User Tag List

Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 95
  1. #1
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elogio della mortificazione corporale

    L'alleato dimenticato del corpo: una breve difesa della mortificazione corporale.

    Articolo pubblicato su Crisis - Luglio 2005 con il titolo The Body’s Forgotten ally: A Brief Defense of Corporal Mortification




    Michael Giesler

    E' una domanda interessante. Leonardo indossava un cilicio o usava una disciplina? Sebbene non menzionato nel romanzo di Dan Brown, Il Codice Da Vinci - con la sua bizzarra e fuorviante descrizione della mortificazione corporale - e riconoscendo a Leonardo un certo fervore religioso, è possibile che egli usasse qualcuno di questi mezzi di mortificazione corporale.
    Il cilicio, una cinghia acuminata portata intorno alla gamba, deriva in realtà dell'antico cilicio (nr: una veste di peli di animale, ruvida e scomoda) originario della Cilicia in Asia Minore. Fu usato per molti secoli nella chiesa medievale e rinascimentale come mezzo per purificare i sensi, per espiare i peccati e ottenere grazie per altri. Così era anche la disciplina, una frusta di cordicelle per colpire la schiena, a imitazione della flagellazione di Cristo alla colonna. Un contemporaneo di Leonardo, S. Tommaso Moro, indossava un cilicio sotto il suo abito da Lord Cancelliere d'Inghilterra. Egli usava anche la disciplina.
    Mortificazione è un termine sgradevole all'orecchio contemporaneo. Per molti ha vagamente a che fare con "l'essere imbarazzati" - ma evoca anche dolore, umiliazione e persino crudeltà. Questo è veramente sorprendente: ciò che non è compreso spesso produce shock e incredulità. Nel nostro mondo pieno di tensione, incertezza e stress psicologico, perché una persona sana dovrebbe accettare un'ulteriore afflizione?
    Nonostante tutto questo, la mortificazione volontaria ha una forza enorme sia per il corpo che per l'anima. Il rinnegamento di sé aiuta a vincere la debolezza sia psicologica che fisica, dà energia interiore, aiuta a crescere in virtù e, infine, conduce alla salvezza. Essa vince gli insidiosi demoni della fiacchezza, del pessimismo e della tiepidezza nella fede che oggi dominano nelle vite di così tante persone.
    A differenza degli estremi del sadomasochismo, la mortificazione corporale si basa su una visione sana dell'uomo e del mondo che lo circonda, cioè, che tutti noi siamo imperfetti e abbiamo la tendenza al peccato. La pratica stessa risale ai tempi biblici e trova la sua più grande espressione nel sacrificio di Cristo sulla croce.
    Ma la mortificazione corporale non è limitata ai cristiani. La maggior parte delle religioni attraverso i secoli ha riconosciuto la necessità di sacrifici efficaci, anche sanguinosi, per placare il divino. A volte questi sacrifici erano profondamente immorali - vedi l'offerta che gli Aztechi facevano del cuore delle loro vittime umane ai loro idoli. Altri riguardavano grandi digiuni, come il Ramadan nel mondo musulmano; oppure elaborati riti di purificazione insieme al sacrificio di certi animali, come hanno fatto gli ebrei per secoli prima del 70 d.C. Ci sono anche molti passaggi nelle Scritture che parlano di indossare il sacco e cospargersi di cenere per ottenere favori e il perdono dei peccati. Il messaggio delle varie pratiche è il medesimo: ciò che vale in questa vita non si ottiene senza sacrificio e sofferenza.
    Il mondo postmoderno facilmente tollera la pratica della sofferenza quando riguarda lo sport e il benessere fisico. Molti ammirano coloro che riescono a mantenere un regime di rigorose diete ed esercizi. Altri sopportano dolorose e costose operazioni per aggiungere qualche anno alla loro vita. Altri trovano degno digiunare e faticare per giorni per promuovere nobili cause sociali, come la solidarietà con i gruppi discriminati. Tuttavia siamo diventati stranamente ciechi di fronte al grande beneficio spirituale della mortificazione e del sacrificio per amore di Dio e della propria anima.
    Non possiamo incolpare di questo interamente la cecità o l'egoismo individuale. Da quasi 400 anni il mondo occidentale è infettato dalla malattia filosofica del soggettivismo, che incoraggia le persone a valutare le loro percezioni riguardo ciò che è oggettivamente vero. Il risultato finale è che Dio e i Suoi comandamenti sono stati rimodellati in base alle opinioni che l'uomo ha di Lui, non in base all'opinione che Dio ha dell'uomo. Se non c'è nessun potere superiore oltre la propria mente e i propri sentimenti, allora l'idea della mortificazione volontaria sembrerà ovviamente assurda: perché morire a me stesso se me stesso è l'unica cosa che esiste veramente ?
    Anche il materialismo e il relativismo hanno molto a che fare con la nostra fuga da Dio e dalla penitenza. In un mondo in cui le cose e i piaceri materiali sono esaltati e trasformati nei veri obbiettivi della vita, la vita spirituale si fa veramente distante. Se non ci sono regole su ciò che è giusto e sbagliato, allora non c'è alcun bisogno della mortificazione e del sacrificio individuale.
    Il termine "mortificazione" viene dalle parole latine mortem facere, che significano "produrre la morte". Una persona che è mortificata ha realizzato una sorta di morte in sé stessa a quegli ostacoli che la separano da Dio, e quindi dalla vera felicità. Questi ostacoli includono l'orgoglio, l'eccessiva importanza attribuita a sé stessi o alle alle proprie idee; la pigrizia, la tendenza a fare il minimo; la sensualità, l'eccessivo attaccamento ai piaceri fisici, siano essi il cibo, il bere o il sesso. La mortificazione è il processo con il quale si "mettono a morte" questi appetiti e desideri inferiori cosicché l'uomo purificato possa vivere.
    Molto vicini al loro Salvatore nel tempo e nell'esperienza, i primi cristiani praticavano molti sacrifici e mortificazioni volontarie, e le penitenze che facevano per i peccati erano straordinarie. I cilici risalgono alla Chiesa antica ed erano indossati sia dai sacerdoti che dai laici. I santi Geremia, Atanasio e Giovanni Damasceno testimoniano il suo uso. I primi monaci ed eremiti nel deserto, dal terzo secolo in avanti, praticavano severe austerità; essi avranno una profonda influenza sullo sviluppo spirituale della Chiesa.
    Naturalmente c'erano degli abusi nell'uso delle mortificazioni corporali - si pensi ai flagellanti di certe sette fanatiche nel 14° secolo in Italia e Germania, che furono a più riprese condannati dalla Chiesa. Ma con maggior giudizio, i santi sapevano come combinare l'amore per Dio e per gli altri con le più dolorose mortificazioni. Era la loro purezza di intenzione e di amore per Cristo che rendeva i loro sacrifici così potenti. S. Francesco d'Assisi, e più recentemente Padre Pio, furono favoriti con le stigmate delle ferite di Cristo. S. Caterina da Siena portava una veste di sacco e soleva flagellarsi tre volte al giorno ad imitazione di S. Domenico. S. Ignazio di Loyola, che raccomandava uno spirito di "continua mortificazione" ai suoi confratelli, indossava un cilicio ed una pesante catena di ferro. Perfino S. Teresa di Lisieux, famosa per la sua "piccola via" e il suo amore per Dio e per il prossimo, digiunava e usava la disciplina vigorosamente, "flagellandosi con tutta la forza e la velocità di cui era capace, sorridendo al crocifisso attraverso le lacrime che le rigavano il volto", secondo un biografo.
    La forza e l'efficacia fondamentali di tutte le mortificazioni cristiane risiedono, naturalmente, nel sacrificio di Gesù Cristo sul Calvario. Gesù ha detto: "Io, quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". Unendosi al suo dolore, i santi - e coloro che cercano seriamente di diventare santi - hanno sempre riconosciuto di dover morire a sé stessi, a volte in modi molto drammatici, al fine di guadagnare la vita eterna. Essi non compivano dolorosi sacrifici perché pensavano che il corpo fosse un male. Questa era l'eresia del manicheismo a lungo condannata dalla chiesa. La materia e il corpo umano non sono un male in sé stessi, ma a causa dell'unità sostanziale del corpo con l'anima, il corpo spesso materializza i desideri disordinati di una persona. Di conseguenza, i santi sapevano che le loro tendenze disordinate avevano bisogno di essere corrette e purificate.
    Ma andiamo avanti. E' chiaro che il semplice fatto di essere una buona persona richiede qualche forma di mortificazione. Se un uomo non controlla la propria rabbia, sarà impossibile vivere con lui e rischia di diventare anche un omicida. Inoltre, se una persona non sa come rinnegare il suo eccessivo desiderio per l'alcol, diventerà inutile per sé stessa e per gli altri. Il ragazzo che vuole superare il suo esame deve dire no, o almeno posticipare, il suo desiderio di guardare la televisione o di giocare con i videogiochi. C'è una grande sapienza divina ed umana nelle potenti parole di Cristo: "Se il chicco di grano non muore, non porta frutto".
    S. Tommaso Moro coniò il termine inglese "atone" combinando due parole, "at one" (in uno), che significava "conciliare i lati opposti di un conflitto." Uno degli effetti più potenti della mortificazione è l'espiazione dei peccati. In effetti questo è il significato centrale della festa ebraica dello Yom Kippur. Poiché tutti i peccati sono una forma di violazione dell'ordine delle cose - quando della giustizia , della castità o della vita umana stessa - c'è bisogno di riparare questo ordine, proprio come quando si deve riparare una finestra rotta. La mortificazione o la sofferenza volontaria ripara questo ordine, sia in relazione a Dio, che è stato offeso, che in relazione all'anima della persona, che è stata ferita dal peccato commesso.
    S. Paolo descrive con immagini vivide la propria battaglia contro sé stesso. E' un conflitto che uomini e donne sinceri di tutti i secoli e di tutte le classi sociali riconosceranno: "Infatti, acconsento nel mio intimo alla legge di Dio, ma nelle mie membra vedo un'altra legge, che muove guerra alla legge della mia mente e mi rende schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra. Sono uno sventurato! Chi mi libererà da questo corpo votato alla morte?"(Rm 7,22)
    La radice di questa ribellione risale alle origini della razza umana, a quello che i cattolici chiamano peccato originale: è la ferita nella natura umana che produce passioni e desideri disordinati che devono essere controllati e a volte anche puniti - proprio come quando si deve martellare un filo di ferro piegato. Paolo descrive proprio un tale castigo quando paragona la vita spirituale ad una gara atletica. Per vincere la gara bisogna essere duri con sé stessi e rifiutare di soccombere alla debolezza della carne: "Io dunque corro, ma non come chi è senza meta; faccio pugilato, ma non come chi batte l'aria, anzi tratto duramente il mio corpo e lo trascino in schiavitù perché non succeda che dopo aver predicato agli altri, venga io stesso squalificato". (Cor 9,26)
    Nonostante l'enorme bene che la mortificazione può fare ad una persona - entro i giusti limiti e sotto la guida di un buon direttore spirituale - sarà sempre uno shock. Quando venne a sapere dell'imminente crocifissione, Pietro reagì come avrebbe fatto qualunque essere umano: "Dio te ne scampi, Signore, questo non ti accadrà mai!". Tuttavia se non fosse successo, la razza umana non sarebbe stata redenta. Data la nostra debolezza e la nostra mancanza di visione spirituale, ci ribelliamo di fronte alle esigenze della vita. Non solo le grandi mortificazioni, ma anche quelle più piccole ci sembrano spiacevoli - alzarsi in tempo, arrivare al lavoro puntuali, sorridere quando siamo seccati. Ma qui risiede la sfida e la gloria.
    Quando parlava di sacrificio al mondo pagano, Paolo affrontava la stessa incredulità a cui assistiamo oggi. Le sue parole sono cariche di ironia, rafforzate dalla sua stessa sofferenza: "Dov'è il sapiente? dov'è il dotto? Dove mai il sottile ragionatore di questo mondo? Non ha forse Dio dimostrato stolta la sapienza di questo mondo? .....Ma noi predichiamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei, stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, predichiamo Cristo potenza di Dio e sapienza di Dio. Perché ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini." (1 Cor 1,20-25)
    Forse questa grande intuizione paolina spiega perché molte delle elite di oggi non possono - o non vogliono - capire il vero valore della penitenza. O perché così tanti nei media fanno della mortificazione il materiale per storie volgari, quando dovrebbe in realtà essere compiuta nel silenzio, per amore di Dio e del prossimo.
    Humanly, it’s inexplicable that a person could be deeply joyful in the midst of suffering. Yet the greatest saints—who suffered the most for Christ—have also been among the most joyful figures in history. Suffering offered generously for God and others liberates a person from his own miseries. Witnesses recorded that many of the early Christians actually sang as they were escorted to their deaths in the arena. That was the joy that brought down pagan Rome.
    Umanamente è inspiegabile che una persona possa essere profondamente gioiosa nel mezzo della sofferenza. Tuttavia i più grandi santi - che soffrirono il massimo per Cristo - sono anche stati fra le figure più gioiose della storia. La sofferenza offerta generosamente per Dio e il prossimo libera una persona dalle sue miserie. Testimoni raccontarono che molti dei primi cristiani cantavano veramente quando erano condotti a morte nell'arena. Quella fu la gioia che rovesciò la Roma pagana.
    S. Josemaría Escrivá, che soffrì molte persecuzioni e incomprensioni, attuava sacrifici e mortificazioni eroiche per servire Dio e aiutare le anime. In tutto questo era capace di mantenere un atteggiamento allegro e ottimista che ispirava chi lo circondava. "Se le cose vanno bene, gioiamo, benedicendo Dio che le fa prosperare, " scrisse una volta. "E se vanno male? Gioiamo, benedicendo Dio che ci consente di condividere la dolcezza della sua croce."

    Parole incoraggianti.

    Michael Giesler è un sacerdote della prelatura dell'Opus Dei e cappellano al Wespine Study Center di St. Louis.



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    spirito libero
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Genova
    Messaggi
    1,938
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Molto spesso il desiderio di procurarsi dolore è una spia di disagio psichico ed inoltre serve ad aumentare la produzione endogena di endorfine...
    non sarà mai possibile con la ragione pervenire a qualche verità assoluta

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito dalla parte degli ortodossi

    Consiglio a tutti i partecipanti al forum una visita al piano di sotto, ovvero al forum dellla chiesa ortodossa tradizionale, al file "Sacri monasteri aghioritici" curato da anagnosti.

    Quei monasteri sono, per gran parte del mondo ortodosso, l'arca che conserva intatta la spiritualità ortodossa attraverso i secoli.

    Bene. In quei monasteri i monaci sono impegnati nella lotta ascetica. Ovvero nel tentativo di raggiungere lo stato angelico, che rappresenta, qui sulla terra, lo stato di divinizzazione dell'uomo. Divinizzazione dell'uomo che è la meta e il culmine dell'ascesi ortodossa.

    Come vivono i monaci ortodosi ? hanno luce, gas, ecc. ? Non credo. I grandi monasteri sono piuttosto spartani. Il cibo è rigorosamente vegetariano, ovvero un monaco ortodosso non mangia mai carne, e, nei giorni di digiuno e nelle quaresime non mangia neppure formaggi o pesce. Poichè i giorni di digiuno e le quaresime riempono circa la metà dell'anno, il regime dietetico è, in quei giorni strettamente vegetale.

    Ma non mi risulta l'uso di cilici o di mezzi di autopersecuzione.

    Cosa pensano ?

    bene . Potete trovare tracce del loro pensiero anche nel sito internet
    http://www.orthodoxia.it.

    C'è un colloquio con un padre athonita che è molto bello.
    Potete anche chiedere delucidazioni più precise sull'ascesi ortodossa sul forum di orthodoxia.

    Vorrei aggiungere che la visione ortodossa del peccato originale è piuttosto diversa da quella cattolica : il corpo viene visto in modo più simile al modo in cui lo vedeva Francesco d'Assisi, che come lo vedeva Agostino...

    Non dimentichiamo che risorgeremo con l'anima e con il corpo.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Risciacquature dei piatti ed incisioni a sangue non ne ho mai sentite, nel mondo ortodosso...

    Per un ortodoso è più importante batersi per la giustizia, come sta fcendo aguas che incidersi il petto a sangue...

    C'è però una particolare forma di ascesi, la pazzia per Cristo, che è molto bella, ed è tipica del mondo ortodosso... sarebbe bello parlare di questa...

  5. #5
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nn c'è nessuno di lorsignori, laicisti e pseudocattolici che siano, che abbia replicato in merito a brani, soprattutto quelli che ho evidenziato, se nn offendendo santi di santa Romana Chiesa e basta. Se a lorsignori nn sta bene. Ok! Ma nn scambiano la sana mortificazione corporale con rari eccessi, che poi nn riguardano S. Margherita. Ma lo sappiamo bene preché l'Apostola del S. Cuore di Gesù viene schernita. Sarà da quella devozione che si svilupperà la Regalità sociale di Cristo e la reconquista.
    Sull'assenza nel mondo ortodosso di eccessi personali avrei i miei dubbi, ma si sa: per certi pseudocattolici, allattati a modernismo ed ecumenismo, l'erba del viocino, scismatico od eretico che sia è sempre più verde.

  6. #6
    Ut unum sint!
    Data Registrazione
    21 Jun 2005
    Messaggi
    4,583
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da xenia45
    Per un ortodoso è più importante batersi per la giustizia, come sta fcendo aguas che incidersi il petto a sangue...
    Cosa sta facendo Aguas?

    Per incidens... la comparazione con la vita monastica non credo calzi molto... i monaci non usano cilici e fruste (neppure quelli cattolici) perche' e' tutta la loro vita passata nelle ristrettezze che li porta ad una sana mortificazione corporale.

    Pratiche di mortificazione di altro tipo sono state introdotte dai laici per praticare la mortificazione in alcune ore del giorno ad esempio certo devono essere moderate altrimenti si sfocia nel fanatismo... i membri dell'opus dei le praticano spesso (ma non quelle stupidaggini del Codice da Vinci ).
    UT UNUM SINT!

  7. #7
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=aguas]Io vorrei che si aprisse un dibattito sulle parole di Benedetto XV: Maria Margherita di Alacoque è un esempio per tutti i cristiani.

    QUOTE]

    Papa Benedetto nn deve aprire nessun dibatito perché quelle sono calunnie e fantasie di qualche mente malata o di qualche pornofilo (nei siti porno sadomaso si vedono e leggono altro che quelle aberrazioni).
    Certo che i laicisti nostrani credono proprio a tutto! Da Garibaldi eroe dell'Unità d'Italia all'aborto, alias omicidio, come conquista civile.

    Cmq sono contento: più S. Margherita è calunniata da certuni, più il suo messaggio è giusto.

  8. #8
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    ripeto: quegli atti attribuiti a S. MArgherita di Alacoque sono reali o no?
    Sono assolutamente falsi, carissimo Antonio. Ma chi continua ad infangangare la memoria di S. Margherita (una delle più grandi di S. Romanana Chiesa ) sono i nipotini di Voltaire, il quale giudicava in una cavolata di libercolo l'operato sommo di S. Giovanna d'Arco, senza aver consultato uno su uno dei documenti del tempo . Da piscopatici è l'atteggiamento di chi, nn sapendo, vuole arrogarsi il diritto di sputar sentenze ed altro. Sono poveretti che abbaiano alla luna

    W S. Margherita, W. il culto del Sacro Cuore di Gesù, che farà pulizia di quella schiuma che sono i servi del Mysterium Iniquitatis

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,445
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Credoi che alla base di questi fenomeni eccessivi e fanatici ci sia una cattiva teologia, da un lato, ed una cattiva prassi dall'altro.
    La cattiva teologigia deriva dall'antropologia in negativo di stampo agostiniano, da una sorta di dualismo anima-corpo di stampo cartesiano, arricchito da una notevole sessuofobia nevrotica . La cattiva prassi deriva essa stessa da una cattiva teologia, per esempio la dottrina dei "meriti" da accumulare come in un conto corrente, ma anche da una mistica sentimentale e malate tipo quella dfi Caterina da Siena che voleva succhiare misticamente il sangue del Crocefisso, o quella legata ai cuori sanguinanti di Gesù e di Maria.

    In questo - per mia fortuna - la Chiesa Ortodossa predica una ascesi antropopositiva e tendente alla deificazione dell'intierezza della persona umana.

  10. #10
    Ut unum sint!
    Data Registrazione
    21 Jun 2005
    Messaggi
    4,583
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    ripeto: quegli atti attribuiti a S. MArgherita di Alacoque sono reali o no?
    Frasi avulse dal contesto postate da Aguas che non sappiamo neppure se siano stralci autentici... tu hai letto il libro io no ed Aguas neppure

    Attendiamo Augustinus ad illuminarci
    UT UNUM SINT!

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 11-10-06, 01:23
  2. Elogio della tristezza
    Di sacher.tonino nel forum Hdemia
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 06-07-06, 15:48
  3. Elogio della follia
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-03-06, 23:28
  4. 10. marzo / San Domenico Savio, fulgido esempio di mortificazione
    Di cariddeo nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-03-06, 13:28
  5. Elogio della fuga
    Di nel forum Hdemia
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 12-03-02, 22:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226