User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Cool Che fortunati....loro.....

    IL QUORUM MINIMO (50% DEGLI AVENTI DIRITTO) E' GIA' STATO RAGGIUNTO
    Il Montenegro vota l'indipendenza
    In gioco l'ultimo legame con la Serbia. Si vota dalle 8 alle 21
    21/5/2006



    Montenegro al voto
    BELGRADO. «Volete voi che il Montenegro diventi indipendente, uscendo dall'unione con la Serbia?» Rispondendo oggi a questa semplice domanda, i montenegrini decideranno il destino dell'unione tra Belgrado e Podgorica. Lo faranno nel referendum che potrebbe portare alla sovranità della piccola repubblica adriatica, esprimendo un voto dal risvolto storico: una vittoria del sì squarcerebbe infatti definitivamente l'ultimo legame ancora in vita di quel paese chiamato Jugoslavia.

    Poco meno di mezzo milione. Anzi, 484.718 per la precisione. Il futuro del Montenegro è nelle mani dei suoi aventi diritto al voto. Dalle otto alle 21 di oggi, la loro preferenza potrebbe cambiare il corso della storia, ridisegnando - forse - per l'ennesima volta la carta politica dei Balcani. L'affluenza alle urne ha già superato la soglia del 50 per cento dei votanti, che rea la minima richiesta, dunque il referendum sarà comunque valido. Bruxelles ha cercato così di stemperare le polemiche che hanno accompagnato la campagna elettorale. Una campagna elettorale che - come sempre accade nelle terre balcaniche - è stata combattuta più a colpi di storia, epica e mitologia, che sul piano politico-economico. Tra sospetti di compravendita di voti e denunce di pressioni sugli elettori - sia a carico dell'establishment montenegrino, favorevole al sì, sia del governo di Belgrado, schierato per il no - tutti hanno tirato in ballo le glorie e i fasti dei propri condottieri e scrittori del passato.

    Al bailamme del ricorso alla storia, si contrappone però la nettezza delle posizioni in campo. A favore dell'indipendenza è schierata compatta la nomenklatura del governo locale di Podgorica (ex città di Tito, Titograd). In testa ai partigiani della sovranità c'è l'uomo forte della repubblica: quel Milo Djukanovic, premier ancora nel mirino della magistratura di Bari per traffici di sigarette. Malgrado queste «vecchie storie» però, il primo ministro può contare su un sostegno quasi incondizionato sul fronte interno e su un sistema di potere ben strutturato. E grazie a numerosi viaggi diplomatici e con la benedizione dell'ex segretario di Stato Usa, Madeleine Albright, «Milo» è riconosciuto oggi anche come un valido interlocutore da diverse cancellerie occidentali.

    Sul fronte unionista. L'opposizione all'indipendenza fa leva su interessi piuttosto diffusi e sulle spaccature profonde che la questione legame con la Serbia suscita nell'opinione pubblica montenegrina. E su questi sentimenti atavici punta la classe politica di Belgrado e la Chiesa serbo-ortodossa. A capitanare la squadra del no è quel Predrag Bulatovic, leader del partito socialista e ex uomo di Milosevic.

    E da giovedì notte tutto tace. La campagna referendaria si è chiusa con un crescendo di comizi e con lo spettro di un arrivo al fotofinish: gli ultimi sondaggi diffusi danno infatti i paladini dell'indipendenza a ridosso della fatidica soglia del 55%, forti soprattutto del voto dei montenegrini etnici e del sostegno della minoranze albanese e di quella bosniaca. E per rafforzare la loro posizione, Djukanovic e i suoi hanno tenuto fuori dalla consultazione i montenegrini residenti stabilmente in Serbia, ovvero circa seicentomila persone. Belgrado, dal canto suo, ha ribadito più volte che accetterà il risultato delle urne. Tuttavia, la classe politica serba resta convinta che la secessione «non possa portare nulla di buono a nessuno». Stessa convinzione che il ministro degli esteri serbo-montegrino, Vuk Draskovic, ha sottolineato in una recente intervista concessa ad Apcom.

    Si teme la «zona grigia». L'unico elemento di tensione potrebbe essere rappresentato da una vittoria del sì con una percentuale compresa tra il 50 e il 55%. Un risultato che per la Serbia significherebbe partita chiusa, ma per gli indipendentisti sarebbe solo la premessa di «ulteriori negoziati». E mentre il conto alla rovescia al voto scandisce le sue ultime ore, Bruxelles guarda al referendum con spirito quasi «ecumenico» e conferma la sua linea politica. «Non esiste nessuna zona grigia, ma solo un accordo preciso: indipendenza con il 55% più uno dei consensi, mantenimento dell'unione sotto questa soglia». Ma il pensiero dell'Alto rappresentante per la politica estera europea, Javier Solana, si scontra con la mentalità di questa terra. Una striscia di terra stretta tra le montagne impervie delle Alpi dinariche e il mar Adriatico, che ha conosciuto solo il linguaggio della spada per difendere la propria libertà dalla costante minaccia turco-ottomana. Ma anche in questo angolo di mondo segnato da secoli di sangue e violenza, oggi la Serbia e il Montenegro potrebbero dirsi addio democraticamente. Per un pugno di voti.



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    com'è andata?

  3. #3
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    opsssss....

    Montenegro: vince l'indipendenza
    Dato oltrepassa il 55%, soglia per proclamazione sovranita'
    (ANSA) - PODGORICA, 21 MAG - Il 56,3% dei montenegrini hanno detto di si' all'indipendenza e alla dissoluzione con la Serbia, secondo i primi exit-poll. Si tratta di un dato che oltrepassa la quota del 55%, concordata con l'Ue come soglia minima di garanzia per la proclamazione di sovranita'. elevatissima l'affluenza alle urne per il referendum sulla scissione: oltre l'85% alle 200 e attorno a un inedito 90% secondo le proiezioni relative al dato finale.

  4. #4
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    adesso gli amici della serbia (tipo quello che ce l'ha con i caschi blu) grideranno al complotto statunitense...

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226