User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 57
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Pena di morte: riflessioni cattoliche

    Pena di morte: riflessioni cattoliche
    Marco Massignan
    07/05/2006
    Molti cattolici affrontano certe tematiche con la tipica superficialità laica ed illuministica,e nel recepire così i quadri interpretativi da altre culture, dimenticano di «leggere» i tempi in cui vivono assumendo come postulati essenziali la fede e la tradizione.
    Prendiamo il caso della pena di morte: non pochi credenti la giudicano contraria allo spirito cristiano e in disaccordo con il Vangelo, non accorgendosi così di sconfessare non solo la Scrittura stessa, ma anche il magistero bimillenario della Chiesa.
    Pio XII, in un'allocuzione del 14 settembre 1952, ribadendo una dottrina e una prassi plurisecolare, ebbe a dire: «è riservato al pubblico potere privare il condannato del bene della vita, in espiazione del suo fallo, dopo che col suo crimine, si è spogliato del diritto alla vita».
    Sarà bene chiarire fin da subito il senso di tali affermazioni, approfondendo la questione - sempre da una prospettiva squisitamente religiosa - prima che qualche benpensante cominci a stracciarsi le vesti.

    A tal proposito, vorrei citare il filosofo luganese Romano Amerio che in «Iota unum» scrive: «l'opposizione alla pena capitale deriva oggi spesso dal concetto dell'inviolabilità della persona in quanto soggetto protagonista della vita mondana, prendendosi l'esistenza morale come un fine in sé che non può essere tolto senza violare il destino dell'uomo. Ma questo modo di rigettare la pena di morte, benché si guardi da molti come religioso, è in realtà irreligioso. Dimentica, infatti, che per la religione la vita non ha ragione di fine ma di mezzo al fine morale della vitache trapassa tutto l'ordine dei subordinati valori mondani. (...) Perciò togliere la vita non equivale punto togliere all'uomo il fine trascendente per cui è nato e che ne costituisce la dignità. Nel rifiuto della pena di morte vi è un sofisma implicito: che cioè l'uomo, e in concreto lo Stato, abbia il potere, uccidendo il delinquente, di troncargli il destino, di sottrargli il fine ultimo, di toglierli
    la possibilità di adempiere il suo officio d'uomo. È vero il contrario. (...) Al condannato a morte si può troncare l'esistenza terrena, non però togliergli il suo fine. Sono le società che negano la vita futura e pongono come meta il diritto alla felicità nel mondo di qua che devono rifuggire dalla pena di morte come da un'ingiustizia che spegne nell'uomo la facoltà di felicitarsi».

    Riflessioni, come si può ben vedere, alquanto «politicamente scorrette», certo scomodissime e lontane dal sentire di oggi.
    Ma, nella prospettiva cattolica, proprio la pena di morte può essere un modo per il reo, accettandola, di redimersi e guadagnare la vita eterna.
    Difatti, la morte comminata da uomini a uomini non può pregiudicare né il destino morale né la dignità umana: essa, anzi, ha un valore espiatorio.
    Scrive san Tommaso d'Aquino: «la morte inflitta come pena dovuta per i delitti, leva tutta la pena dovuta per i delitti nell'altra vita. La morte naturale, invece, non la leva».
    Come il celebre proverbio ricordava: di cento impiccati, uno dannato.
    La pena capitale - nonostante la propaganda abolizionista, nonostante la grancassa sfondata dell'orchestrina pietista - è stata parte integrante della civiltà giuridica europea (lo stesso Cesare Beccaria non ne ha mai chiesto l'abolizione: si veda il capitolo XXVII di «Dei delitti e delle pene»), e l'anima profonda del nostro popolo sa bene che essa può,
    in alcuni casi «deve», essere la punizione adeguata per certi reati, o particolarmente odiosi e brutali, o tali da mettere in pericolo l'ordine sociale.

    Riprendendo così l'idea biblica (e paolina) della società non come aggregato di individui ma come corpo, come organismo vivente che ha dunque il diritto di troncare da sé le membra che giudica infette, si riafferma il supremo valore della convivenza umana negato dall'atto criminale, e si ristabilisce l'ordine naturale violato.
    Come ricorda Gianfranco Miglio: «un Paese in cui vige la vera civiltà del diritto deve ammettere la possibilità di togliere la vita a chi commette reati oltre una certa gravità».

    Resta in sospeso una domanda: è da respingere con indignazione anche solo la prospettiva di dibattere una questione che mass-media ed intellettuali giudicano talmente incivile e anacronistica da non meritare alcuna attenzione?

    Marco Massignan

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gesù diceva di porgere l'altra guancia, non ricordo sue condanne a morte o richieste di condanne a morte.

  3. #3
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ragazzosemplice
    Gesù diceva di porgere l'altra guancia, non ricordo sue condanne a morte o richieste di condanne a morte.
    Non penso tu sia voce del Magistero.... la Chiesa ha per secoli approvato la condanna a morte in casi particolari.... forse ne sa un pochino più di te...
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La chiesa in pasato ha commesso errori, l'ultima condanna a morte dello stato pontificio risale a metà ottocento.
    Questo non ci impedisce di vedere cosa pensava Gesù sul valore della vita e sulla sua contrarietà a qualunque forma di violenza, alla quale opponeva la forza del perdono.

  5. #5
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ragazzosemplice
    La chiesa in pasato ha commesso errori, l'ultima condanna a morte dello stato pontificio risale a metà ottocento.
    Questo non ci impedisce di vedere cosa pensava Gesù sul valore della vita e sulla sua contrarietà a qualunque forma di violenza, alla quale opponeva la forza del perdono.
    Anzitutto Chiesa si scrive con la maiuscola....

    Gli errori li commettono gli uomini di Chiesa, non la Chiesa in quanto Una Santa Cattolica ed Apostolica.

    Cosa pensava Gesù ce lo insegna appunto Santa Madre Chiesa, non pseudo-cristianesimi "fai-da-te" improvvisati su stralci mal tradotti di Sacri Testi presi a casaccio....
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    a me pare che Giovanni Paolo II fece anche molti appelli contro la pena di morte, se l'avesse sostenuta non li avrebbe fatti.
    Che Gesù predicasse il perdono contro la violenza è una verità di fede proclamata dalla chiesa e contenuta nell'evangelo.

  7. #7
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ragazzosemplice
    a me pare che Giovanni Paolo II fece anche molti appelli contro la pena di morte, se l'avesse sostenuta non li avrebbe fatti.
    Che Gesù predicasse il perdono contro la violenza è una verità di fede proclamata dalla chiesa e contenuta nell'evangelo.
    Un conto sono le considerazioni pratiche: "oggi come oggi la pena di morte risulta difficilmente applicabile in condizioni di giustizia"; questo era la posizione di Giovanni Paolo II e non mi pare ci sia nulla da obbiettare.
    Un conto sono le dichiarazioni di principio: la Chiesa non ha mai condannato la pena di morte in sè come immorale; basta leggere il Catechismo...

    Gesù predicava il perdono, certo... ma non solo... ed il perdono non è "verità di fede" (?!)... La Dottrina Cattolica non è fatta solo delle parole di Gesù contenute nel Vangelo, ma anche degli scritti degli Atti, delle Lettere Apostoliche, dell'Apocalisse e dell'Antico Testamento letto in prospettiva del nuovo e della Tradizione Orale. Se no la Chiesa avrebbe ritenuto ispirati solo due paginette di Testi Sacri......

    E ribadisco: la Dottrina Cattolica la si conosce alla luce del Magistero della Chiesa, depositaria e fedele trasmettitrice del deposito della fede trasmesso da Nostro Signore agli Apostoli. Non basta leggere e interpretare come si vuole.... Questa è il punto di vista Cattolico.
    Chi la pensa diversamente non è Cattolico.
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La chiesa giustamente si batte per la vita di ogni persona, la quale è dono di Dio e Lui solo appartiene

  9. #9
    VINCIT OMNIA VERITAS!
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Località
    "O voi che avete gli intelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto'l velame de li versi strani."
    Messaggi
    2,120
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ragazzosemplice
    La chiesa giustamente si batte per la vita di ogni persona, la quale è dono di Dio e Lui solo appartiene
    A questo ci pensa già Amnesty International....
    La Chiesa (scritto maiuscolo) ha cose ben più alte da proclamare... parla anzitutto di Vita Eterna....
    "In girum imus nocte et consumimur igni"

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    MA si batte anche perchè la vita umana sia valorizzata e protetta.

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il problema dell'Una Cum nel canone della Messa: riflessioni cattoliche
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 08-02-14, 04:26
  2. Pena di morte e reversibilità della pena
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 17-12-11, 11:10
  3. Riflessioni su morte di AlZarqawi
    Di fabiosko (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-06-06, 13:38
  4. Riflessioni Cattoliche sulla ricchezza e sulla proprietà
    Di Vassilij nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 29-11-03, 02:32
  5. Meditazioni cattoliche sulla Morte
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-07-03, 02:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226