscienza civile e riformatrice del Paese: don Lorenzo Milani''
    Io sono contento quando anche i nostri fratelli non credenti si avvicinano alla Verità. Se lo fanno attraverso San Tommaso, San Francesco, la lettura del Vangelo o Don Milani, che mi importa?

    E' il Signore che dà loro dei Segni, che li chiama, che si manifesta.

    Non mi sognerei mai di dire che qualcuno non è degno di citare un testimone della mia Fede. Soprattutto in una citazione "neutra" come questa, che non era altro che il "saluto" del Presidente della Camera ai cattolici italiani.

    Noi conosciamo e cerchiamo di stare fedeli al Magistero. Ci riusciamo, non ci riusciamo, il Giudice ci giudicherà.
    Di sicuro NOI non siamo fatti per giudicare chi ha altri percorsi di fede.
    Ben venga un comunista che cita un grande sacerdote. Anzi, che lo legga, che se lo studi, che lo capisca, che si avvicini alla Verità. A questo aneliamo tutti noi fratelli in Cristo, non ad essere i farisei del nostro tempo.

    Fraternamente.
    Stefano

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,528
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In conclusione, se don Milani mettiamo ha scritto che due più due fa quattro o che l'olio non si scioglie nell' acqua, qui si sostiene che non si può concordare con lui se non autorizzati non si sa bene da chi? Ma che state a dì! Cosa poi tutto ciò abbia a che fare con la religione cattolica me lo dovete proprio spiegare.

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    18 Jun 2009
    Messaggi
    322
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stephen
    Io sono contento quando anche i nostri fratelli non credenti si avvicinano alla Verità. Se lo fanno attraverso San Tommaso, San Francesco, la lettura del Vangelo o Don Milani, che mi importa?

    E' il Signore che dà loro dei Segni, che li chiama, che si manifesta.

    Non mi sognerei mai di dire che qualcuno non è degno di citare un testimone della mia Fede. Soprattutto in una citazione "neutra" come questa, che non era altro che il "saluto" del Presidente della Camera ai cattolici italiani.

    Noi conosciamo e cerchiamo di stare fedeli al Magistero. Ci riusciamo, non ci riusciamo, il Giudice ci giudicherà.
    Di sicuro NOI non siamo fatti per giudicare chi ha altri percorsi di fede.
    Ben venga un comunista che cita un grande sacerdote. Anzi, che lo legga, che se lo studi, che lo capisca, che si avvicini alla Verità. A questo aneliamo tutti noi fratelli in Cristo, non ad essere i farisei del nostro tempo.
    Ank'io straquoto l'intervento di Stephen. Le penso ESATTEMENTE così!!!

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da apoliticos
    Ogni prete,ogni religioso, proponendosi di seguire il vangelo , non puo' non essere un " comunista " , cioè non può non avere un modello sociale ed eccclesiale basato solo sull'amore e rivolto all'accoglienza degli ultimi .
    Il modello sociale che propone il vangelo è un modello ecclesiale , valido per le comunità di fede , mai per la vita sociale naturale e Cristo mantenne una feroce distinzione per non esserene coinvolto .
    Tenete presenti le comunita monastiche ? ecco quello è il modello di vita associata che ci propone il vangelo quando parla di Chiesa e valido solo nell'ambito della fede . Per questo che il modello neocatecumenale è un 'autentica apostasia ! Un miscuglio tra societa civile ed evangelica !
    Dire a un prete che questo modello non fu affatto proposto da Cristo come societa civile , come societa naturale , significa fargli compiere un' abiura . Significa ucciderlo !
    Allontanarlo dal modello ecclesiale di fede , significa strappargli la pelle di dosso . Il modello sociale che ci propone invece la Sacra Scrittura è un modello di societa teocentrica . Un modello basato sulla giustizia della legge e questa legge si trova nella natura umana ma viene confermata da Dio . L' autorita , chiunque sia, sta a servizio della legge e la attua anche con mano pesante tra il popolo . L'obiettivo dell'autorita infatti non è fare vangelo o carita , ma far sviluppare una sociata perfetta che si costruisce intorno all'osservanza della legge . Il regno di Dio in terra è la piena osservanza della legge , come avveniva ai tempi dei maccabei , cioe quando il cronista dice con sodisfazione :" la legge era perfettamente osservata e la pace regnava sulla terra ! " E' Parola di Dio !
    Ora Don Milani , nonostante fosse un anticomunista , ha avuto la tentazione normale di proporre sul piano sociale il modello comunitario religioso . Nel modello comunitario religioso, salta ogni giustizia ; siamo tutti uguali , tutti siamo giustificati dalle mancanze e nessuno deve pagare per qualche mancanza ; ci sono mille scusanti psicologiche poi . Non esistono classi . Ora si di dà il caso che per attuare il modello di società naturale e civile , bisogna addirittura odiare
    il modello evangelico, senza nessuna concessione . Il cattocomunismo invece è il fifty fitty, ma non tra comunità religiosa e comunità civile , ma tra società civile e lo spirito mondano; direttamente tra fede e compromesso ideologico . Ecco perchè alcuni folosofi odiano l'ebraismo ,ma è piutosto un odio contro il vangelo sociale ! Il perdonismo e la carita sociale dello stato ! Tutte le moderne ideologie sono delle deviazioni dal modello naturale propostoci dalle Scritture . Sono le alienazioni del mondo contemporaneo a cui i moderni cattolici fanno la corte per essere all'altezza dei tempi . Quando l'uomo naturale vuol vivere il vangelo a livello civile o si fa religioso o diventa una bestia .
    Diventa una bestia perchè dimentica che esiste uno sviluppo ordinato di tutte le facoltà naturali dell'uomo che non si oppongono al vangelo, che resta solo un opzione individuale di molti non necessaria alla società civile .
    Se i santi contrapposero talvolta alla loro natura il vangelo, ciò avvenne solo perchè avevano eliminato prima ogni forma di ingiustizia e trasgressione alla legge dalla loro vita .

    biquoto !

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ferrero cita don Milani: Politica è camminare insieme
    Di robertoguidi nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 10-08-08, 18:38
  2. Don Milani
    Di bottero nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-06-07, 19:57
  3. Bertinotti cita Calamandrei
    Di amsicora nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-10-06, 22:58
  4. Bertinotti cita don Milani........
    Di Caterina63 nel forum Conservatorismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-05-06, 21:50
  5. Il crocifisso di Don Milani
    Di Claudio (POL) nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-09-02, 18:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226