User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Tra I Militanti Del Carroccio L’intervento Del Senatur Scalda I Cuori

    POLITICA

    Pronta la Val Brembana: «Se perdiamo, meglio lottare per la secessione»
    Un sindaco:«Tanto vale tornare alle origini. Quando siamo soli vinciamo sempre»
    16/6/2006
    Fabio Poletti



    Alla radio accesa sul bancone tirato a lucido prima dell’inaugurazione della festa, va in onda la protesta leghista. E un po’ di paura di non farcela nemmeno stavolta, meno dieci al referendum costituzionale, o la va o la spacca: «Ricordatevelo che i grandi cambiamenti vengono solo dal popolo oppresso...». «Non ci possono rubare anche la devolution. Padania libera...».

    In sandali e canotta rossa il Gheraldi Diego, come si presenta mentre tende la mano, annuisce convinto: «Abbiamo la speranza di vincere il referendum». E se no? Se no rimbalza nuovamente la parola magica, quella che ogni tanto si sente nei cori sul pratone di Pontida, più spesso a «Radio Padania» e alla fine anche sotto questo tendone bianco grande come quello di un circo. Giura, il Gheraldi: «Se no, torneremo a lottare da soli per la secessione». L’aria su per la Valle Brembana è sempre quella. Figuriamoci a Zogno, 9 mila abitanti, monocolore leghista da undici anni, il sindaco Angelo Capelli che da solo incassa il 32% e la sede del partito in pieno centro e fa niente se si trova in via Vittorio Emanuele, quasi all’angolo con piazza Italia dove ci sono l’edicola e la chiesa, a un passo dai ciotoli di via Martiri della libertà. Attorno alla radio accesa sul bancone, mettono in fila i fusti di birra, provano l’impianto per il «Va’ pensiero» e lisciano il gonfalone prima dell’alzabandiera che apre questa festa, dieci giorni secchi fino al fatidico 25 luglio. Sotto i cartelli - «Basta stupri», «Padroni in casa nostra» - il popolo della Lega si interroga sulle ultime parole del Capo.

    Cosa avrà voluto dire Bossi con quel «siamo pronti a percorrere vie non democratiche se non passa il referendum»? Il Gheraldi non si scompone: «Basta non interpretarlo alla lettera... Lui fa così solo perché non va più sui giornali...». Il sindaco Angelo Capelli, giura di non aver visto il tg nè di aver letto i giornali: «Non so... Bossi è così moderato di questi tempi. Alla secessione non ci credo più. Ma se perdiamo il referendum tanto vale tornare alle origini, alla Lega che vince quando corre da sola». Anche Giampaolo Pesenti, il segretario del movimento qui a Zogno, occhialini da intellettuale ma vista corta quando si tratta di trovare la «via non democratica» che vorrebbe percorrere il segretario, preferisce non sbilanciarsi: «Se non passa il referendum potremmo prendere molte direzioni».

    Un’affermazione molto democristiana, la risposta cauta di chi da anni sta dentro un movimento con il Capo che ha detto tutto e il suo contrario: dagli insulti a Berlusconi all’alleanza di governo, dalla necessità di rimanere a Baghdad al «forse sarebbe meglio tornare...», dal «dialogo» con tutti comunque vada il referendum alle «vie non democratiche» da percorrere se vince il No. Giampaolo Pesenti, l’occhio lungo a sbirciare il taccuino per controllare che siano ben trascritte le sue parole, più in là di così non vorrebbe andare: «Quella di Bossi è stata solo una provocazione. E’ il suo modo di spiegare che non staremo con le mani in mano. La Lega è sempre stata il guardiano di Silvio Berlusconi. Lo abbiamo sempre difeso. Ma vedremo il 27 giugno se ci converrà essere ancora suoi alleati...». Magari bisognerà aspettare qualche giorno in più. Magari solo il 2 luglio quando sul pratone di Pontida, quello delle decisioni importanti, diciannove chilometri di curve da Zogno, Umberto Bossi detterà la linea e indicherà la strada, democratica o meno si tratta di vedere. Quel giorno ci saranno i soliti. Tutti i leghisti di questo paesone e gli altri della valle Brembana e Seriana, dove Bossi giurava di avere 300 mila fucili pronti alla rivoluzione.

    Tutti meno i secessionisti guidati da Max Ferrari, l’ex direttore di Tele Padania che ha messo in piedi il «Fronte indipendentista», nel simbolo la croce di San Giorgio e l’aquila asburgica a due teste: «Nella Lega oramai vince chi la spara più grossa. Bossi vive una sindrome da bunker accerchiato. Ma chi ci crede alla “via non democratica”? Con chi la percorre, visto che noi, i soldati della Lega, quelli della prima linea, siamo stati buttati fuori?». Nei sogni di Ferrari ci sarebbero più modestamente la costruzione di una Gallia Cisalpina, di una nuova Mitteleuropa che metterebbe insieme austriaci e tedeschi. Occhieggiava a loro Bossi, quando sosteneva che «sotto l’Austria si stava meglio»?

    Gli indipendentisti negano: «Indietro non si torna». I leghisti della prima ora qui a Zogno, smentiscono: «Sono cose che non fanno più breccia da noi, sono il passato...». E però al Diego Gheraldi, la tentazione rimane: «Quando hanno detto che dovevamo andare con Berlusconi mi sono turato il naso. Da soli non avremmo fatto nulla. Ma adesso mi chiedo: cosa c’entro io che prendo 706 euro al mese di pensione con quello lì che è pieno di soldi?».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,135
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ottimo Max

  3. #3
    decolonizzare l'immaginario
    Data Registrazione
    09 Oct 2004
    Località
    Venezia
    Messaggi
    6,260
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Spiace dirlo ma la credibilità di Bossi è FINITA, troppi errori in questi cinque interminabili anni, Bossi si rassegni alla pensione e prima porti fuori il movimento da questa "alleanza" del menga. E' l'unica possibilità che gli rimane per "chiudere" dignitosamente, diversamente verrà ricordato come colui che fu trombato da un berlusca qualsiasi...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-03-12, 15:47
  2. Cuori rossi e cuori neri
    Di mat612000 nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-09-08, 12:58
  3. Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 03-06-06, 20:18
  4. Il Senatur e la Chiesa, torna il Carroccio «mangia-preti»
    Di Colombo da Priverno nel forum Cattolici
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27-09-03, 12:08
  5. Ancora Violenza Controi Militanti Del Carroccio
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-01-03, 00:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226