User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Da osservatorio democratico

    TRA TENTAZIONI SECESSIONISTE E CONTRASTI INTERNI LA LEGA NORD ALLA VIGILIA DEL REFERENDUM



    TRA TENTAZIONI SECESSIONISTE E CONTRASTI INTERNI LA LEGA NORD ALLA VIGILIA DEL REFERENDUM
    LA DENUNCIA DELLA COMMISSIONE EUROPEA CONTRO IL RAZZISMO E L'INTOLLERANZA
    Saverio Ferrari - Redazione Osservatorio Democratico - 13/06/2006



    La Lega Nord è ad un passaggio decisivo della propria esistenza politica. Da mesi è in sofferenza. Le elezioni di aprile e la tornata amministrativa dello scorso maggio hanno evidenziato una forte contrazione elettorale nelle grandi città, soprattutto a Torino e a Milano, dove il risultato alle comunali è oscillato tra il 2,47% ed il 3,7%. Genova, Bologna e Trieste hanno confermato il trend, con il solo capoluogo ligure appena sopra il 3%. E se Venezia ha fatto eccezione con il 6,3%, è anche evidente il confinarsi della presenza leghista in aree circoscritte, pur con esiti ancora rilevanti. In Lombardia, dove la Lega ha ultimamente raccolto più di 744 mila voti, oltre la metà del totale nazionale, i consensi si sono concentrati in gran parte a nord di Milano, dove abbondantemente è stata superata la media regionale dell'11,72%, mentre a sud si è consistentemente al di sotto, in voti assoluti e percentuali. Quasi una linea di confine.


    IL FRONTE INDIPENDENTISTA PADANO
    Da tempo nella Lega è in atto un forte scontro interno. Sul tappeto la stessa leadership, ma soprattutto la definizione di una nuova identità e collocazione politica. Il corpo militante ed il quadro dirigente intermedio sono attualmente scossi da continue scissioni, abbandoni ed espulsioni. Pochi giorni dopo le elezioni politiche, è stato sbrigativamente licenziato Max Ferrari, il direttore di "TelePadania", già decaduto dal suo incarico dopo la partecipazione, in marzo a Belgrado, ai funerali di Milosevic e relativo omaggio ai rappresentanti del partito ultranazionalista serbo. Nelle settimane successive si è invece consumata l'uscita dal Movimento universitario padano del collettivo della cattolica di Milano, da sempre su posizioni intransigenti, con affissioni sistematiche di cartelli nostalgici del Granducato di Parma e di Piacenza, di Pio IX, definito il primo "leghista", ma anche contro Israele e in difesa del negazionista David Irving.

    Ad andarsene, o ad essere cacciati, le frange scontente dal "moderatismo della devolution", convinte dell'imminente sconfitta referendaria a fine giugno. In questo quadro anche la nascita del "Fronte Indipendentista Padano", la nuova sigla per rilanciare il progetto secessionista, battezzata ufficialmente, tra musica celtica, polenta e grigliate, il 1° maggio scorso a Cazzago San Martino, Brescia.

    Qualcosa di più di una semplice seccatura, al punto che si è deciso di spostare al 2 luglio, una settimana dopo il referendum, il tradizionale raduno a Pontida, inizialmente previsto per il 18 giugno. Si temevano, infatti, contestazioni da parte dei "padanisti indipendentisti", oltre che degli ex-azionisti truffati della Credieuronord, un tempo amministrata da parlamentari leghisti e finanziata da alcune migliaia di piccoli risparmiatori che si sono visti bruciare la quasi totalità dei loro risparmi. Una delle tante fallimentari operazioni economiche intraprese all'ombra del "Carroccio".

    IL REFERENDUM AL NORD
    La vera partita si giocherà comunque all'interno dei gruppi dirigenti. Tra maggio e giugno alcune assemblee autoconvocate in Piemonte e in Lombardia hanno dato voce al disagio. In particolare a Brescia, una delle roccaforti, dove si sono vissuti momenti concitati, con contestazioni e manifestazioni promosse da decine di militanti davanti alla sede provinciale. Qui, in un affollatissimo incontro, sono scesi in campo anche esponenti di primo piano del movimento, come Giancarlo Pagliarini, convinti della necessità di un "ritorno allo spirito originario" svincolato dall'alleanza con Berlusconi.

    Da quattro anni non si tiene il Congresso, le "purghe" e le censure sono quasi all'ordine del giorno. In Friuli è stato appena allontanato un folto gruppo di ex-dirigenti. Per arginare il malcontento, in provincia di Alessandria è anche partito un appello, con tanto di raccolta firme, per affiancare a Bossi un triumvirato e garantire il rientro di tutti gli espulsi dal 1996 ad oggi.

    Sarà comunque l'esito referendario a decidere le sorti interne. Diverse le ipotesi in campo, tra chi punta a ridiscutere i legami con Berlusconi, chi prospetta un'opposizione durissima e chi a recuperare un forte autonomia. Importantissimo, in questo quadro, il voto del nord e l'impegno nella campagna referendaria dei partiti del centro-destra. Solo la prevalenza dei "sì" nelle regioni settentrionali o una loro forte concentrazione, potrà, infatti, permettere all'attuale gruppo dirigente di conseguire un risultato, magari per poi virare su posizioni marcatamente indipendentiste. Tornano alla mente le parole di Roberto Maroni all'ultimo congresso dei Giovani padani: "Il progetto di indipendenza della Padania non è stato accantonato: è sempre questo che la Lega vuole fare".


    CAMICIE VERDI
    Nelle scorse settimane è stato prodotto un interessantissimo documentario sulla Lega nord, dal titolo "Camicie Verdi", curato di Claudio Lazzaro un ex-giornalista del Corriere della Sera. Un viaggio dentro la base, con immagini e parole catturate nel corso dell'ultimo anno, in occasione di comizi, cortei e riunioni. Uno spaccato di questa realtà, dove tra ronde notturne e tricolori in fiamme, è possibile cogliere il percorso di questo movimento, sempre più prigioniero di spinte radicali.

    In un dossier del Consiglio d'Europa sull'Italia, l'Ecri, la "Commissione europea contro il razzismo e l'intolleranza", ha ribadito, alla fine del dicembre scorso, "come alcuni membri della Lega hanno intensificato l'uso di discorsi razzisti e xenofobi in ambito politico", tra gli altri, "importanti leader". In questo mix, denso di incognite, tra spinte secessioniste e derive razziste, il futuro della Lega

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il razzismo della Lega è fuori di posto: nata per distinguere Padania da Ausonia, facendo razzismo difende tutta la repubblica italiana e de facto la riconosce.
    Inoltre, il razzismo è esattamente il luogo a cui AN voleva portare la Lega per relegarla nell' angolino della vergogna, da dove proviene la stessa AN.

  3. #3
    Razza Piave
    Data Registrazione
    17 Mar 2006
    Località
    Treviso
    Messaggi
    709
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    che questi pagliacci , pagati con i soldi di tutti, tengano sotto osservazione la lega, non può essere che una cosa che mi fa piacere. sono gli stessi cialtroni che volevano mettere le sanzioni all'austri, che si sono battuti per mettere furi legge il vlams blok, e che proponevano di non accettare il risultato delle presidenziali francesi qualora avesse vinto le pen nel 2002....

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel Terzo Reich era molto più utile dimostrare di non essere ebreo che disquisire sull' opportunità o meno di perseguitare gli ebrei.

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Se qualcuno mi/ci dà del razzista, mi rende onore, mi appende una medaglia al collo, cosa che mi inorgoglisce e mi distinque dai veri razzisti e criminali, coloro i quali odiano l'umanità tutta e perseguono il meticciato planetario.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Se qualcuno mi/ci dà del razzista, mi rende onore, mi appende una medaglia al collo, cosa che mi inorgoglisce e mi distinque dai veri razzisti e criminali, coloro i quali odiano l'umanità tutta e perseguono il meticciato planetario.
    * Il mondo è bello perchè è vario: se uno dà del razzista a me, io mi offendo.

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ci vorrebbe qualcuno che facesse un rapporto sul vero razzismo e sulla vera intolleranza di questo sedicente Osservatorio ANTI-democratico.

  8. #8
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mitteleuropeo

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    * Il mondo è bello perchè è vario: se uno dà del razzista a me, io mi offendo.
    Se l'offesa viene da qualcuno che ti chiama razzista perchè gli hai detto di essere o di essere stato leghista, per me è un onore. Io a volte mi prendo del razzista anche solo dicendo che la priorità deve essere tutelare chi nasce, cresce e lavora qui...

  9. #9
    uno, nessuno, centomila
    Data Registrazione
    11 Apr 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,010
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Se qualcuno mi/ci dà del razzista, mi rende onore, mi appende una medaglia al collo, cosa che mi inorgoglisce e mi distinque dai veri razzisti e criminali, coloro i quali odiano l'umanità tutta e perseguono il meticciato planetario.
    !!!AMEN!!!

  10. #10
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi sembra un'articoletto di bassa lega, pochissimo degno di nota.

    Certo che identificare il subbuglio interno della lega solo con chi difende certe teorie è il solito atto un po' meschino (non esistono i padani buoni, o odiano i terroni o sono revisionisti sul furer, sembra il mex lanciato).

    Comq, è il solito articoletto trito e ritrito.
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226