User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La SALUTE prima di tutto....

    La Sinistretta massimalista del nostro sfortunato paese ha per tutti e cinque anni del "governo delle destre", ossia del governo giudato dal Satana Berlusconi, battuto e ribattuto sul concetto che la spesa sanitaria italiana era al di sotto della media europea, che non poteva essere oggetto di tagli o riduzioni, al massimo di qualche razionalizzazione, e che soprattutto la "centralità della sanità pubblica" era fuori discussione. Così la sinistretta ha continuato a predicare sul "diritto alla salute" come diritto costituzionalmente garantito e come "interesse della collettivià" da perseguire tramite il Servizio Sanitario Nazionale. Giunta al potere la sinistretta si è accorta che le risorse, anche per la "tutela della salute" e "l'organizzazione del servizio sanitario nazionale" non sono infinite e, a parte la solita storia del "buco" lasciato dal "precedente governo", sta ri-scoprendo concetti molto vecchi (informatori della riforma del 1978 nei suoi aspetti più ideologici) come la "prevenzione" (ovviamente sacrosanta, non si discute, ma ovviamente non alternativa alla cura e riabilitazione) e come la "appropriatezza" delle prestazioni sanitarie.
    Con l'appropriatezza in effetti si possono razionalizzare, e non di poco, gli utilizzi delle risorse. Il problema è capire se l'appropriatezza deve essere intesa in ragione delle effettive necessità dei pazienti in relazione alle prestazioni sanitarie offerte, o deve essere stabilita in subordine alle suddette risorse scarse. E' evidente che, mediamente, un ricovero di venti giorni per un'appendicectomia non complicata rappresenta un evidento spreco di denaro pubblico, oltre che un trattamento del paziente al limite.......del sequestro di persona......ma è altrettanto evidente che stabilire che una patologia può essere risolta in due giorni non in rapporto ai protocolli terapeutici comprovati e documentati ma all'esigenza di "mandar fuori" il paziente il più presto possibile per liberare il letto e per.........minimizzare i costi, è esattemente l'opposto di un trattamento appropriato. Eppure il rischio della riduzione economicistica del concetto di appropriatezza (e di quello di prevenzione) c'è e se ne fa promotrice la sinistretta "risanatrice dei conti pubblici". Oggi il signor ministro della sanità, accompagnato dall'assessore regionale Valpreda (di rifondazione comunista) era in visita al Alessandria, e ha messo in evidenza il suo sforzo di conciliare la difesa del "servizio sanitario nazionale pubblico" con le esigenze di "rigore" e "controllo della spesa". Nella stessa giornata il signor ministro si è resa protagonista di dichiarazioni che ne rivelano le preoccupazioni più profonde.........
    "MINISTRO TURCO: ELEVERO' IL LIMITE DI DETENZIONE PER LA CANNABIS

    ROMA - Saranno subito ridefiniti i quantitativi massimi di cannabis detenibili senza incorrere nello spaccio. Lo ha annunciato il ministro della salute

    " [dal sito dell'ANSA].
    la vedremo comunque all'opera. Nel frattempo la Regione Piemonte Rossa sta pensando di cedere ai privati una .........parte della gestione ospedaliera pubblica, ripescando un progetto dell'ex Direttore Generale dell'ASL di Asti [nominato dalla giunta di centrodestra ed epurato della corsa alla conquista totalitaria delle poltrone dalla Giunta Bresso] che aveva fatto gridare allo scandalo l'ex opposizione di sinistra al governo regionale del signor Ghigo. Il nuovo Commissario dell'ASL astigiana ha in effetti riesumato il progetto, e questa volta sembra che i suoi compagnuzzi ai vertici dell'Ente Regione anzichè urlare allo scandalo si siano lasciati andare a segni di vivo interessamento. E' lo stile del "buon governo" della sinistra "post-ideologica". Anche il privato è il benvenuto se porta denaro e non ha pretese eccessive e rimane ai margini non pretendendo di gestire. Intanto con la prevenzione e l'appropriatezza ci spiegheranno che non sarà più necessario che ci curiamo perchè sarà impossibile ammalarsi. Nella nuova Italia "progressista" chi denuncera di avere dei sintomi, come il buon soldato Sveik (si scrive così?) sarà presto accusato di simulazione, e comunque se proprio avrà bisogno di cure ospedaliere [l'eccezione che conferma la regola] sarà buttato fuori dalla corsia non appena riprenderà coscienza dopo il risveglio post-operatorio.
    La salute è un diritto che sarà garantito a tutti con risorse scarse e la preservazione della centralità del servizio sanitario pubblico. A tal fine se ci facciamo tutti delle CANNE[bis], secondo la dottrina di Livia Turco, avremo meno difficoltà a laudare le grandi conquiste della Sanità targata Sinistretta di Governo.

    Saluti liberali

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il signor Valpreda, assessore alla Sanità della Regione Piemonte, ha fatto il suo ingresso nel salone delle riunioni dell'Ospedale Civile dei "Santi Antonio e Biagio" facendo sfoggio di una cravatta rossa, anzi rossissima. Accompagnava il neo-ministro della salute del governo Prodi, la senatrice compagna Livia Turco. Accanto a tali eccellenze si sono accomodati al tavolo.... i due "comissari" [del popolo] delle azienda sanitarie alessandrine, nominati di recente dai compagni della Giunta Regionale presieduta dalla signora Mercedes Bresso.
    Valpreda è stato conciso e ha, di fatto, assunto il ruolo di vero "padrone di casa" gestendo al meglio i tempi della riunione. Per essere un comunista rifondarolo è efficiente, non c'è che dire. Più prosaica il signor Ministro compagna Livia Turco, che si è abbandonata, guardando l'orologio e assicurandosi che fossero passate le ore 15,00 [di chiusura dei seggi elettorali] ad un pubblico auspicio sull'esito del referendum costituzionale, come se il destino della salute degli italiani fosse davvero subordinato all'esito della pur importante consultazione.
    Dimostrando il "senso delle istituzioni" proprio della sinistretta italica ha per due volte ricordato ai presenti.... il carattere di "centrosinistra" del governo del Paese, come se parlasse a dei marziani non al corrente con le sfortunate vincende politiche del Paese. Il resto del discorso è stato in perfetto stile Turchiano: con il cuore in mano, il ministro ha insistito sulla... sua immane fatica nel dover conciliare le esigenze di non abbassare i livelli di eccellenza del Servizio Sanitario Pubblico, estendendoli semmai a tutto il Paese, con i problemi "di bilancio" dei conti pubblici, non dimenticando qualche scontato riferimento ai "buchi" lasciati dai suoi predecessori.........e una battuta sul debito gigantesco della sanità laziale [staraciano], dimenticandosi soprendentemente di quello non meno grave della sanità campana [bassoliniana]. Ma lo sappiamo.........la sinistruzza è strabica per definizione, e lo strabisimo nei giudizi della signora Livia.........non è propriamente quello di......una Venere.......

    Saluti liberali

  3. #3
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dal quotidiano LIBERO di oggi......

    "GIÙ LE MANI DAI MEDICI

    di RENATO FARINA


    Per Prodi & C. sono polli da spennare. Ma così sfasciano la sanità pubblica
    Aut aut. Ai primari degli ospedali statali è stato chiesto: o solo e sempre con lo Stato, per lo Stato, nello Stato, o via, a casa, dove vi pare, ma fuori dai piedi. Stiamo semplificando? Neanche un po'. Ci spiace usare le vecchie parole di una volta: ma è l'idea sovietica di sanità. C'è un bellissimo capitolo di "Reparto cancro" di Solzenicyn dove si mostra come i primari siano ridotti a ingranaggi in balia dei funzionari del Pcus. Gente meravigliosa (i primari), ma schiacciati dagli asini messi lì dal partito. E se appoggiavano lo stetoscopio sul petto di chi fiducioso aveva suonato al loro campanello di casa, erano radiati, trattati da servi del capitalismo, distruttori della presunta uguaglianza. Sottoposti a processi in assemblee dove gli si imponeva l'autocritica. Giù le mani dai medici, (poco) caro Prodi. Lo diciamo perché stimiamo i medici, soprattutto quelli capaci (e sono tanti), ma soprattutto perché abbiamo un certo istinto di conservazione, e vorremmo campare a lungo, trovando proprio nell'ospedale vicino a casa quelli più bravi, senza che il libero mercato ce li abbia portati via, magari all'estero. Non ho nominato Livia Turco. Lo confesso. Mi secca criticarla. Il neo ministro della Salute è un'eccellente persona, con ottime intenzioni. Non è neanche una comunista classica. Ha una formazione cattolica senza essere cattocomunista. Insomma, nel governo Prodi è tra quelli che ci piacerebbe salvare. Ma allora perché fa così? Perché mette i medici più bravi con le spalle al muro e gli fruga nella coscienza? Non si fida di loro. Sospetta abbiano un'anima doppia. È convinta che, se oltre all'attività statale ne praticano una privata, distruggono la perfetta macchinetta sanitaria. In pratica li mette in condizione di fare due conti e di andare via. Perché vuol dire decurtare i loro introiti. Ma la cosa peggiore è questa pretesa assurda di voler spiumare la coscienza delle persone, dubitando che possano fare del loro meglio quando sono in ospedale, solo perché visitano qualcuno fuori da quelle mura. Diciamolo: è l'essenza della sinistra. Si chiama dirigismo. I politici di questo tipo, magari dotati di cuor d'oro, però sono sicuri di avere una luce interiore particolare. È una utopia non conclamata, anzi persino negata a parola, ma resta la filigrana comunista. L'uomo è cattivo e ladro se è libero di intraprendere, ma basterà che i medici si mettano al servizio esclusivo e totale dell'arcangelessa Livia e si trasformeranno in angeli capaci di guarirci tutti da ogni male, persino a prezzi modici. Ah già, il famoso diritto alla salute. Lo realizzeranno loro, i compagni. Voi ci credete? Balle rosse e gialle. Secondo noi, salute più che un diritto è al massimo un dovere di gentilezza quando uno starnutisce. Siamo minimalisti, memento mori. Lo diceva santa Teresa: aut pati aut mori. O patire o morire. Dunque, per quanto riguarda i malanni, si deve fare quel che si può, possibilmente il meglio. Ma con queste ricette da Mosca anni 60, o da chincaglieria socialdemocratica svedese, si rischia di crepare prima. Insomma, avremo diritto a una bella morte, molto ma molto egualitaria. E pazienza se le flebo ce le infileranno storte o ci opereranno al rene sbagliato. Importante che chi te lo taglia usi il bisturi in esclusiva per lo Stato. Ci scaldiamo troppo? Come per i tassisti, per i panettieri, per chi tiene alla professione e al rapporto personale e ha il gusto del suo mestiere. Per i medici anche di più. Ci sbagliamo? Ne abbiamo avuto tutti esperienza. Tu stesso, oppure la persona più cara che hai al mondo, sente un dolore alla mandibola o alla pancia. Il professore ti guarda e dice con un po' di pudore: «Signor Farina... signor Farina...». Si vergogna a dirti che la cosa è seria. Tutto cambia da quel momento. Se non hai mezzi o conoscenze, e sempre e comunque se c'è un'urgenza, finisci nell'ospedale più vicino. Trovi qualcuno da cui dipende la tua vita. In poche ore si decidono molti destini: di noi, dei nostri familiari e amici. Chi vogliamo che ci guardi, ci tocchi, ci tagli e ci cucia, stabilisca la terapia in pochi momenti? Il miglior dottore del mondo, naturalmente. Come minimo però un signore che sia stato scelto perché è bravo, il più bravo in quel mestiere nel raggio di cento chilometri, e ci auguriamo per il nostro bene sia ben pagato, sia il più possibile libero da pensieri che non siano quello di farmi star bene. Per questo i medici sono una categoria preziosissima. I primari sono coloro i quali non solo debbono primeggiare (lo dice la parola stessa) nella loro specialità come solisti, ma sanno dare la forma della loro preparazione e cultura medica al reparto, a chirurghi o internisti della propria scuola e da loro fatti crescere, con infermieri dall'identica filosofia. E quella dovrebbe essere che non si guarda il fegato, ma la persona che ha un fegato così così. Non siamo l'insieme di pezzi funzionanti, ma qualcosa di unico. Il medico è uno che incontra il mio io, e però sa tutto della mia cistifellea e dei miei globuli. Non si può trattare un primario (pagato tra l'altro cifre basse rispetto alle sue immense responsabilità) come un manager automobilistico. Il ministro Turco ha piazzato questo esempio per giustificare il diktat: «Si è mai visto un manager della Fiat che alle cinque stacca per andare a fare il manager della Toyota?». Sbagliato. qui non si tratta di produrre più auto, non è questione di ingigantire fatturato e profitti, ma di salvare vite, di mettersi a disposizione. È assai peggio che all'interno di un ospedale statale ci siano visite private che si ottengono in pochi momenti e quelle di lista che impiegano mesi per esaurirsi. Occorre adottare il metodo della sanità lombarda, dove c'è convenzione e parità di scelta tra pubblico e privato, e questi problemi turchi non ci sono. Impari da lì per fare la riforma, il governo Prodi. Dica magari che è persino di sinistra, a noi va bene. Ma in questa Regione governata dalla Casa delle Libertà il cittadino può scegliere la struttura che vuole, e non si paga, purché le varie cliniche abbiano certi requisiti. Non conosco quali, di certo c'è libertà di cura. Deve poter scegliere il malato. E l'ideale è che le grandi strutture che dipendono dallo Stato, proprio perché più grandi e con più pubblico, abbiano i migliori. Poi starà alla loro coscienza gestire le proprie abilità. Non si possono ridurre i professionisti a dipendenti, sempre e comunque sotto controllo e tutela del signor burocrate. Prendiamo il caso del direttore generale del Regina Elena di Roma. Un oncologo di fama, il professor Tognetti. La Turco l'ha sostituito con una persona certo degna, ma con il privilegio di essere donna e progressista. Ha pesato più questo particolare anatomico o il curriculum? Dove comincia l'interesse, l'ideologia e il comodo della parte politica e dove finisce la convenienza per il paziente di avere il migliore? Per cui, eviti moralismi coi primari la brava Turco, ed esamini la sua coscienza. Lei sì dovrebbe servire in esclusiva il Paese, e non un po' il Paese un po' la sinistra. O no? In Urss c'erano molti bei trucchi per avere complimenti dal ministero. Bastava dimettere i malati quando avevano un miglioramento, anche se non la guarigione. Così la statistica dava ragione al medico furbo. Invece bisogna curare, assistere, guarire, ma anche accompagnare in un'agonia. Non è questione di Fiat o di Toyota, ma di Luigi e Mariuccia. Giù le mani dai medici.
    "

    Saluti liberali

  4. #4
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dal quotidiano LIBERO di oggi



    " Capre in ospedale e i malati in strada

    di ANTONIO DELFINO


    «Stanotte siete stato nostro ospite». In terapia intensiva. È il primo saluto che mi viene rivolto da un medico, al risveglio dopo dieci ore di sala operatoria, nella prima clinica chirurgica del Policlinico universitario di Padova di cui è primario il professore Umberto Cillo, responsabile dell'unità di chirurgia epatobiliare e trapianto del fegato. Riesco appena a parlare dopo il lungo intervento e il mio addome sembra una plancia di comando in cui sono stati infilati una dozzina di tubicini che fanno da sensori ad ogni evenienza. Rivedo i miei congiunti che mi avevano imbottito di icone sacre tra le più miracolose con prevalenza per Sant'Antonio di Padova e la Madonna delle Montagna di Polsi in Aspromonte, mentre il primario mi saluta con il pollice destro in alto. Scienza e pietà popolare s'incrociano nei momenti più difficili. È andata bene. La degenza è a cinque stelle con infermieri motivati e sempre presenti e medici premurosi che passano in corsia almeno due volte al giorno. Leggono gli esami clinici, prendono appunti e prescrivono nuovi accertamenti e farmaci seguendo con pazienza certosina l'evolversi della malattia. Unico momento di paura in un pomeriggio da controra quando appare un individuo che porta le insegne delle antiche congregazioni medioevali e misericordiose che intervenivano in caso di pestilenze. Temo di essere portato via. Devo soltanto sottopormi ad una radiografia al torace sotto un braccio mobile che sembra una ghigliottina. Le corsie sono affollate da pazienti provenienti anche dalle regioni meridionali dove imperversa la malasanità con ospedali fatiscenti e legati ad un sistema politico-affarisitico emafioso. Per fare un esame le prenotazioni sono di mesi e mancano spesso le apparecchiature più elementari. Un solo esempio. Nella Piana di Gioia Tauro esistono sette strutture ospedaliere di cui una mai inaugurata e destinata a stazzo per le capre. In tutta l'area non esiste una risonanza magnetica ed ogni tanto da Roma arriva un tir che effettua accertamenti sui piazzali degli ospedali o in piazza. Manca soltanto un banditore per avvertire i clientes. Caro direttore, hai ragione quando parli di professionalità medica e paramedica vanificata dalle ruberie pianificate a livello di sistema nelle forniture ospedaliere regolate a livello manageriale. Io sono tornato a casa guarito. Oggi meglio di ieri. "

    Saluti liberali

 

 

Discussioni Simili

  1. MALPELO - PRIMA PUNTATA (1a parte) - SALUTE E LAVORO: IL CASO TARANTO
    Di mosongo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 02-11-08, 19:03
  2. Tutto come prima...
    Di [email protected] nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-12-07, 15:09
  3. Quando c'è la salute c'è tutto
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 90
    Ultimo Messaggio: 29-05-07, 17:16
  4. La SALUTE prima di tutto
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 20-02-07, 20:34
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-06-06, 10:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226