User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Londonistan!

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    24 Jun 2002
    Messaggi
    337
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Londonistan!

    Come un piccolo stato fondamentalista islamico è sorto indisturbato nel cuore dell'Inghilterra

    di Guglielmo Piombini

    (Il Domenicale, 1 luglio 2006)

    Gli attentati suicidi compiuti alla metropolitana di Londra il 7 luglio 2005 hanno rivelato l’esistenza di una vasta rete di terroristi islamici e di simpatizzanti, ramificata in tutta l’Inghilterra. Nel nuovo libro Londonistan la giornalista inglese Melanie Phillips, editorialista del Daily Mail, racconta in maniera dettagliata come, proprio sotto il naso dell’intelligence britannica, Londra sia diventata il centro europeo della promozione, del reclutamento e del finanziamento del terrorismo islamico, tanto da venir soprannominata ironicamente “Londonistan”. La Phillips riporta i dati di un rapporto del ministero degli interni del 2004, secondo cui il 26 per cento dei musulmani britannici non prova alcun sentimento di lealtà verso l’Inghilterra, il 13 per cento sostiene il terrorismo, e l’1 per cento (circa ventimila persone) è attivamente impegnato nel terrorismo o nelle attività di sostegno. Un altro sondaggio ha rivelato che il 60 per cento dei musulmani britannici desidera vivere sotto la legge coranica, mentre per il 32 per cento “la società occidentale è decadente e immorale, e i musulmani dovrebbero cercare di porvi fine”.

    Com’è possibile che i governi europei, con Londra in testa, continuino ad invitare, ospitare e sussidiare col welfare larghe masse di musulmani, che non fanno mistero di odiare e di voler distruggere le società che si comportano così generosamente con loro? Secondo Melanie Phillips l’Inghilterra raccoglie esattamente ciò che ha seminato. Le sue accuse, documentate e circostanziate, sono rivolte soprattutto ai servizi di sicurezza inglesi, la cui “benevola trascuratezza” nei confronti del terrorismo islamico ha finito per sconfinare nella “maligna complicità”. Più di una volta, ad esempio, le autorità inglesi hanno negato le richieste di estradizione di sospetti terroristi provenienti dall’Arabia Saudita, dall’Algeria e dall’Egitto. Questi comportamenti, secondo la Phillips, nascono da una concezione cinica e ristretta dell’interesse nazionale, basata sulla convinzione che, se lasciati agire indisturbati, gli islamisti radicali non avrebbero attaccato la Gran Bretagna: la tipica mentalità dell’appeaser che, come disse Winston Churchill a proposito di Neville Chamberlain, nutre il coccodrillo sperando di essere divorato per ultimo.

    Questa “codardia” delle autorità inglesi ha però anche altre spiegazioni più profonde, che la Phillips cerca di portare alla luce. Il Londonistan, infatti, nasce e si sviluppa come conseguenza del collasso dell’identità nazionale e della fiducia nei propri valori. Negli ultimi trent’anni il sistema educativo ha cessato completamente di trasmettere alle nuove generazioni la storia e la cultura inglese, che vengono condannate in blocco come colonialiste, razziste e xenofobe. In questo modo gli immigrati non vengono integrati nella cultura della patria d’adozione, e si creano tutte le condizioni per la disintegrazione sociale. L’istituzione che più di ogni altra dovrebbe difendere i valori della tradizione culturale inglese, la Chiesa d’Inghilterra, appare sulla via dell’autoliquidazione. Eppure, osserva la Phillips, “in America le Chiese sono in prima linea nella difesa dei valori occidentali. Il sostegno più forte ad Israele viene dalle chiese evangeliche. In Gran Bretagna, per contrasto, la Chiesa Anglicana è in prima linea nella ritirata dall’eredità giudeo-cristiana.”

    Gli inglesi, nota la Phillips, rifiutano con orrore anche solo l’idea di ritrovarsi nel mezzo di una guerra di religione, memori probabilmente della drammatica esperienza con il terrorismo irlandese. Questo spiega perché, subito dopo gli attentati del 2005, il capo della polizia londinese sia corso in televisione a dichiarare che non bisognava collegare gli atti terroristici all’islam, mentre le autorità religiose annunciavano di voler invitare le famiglie degli attentatori alla Cattedrale di San Paolo per le commemorazioni funebri. Ancor più paradossale, secondo la Phillips, è il fatto che la sinistra, con la sua insistenza per i diritti degli omosessuali, per l’eguaglianza della donna e per la libertà sessuale, si sia alleata con gli islamisti radicali che predicano la pena di morte per gli omosessuali, la subordinazione della donna e la lapidazione delle adultere. A quanto pare, quando si tratta di attaccare l’Occidente, la sinistra e gli islamisti radicali non esitano un attimo a mettere da parte le loro differenze. Non è raro, infatti, vedere per le vie di Londra marciare spalla a spalla i progressisti con i fondamentalisti islamici, tra slogan a favore dei diritti umani e sventolii delle bandiere di Hamas.

    Questa strategia della sinistra potrebbe però rivelarsi pericolosa. Come spiega la Phillips, “i musulmani britannici sono in maniera schiacciante nauseati dai comportamenti equivoci e dissoluti di un’Inghilterra che ha rigettato il concetto di rispettabilità. Vedono attorno a sé l’alcolismo, l’abuso delle droghe, la pornografia, la rottura delle famiglie, e per questo decidono di opporsi ai valori guida della società che li ospita. Ciò che li disgusta, in realtà, è il crollo dei valori occidentali”. Mentre un tempo l’atteggiamento più comune degli immigrati in Occidente era quello della gratitudine e dell’ammirazione, perché scoprivano una civiltà molto più avanzata ed efficiente di quella da cui provenivano, oggi assistono ad uno spettacolo di decadenza culturale che scatena spesso un effetto opposto: come ha dichiarato la madre del terrorista Zacharias Moussaoui, recentemente condannato all’ergastolo per l’attentato dell’11 settembre, “è stata la vita londinese a fare di mio figlio un terrorista”. L’azione dei progressisti occidentali, di demolizione della propria tradizione culturale e di appeasement verso i musulmani, invece di condurre alla pacifica convivenza potrebbe rivelarsi come la ricetta migliore per l’escalation del conflitto di civiltà all’interno delle nostre società.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Bravissimo!!!!!!

    Citazione Originariamente Scritto da Paleo
    Come un piccolo stato fondamentalista islamico è sorto indisturbato nel cuore dell'Inghilterra

    di Guglielmo Piombini

    (Il Domenicale, 1 luglio 2006)

    Gli attentati suicidi compiuti alla metropolitana di Londra il 7 luglio 2005 hanno rivelato l’esistenza di una vasta rete di terroristi islamici e di simpatizzanti, ramificata in tutta l’Inghilterra. Nel nuovo libro Londonistan la giornalista inglese Melanie Phillips, editorialista del Daily Mail, racconta in maniera dettagliata come, proprio sotto il naso dell’intelligence britannica, Londra sia diventata il centro europeo della promozione, del reclutamento e del finanziamento del terrorismo islamico, tanto da venir soprannominata ironicamente “Londonistan”. La Phillips riporta i dati di un rapporto del ministero degli interni del 2004, secondo cui il 26 per cento dei musulmani britannici non prova alcun sentimento di lealtà verso l’Inghilterra, il 13 per cento sostiene il terrorismo, e l’1 per cento (circa ventimila persone) è attivamente impegnato nel terrorismo o nelle attività di sostegno. Un altro sondaggio ha rivelato che il 60 per cento dei musulmani britannici desidera vivere sotto la legge coranica, mentre per il 32 per cento “la società occidentale è decadente e immorale, e i musulmani dovrebbero cercare di porvi fine”.

    Com’è possibile che i governi europei, con Londra in testa, continuino ad invitare, ospitare e sussidiare col welfare larghe masse di musulmani, che non fanno mistero di odiare e di voler distruggere le società che si comportano così generosamente con loro? Secondo Melanie Phillips l’Inghilterra raccoglie esattamente ciò che ha seminato. Le sue accuse, documentate e circostanziate, sono rivolte soprattutto ai servizi di sicurezza inglesi, la cui “benevola trascuratezza” nei confronti del terrorismo islamico ha finito per sconfinare nella “maligna complicità”. Più di una volta, ad esempio, le autorità inglesi hanno negato le richieste di estradizione di sospetti terroristi provenienti dall’Arabia Saudita, dall’Algeria e dall’Egitto. Questi comportamenti, secondo la Phillips, nascono da una concezione cinica e ristretta dell’interesse nazionale, basata sulla convinzione che, se lasciati agire indisturbati, gli islamisti radicali non avrebbero attaccato la Gran Bretagna: la tipica mentalità dell’appeaser che, come disse Winston Churchill a proposito di Neville Chamberlain, nutre il coccodrillo sperando di essere divorato per ultimo.

    Questa “codardia” delle autorità inglesi ha però anche altre spiegazioni più profonde, che la Phillips cerca di portare alla luce. Il Londonistan, infatti, nasce e si sviluppa come conseguenza del collasso dell’identità nazionale e della fiducia nei propri valori. Negli ultimi trent’anni il sistema educativo ha cessato completamente di trasmettere alle nuove generazioni la storia e la cultura inglese, che vengono condannate in blocco come colonialiste, razziste e xenofobe. In questo modo gli immigrati non vengono integrati nella cultura della patria d’adozione, e si creano tutte le condizioni per la disintegrazione sociale. L’istituzione che più di ogni altra dovrebbe difendere i valori della tradizione culturale inglese, la Chiesa d’Inghilterra, appare sulla via dell’autoliquidazione. Eppure, osserva la Phillips, “in America le Chiese sono in prima linea nella difesa dei valori occidentali. Il sostegno più forte ad Israele viene dalle chiese evangeliche. In Gran Bretagna, per contrasto, la Chiesa Anglicana è in prima linea nella ritirata dall’eredità giudeo-cristiana.”

    Gli inglesi, nota la Phillips, rifiutano con orrore anche solo l’idea di ritrovarsi nel mezzo di una guerra di religione, memori probabilmente della drammatica esperienza con il terrorismo irlandese. Questo spiega perché, subito dopo gli attentati del 2005, il capo della polizia londinese sia corso in televisione a dichiarare che non bisognava collegare gli atti terroristici all’islam, mentre le autorità religiose annunciavano di voler invitare le famiglie degli attentatori alla Cattedrale di San Paolo per le commemorazioni funebri. Ancor più paradossale, secondo la Phillips, è il fatto che la sinistra, con la sua insistenza per i diritti degli omosessuali, per l’eguaglianza della donna e per la libertà sessuale, si sia alleata con gli islamisti radicali che predicano la pena di morte per gli omosessuali, la subordinazione della donna e la lapidazione delle adultere. A quanto pare, quando si tratta di attaccare l’Occidente, la sinistra e gli islamisti radicali non esitano un attimo a mettere da parte le loro differenze. Non è raro, infatti, vedere per le vie di Londra marciare spalla a spalla i progressisti con i fondamentalisti islamici, tra slogan a favore dei diritti umani e sventolii delle bandiere di Hamas.

    Questa strategia della sinistra potrebbe però rivelarsi pericolosa. Come spiega la Phillips, “i musulmani britannici sono in maniera schiacciante nauseati dai comportamenti equivoci e dissoluti di un’Inghilterra che ha rigettato il concetto di rispettabilità. Vedono attorno a sé l’alcolismo, l’abuso delle droghe, la pornografia, la rottura delle famiglie, e per questo decidono di opporsi ai valori guida della società che li ospita. Ciò che li disgusta, in realtà, è il crollo dei valori occidentali”. Mentre un tempo l’atteggiamento più comune degli immigrati in Occidente era quello della gratitudine e dell’ammirazione, perché scoprivano una civiltà molto più avanzata ed efficiente di quella da cui provenivano, oggi assistono ad uno spettacolo di decadenza culturale che scatena spesso un effetto opposto: come ha dichiarato la madre del terrorista Zacharias Moussaoui, recentemente condannato all’ergastolo per l’attentato dell’11 settembre, “è stata la vita londinese a fare di mio figlio un terrorista”. L’azione dei progressisti occidentali, di demolizione della propria tradizione culturale e di appeasement verso i musulmani, invece di condurre alla pacifica convivenza potrebbe rivelarsi come la ricetta migliore per l’escalation del conflitto di civiltà all’interno delle nostre società.
    Bravissimo!!!!!!!!!!!!
    L'avrei postato io. Bisognerebbe che l'Europa distratta e inebetita si svegliasse, ma ormai......

  3. #3
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    E per vedere i "benefici" effetti della loro presenza, basta dare uno sguardo a: http://www.liberavox.splinder.com/po...azzini+inglesi.

  4. #4
    The darkness inside...
    Data Registrazione
    26 Sep 2005
    Località
    Cambria, Kingdom of THULE - God save the British Empire! - Anglomane, Rinascente, Monarchico, Conservatore, Aristocratico, Imperialista, Colonialista, Crociato: insomma, il Male Assoluto
    Messaggi
    5,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Terribile. Tutti e due gli articoli hanno perfettamente ragione... Mi sa che ho pure presente il processo fatto a Nick Griffin e a esponenti del British National Party... Alla fine, gli imputati sono stati assolti. E il BNP ha avuto la crescita che tutti sappiamo.
    Andrea I Nemesis
    Rinascente
    Affiliato a Azione Conservatrice Nazionale

 

 

Discussioni Simili

  1. Ferrara: Vai in Londonistan....
    Di Ale85 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 25-03-11, 23:50
  2. londonistan e i cani con ciabatte
    Di Johannitius nel forum Politica Estera
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 23-09-10, 20:00
  3. Londonistan cosa ne pensate?
    Di Cattivo nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 15-10-08, 10:18
  4. Welcome to KABUL, LONDONISTAN
    Di carlomartello (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-05-08, 13:02
  5. Benvenuti a KABUL, LONDONISTAN
    Di voxpopuli nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-05-08, 02:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226