Ciao Giacinto. Noi continuiamo a vincere con onore. Come ci hai insegnato.



Ero a Sant'Ambrogio a darti l'ultimo saluto e son passati già tre anni. Ma tu rimarrai sempre nei nostri cuori e nelle nostre menti e soprattutto come esempio vivente di come comportarsi nella vita ancor prima che nello sport. Tutt'altra classe.

Gli altri hanno Moggi e Cannavaro... noi abbiamo GIACINTO FACCHETTI.

Sempre orgogliosi di aver scelto tra mille i colori giusti. Quelli del cielo e della notte. I tuoi.

Grazie Capitano e Presidente. Ciao Cipe!