User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: L'amico dei cinesi

  1. #1
    Reazionari dal 1789.
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Lecce, Respublica Christiana
    Messaggi
    5,433
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'amico dei cinesi

    Tratto da AREA - Questa è la storia di un inganno liberista. È la favola della globalizzazione accettata senza spirito critico. Fatta cadere sulle teste dei popoli, dai governi e dagli euroburocrati. È la favola economica della Cina, che una volta era vicina solo ai gruppuscoli maoisti, oggi a tutti noi: con i suoi prodotti a prezzi stracciati, frutto di un incontrollato e incontrollabile dumping economico, sociale e ambientale. Una storia che inizia a prendere corpo nell’anno 2000, con Romano Prodi alla Presidenza della Commissione europea.
    Il colosso cinese, alla fine di trattative avviate anni prima, entra a far parte del sistema di scambi commerciali del Wto. È indubbiamente un passaggio epocale. Sentite cosa dichiara il Professore all’Ansa, il 19 maggio: «L’accordo offrirà alle industrie europee che vendono o comprano in Cina nuove opportunità di mercato, e creerà molti posti di lavoro europei». Mai profezia si rivelò più inesatta, per non dire infausta. Forse Prodi avrebbe dovuto consultare gli spiriti prima di avventurarsi a cuor leggero in un’avventura che anni dopo, cioè oggi, sta costando molto cara all’economia italiana ed europea. Troppo preso com’era, dagli accenti trionfalistici - «è una pietra miliare sulla strada della creazione di un mercato economico aperto» - il Professore dimenticò di prestare attenzione alle preoccupazioni che da più parti, prima durante e dopo, si erano levate riguardo al modello di sviluppo cinese e alla sua problematica integrazione negli standard occidentali.
    Pechino concede finanziamenti statali alle sue imprese, soprattutto nelle province meno ricche, le aziende producono a costi stracciati di manodopera, fanno lavorare i dipendenti, spesso minori, quattordici ore al giorno; non rispettano le normative sulle emissioni inquinanti, sulla contraffazione dei marchi, praticamente non conoscono i sindacati.
    Grazie a tutte queste ragioni, le aziende cinesi sono libere di invadere i mercati europei e statunitensi a prezzi spesso inferiori a quelli praticati nel paese d’origine. Prezzi con i quali è impossibile competere. Giulio Tremonti ha usato una metafora efficace: «Ci stanno mangiando vivi», e non si riferiva alla simpatica abitudine del comunismo cinese di bollire i bambini in tempo di carestia. I numeri di questo disastro sono sotto gli occhi di tutti: 100mila posti di lavoro persi nel settore tessile dal 2001 al 2005 (Istat), 28mila aziende in crisi, aumenti abnormi dell’export cinese (pantaloni fino al 1960%, pullover 1250%, magliette 537%); situazione drammatica nel calzaturiero (importazioni aumentate fino al 700 per cento nel 2005), con 40mila posti di lavoro a rischio su un totale di 101 mila addetti. L’ortofrutta non fa eccezione: nel 2004 l'export cinese sulle mele, è aumentato del 400 per cento; e se da una parte la qualità media non è ancora all'altezza delle nostre pregiate varietà, i numeri fanno paura: il colosso asiatico produce 88 miliardi di mele l'anno, che equivalgono a circa 176 milioni di quintali. La produzione italiana, tanto per fare un paragone, sfiora appena i 20 milioni di quintali l'anno.
    È evidente che il pericolo c'è, che bisogna fare qualcosa. Che bisognava farlo prima. Da qualche tempo sono entrati in vigore i dazi antidumping, peraltro previsti dal regolamento del Wto, grazie a una gestione più illuminata della Commissione, con la presidenza Barroso e con l’interessamento del commissario al commercio Mandelson. Ma anche e soprattutto, grazie all’instancabile pressione del governo italiano. Le misure protettive per le calzature, ad esempio, entrate in vigore il 7 aprile scorso, colpiranno le scarpe provenienti da Cina e Vietnam, ad esclusione di quelle per bambini e sportive (un’esclusione che ha creato forti polemiche all’interno del comitato antidumping dei 25 a Bruxelles). Sono dazi progressivi, che dal 4 per cento saliranno, a settembre, al 19,4 per cento per i prodotti di Pechino e al 16,8 per cento per quelli di Hanoi. Dopodichè bisognerà decidere se estenderli per cinque anni, oppure no: e lì si ripeterà l’annosa divisione dell’Unione tra i Paesi mediterranei, produttori, e quelli nordici, attenti agli interessi degli importatori e della grande distribuzione.
    Ad ogni modo, molte voci tra gli addetti ai lavori, hanno già definito tali misure insufficienti, ad esempio Rossano Soldini, industriale del settore e presidente dell’Associazione calzaturieri italiani: «È una prima vittoria, ma di fatto le due categorie escluse rappresentano il 42 per cento delle calzature provenienti da Pechino». I cinesi non ci stanno facendo, letteralmente, solo le scarpe: la lista dei prodotti orientali (coreani, indiani, tailandesi, indonesiani), sotto osservazione da parte dell’Unione europea, è lunghissima. I dazi agiscono al momento su sessantadue prodotti: oltre al tessile e al calzaturiero, lampadine, accendini, bilance, lenzuola, tv color, trote, mandarini, a breve anche i frigoriferi. «Solo nel 2005» spiega uno dei protagonisti di questa battaglia, il viceministro alle attività produttive Adolfo Urso «le misure antidumping hanno contribuito a mantenere direttamente centomila posti di lavoro».
    Il 21 per cento delle imprese europee le cui produzioni sono salvaguardate dai dazi, è italiano. Altri dossier molto importanti sono aperti a Bruxelles: quello - vitale per il mercato nostrano - delle calzature di sicurezza e in pelle, il cui giro d’affari è stimato in 6 miliardi di euro. E quello più di nicchia, ma altamente simbolico, delle fragole. Sono in pre-allarme anche le associazioni di categoria del settore del mobile, che stanno raccogliendo dati sulla concorrenza sleale asiatica. Ecco, questa è la conclusione amara della favola che vi hanno raccontato. E che nessuno sa dove ci condurrà. Tornando a Prodi, dopo aver salutato Fidel Castro - da presidente del Consiglio - con un «lungo e affettuoso abbraccio» (Ansa, 19 maggio 1998) in occasione dei cinquant’anni del Gatt-Wto; dopo essersi vantato nel 2000 - da presidente della Commissione Ue - di aver gettato “la pietra miliare” dell’accordo con la Cina, beh alla fine ha aperto gli occhi. Quattro anni dopo, il 15 aprile 2004, quattro anni durante i quali si è distinto per l’assoluta inconsistenza del suo mandato a Bruxelles, utilizzato principalmente per riaccreditarsi nella politica italiana, il Professore dichiarava bel bello da Shangai: “Abbiamo preoccupazioni continue sul mancato rispetto, da parte della Cina, della lettera e dello spirito degli obblighi del Wto”. Il grande Longanesi avrebbe detto: «Sa descrivere l’ovvio con estrema esattezza».


    Luigi Massi
    Destrasociale.org

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ITALIANO PURO SANGUE
    Data Registrazione
    17 Mar 2006
    Località
    nell'italia della famiglia
    Messaggi
    239
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    MAHH......non sono tanto sicuro, se averli come amici, infondo ci stanno rubando il mercato..


 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 10-04-11, 19:09
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 17-03-08, 15:42
  3. L'amico dei cinesi
    Di C@scista nel forum Politica Europea
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 19-08-06, 18:47
  4. L'amico dei cinesi
    Di Celtic nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 20-06-06, 13:13
  5. Amico Di Confinfindustria-amico Delle Parti Sociali
    Di peter from milan nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-05-06, 07:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226