User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito E adesso caro Senatur sciogli pure la Lega

    di ALBERTO MINGARDI
    Caro Bossi, sciolga la Lega. Lo so che non lo farà mai. Ma sarebbe la cosa migliore, dopo il referendum. I partiti politici non sono "per sempre". Soprattutto quelli che, come la Lega, nascono per perseguire un unico obiettivo. Il federalismo, poi mutato in secessione, poi involuto in devolution. Bersaglio mancato, a quasi vent'anni dall'atterraggio in Parlamento. La spinta della Lega è ormai solo inerziale. Il suo radicamento sul territorio sta svaporando, persino nelle roccaforti. L'Umberto è un uomo malato, cui le circostanze e gli affetti dovrebbero consigliare di mollare la presa. Invece no. Alcune settimane fa ha rilasciato un'intervista devastante, nella quale con una battuta smontava il cosiddetto "Ducario". Cos'è? Un progetto sorto all'interno del partito, senza velleità scissioniste, per ripulirne gli armadi. Facendo chiarezza sul buco nero di Credieuro Nord (la Parmalat leghista), cercando un rinnovamento dei quadri. «Non sono leghisti», ha detto il Senatur, sparando su Gilberto Oneto, che dell'indipendenza padana è l'ideologo, e su Mimmo Pagliarini, uno dei volti più amati dalla base. L'aziendina dell'Umberto La storia è vecchia: dall'interno, la Lega non si cambia. E' stata gestita, in questi anni, secondo i peggiori usi del capitalismo familiare.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf
    Oneto, che dell'indipendenza padana è l'ideologo, e su Mimmo Pagliarini, uno dei volti più amati dalla base.
    ideologo dell'indipendenza?..ma daaaaaaiiiiiiiiiiii, ma se ha detto di votare si al referendum per roma capitale....

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il Patriota
    ideologo dell'indipendenza?..ma daaaaaaiiiiiiiiiiii, ma se ha detto di votare si al referendum per roma capitale....


  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,373
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Non c'è niente da ridere.
    Su ragazzi, fate i bravi.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro Bossi, sciolga la Lega.

    Lo so che non lo farà mai. Ma sarebbe la cosa migliore, dopo il referendum. I partiti politici non sono "per sempre". Soprattutto quelli che, come la Lega, nascono per perseguire un unico obiettivo. Il federalismo, poi mutato in secessione, poi involuto in devolution. Bersaglio mancato, a quasi vent'anni dall'atterraggio in Parlamento. La spinta della Lega è ormai solo inerziale. Il suo radicamento sul territorio sta svaporando, persino nelle roccaforti. L'Umberto è un uomo malato, cui le circostanze e gli affetti dovrebbero consigliare di mollare la presa. Invece no. Alcune settimane fa ha rilasciato un'intervista devastante, nella quale con una battuta smontava il cosiddetto "Ducario". Cos'è? Un progetto sorto all'interno del partito, senza velleità scissioniste, per ripulirne gli armadi. Facendo chiarezza sul buco nero di Credieuro Nord (la Parmalat leghista), cercando un rinnovamento dei quadri. «Non sono leghisti», ha detto il Senatur, sparando su Gilberto Oneto, che dell'indipendenza padana è l'ideologo, e su Mimmo Pagliarini, uno dei volti più amati dalla base.

    L'aziendina dell'Umberto

    La storia è vecchia: dall'interno, la Lega non si cambia. E' stata gestita, in questi anni, secondo i peggiori usi del capitalismo familiare. Paradossalmente: all'italiana. Aziendina di medie dimensioni, Bossi l'ha creata, l'ha avviata, l'ha fatta crescere,ma solofino ad un certo punto. Si è consciamente sbarrato la via, per più grandi balzi in avanti: tra il trasformarla in un grande soggetto politico, e mantenere il più stretto controllo sulla sua creatura, ha scelto la seconda strada. L'elettorato leghista, infatti, è composto da uno zoccolo duro, quelli che a Bossi sacrificano le figlie, più dei voti volatili, raccolti a seconda del linguaggio adoperato in un determinato momento. Due esempi. La Lega post-secessionista è stata il megafono italiano dei serbi, contro la secessione del Kossovo. Roba da matti: volevano l'Italia divisa ma la Jugoslavia unita. Più di recente, il movimento, abbandonato il culto del dio Eridanio, si è convertito al cattolicesimo tradizionalista. Pensavano di raccattare qualche voto "bianco", improvvisandosi baciapile in bilico fra Ruini e Lefebvre. Idea demenziale, e non solo perché il Senatur non è precisamente un monaco benedettino. I cattolici che votano "da cattolici" guardano altrove, e alla fine questa farsesca ossessione per pacs e famiglia tradizionale che cosa ha portato? A Francesco Speroni, uomo che è il perfetto clichè del leghista della prima ora, che ieri sul Corriere sbotta: chissenefrega, meglio uno Stato federale col matrimonio gay, che un centralismo da bigottoni. Il dramma di questi anni è che la Lega è stata in piccolo ciò che la Cdl è stata in grande. Ondivaga e confusionaria nei suoi messaggi, ha pagato lo scotto diunamonarchiasenza vassalli.Laselezione dei leader è stata fatta privilegiando le debolezze. Quanto meno facevi ombra al capo, tante più chances avevi di salire in grado. I colonnelli con un minimo di credito sono stati impallinati uno dopo l'altro. L'equazione leghista uguale bossiano è stata nell'immediato la forza del partito, significando l'estrema compattezza del gruppo dirigente. Ma nel lungo periodo, è la sua fine.

    Padania addio

    Se la Lega dall'interno non si cambia, meglio scioglierla. I ceti che l'avevano eletta punto di riferimento ormai votano per Forza Italia, altra realtà pronta a sparire nel buio, al primo passo indietro di Berlusconi. Gli autonomisti sono ormai più fuori che dentro: scaricati a diverse stazioni dal padre padrone. La Padania èunsogno scolorito: solo Lombardia e Veneto hanno scelto il sì alla devolution. E' di lì che bisogna ripartire. Da una Lombardia che è oggi l'unico posto in cui il centro-destra ha cartucce da sparare, anche a livello di possibili capi: Roberto Formigoni, anzitutto. C'è spazio per una forza lombarda che non sia anti-leghista, ma post-leghista (e, forse, post-berlusconiana). Un partito che guardi a Romacomeal nemico, e voglia andarci con lo scopo di contrattare margini di libertà e con una priorità sola: i bisogni e le necessità della Lombardia e dei lombardi. Con l'ideologia light del federalismo finalmente articolata in un catalogo di concessioni da strappare al centro e alla sinistra con le unghie e con i denti. Gianfranco Miglio sperava che, una volta raggiunta la Grande Riforma, la Lega sarebbe potuta diventare il "partito repubblicano della seconda repubblica", custode dei nuovi principi costituzionali. La riforma che ha perso il referendum non era "grande". Non l'aveva scritta Miglio, ma Calderoli.

    Adesso che la Lega non è più la levatrice ma il tappo, di una maggiore libertà del Nord, tanto vale staccare la spina. Ogni tanto i partiti devono morire, perché le idee vivano.


    Libero 29/06/06

  6. #6
    decolonizzare l'immaginario
    Data Registrazione
    09 Oct 2004
    Località
    Venezia
    Messaggi
    6,260
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questo Mingardi però non mi convince fino in fondo, e spiego perchè.

    Se vuole dare un contributo al dibattito deve proporre con argomentazioni logiche le dimissioni di Bossi e degli altri che hanno rappresentato il movimento a roma in questi cinque anni, inoltre, deve sostenere la irrevocabilità deòl CONGRESSO federale, per inutile che possa essere...

    Costui invece, chiede la "chiusura" della Lega....ma che cazzo vuole??
    Deve dimettersi Bossi e lo staff che ha sostenuto la sua politica FALLIMENTARE, costoro devono lasciare la Lega alla Lega, al movimento, e non trascinarla nella melma ulteriormente fino al suo soffocamento.

    Mingardi, deve chiedere dimissioni e congresso, E NON LA CHIUSURA della Lega. E che cazzo, aspettiamo l'illuminato per sapere cosa fare??

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,141
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    MIngardi lavora per i suoi padroni, l'articolo è interessato ma indicativo...

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Senatur rilancia: alla Lega le banche del Nord
    Di Druso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 17-04-10, 19:18
  2. * La Lega vola verso il 15%. E il Senatùr si sta mangiando An *
    Di Laura Galvani nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 189
    Ultimo Messaggio: 25-11-08, 20:36
  3. E adesso caro Senatur sciogli pure la Lega
    Di antman nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 29-06-06, 23:02
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 13-03-02, 00:26
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-03-02, 18:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226