User Tag List

Pagina 2 di 13 PrimaPrima 12312 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 122

Discussione: Europa delle regioni

  1. #11
    Krn
    Krn è offline
    Dal Freddo Nord
    Data Registrazione
    31 Oct 2009
    Località
    Mitteleuropa
    Messaggi
    1,184
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Midgard Visualizza Messaggio
    Paradossale sì. In realtà è un discorso molto più difficile, organico.

    Già me li vedo i Padani che in nome della purezza ariana del Nord cacciano i terun dalle loro terre. Per non parlare dei croati e serbi che si scannano, dei tedeschi dell'Est contro quelli dell'Ovest, degli spagnoli e francesi del Sud contro quelli del Nord, i valloni contro i fiamminghi. Già me li vedo gli staterelli europei che cercano in tutti i modi di espellere i migranti dal proprio suolo verso la regione vicina.
    Guarda che proprio per evitare cio' che hai elencato l'Europa delle regioni sarebbe assolutamente necessaria, altrimenti si rischieranno sempre destabilizzazioni interne che porteranno a tensioni e rischio di conflitti tra i diversi popoli.
    Non fraintendere, Europa delle regioni non e' il rifiuto della collaborazione tra singole regioni, ci mancherebbe, e' piuttosto il rispetto della liberta' di ogni singola regione, ogni regione dovrebbe avere la possibilita' di farsi leggi proprie in materie ''delicate'' quali istruzione, sistema di previdenza sociale, sistema sanitario, regolamentazione dei dazi doganali (non al 100% e non su tutti i prodotti, ma su cio' che ritiene strategico nell'ottica dei propri interessi), immigrazione, libera circolazione delle persone, controllo di settori strategici quali i media... ecc..

    Per quanto riguarda l'ultima frase che ho evidenziato mi ci fermo sopra un attimo, perche' e' cruciale.
    Quando nel 2004 ci fu' l'allargamento della UE a 10 paesi dell'Europa centro-orientale, l'UE decreto' per quei paesi una moratoria di 7 anni (se non sbaglio) per quanto riguarda la mobilita' della forza lavoro, una regola che personalmente trovavo (e trovo tuttora) giusta.
    Ora vediamo la cosa dal lato opposto: un paese come ad esempio la Rep. Ceca o l'Ungheria non ha significative minoranze extra-europee, mentre la Francia, ad esempio, ha 6 milioni di cittadini di origine magrebina, la G. Bretagna 3 milioni di pakistani ecc..
    Ora - perche' paesi come l Rep. Ceca, la Polonia o l'Ungheria dovrebbero, in nome della libera circolazione di persone, accollarsi le minoranze extra-europee di Francia, Germania, G. Bretagna, Italia, Spagna ecc..
    Se 500.000 algerini decidono di trasferirsi dalla Francia in Ungheria ora come ora possono farlo, dunque l'Ungheria, senza alcuna colpa, si ritrovera' a dover accogliere della gente fatta entrare in Europa dalla Francia, la qual stessa Francia aveva a suo tempio bloccato la possibilita' di mobilita' per i lavoratori ungheresi. Ti pare giusto?

    Insomma, le regole vanno riscritte. Patti chiari - amicizia lunga.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Cancellato
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    Africa Orientale Italiana
    Messaggi
    8,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    E' vero, hai ragione, ma questo vuole essere un 3d specifico, che analizza esclusivamente la prospettiva di un'Europa diversa, fondata in primis sulle autonomie regionali (fiscali, amministrative, economiche, sociali).
    E va bene. Ti dirò di più, in altri thread volevo - con l'aiuto degli etnonazionalisti e dei padani - cercare tutte le identità europee, i confini etnico-storico-regionali dell'Europa (che sono molto diversi da quelli attuali postati nella tua cartina).

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    Non vuole essere un discorso che va' ad innestarsi su un argomento cosi' generico quale quello di un'Europa Nazione perche' poi si scade in discussioni troppo larghe - cominciando a tirare fuori il ruolo geostrategico della Russia - e via con Putin, Medvedev, Alessandro II, il ruolo atlantista della Gran Bretagna con annessa e connessa opposizione agli USA, il ruolo pro o contro della Turchia con 1000 discussioni al riguardo etc).
    Beh il tipo di Europa che abbiamo in mente non può nascere con il favore degli Usa, con l'ingresso della Turchia in Europa, con l'aiuto della Gran Bretagna (che ha sempre osteggiato, al pari dell'America, l'unità dell'Europa continentale). E' sicuramente l'Europa nazione localista, delle regioni, delle mille bandiere, delle piccole patrie, ma deve avere un orientamento decisamente di "vera Destra" o di "Destra Radicale". Altrimenti non è nulla - nessuno ha questo tipo di interessi.

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    Qui vorrei che scrivano quelli che credono se un progetto europeo fondato sulle regioni puo' o meno avere successo, motivandolo con argomentazioni che non scadano di tono e senza ideologie fantapolitiche, ma usando soprattutto lucidita' e raziocinio.
    Beh, io credo al regionalismo-localismo ma con riferimenti - come ti ho già detto sopra - verso il grande spazio europeo - con tutti i riferimenti geopolitici del caso - e soprattutto con una propria forma - di Destra Radicale se vogliamo - altrimenti è semplice qualunquismo, burocratismo - nulla di rivoluzionario-conservatore e innovativo - battaglie e idee, quindi, che possono essere portate avanti da liberali, cattolici, conservatori, socialisti, comunisti etc.

    A noi interessa il localismo-regionalismo per il semplice fatto che ci schieriamo a favore delle identità, delle tradizioni, delle etnie, dei paesaggi, delle religioni che rischiano di scomparire con il Mondo attuale della globalizzazione, mondialismo, migrazioni dal Sud del Mondo etc.

    Oggi, tutte le idee che vanno oltre la burocrazia, oltre i dogmi presenti in Italia e in Europa, oltre agli schieramenti attuali, è fantapolitica. Però bisogna avere quantomeno le idee chiare.

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    Guarda che proprio per evitare cio' che hai elencato l'Europa delle regioni sarebbe assolutamente necessaria, altrimenti si rischieranno sempre destabilizzazioni interne che porteranno a tensioni e rischio di conflitti tra i diversi popoli.
    Beh è un discorso molto complesso. Io credo che se non vi sono istituzioni - e se vogliamo idee - al di sopra delle singole regioni, si creerebbero dei casini come quelli descritti sopra. Pensa che nell'Unione Europea litigano tutti quanti - e sono solo 25 Stati più o meno. Ognuno ha i suoi leader cocciuti, i suoi problemi e i suoi interessi, è ovvio che si creano delle conflittualità . Volendo, si potrebbero tenere persino gli Stati Nazionali attuali, ma sono poco controllabili rispetto ad esempio alle Regioni.

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    Europa delle regioni non e' il rifiuto della collaborazione tra singole regioni, ci mancherebbe, e' piuttosto il rispetto della liberta' di ogni singola regione, ogni regione dovrebbe avere la possibilita' di farsi leggi proprie in materie ''delicate'' quali istruzione, sistema di previdenza sociale, sistema sanitario, regolamentazione dei dazi doganali (non al 100% e non su tutti i prodotti, ma su cio' che ritiene strategico nell'ottica dei propri interessi), immigrazione, libera circolazione delle persone, controllo di settori strategici quali i media... ecc..
    Questo è un discorso molto lungo. Dipende molto dalle forme che l'Europa assumerà, dai tipi umani che reggeranno tutte le regioni, dalle situazioni che si verranno a creare.

    Per quanto riguarda l'economia dovrebbe essere subordinata alla politica - quindi all'Europa - come disse Julius Evola. Si dovrebbero capovolgere i criteri attuali del turbo-liberal-capitalismo seguendo le idee di Jean Thiriart. L'Europa, oltre a questo campo dovrebbe interessarsi della politica estera e della difesa. E' un discorso molto lungo.

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda l'ultima frase che ho evidenziato mi ci fermo sopra un attimo, perche' e' cruciale.

    Quando nel 2004 ci fu' l'allargamento della UE a 10 paesi dell'Europa centro-orientale, l'UE decreto' per quei paesi una moratoria di 7 anni (se non sbaglio) per quanto riguarda la mobilita' della forza lavoro, una regola che personalmente trovavo (e trovo tuttora) giusta.

    Ora vediamo la cosa dal lato opposto: un paese come ad esempio la Rep. Ceca o l'Ungheria non ha significative minoranze extra-europee, mentre la Francia, ad esempio, ha 6 milioni di cittadini di origine magrebina, la G. Bretagna 3 milioni di pakistani ecc..

    Ora - perche' paesi come l Rep. Ceca, la Polonia o l'Ungheria dovrebbero, in nome della libera circolazione di persone, accollarsi le minoranze extra-europee di Francia, Germania, G. Bretagna, Italia, Spagna ecc..

    Se 500.000 algerini decidono di trasferirsi dalla Francia in Ungheria ora come ora possono farlo, dunque l'Ungheria, senza alcuna colpa, si ritrovera' a dover accogliere della gente fatta entrare in Europa dalla Francia, la qual stessa Francia aveva a suo tempio bloccato la possibilita' di mobilita' per i lavoratori ungheresi.

    Ti pare giusto?

    Insomma, le regole vanno riscritte. Patti chiari - amicizia lunga.
    La presenza degli allogeni extraeuropei dovrebbe essere inizialmente tamponata, successivamente si dovrebbero rispedire a casa. Le migrazioni interne dovranno essere contingentate, controllate dallo Stato per evitare squilibri e spostamenti - e sfiguramenti. Per dirtene una - proposta da GianFranco Miglio, ideologo della prima Lega Nord - l'amministrazione pubblica - ma anche la polizia etc - dovrebbe essere composta da residenti nella regione.
    Ultima modifica di Lucio Vero; 18-01-10 alle 16:35

  3. #13
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Schwerpunkt Visualizza Messaggio
    paradossalmente la polverizzazione dell'europa in microentità statuali potrebbe esserne la salvezza...
    eh beh..

  4. #14
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni


  5. #15
    Krn
    Krn è offline
    Dal Freddo Nord
    Data Registrazione
    31 Oct 2009
    Località
    Mitteleuropa
    Messaggi
    1,184
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Midgard Visualizza Messaggio
    E va bene. Ti dirò di più, in altri thread volevo - con l'aiuto degli etnonazionalisti e dei padani - cercare tutte le identità europee, i confini etnico-storico-regionali dell'Europa (che sono molto diversi da quelli attuali postati nella tua cartina).
    La cartina non e' mia, la trovi sul sito dell'Assemblea delle Regioni Europee (nel secondo post ti ho dato anche il link).
    Comunque questa cartina, per quanto non perfetta, e' sicuramente molto piu' reale di altre che ho visto finora sul forum quando si parlava di regioni europee (ne ho viste alcune davvero incredibili).
    E poi i confini etnico-storico-culturali dell'Europa sono noti, perche' cercarli? Coincidono con i confini geografici, sempre se vogliamo stare con i piedi per terra e non cominciare a fantasticare di cose illusorie e irrealizzabili.

    Beh il tipo di Europa che abbiamo in mente non può nascere con il favore degli Usa, con l'ingresso della Turchia in Europa, con l'aiuto della Gran Bretagna (che ha sempre osteggiato, al pari dell'America, l'unità dell'Europa continentale).
    Lo vedi, e proprio per questo che ho aperto un 3d apposito, perche' non voglio che il discorso venga sviato su argomenti non contingenti, ma si attenga alla possibilita' se un'Europa delle regioni e' possibile o meno, e se lo e' sotto quali presupposti.

    E' sicuramente l'Europa nazione localista, delle regioni, delle mille bandiere, delle piccole patrie, ma deve avere un orientamento decisamente di "vera Destra" o di "Destra Radicale". Altrimenti non è nulla - nessuno ha questo tipo di interessi.
    Non sono d'accordo. In piu' vediamo di fare un ragionamento realistico: invocare un'Europa dall'orientamento politico di estrema destra e' un progetto destinato a fallire. In questa maniera l'Europa rimarra' sempre divisa, anzi, sempre piu' divisa. Perche'?
    La stragrande maggioranza degli europei non sono di estrema destra e dato che, essendo stragrande maggioranza, sono loro a decidere bisogna formare una piattaforma politica e programmatica che tenga conto dei loro convincimenti, non credi?
    Altrimenti di cosa stiamo discutendo, di come unire l'Europa con un programma politico nel quale gli europei non si riconoscono?
    Allora, fantasia per fantasia, tanto vale discutere di come far volare gli asini.
    Per quanto riguarda la ''vera Destra'' ti ricordo che anche i conservatori britannici, i cristiano-democratici tedeschi, alleanza nazionale + PDL ecc.. lo sono, ma essere di destra non significa nulla se poi non sei in grado di mettere in pratica un programma politico (come nemmeno essere di sinistra).

    Beh, io credo al regionalismo-localismo ma con riferimenti - come ti ho già detto sopra - verso il grande spazio europeo - con tutti i riferimenti geopolitici del caso - e soprattutto con una propria forma - di Destra Radicale se vogliamo - altrimenti è semplice qualunquismo, burocratismo - nulla di rivoluzionario-conservatore e innovativo - battaglie e idee, quindi, che possono essere portate avanti da liberali, cattolici, conservatori, socialisti, comunisti etc.
    Ma guarda che essere rivoluzionario-conservatore e innovativo non coincide mica per forza con l'essere un radicale di destra. Ma chi l'ha detto, ma dove sta scritto?
    Questa e' una tua opinione, ma altri possono pensarla diversamente.

    Invece di imporre delle opinioni (io a te o tu a me) cerchiamo piuttosto di fare un discorso costruttivo e realista.

    Se tu sogni un'Europa unita e contemporaneamente radicalmente a destra torno a ripeterti che sono solo dei sogni che non si avvereranno mai, la cosa non e' possibile, non e' fattibile. Guarda le percentuali che l'estrema destra prende alle elezioni nei diversi paesi europei, si tratta di cifre esigue, ridicole...
    Io invece vorrei che questo 3d rimanga su delle ''basi realistiche''.
    E poi attenzione, quando fai riferimento ad altri orientamenti politici ti faccio notare che alcune delle tue convinzioni coincidono con le loro, ma su questo ci arriviamo dopo.

    A noi interessa il localismo-regionalismo per il semplice fatto che ci schieriamo a favore delle identità, delle tradizioni, delle etnie, dei paesaggi, delle religioni che rischiano di scomparire con il Mondo attuale della globalizzazione, mondialismo, migrazioni dal Sud del Mondo etc.
    Qui hai descritto l'essenza stessa che sta dietro all'idea dell'Europa delle regioni, la conservazione delle differenze, dei particolarismi, la loro difesa ad oltranza.
    Quello che per te e' (cosi' mi pare di capire) un motivo di importanza marginale, per me' e' il motivo essenziale che sta dietro a questo 3d, l'unica cosa per la quale valga la pena di difendere il concetto stesso di Europa.

    Oggi, tutte le idee che vanno oltre la burocrazia, oltre i dogmi presenti in Italia e in Europa, oltre agli schieramenti attuali, è fantapolitica. Però bisogna avere quantomeno le idee chiare.
    Oltre ad avere le idee chiare aggiungerei che bisogna essere realisti, altrimenti e' nuovamente fantapolitica.

    Beh è un discorso molto complesso. Io credo che se non vi sono istituzioni - e se vogliamo idee - al di sopra delle singole regioni, si creerebbero dei casini come quelli descritti sopra. Pensa che nell'Unione Europea litigano tutti quanti - e sono solo 25 Stati più o meno. Ognuno ha i suoi leader cocciuti, i suoi problemi e i suoi interessi, è ovvio che si creano delle conflittualità . Volendo, si potrebbero tenere persino gli Stati Nazionali attuali, ma sono poco controllabili rispetto ad esempio alle Regioni.
    E' un discorso molto complesso, proprio per questo andrebbe analizzato con cura. I casini si sono manifestati quasi sempre per insofferenze o discriminazioni nazionali, e queste sono state fomentate quasi sempre dalla burocrazia centralista. Tu hai fatto l'esempio di fiamminghi e valloni, o serbi e croati. Analizzandoli un secondo ti faro' capire cosa intendo.
    Fiamminghi e valloni vivono in uno Stato creato artificialmente, sono stati messi insieme senza che nessuno abbia chiesto la loro opinione, da qui anche le costanti tensioni tra loro. Se invece fossero lasciati liberi di andarsene ognuno per la propria strada (autonomamente o riunendosi ad altri Stati, come meglio credono, che decidano loro) queste tensioni verrebbero a cadere non credi ?... in quanto verrebbe a mancare il motivo dell'insoddisfazione, la frustrazione cioe' di dover stare assieme con la forza.
    Serbi e croati (e aggiungerei musulmani bosniaci) sono stati aizzati gli uni contro gli altri dai loro rispettivi governi centrali. Tuttavia la popolazione di una regione croata come la Slavonia orientale, in quanto a mentalita', ha molto piu' in comune con una regione serba come la Vojvodina che non con una regione croata come la Dalmazia meridionale. Perche'?
    Perche' da secoli vivono su un territorio contiguo, hanno usanze simili, dialetti simili, folklore simile ecc.. un dalmato invece vive in una regione completamente diversa sia per lingua, cultura, usanze ecc..
    Se la Slavonia orientale e la Vojvodina fossero lasciate libere, senza ingerenze da parte dei governi centrali, di decidere come rapportarsi tra loro sono convinto che di casini non ce ne sarebbero, perche' i casini vengono fomentati sempre da chi e' diverso da te, non da chi ti e simile, non credi?

    2 esempi fatti da te per spiegare come la vedo io.

    Questo è un discorso molto lungo. Dipende molto dalle forme che l'Europa assumerà, dai tipi umani che reggeranno tutte le regioni, dalle situazioni che si verranno a creare.
    Indubbiamente. Ma la liberta' di decidere ognuno per se' e' la garanzia migliore per mantenere le diverse popolazioni delle diverse regioni soddisfatte senza causare aperte recriminazioni contro delle politiche amministrative imposte da altri.

    Per quanto riguarda l'economia dovrebbe essere subordinata alla politica - quindi all'Europa - come disse Julius Evola.
    Ma per carita', basta con queste cose, basta con personaggi vissuti in altre epoche quando in Europa c'erano altri problemi, basta rifarsi a dei modelli inattuali per pianificare il futuro del continente, cerchiamo di considerare la realta' attuale invece... Evola poi non era nemmeno un economista, dai su, rimaniamo seri...

    Si dovrebbero capovolgere i criteri attuali del turbo-liberal-capitalismo seguendo le idee di Jean Thiriart. L'Europa, oltre a questo campo dovrebbe interessarsi della politica estera e della difesa. E' un discorso molto lungo.
    Vedi, prima ti rifacevi a cattolici, socialisti ecc.. e qui mi vai a fare un discorso analogo a quello dei socialisti (vai a vederti il loro programma per le ultime elezioni europee..)

    La presenza degli allogeni extraeuropei dovrebbe essere inizialmente tamponata, successivamente si dovrebbero rispedire a casa.
    Si ma che lo faccia chi li ha accolti, non facciamo invece che chi li ha accolti scarichi il probelma su altri e si aspetti che lo facciano loro.
    Come gia' detto: patti chiari - amicizia lunga.
    Ogni regione si prenda le proprie responsabilita' e si porti le conseguenze delle proprie azioni.

    Le migrazioni interne dovranno essere contingentate, controllate dallo Stato per evitare squilibri e spostamenti - e sfiguramenti.
    Le migrazioni interne, a mio giudizio, dovrebbero essere nuovamente decise esclusivamente dalle autorita' regionali. Se ad esempio 30.000 veneti vogliono trasferirsi in Carinzia ed il governo carinziano lo rifiuta, i 30.000 veneti rimangono a casa loro.
    Ovviamente vale anche nel caso contrario.

    Per dirtene una - proposta da GianFranco Miglio, ideologo della prima Lega Nord - l'amministrazione pubblica - ma anche la polizia etc - dovrebbe essere composta da residenti nella regione.
    Su questo sono d'accordo anch'io.

    Ripeto un'ultima volta, cerchiamo di fare una discussione seria e costruttiva tenendo conto della realta' delle cose invece di vagheggiare su cose irrealizzabili.
    Altrimenti non si arriva da nessuna parte.

    C'e' ancora molto da dire. Come conciliare l'autonomia delle regioni e l'idea di Europa unitaria, come compensare le differenze di sviluppo economico tra diverse regioni, quali competenze lasciare ai governi regionali ecc..

    Nel mio prossimo intervento esporro' alcune possibili soluzioni in campo economico.

  6. #16
    Tringeadeuroppa
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Krn Visualizza Messaggio
    L'Europa delle regioni:



    Cliccare ed aprire per ingrandire - cartina dal sito dell'Assemblea delle Regioni Europee.

    Noterete che comprende anche la Turchia e tutto il Caucaso.

    Assembly of European Regions - European organisation
    L'Europa arlecchino.
    Fa anche ridere.

  7. #17
    Tringeadeuroppa
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Midgard Visualizza Messaggio
    Paradossale sì. In realtà è un discorso molto più difficile, organico.

    Già me li vedo i Padani che in nome della purezza ariana del Nord cacciano i terun dalle loro terre. Per non parlare dei croati e serbi che si scannano, dei tedeschi dell'Est contro quelli dell'Ovest, degli spagnoli e francesi del Sud contro quelli del Nord, i valloni contro i fiamminghi. Già me li vedo gli staterelli europei che cercano in tutti i modi di espellere i migranti dal proprio suolo verso la regione vicina.
    Wow! Che bella prospettiva.

  8. #18
    Tringeadeuroppa
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Midgard Visualizza Messaggio
    E' sicuramente l'Europa nazione localista, delle regioni, delle mille bandiere, delle piccole patrie, ma deve avere un orientamento decisamente di "vera Destra" o di "Destra Radicale".
    Un'Europa delle piccole patrie è l'Europa delle invidie, degli scontri, delle divisioni.
    Ultima modifica di Spetaktor; 18-01-10 alle 23:39

  9. #19
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Jan 2010
    Località
    Fantacaliffato mondiale
    Messaggi
    323
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Spetaktor Visualizza Messaggio
    Un'Europa delle piccole patrie è l'Europa delle invidie, degli scontri, delle divisioni.
    Una via di mezzo potrebbe essere la base di partenza per l'inizio di una reale influenza della Russia sull'Europa.

  10. #20
    Cancellato
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    Africa Orientale Italiana
    Messaggi
    8,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Europa delle regioni

    Citazione Originariamente Scritto da Spetaktor Visualizza Messaggio
    L'Europa arlecchino.
    Fa anche ridere.
    Infatti predilogo il grande spazio. Ma su qualche cosa deve pur poggiarsi no?
    Ultima modifica di Lucio Vero; 19-01-10 alle 12:31

 

 
Pagina 2 di 13 PrimaPrima 12312 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. «L’Europa delle Regioni? Meglio federale»
    Di Marcello1986 nel forum Politica Europea
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 25-02-13, 20:54
  2. la lega per l'europa delle regioni?
    Di Morfeo nel forum Lega
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-09-12, 08:37
  3. Europa delle Regioni, l'intuizione di Bossi
    Di Davide (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-09-03, 21:16
  4. Europa delle regioni
    Di Creso nel forum Liguria
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-08-03, 19:32
  5. Veneto e Baviera: è già Europa delle Regioni
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-07-02, 13:57

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226