User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi: autonomia per Lombardia e Veneto

    - di Redazione -


    Il leader della Lega dopo il referendum prepara la svolta. Il Cavaliere: «Con l’Unione riforme impossibili»

    La rotta del progetto leghista ripartirà dall'esito del referendum. E quindi dalle due regioni che si sono espresse per il «sì»: Lombardia e Veneto. Umberto Bossi sta studiando la strada di un «autonomismo spinto». La Costituzione prevede all'art.116 che «condizioni particolari di autonomia» su moltissime materie possano esser attribuite «su iniziativa della Regione interessata» e con legge «approvata dalle Camere a maggioranza assoluta». Berlusconi è pessimista sulla riforma della Costituzione: «Con la sinistra riforme impossibili».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bossi prepara la svolta: autonomia speciale per Lombardia e Veneto - di Adalberto Signore -


    Adalberto Signore

    da Roma

    Sul tavolo le ipotesi sono più d'una. E tutte, almeno per il momento, praticabili. Con una certezza. «Tra Forza Italia e Lega c'è un asse di ferro rappresentato dal rapporto di assoluta fiducia e amicizia reciproca che c'è tra Bossi e Berlusconi», spiega uno degli uomini più vicino al Senatùr. E «siccome la Lega morirà con Bossi e Forza Italia con Berlusconi, questi due partiti sono destinati a restare insieme fino alla fine». Così, anche i prossimi passi sul fronte federalista - su cui il leader del Carroccio sta lavorando da giorni chiuso nella sua casa di Gemonio - saranno inevitabilmente concordati.
    Di certo, la rotta del progetto leghista ripartirà dall'esito del voto referendario. E quindi dalle due regioni che si sono espresse per il «sì»: Lombardia e Veneto. Ma il ragionamento del Senatùr è più articolato, perché i consensi alla riforma federalista non si limitano all'asse Lombardo-Veneto e, spiega Bossi ai suoi, «non possiamo mica lasciare al loro destino chi ha creduto nel nostro progetto». Lo sguardo del leader del Carroccio - eloquente la cartina pubblicata ieri sulla prima pagina della Padania - è dunque puntato su tutte le 23 province che si sono espresse per il «sì» («un Paese nel Paese», le definisce nel suo editoriale il direttore del quotidiano del Carroccio Gianluigi Paragone). Che comprendono tutto il Piemonte orientale (Verbania, Biella, Novara e Vercelli) ma pure buona parte del Friuli Venezia Giulia (da Pordenone a Udine). Gli scenari, dunque, sono più d'uno.
    Il Carroccio potrebbe puntare sull'ipotesi della macro-regione tra Lombardia e Veneto, a cui sarebbero ovviamente concessi poteri speciali. Una possibilità, quella della «fusione», contemplata dall'articolo 132 della Costituzione. «Con legge costituzionale - recita la Carta - si può disporre la fusione di Regioni con un minimo di un milione di abitanti, quando ne facciano richiesta tanti consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse». L'ipotesi sarebbe stata discussa già lunedì sera, nella cena di Arcore tra Berlusconi e i vertici del Carroccio. Col passare dei giorni, però, si sarebbe iniziata a levare più d'una perplessità, soprattutto sul fronte Veneto perché, sintetizza un dirigente locale della Lega, «non vogliamo essere servi di Roma ma neanche di Milano». Insomma, è chiaro che se davvero si arrivasse alla macroregione, il ruolo predominante non potrebbe che spettare alla Lombardia. Così, si studia soprattutto la strada di un «autonomismo spinto». Il terzo comma dell'articolo 116 della Costituzione, infatti, prevede che «condizioni particolari di autonomia» su moltissime materie possano esser attribuite «su iniziativa della Regione interessata» e con legge «approvata dalle Camere a maggioranza assoluta».
    Per quanto riguarda le province di Piemonte e Friuli che si sono pronunciate per il «sì» - esclusa l'ipotesi di proporre un referendum per far diventare il Piemonte orientale una regione a sé (non si arriva al milione di abitanti richiesti dalla Costituzione) - la via potrebbe essere quella prevista dal secondo comma dell'articolo 132: la richiesta di annessione delle province in questione alla Lombardia (per quelle piemontesi) o all'eventuale macroregione di cui si è parlato nella cena di Arcore, strade percorribili con referendum provincia per provincia. D'altra parte, proprio in questi giorni la commissione Affari costituzionali della Camera è impegnata in un parere sul distacco del comune di Lamon dal Veneto e sulla sua aggregazione al Trentino Alto Adige. Distacco già sancito il 31 luglio 2005 con un referendum che ha visto arrivare i «sì» quasi all'80 per cento. «Una strada - spiega un deputato veneto - che sono pronti a seguire anche in Valcamonica e ad Asiago».

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Violante apre, il Senatùr non chiude: si può trattare - di Redazione -


    da Roma

    Nel giorno in cui Roberto Maroni prende carta e penna e protesta formalmente con Pier Ferdinando Casini per l'esclusione della Lega da un convegno sulle riforme organizzato dal leader dell'Udc, tra il Carroccio e l'Unione inizia qualche timido tentativo di dialogo. Gestito in prima battuta dal ministro delle Riforme Vannino Chiti e, più sottotraccia, da Luciano Violante. Che, in qualità di presidente della commissione Affari costituzionali, ieri ha parlato a lungo con Giancarlo Giorgetti e Giulio Tremonti. Quasi mezz'ora, in cui il segretario della Lega Lombarda e il vicepresidente della Camera, seduti su un divanetto del Transatlantico, si sono confrontati con Violante soprattutto sul tema delle riforme. Un dialogo che l'ex presidente della Camera vorrebbe avviare formalmente già nella riunione degli Affari costituzionali in calendario martedì, nella quale avrebbe gradito la presenza dei capigruppo della Casa delle libertà (Vito, La Russa, Maroni e Volontè). Ipotesi però già accantonata.
    I diretti interessati scelgono la strada della prudenza e preferiscono «non parlare». Sul fronte leghista si guarda alle aperture dell'Unione con interesse ma pure con molto scetticismo. «Possiamo anche parlare di riforme con il centrosinistra - si sfoga con i suoi Giorgetti - ma il problema è che non sappiamo con chi...». Poi il delfino del Senatùr non nasconde il suo fastidio per le indiscrezioni giornalistiche (nate da una dichiarazione del presidente della Provincia di Varese Marco Reguzzoni) in cui si ipotizzava una sua rinuncia alla segreteria della Lega Lombarda. «Idiozie», taglia corto irritato con i suoi.
    La disponibilità di Giorgetti sul fronte riforme troverebbe conferma anche da parte di Bossi, che non avrebbe alcuna preclusione al dialogo ma solo grande perplessità verso una coalizione così composita da non poter garantire alcuna interlocuzione credibile (tutti i leghisti, nessuno escluso, puntano il dito verso la sinistra radicale). Anche per questo, come base su cui intavolare l'eventuale confronto con la maggioranza, il Senatùr avrebbe ipotizzato «un mix» tra la riforma del Titolo V approvata dall'Ulivo del 2001 e quella della Casa delle libertà.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 18-03-08, 21:06
  2. Bossi contro l'autonomia del Veneto per la Padania unita...
    Di MirkoPNE nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 11-03-08, 00:10
  3. Referendum per l'autonomia del Veneto
    Di vadelongo nel forum Padania!
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 27-02-07, 12:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226