User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Pseudocultura itagliota

    La Stampa, 30/06/06

    MITI E MISTIFICAZIONI
    Lombardo Veneto, la nuova Padania
    30/6/2006
    di Gian Enrico Rusconi

    L’evocazione del Lombardo-Veneto come entità storica, presuntivamente indipendente, è l’ultima mistificatoria provocazione di Umberto Bossi. Con furbesco cortocircuito collega l’orientamento maggioritario pro-devoluzione, registrato nelle due regioni lombarda e veneta, alla trasfigurazione di una realtà storica che ha cessato di esistere 150 anni fa.

    Il Lombardo-Veneto infatti come entità politico-amministrativa non esiste più rispettivamente dal 1859 (quando la Lombardia si aggrega all’Italia nel processo di unificazione) e dal 1866 (quando il Veneto si ricongiunge al Regno d’Italia).

    Ma evidentemente l’entità Lombardo-Veneto è rimasta latente come mito in una certa subcultura che oggi rispunta nelle parole bossiane. I miti - si sa - sono incorreggibili con strumenti razionali. Ma se non altro, quello lombardo-veneto ha un fondamento storico, a differenza della pura invenzione della Padania. A prezzo tuttavia di colossali equivoci. Il Lombardo-Veneto infatti non era affatto autonomo, in nessun senso «leghista» del termine. Ma pesantemente dipendente dalla Monarchia asburgica, una potenza esterna per la quale la Lombardia e il Veneto erano province dell’Impero come la Croazia o la Boemia. «Bene amministrate» - si aggiunge subito con zelo - confondendo la gestione ordinata dell’esistente con la necessaria modernizzazione delle strutture economiche che avrebbe garantito lo sviluppo delle due province. Ebbene, con buona pace del nuovo revisionismo austriacante, il Lombardo-Veneto, se fosse rimasto sotto dominio austriaco, avrebbe sofferto della stessa micidiale crisi involutiva dell’Impero che nessun mito letterario dell’ «Austria felix» può salvare.

    Inutile aggiungere, infine, che un Lombardo-Veneto come «nazione» - fantasticato dai leghisti - era letteralmente inconcepibile sia per i lombardi che per i veneti.

    Ma perché usare argomenti storici, culturali, razionali, quando oggi è in gioco la pura mitologia? Il problema infatti è un altro.

    L’uso e l’abuso strumentale della storia cui abbiamo assistito in questi anni, il gusto della contestazione pur nella necessaria correzione di alcuni passaggi della storia ufficiale, la frenesia di guadagnarsi il titolo di «revisionista» (che solo qualche ingenuo continua a considerare disdicevole) non hanno portato ad una lettura più matura e critica della nostra storia nazionale. Ma alla sua destrutturazione. Al bricolage politico della storia nazionale, di cui il mito del Lombardo-Veneto è uno dei sottoprodotti.

    In particolare non si sanno più ritrovare e raccontare (ai giovani a scuola) le ragioni ideali e materiali per cui è stata una buona impresa quella che ha portato i «popoli» delle regioni italiane a costituirsi in nazione. E le buone ragioni ideali e materiali per cui oggi le stesse regioni devono riorganizzarsi, anche profondamente, per rimanere nazione, cioè comunità dei cittadini.

    È deprimente constatare che queste stesse parole risuonano come una bella retorica.




    E desolante leggere come si usano in continuazione i media italici per progandare una falsa ed inesistente cultura "italiana", quella giusta e che deve prevalere ad ogni costo. Addirittura si rigira la storia a secondo di come è più comoda, si arriva perfino ad immaginare scenari catastrofici, ovvi secondo il mentecatto che scrive, che sarebbero certamente scaturiti se qualche buon'anima non avesse aggiustato tutto "facendo l'italia".
    Mistificazioni della realtà cercando di rendere "inaccettabile" una verità prima che questa emerga... la storia faziosa che sui libri di testo itaglioti in lombardia, piemonte e veneto viene inculcata ai giovani altro non è che il primo passo verso l'annientamento delle vere radici dei popoli del Nord, per far prevalere uno strano patriottismo che si risveglia solo quando gioca la nazziunalla pallonara.

    La cosa comica è leggere di come si cerca di usare per il fine di denigrare l'idea antitagliana (qualunque essa sia, leghista o meno) la stessa arma che la cultura padana dovrebbe usare per annientare le palle italiche, la storia itagliana scritta in fretta e furia da qualcuno pur di poter raccontare qualcosa in cui credere ciecamente e senza far troppe domande. Arma che usano prima loro, convinti che così facendo non potrà più essere usata.

    Bisogna insegnare ai nostri figli la storia dei nostri territori, le nostre radici, la nostra lingua, la nostra cultura. Non lo faranno certo gli invasori itagliani, che hanno l'intento opposto. Prima bisogna far conoscere al Nord la cultura propria del Nord, solo dopo potremo parlare di rivoluzione politica.

    Ah, giusto un appunto: Sig. Rusconi, magari studi un po' di storia vera, quella del Nord. Dopo, e solo dopo, potrà permettersi di parlare di cosa è reale e cose è inventato. Parla di "storia nazionale", però dovrebbe anche dire se un'accozzaglia di staterelli con 150 anni di unità forzata sulle spalle può avere una vera e propria storia o se qusta non è forse l'insieme delle singole storie dei popoli... Per ora si pulisca la bocca ogni volta che con qualche suo raglio accomuna i popoli del Nord alla sua lurida itaglia.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    782
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io non credo ke si sia trattato di unità forzata, quelli erano ideali sani, ke facevano breccia nei cuori degli illuminati di allora, come il federalismo fa breccia nel cuore di ki è capace di guardare al futuro oggi...
    Certo l'Itaglia Repubblicana ha portato al fallimento delle idee unitarie, creando uno repubblica skiava della mafia e del voto di scambio, in cui il sud non è cresciuto dimostrando di non voler cambiare.

  3. #3
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo, come dici tu. Infatti l'unità l'hanno fatta i popoli dello stivale tutti seduti intorno ad un tavolo, tra un fiaschetto di vino ed una pizza portata dalla città d'u'sooooole. Comune accordo. Ovvio.

  4. #4
    Mitteleuropea di Trieste
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Free Territory of Trieste
    Messaggi
    1,955
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da umbro
    Io non credo ke si sia trattato di unità forzata, quelli erano ideali sani, ke facevano breccia nei cuori degli illuminati di allora
    Scusa ma tu credi a tutto quello che scrivono sui libri di scuola.
    Non ti è mai venuto solamente il dubbio che siano solo cagate necessarie per giustificare 3 guerre d'indipendenza, 1 guerra mondiale e milioni di morti.
    Pensi che ai contadini italiani che nella seconda metà dell'ottocento saranno stati il 95% della popolazione, con un tasso di alfabetizzazione del 40%, con la preoccupazione di riuscire a sfamare la propria famiglia, potesse fregare qualcosa dell'unità d'Italia?
    Cosa significava la famosa frase che "fatta l'italia bisognava fare gl'italiani"? Se fossero stati tutti illuminati come dici tu e con quegli ideali che avevano gia fatto breccia nei loro cuori, gl'italiani erano già fatti, cosa cavolo ci sarebbe stato ancora da fare?
    Ogni tanto sarebbe opportuno ripensare a tutto quello che ci è stato inculcato e a ragionare mettendolo in dubbio, provare a riverificarlo e a non darlo per scontato.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    782
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cenerentola82
    Scusa ma tu credi a tutto quello che scrivono sui libri di scuola.
    Non ti è mai venuto solamente il dubbio che siano solo cagate necessarie per giustificare 3 guerre d'indipendenza, 1 guerra mondiale e milioni di morti.
    Pensi che ai contadini italiani che nella seconda metà dell'ottocento saranno stati il 95% della popolazione, con un tasso di alfabetizzazione del 40%, con la preoccupazione di riuscire a sfamare la propria famiglia, potesse fregare qualcosa dell'unità d'Italia?
    Cosa significava la famosa frase che "fatta l'italia bisognava fare gl'italiani"? Se fossero stati tutti illuminati come dici tu e con quegli ideali che avevano gia fatto breccia nei loro cuori, gl'italiani erano già fatti, cosa cavolo ci sarebbe stato ancora da fare?
    Ogni tanto sarebbe opportuno ripensare a tutto quello che ci è stato inculcato e a ragionare mettendolo in dubbio, provare a riverificarlo e a non darlo per scontato.

    Quindi vorresti rileggere la storia dell'unità sotto un'altro aspetto... quale ?

  6. #6
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che la decisione di unire l'itaglia è stata presa da pochi potenti uomini sabbbaudi ed ha incontrato resistenza in tutti gli staterelli annessi mano a mano. Alla faccia di quello che volevano i popoli e la gente, che aveva altro a cui pensare (arrivare al giorno dopo) piuttosto che alla politica.

    E' il discorso che facevo nel mio primo post, la storia è stata volutamente riscritta e ripulita per far passare l'unità stivalica come una cosa di cui essere fieri ed orgolioNi.

  7. #7
    Mitteleuropea di Trieste
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Free Territory of Trieste
    Messaggi
    1,955
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da umbro
    Quindi vorresti rileggere la storia dell'unità sotto un'altro aspetto... quale ?
    Qual'è l'aspetto che vuoi mettere in evidenza e come rileggere la storia sta a te capirlo.
    Sta a te, alla tua coscienza e alla tua onestà intellettuale farti domande e cercare delle risposte magari andando a consultare fonti diverse dalle solite, senza dar per scontato che chi dice cose diverse da quelle che hai sentito fin'ora ti stia raccontando balle.
    Dipende da te se accettare quello che ti hanno raccontatoin modo passivo o se qualle cose possano essere messe, in qualche modo, in dubbio.
    Dipende da te se ascoltare solo coloro che confermano le tue opinioni o se è il caso di capire quelle che sono le motivazioni che hanno portato persone che la pensano in modo diverso dal tuo ad altre conclusioni.

  8. #8
    Pastore degli Alberi
    Data Registrazione
    22 Apr 2006
    Messaggi
    221
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77
    Che la decisione di unire l'itaglia è stata presa da pochi potenti uomini sabbbaudi ed ha incontrato resistenza in tutti gli staterelli annessi mano a mano. Alla faccia di quello che volevano i popoli e la gente, che aveva altro a cui pensare (arrivare al giorno dopo) piuttosto che alla politica.

    E' il discorso che facevo nel mio primo post, la storia è stata volutamente riscritta e ripulita per far passare l'unità stivalica come una cosa di cui essere fieri ed orgolioNi.

    hmm, quoto & straquoto.

    Niente fretta.

  9. #9
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Barbalbero, non ho letto la tua partecipazione alla Pontida forumistica di domenica, come mai? Pussa di là e vedi di metterti in lista, vai!

  10. #10
    Pastore degli Alberi
    Data Registrazione
    22 Apr 2006
    Messaggi
    221
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77
    Barbalbero, non ho letto la tua partecipazione alla Pontida forumistica di domenica, come mai? Pussa di là e vedi di metterti in lista, vai!

    ...hmmmm, potrei risponderti che non posso, perché - come disse quel comico (cfr. Germano, i sellini e tua madre, Claudio - hmmm - Bisio), "c'ho il corso di nausea" o "le gare di Orzoro"...

    ...invece ti dico che Barbalbero non ci sarà perché non ci sarà, e basta... Oggi Pontida è al tempo stesso, hm, troppo vicina e troppo lontana da Fangorn...

    Se volete, hmmm, pensatemi, nel bene o nel male, e guardate ogni tanto agli alberi sulla collina...

    Niente fretta.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Giustizia itagliota: i giudici...
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 08:54
  2. Paradossi Del Buonismo Clinico Itagliota
    Di waldgaenger76 nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-10-05, 09:06
  3. Paradossi Del Buonismo Clinico Itagliota
    Di waldgaenger76 nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-10-05, 19:06
  4. Prevaricazione itagliota
    Di Fenrir nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 17-01-04, 17:13
  5. Federalismo ed interesse nazionale itagliota
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-07-03, 16:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226