Da Il Corriere della Sera: Lega: Bossi fa saltare Pontida.

Il solito appuntamento estivo della Lega a Pontida, fissato per domenica 2 luglio per "festeggiare" la devolution, è saltato. Ed a farlo saltare pare sia stato Umberto Bossi in persona. Cosa sta accadendo alla Lega Nord?
Semplice: il sogno si è infranto. Fin dai suoi esordi nel panorama politica nazionale la Lega ha sempre avuto come obiettivo principale il federalismo. Ma non un federalismo qualsiasi: la devolution (o, come dicono loro, la "devoluzione"). Alleandosi con Berlusconi ha avuto la possibilità di contrattare una legiferazione in questo senso in cambio del sostegno alla guerra in Iraq, alla legge contro la fecondazione assistita, alle leggi ad personam, ed a tutte le altre "porcate" (per dirla con parole loro) che la CDL gli ha fatto votare. Tutto per un unico motivo: la devolution.

Ora la devolution è morta. E sepolta. Ora: che fare? Non credo lo sappiano nemmeno loro. E, nel frattempo, prendono "tempo".

Tuttavia sebbene possano prendersi tutto il tempo che vogliono per pensarci su, la devolution ormai è carta straccia. Questo è un dato di fatto. Innegabile. Ed il popolo padano di certo non l'ha digerito. Mentre Bossi, Calderoli, Maroni & co. riflettono il popolo padano si incazza sempre di più. Fino a che si stuferà di quei leader che li hanno ingannati per così tanto tempo (facendo credere loro che la devolution si faceva), mentre si sapeva benissimo che di possibilità reali di farla ce n'erano ben poche. O nessuna, a seconda dei punti di vista.

GF