User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Codice delle Autonomie

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Codice delle Autonomie

    Riforme; Arriva Codice Autonomie: meno Province e meno consiglieri

    http://www.ecodibergamo.it/stories/a...o_consiglieri/

    Roma, 27 apr. (Apcom) - Meno province, soppressione delle circoscoscrizioni nelle città con meno di 250mila abitanti, soppressione delle comunità montane, degli enti parco regionali e degli enti di bonifica. Ma anche meno consiglieri negli enti locali, e massimo 12 assessori. Sono i punti salienti della bozza, ancora decisamente provvisoria, del Codice delle Autonomie che il Governo porterà mercoledì prossimo alla Conferenza delle Regioni. Il Codice delle Autonomie è uno dei tasselli mancanti per la riforma federalista: individua infatti funzioni e competenze dei diversi livelli di governo. Ma con l'occasione, il Governo intende intervenire anche per "razionalizzare le modalità di esercizio" delle autonomie locali, "favorirne l'efficienza e l'efficacia e ridurne i costi". Ecco allora che la bozza del ddl, preparata dal ministro dell'Interno Roberto Maroni e da quello della Semplificazione Roberto Calderoli, "modifica la composizione dei consigli e delle giunte degli enti locali, prevedendo una significativa riduzione del numero di consiglieri ed assessori" e stabilisce le modalità per sopprimere le "province inutili".

    CONSIGLI E GIUNTE: I consigli comunali potranno contare al massimo 40 membri nei comuni con popolazione superiore a 500.000 abitanti, fino a scendere a un minimo di 6 membri nei comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti. I consigli provinciali potranno invece avere un massimo di 30 membri nelle province con popolazione residente superiore a 1.400.000 abitanti, per scendere gradualmente fino a un mino di 12 membri nelle province con meno di 300mila abitanti. Quanto alle Giunte, sia quelle comunali che quelle provinciali, "sono composte rispettivamente dal sindaco e dal presidente della provincia, che le presiedono, e da un numero di assessori, stabilito dagli statuti, che non deve essere superiore a un terzo, arrotondato aritmeticamente, del numero dei consiglieri comunali e provinciali, computando a tale fine il sindaco e il presidente della provincia". In ogni caso, il numero degli assessori non potrà essere "superiore a dodici". Infine, nei comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti, "i componenti della giunta non hanno diritto ad alcuna indennità".

    SOPPRESSIONE PROVINCE INUTILI: Viene regolata dall'articolo 6 della bozza del testo alla soppressione di province. Viene delegato il Governo (in particolare i tre ministri leghisti Bossi, Maroni e Calderoli, insieme a Renato Brunetta) a disporre la soppressione di singole province giudicate "inutili" in base "all'entità della popolazione di riferimento, ai costi di gestione, all'imprescindibilità e all'efficacia delle funzioni svolte in relazione alla conformazione del territorio di riferimento, all'estensione del medesimo territorio, all'efficienza e all'efficacia dell'azione amministrativa svolta, all'estensione e alla conformazione delle province contigue".

    COMUNITA' MONTANE E ENTI PARCO: La bozza prevede che a decorrere da poco meno di un anno (360 giorni) dall'entrata in vigore della legge siano soppresse le comunità montane, gli enti parco regionali, i consorzi di bonifica, le Autorità d'ambito territoriale. Vengono ovviamente disciplinati i trasferimenti delle funzioni degli enti soppressi: per le Comunità montante i comuni interessati possono "istituire forme di collaborazione", mentre le province gestirano gli interventi speciali per la montagna; per i parchi, le funzioni vengono trasferite alle province e alle Regioni. Soppressione anche per le circoscrizioni comunali, ossia gli organismi di governo dei quartieri previste per i centri con più di 100 mila abitanti: resteranno solo nei comuni capoluoghi di Regione e nei comuni con più di 250mila abitanti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Codice delle Autonomie

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Riforme; Arriva Codice Autonomie: meno Province e meno consiglieri

    http://www.ecodibergamo.it/stories/a...o_consiglieri/

    Roma, 27 apr. (Apcom) - Meno province, soppressione delle circoscoscrizioni nelle città con meno di 250mila abitanti, soppressione delle comunità montane, degli enti parco regionali e degli enti di bonifica. Ma anche meno consiglieri negli enti locali, e massimo 12 assessori. Sono i punti salienti della bozza, ancora decisamente provvisoria, del Codice delle Autonomie che il Governo porterà mercoledì prossimo alla Conferenza delle Regioni. Il Codice delle Autonomie è uno dei tasselli mancanti per la riforma federalista: individua infatti funzioni e competenze dei diversi livelli di governo. Ma con l'occasione, il Governo intende intervenire anche per "razionalizzare le modalità di esercizio" delle autonomie locali, "favorirne l'efficienza e l'efficacia e ridurne i costi". Ecco allora che la bozza del ddl, preparata dal ministro dell'Interno Roberto Maroni e da quello della Semplificazione Roberto Calderoli, "modifica la composizione dei consigli e delle giunte degli enti locali, prevedendo una significativa riduzione del numero di consiglieri ed assessori" e stabilisce le modalità per sopprimere le "province inutili".

    CONSIGLI E GIUNTE: I consigli comunali potranno contare al massimo 40 membri nei comuni con popolazione superiore a 500.000 abitanti, fino a scendere a un minimo di 6 membri nei comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti. I consigli provinciali potranno invece avere un massimo di 30 membri nelle province con popolazione residente superiore a 1.400.000 abitanti, per scendere gradualmente fino a un mino di 12 membri nelle province con meno di 300mila abitanti. Quanto alle Giunte, sia quelle comunali che quelle provinciali, "sono composte rispettivamente dal sindaco e dal presidente della provincia, che le presiedono, e da un numero di assessori, stabilito dagli statuti, che non deve essere superiore a un terzo, arrotondato aritmeticamente, del numero dei consiglieri comunali e provinciali, computando a tale fine il sindaco e il presidente della provincia". In ogni caso, il numero degli assessori non potrà essere "superiore a dodici". Infine, nei comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti, "i componenti della giunta non hanno diritto ad alcuna indennità".

    SOPPRESSIONE PROVINCE INUTILI: Viene regolata dall'articolo 6 della bozza del testo alla soppressione di province. Viene delegato il Governo (in particolare i tre ministri leghisti Bossi, Maroni e Calderoli, insieme a Renato Brunetta) a disporre la soppressione di singole province giudicate "inutili" in base "all'entità della popolazione di riferimento, ai costi di gestione, all'imprescindibilità e all'efficacia delle funzioni svolte in relazione alla conformazione del territorio di riferimento, all'estensione del medesimo territorio, all'efficienza e all'efficacia dell'azione amministrativa svolta, all'estensione e alla conformazione delle province contigue".

    COMUNITA' MONTANE E ENTI PARCO: La bozza prevede che a decorrere da poco meno di un anno (360 giorni) dall'entrata in vigore della legge siano soppresse le comunità montane, gli enti parco regionali, i consorzi di bonifica, le Autorità d'ambito territoriale. Vengono ovviamente disciplinati i trasferimenti delle funzioni degli enti soppressi: per le Comunità montante i comuni interessati possono "istituire forme di collaborazione", mentre le province gestirano gli interventi speciali per la montagna; per i parchi, le funzioni vengono trasferite alle province e alle Regioni. Soppressione anche per le circoscrizioni comunali, ossia gli organismi di governo dei quartieri previste per i centri con più di 100 mila abitanti: resteranno solo nei comuni capoluoghi di Regione e nei comuni con più di 250mila abitanti.
    DUBBIO !! Per quelle sedi provinciali ubicate in angusti palazzi 7-8 centeschi , relativamente poco capienti , come faranno ad ospitare quelle centinaia di migliaia di ex tenutari delle prebende di cotanti organismi ?
    Alla bisogna , si contemplerà l'opera della IMPREGIRO spa ?
    Spese su spese non ci manca nulla .

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226