User Tag List

Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 133
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,774
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Thumbs down Quelli non sono veri leghisti

    Corriere della serva, 7/6/06.
    Così parlò Umberto Bossi di Oneto e di coloro i quali chiedono un congresso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano
    Corriere della serva, 7/6/06.
    Così parlò Umberto Bossi di Oneto e di coloro i quali chiedono un congresso.
    Peccato che uno lo abbiano candidato capogruppo a milano, e che ci siano alcuni ex parlamentari.

    Ah, ha aggiunto che nella lega non ci sarà nessun congresso perchè l'unica cosa importante è che lui guarisca e resti al timone.
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

  3. #3
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Birrafondaio
    Peccato che uno lo abbiano candidato capogruppo a milano, e che ci siano alcuni ex parlamentari.

    Ah, ha aggiunto che nella lega non ci sarà nessun congresso perchè l'unica cosa importante è che lui guarisca e resti al timone.

    all'ultimo federale di cui ho notizia (circa un mese fa) su precisa domanda in merito ad un congresso Bossi disse "scordatevelo"..cmq come avevo previsto adesso cominciano gli insulti per "ducario" come erano stati per ferrari..il sistema è sempre quello

  4. #4
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bossi: i nostri ragazzi tornino a casa
    «In Iraq campagna informativa per spiegare che i soldati sono lì ad aiutare» «Riforme, bene un tavolo con la sinistra ma solo dopo il sì al referendum»

    DAL NOSTRO INVIATO
    NOVARA - «Ma tornino indietro, cosa ci stanno a fare lì? È troppo pericoloso». Reagisce d’istinto Umberto Bossi, turbato dalla notizia di un’altra vittima a Nassiriya. Sono passate da poco le 11 di sera e il leader leghista sta per entrare alla trattoria Poretti di Torrion Quartara, a Novara. C’è da festeggiare il giovane sindaco leghista, Massimo Giordano, reduce da un trionfo personale (riconfermato con il 60 per cento dei voti). Insieme con il Capo c’è lo stato maggiore locale, compreso Roberto Cota, il segretario piemontese che è riuscito, insieme a Giordano, nel miracolo di quintuplicare i voti leghisti: dal 4 al 21 per cento. Un successo che conforta Bossi, soprattutto dopo l’esito nazionale non entusiasmante. Ma prima di entrare in pizzeria, arriva la notizia. «C’è un morto a Nassiriya» sussurra Cota al segretario. Bossi si ferma un attimo e scuote la testa: «Basta così, è troppo pericoloso». Poi entra, quasi trascinato dall’entusiasmo dei militanti, che non si sono accorti di nulla. In pizzeria Bossi rimarrà per due ore, raccontando al Corriere scenari e strategie della Lega, ma anche confessando il suo vero desiderio, la speranza di guarire e di restare a lungo capo della Lega. È un Bossi ancora claudicante ma in forze, che rimane a festeggiare insieme con gli altri fino all’una di notte. Scherza con «Lupo», mitico autista di Cota («ma togliti quegli occhiali da sole che è buio»); mangia, anche se con moderazione (affettati e tonnarelli al nero di seppia con pomodorini e spada, innaffiati dalla solita Coca Cola, anche se stavolta non ci sono i grissini da pucciare); lancia e guida i frequenti cori per il sì al referendum («Sì! Sì! E questo è per Scalfaro», ovvero il presidente del Comitato per il no, novarese); si unisce all’augurio per l’Insubria libera («Sapete chi ha fatto l’università dell’Insubria? Io e Reguzzoni»). Prima di cominciare, si apparta per rispondere alle domande, interrotto di frequente dall’entusiasmo dei presenti.
    Segretario, allora che fare in Iraq?
    «Visto quello che succede, dico che sarebbe meglio tornare a casa. Naturalmente, se ci sono accordi internazionale da rispettare, è giusto rispettarli. Però non posso non vedere quanto sia pericoloso mandare i nostri ragazzi in una zona dove c’è la guerra».
    Anche se non sono lì per fare la guerra?
    «Purtroppo questo non è chiaro a tutti. Bisognerebbe fare una campagna informativa in Iraq per spiegare cosa ci fanno i nostri soldati. Che sono lì per dare una mano, per aiutare».
    E invece muoiono.
    «C’è poca chiarezza. Ci scambiano per truppe occupanti. E dato che ci vedono così, si sentono legittimati ad ammazzarci».
    Le sue ultime esternazioni hanno creato qualche sorpresa nella Lega. Sulla devolution si è parlato di una apertura alla sinistra. Maroni invece spiega che prima si vota sì e poi si discute.
    «Ma certo, ha perfettamente ragione Maroni. Io non ho aperto alla sinistra, ho solo spiegato che la sinistra rischia di perdere tutti i voti del Nord».
    Però ha promesso un tavolo per migliorare la devolution.
    «Su quello ho dato la mia parola. Stiamo scrivendo una bozza del cambiamento e l’ideale sarebbe che anche alcuni della sinistra partecipassero al tavolo. Ma questo può avvenire soltanto dopo il sì al referendum».
    E se la devolution non passasse?
    «Ne prenderei atto: vorrebbe dire che l’Italia non è matura per avere democraticamente il federalismo».
    L’Italia?
    «Certo, perché il Nord farà comunque vincere il sì. E in quel caso saremo legittimati ad andare ovunque, dall’Onu all’Europa, per farci valere».
    Se vincesse il no, qualche effetto potrebbe esserci anche nel Carroccio?
    «La base si incazzerebbe, è ovvio».
    E allora si potrebbe tornare a ipotesi secessioniste.
    «Penso di sì. A Pontida, il 18, lanceremo la nostra sfida referendaria. Ci saranno anche ospiti federalisti europei, come la presidente del Parlamento basco».
    In caso di fallimento, lei si dimetterebbe? Nella Lega c’è scontento, l’ha ammesso anche lei.
    «Nella base forse, ma la dirigenza è compatta. Lo decideranno i militanti se devo restare. Io credo che lo vogliano».
    Oneto e altri «dissidenti», però, chiedono un congresso straordinario.
    «Quelli non sono leghisti».
    Tra le firme c’è anche quella di Pagliarini.
    «Ma a me non mi interessa niente del congresso. Sa cosa mi interessa veramente?».
    Cosa?
    «Guarire. Completamente. Tornare in forze per restare alla guida della Lega».
    Come va ora?
    «Sono abbastanza migliorato. Con tutta questa fisioterapia».
    Ci sono stati momenti difficili. Stanchezza, depressione.
    «Certo, anche dopo le elezioni io e Berlusconi eravamo un po’ depressi. Se lavori e non ottieni niente, un po’ di sconforto è logico. Ma se dirigi un partito come la Lega non puoi permetterti di deprimerti».
    L’affetto della gente aiuta.
    «Certo, non mi mollano mai. L’altro giorno a Cassano Magnago mi hanno regalato una cassetta di ciliegie: "Segretario, mangi queste che guarisce».
    E la famiglia?
    «Ho una famiglia meravigliosa. Mia moglie ha preso tutto da suo padre, un siciliano, uno forte, che aveva capito tutto. Vedesse com’è brava alla scuola bosina. E con i bambini disabili. Sa cosa mi ha chiesto l’altro giorno la Manuela?».
    Cosa?
    «Se volevo scrivere un libro con lei».
    Un’autobiografia?
    «No, una cosa di politica. Ma le ho detto di no. Se lo scrivo, è solo per controllarla» ( ride ).
    E i figli?
    «Roberto gioca benissimo a basket. E Renzo suona il pianoforte. Quando sono stanco, si mette lì e mi suona delle canzoni vecchie, di Battisti».
    Che farà da grande?
    «Non lo sa ancora. Per ora è molto bravo con l’informatica, con i computer».
    Bossi fa una pausa, si fa chiamare la moglie. «È restata a casa, tiene troppo ai figli». Qualcuno lo chiama presidente, lui rettifica orgoglioso: «Segretario». Sorride, stringe mani. Ogni tanto alza il braccio, a pugno chiuso e urla, con la voce arrochita e un guizzo negli occhi: «Sì!». «Giornalista, mando un messaggio ai lettori del Corriere : sì!». Rimane a lungo a girare il caffè nella tazzina, mentre ascolta Cota parlare dei comitati referendari. Poi un ultimo accenno alla politica, ancora una volta in controtendenza, a spiazzare amici e nemici.
    Sull’amnistia qualcuno si è sorpreso per la sua apertura.
    «Non ne voglio molto parlare, chieda a Castelli. Sono sempre stato più morbido di lui, anche sulla grazia a Sofri. Sono sicuro che la galera a oltranza non fa bene a nessuno».
    E su D’Elia? Si nega che un ex terrorista possa diventare parlamentare.
    «Io non faccio queste polemiche. Chi ha i voti fa quello che vuole. Decide la gente. Come sempre».

    Alessandro Trocino

  5. #5
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    a parte le storielle da libro Cuore il resto tradotto" niente congresso e della base me ne frego l'importante è la diggerenza"

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ho letto anch'io il corriere. patetiche (e inquietanti) le parole del padrone della lega (fidejussioni di burlescone a parte). in modo particolare sono rimasto seccato del modo con cui ha liquidato gilberto oneto. magari non con la volgarità con la quale ha eliminato gianfranco miglio, ma con lo stesso disprezzo. mantiene la solita linea di eliminare o emarginare tutti coloro che sicuramente sono migliori di Lui.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'intervista è sconcertante, incresciosa ed ingiustificabile... ma in fondo prevedibile

  8. #8
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da raggioverde
    Bossi: i nostri ragazzi tornino a casa
    «In Iraq campagna informativa per spiegare che i soldati sono lì ad aiutare» «Riforme, bene un tavolo con la sinistra ma solo dopo il sì al referendum»

    DAL NOSTRO INVIATO
    NOVARA - «Ma tornino indietro, cosa ci stanno a fare lì? È troppo pericoloso». Reagisce d’istinto Umberto Bossi, turbato dalla notizia di un’altra vittima a Nassiriya. Sono passate da poco le 11 di sera e il leader leghista sta per entrare alla trattoria Poretti di Torrion Quartara, a Novara. C’è da festeggiare il giovane sindaco leghista, Massimo Giordano, reduce da un trionfo personale (riconfermato con il 60 per cento dei voti). Insieme con il Capo c’è lo stato maggiore locale, compreso Roberto Cota, il segretario piemontese che è riuscito, insieme a Giordano, nel miracolo di quintuplicare i voti leghisti: dal 4 al 21 per cento. Un successo che conforta Bossi, soprattutto dopo l’esito nazionale non entusiasmante. Ma prima di entrare in pizzeria, arriva la notizia. «C’è un morto a Nassiriya» sussurra Cota al segretario. Bossi si ferma un attimo e scuote la testa: «Basta così, è troppo pericoloso». Poi entra, quasi trascinato dall’entusiasmo dei militanti, che non si sono accorti di nulla. In pizzeria Bossi rimarrà per due ore, raccontando al Corriere scenari e strategie della Lega, ma anche confessando il suo vero desiderio, la speranza di guarire e di restare a lungo capo della Lega. È un Bossi ancora claudicante ma in forze, che rimane a festeggiare insieme con gli altri fino all’una di notte. Scherza con «Lupo», mitico autista di Cota («ma togliti quegli occhiali da sole che è buio»); mangia, anche se con moderazione (affettati e tonnarelli al nero di seppia con pomodorini e spada, innaffiati dalla solita Coca Cola, anche se stavolta non ci sono i grissini da pucciare); lancia e guida i frequenti cori per il sì al referendum («Sì! Sì! E questo è per Scalfaro», ovvero il presidente del Comitato per il no, novarese); si unisce all’augurio per l’Insubria libera («Sapete chi ha fatto l’università dell’Insubria? Io e Reguzzoni»). Prima di cominciare, si apparta per rispondere alle domande, interrotto di frequente dall’entusiasmo dei presenti.
    Segretario, allora che fare in Iraq?
    «Visto quello che succede, dico che sarebbe meglio tornare a casa. Naturalmente, se ci sono accordi internazionale da rispettare, è giusto rispettarli. Però non posso non vedere quanto sia pericoloso mandare i nostri ragazzi in una zona dove c’è la guerra».
    Anche se non sono lì per fare la guerra?
    «Purtroppo questo non è chiaro a tutti. Bisognerebbe fare una campagna informativa in Iraq per spiegare cosa ci fanno i nostri soldati. Che sono lì per dare una mano, per aiutare».
    E invece muoiono.
    «C’è poca chiarezza. Ci scambiano per truppe occupanti. E dato che ci vedono così, si sentono legittimati ad ammazzarci».
    Le sue ultime esternazioni hanno creato qualche sorpresa nella Lega. Sulla devolution si è parlato di una apertura alla sinistra. Maroni invece spiega che prima si vota sì e poi si discute.
    «Ma certo, ha perfettamente ragione Maroni. Io non ho aperto alla sinistra, ho solo spiegato che la sinistra rischia di perdere tutti i voti del Nord».
    Però ha promesso un tavolo per migliorare la devolution.
    «Su quello ho dato la mia parola. Stiamo scrivendo una bozza del cambiamento e l’ideale sarebbe che anche alcuni della sinistra partecipassero al tavolo. Ma questo può avvenire soltanto dopo il sì al referendum».
    E se la devolution non passasse?
    «Ne prenderei atto: vorrebbe dire che l’Italia non è matura per avere democraticamente il federalismo».
    L’Italia?
    «Certo, perché il Nord farà comunque vincere il sì. E in quel caso saremo legittimati ad andare ovunque, dall’Onu all’Europa, per farci valere».
    Se vincesse il no, qualche effetto potrebbe esserci anche nel Carroccio?
    «La base si incazzerebbe, è ovvio».
    E allora si potrebbe tornare a ipotesi secessioniste.
    «Penso di sì. A Pontida, il 18, lanceremo la nostra sfida referendaria. Ci saranno anche ospiti federalisti europei, come la presidente del Parlamento basco».
    In caso di fallimento, lei si dimetterebbe? Nella Lega c’è scontento, l’ha ammesso anche lei.
    «Nella base forse, ma la dirigenza è compatta. Lo decideranno i militanti se devo restare. Io credo che lo vogliano».
    Oneto e altri «dissidenti», però, chiedono un congresso straordinario.
    «Quelli non sono leghisti».
    Tra le firme c’è anche quella di Pagliarini.
    «Ma a me non mi interessa niente del congresso. Sa cosa mi interessa veramente?».
    Cosa?
    «Guarire. Completamente. Tornare in forze per restare alla guida della Lega».
    Come va ora?
    «Sono abbastanza migliorato. Con tutta questa fisioterapia».
    Ci sono stati momenti difficili. Stanchezza, depressione.
    «Certo, anche dopo le elezioni io e Berlusconi eravamo un po’ depressi. Se lavori e non ottieni niente, un po’ di sconforto è logico. Ma se dirigi un partito come la Lega non puoi permetterti di deprimerti».
    L’affetto della gente aiuta.
    «Certo, non mi mollano mai. L’altro giorno a Cassano Magnago mi hanno regalato una cassetta di ciliegie: "Segretario, mangi queste che guarisce».
    E la famiglia?
    «Ho una famiglia meravigliosa. Mia moglie ha preso tutto da suo padre, un siciliano, uno forte, che aveva capito tutto. Vedesse com’è brava alla scuola bosina. E con i bambini disabili. Sa cosa mi ha chiesto l’altro giorno la Manuela?».
    Cosa?
    «Se volevo scrivere un libro con lei».
    Un’autobiografia?
    «No, una cosa di politica. Ma le ho detto di no. Se lo scrivo, è solo per controllarla» ( ride ).
    E i figli?
    «Roberto gioca benissimo a basket. E Renzo suona il pianoforte. Quando sono stanco, si mette lì e mi suona delle canzoni vecchie, di Battisti».
    Che farà da grande?
    «Non lo sa ancora. Per ora è molto bravo con l’informatica, con i computer».
    Bossi fa una pausa, si fa chiamare la moglie. «È restata a casa, tiene troppo ai figli». Qualcuno lo chiama presidente, lui rettifica orgoglioso: «Segretario». Sorride, stringe mani. Ogni tanto alza il braccio, a pugno chiuso e urla, con la voce arrochita e un guizzo negli occhi: «Sì!». «Giornalista, mando un messaggio ai lettori del Corriere : sì!». Rimane a lungo a girare il caffè nella tazzina, mentre ascolta Cota parlare dei comitati referendari. Poi un ultimo accenno alla politica, ancora una volta in controtendenza, a spiazzare amici e nemici.
    Sull’amnistia qualcuno si è sorpreso per la sua apertura.
    «Non ne voglio molto parlare, chieda a Castelli. Sono sempre stato più morbido di lui, anche sulla grazia a Sofri. Sono sicuro che la galera a oltranza non fa bene a nessuno».
    E su D’Elia? Si nega che un ex terrorista possa diventare parlamentare.
    «Io non faccio queste polemiche. Chi ha i voti fa quello che vuole. Decide la gente. Come sempre».

    Alessandro Trocino
    e con questo faccio un appuntino anche a me.

    non chiamiamolo più Handicappato , quelli veri hanno si problemi , ma non sono CIALTRONI e DELINQUENTI come questo assurdo personaggio da restaurazione savoiarda.

    e comunque ricordiamoci che il destino e un giusto boia.

    buona fortuna sbirulictus , ne avrai bisogno.

    con ossequi.

  9. #9
    Super Troll
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    55,767
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giovanni.fgf
    e con questo faccio un appuntino anche a me.

    non chiamiamolo più Handicappato , quelli veri hanno si problemi , ma non sono CIALTRONI e DELINQUENTI come questo assurdo personaggio da restaurazione savoiarda.

    e comunque ricordiamoci che il destino e un giusto boia.

    buona fortuna sbirulictus , ne avrai bisogno.

    con ossequi.
    Cosa hai fumato?

    Penso che in Padania un pò di umanità non si neghi neanche al peggior nemico.

    Ossequi, ossequi... e rilassati un pò, che forse potrai vedere più lontano.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ugolupo
    Cosa hai fumato?

    Penso che in Padania un pò di umanità non si neghi neanche al peggior nemico.

    Ossequi, ossequi... e rilassati un pò, che forse potrai vedere più lontano.
    e invece sulle dichiarazioni vergognose dell'amministratore della ditta LN-MPA non hai nulla da aggiungere?

 

 
Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. I leghisti veri eredi dei Mille
    Di jotsecondo nel forum Padania!
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 08-05-10, 12:47
  2. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 29-09-09, 22:33
  3. Ma sono veri nemici quelli che difendono la Chiesa?
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 22-11-04, 22:26
  4. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 13-08-04, 12:43
  5. I veri fascisti di oggi sono i leghisti
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 09-08-04, 20:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226