User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito USA News / Liz Cheney, un falco più falco del papà

    Liz Cheney for President?

    Forte presa di posizione pubblica della Cheney a favore del waterboarding e delle politiche antiterrorismo dell'Amministrazione Bush.




    “Non amo che le rose che non colsi. Non amo che le cose che potevano essere e non sono state...” (Guido Gozzano)

    "Quello che un uomo ha assorbito durante l'infanzia nel proprio sangue, dall'aria del suo tempo, rimane in lui." (Stefan Zweig)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: USA News / Liz Cheney, un falco più falco del papà

    Chi è Liz Cheney? Rileggiamo questo articolo del Corriere della sera dell'11 giugno 2008.




    Maniere forti
    Funzionaria del Dipartimento di Stato: «Sbagliato appoggiare le elezioni palestinesi, gestito male il vertice di Annapolis»

    Liz Cheney, un falco più falco del papà vicepresidente

    La figlia di Dick critica la Casa Bianca: siamo sempre troppo teneri con Teheran e Damasco

    di Guido Olimpio


    WASHINGTON - Buon sangue non mente. A Liz Cheney, figlia del vice presidente americano ed ex funzionario al Dipartimento di Stato, l' attuale politica dell' amministrazione Bush non piace. La vorrebbe più energica, determinata, senza troppe concessioni.

    Parlando qualche giorno fa davanti all' Aipac - potente gruppo di pressione filo-israeliano - Liz si è tolta i guanti per criticare le recenti mosse diplomatiche. Un attacco alle scelte di Condoleezza Rice - peraltro mai nominata - e alle iniziative del suo ex ufficio. Per la Cheney il summit di Annapolis è stato gestito male e l' appoggio alle elezioni a Gaza, vinte da Hamas, ha rappresentato «un errore fondamentale».

    Washington, secondo Liz, avrebbe dovuto essere più severa con la Siria usando diverse carte. Damasco poteva essere denunciata «per il coinvolgimento nell' omicidio dell' ex premier libanese Hariri, per l' uccisione dei soldati americani in Iraq (attraverso il sostegno ai ribelli, ndr), per l' appoggio all' Hezbollah libanese». Invece la Siria è riuscita a conservare, sia pure tra difficoltà e pressioni, il proprio ruolo di influenza.

    «A mio giudizio questa amministrazione era nel giusto quando siamo stati coraggiosi, determinati, concentrati e quando abbiano usato la nostra forza militare», sono state le sue parole durante una tavola rotonda all' Aipac con ospiti americani e israeliani. L' analisi di Liz Cheney - in particolare il riferimento alla Siria - coglie il dissenso di ambienti statunitensi davanti ai recenti contatti, via mediazione turca, tra Damasco e Gerusalemme.

    Israele pragmaticamente guarda la Siria dal suo ombelico e dunque è disposto a parlarle se può servire a mantenere una certa stabilità al confine nord. I colloqui, dicono a Gerusalemme, non fanno male, nel breve periodo hanno un valore tattico e, come in passato, sono uno strumento di pressione nei confronti dei palestinesi.

    Da Washington hanno lasciato trapelare qualche nota di irritazione - affidata a qualche commento ispirato sulla stampa - e non sono mancati piccoli dispetti. Le rivelazioni al Congresso, ad esempio, sul raid israeliano del 6 settembre in Siria. O l' arresto, dopo vent' anni di una spia israeliana negli Stati Uniti. Calcetti sotto il tavolo preceduti da due episodi misteriosi, indizio di manovre in corso.

    L' uccisione, in febbraio, a Damasco del numero due dell' Hezbollah Imad Mugniyeh ha scatenato le interpretazioni più strane. Una eliminazione attribuita un po' a tutti (dagli israeliani ai siriani passando per i sauditi) e considerata da alcuni come la moneta di scambio per qualche accordo segreto. Altrettanto fumose le voci di faida nella nomenklatura di Damasco con il presunto siluramento di Assif Shawkat, cognato di Bashar Assad e onnipresente capo degli 007 militari. Una giubilazione legata ad un possibile tentativo di golpe filo-americano. Storie smentite con sdegno da Damasco ma che hanno continuato a sollevare questioni nei palazzi della diplomazia.

    Ma le differenze di vedute israelo-americane si sono ricomposte sul caso iraniano, con i due alleati alla ricerca del «proiettile d' argento» per fermare i piani atomici dei mullah. Un dossier che Liz Cheney conosce assai bene. Prima di congedarsi - per maternità - dal Dipartimento di Stato, la figlia del vice presidente ha animato per diversi mesi lo speciale ufficio - composto da funzionari dell' intelligence e diplomatici - che elaborava la strategia sull' Iran.

    Una posizione che le ha permesso di rimarcare la sua linea di fermezza contrapposta a coloro che pensano che ci sia ancora per negoziare. Anche da «fuori» il suo pensiero non è mutato: se Ahmadinejad non si adegua alle risoluzioni Onu rischia il blitz militare. «Non ci possiamo permettere il lusso di perdere tempo. L' ora della diplomazia sta per finire».

    http://archiviostorico.corriere.it/2...80611009.shtml
    “Non amo che le rose che non colsi. Non amo che le cose che potevano essere e non sono state...” (Guido Gozzano)

    "Quello che un uomo ha assorbito durante l'infanzia nel proprio sangue, dall'aria del suo tempo, rimane in lui." (Stefan Zweig)

  3. #3
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: USA News / Liz Cheney, un falco più falco del papà

    Personalmente sostengo le posizioni più dure verso Theran e Damasco.
    Per decenni ormai si va avanti con un finto dialogo che non serve a nulla, se non ad incancrenire la situazione in Medio Oriente.
    E' ben chiaro infatti che Iran e Siria non vogliono la pace, ma cercano solo di allungare i tempi, di sfiancare l'avversario, con la speranza di rafforzarsi (tramite programmi nucleari..e questo riguarda anche la Siria, perchè se ci ricordiamo bene qualche tempo fa gli israeliani hanno bombardato un centro siriano fortemente sospettato di essere la sede di esperimenti con materiale radioattivo).
    Non posso che provare istintiva simpatia per le prese di posizione più dure ed accese (purchè non si travalichino i limiti dell'estremismo: lungi da me auspicare guerre ed invasioni immediate).
    Certo è che si dovrebbe lanciare un ultimatum, per scoprire le carte e giungere ad una definitiva conclusione della questione medio-orientale.
    L'Iran vuole la pace? Benissimo, lo dimostri con la buona volontà.
    Ma entro breve, però. Non entro un numero "x" di anni.

 

 

Discussioni Simili

  1. Renato de Falco.
    Di Rainulf Drengot nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-04-09, 20:57
  2. Il Falco ??
    Di Manfr nel forum Conservatorismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 26-07-08, 12:44
  3. Il falco
    Di ZEUS nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-11-07, 12:48
  4. Falco dantesco?!
    Di Eymerich (POL) nel forum Hdemia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 23:35
  5. il falco svolazza in M.O.
    Di Politikon nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-04-03, 16:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225