User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito Corea Nord sperimenta missile intercontinentale

    Testati 2 missili, il secondo e' il temuto Taepodong

    (ANSA) - NEW YORK, 4 LUG - Fonti della Cnn hanno detto che la Corea del Nord ha effettuato il lancio di prova del missile intercontinentale Taepodong 2. Non e' chiaro se qualcosa sia andato storto nel lancio, ha detto la rete di Atlanta. La Corea del nord aveva lanciato un primo missile, non o a lunga gittata, aveva precedentemente comunicato la stessa Cnn.In precedenza fonti del Pentagono avevano indicato, a proposito di due missili lanciati da Pyongyang, che erano di tipo Scud, ma non Taepodong.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    19/6/2006
    Nord Corea - pronto nuovo missile. Sarebbe in grado di colpire gli Usa.
    La Corea del Nord ha terminato la fase di rifornimento di un missile capace di raggiungere gli Stati Uniti, e un test di lancio sarebbe imminente. Il missile, Taepodong-2, ha un raggio fino a 4.300 chilometri. Washington ha già avvertito Pyongyang che, nel caso di un test, vi sarà un'immediata reazione. "Se ci sarà il lancio - ha detto anche il premier giapponese Koizumi - risponderemo duramente".

    Tensione in tutto il Pacifico
    La notizia dell'imminente esperimento missilistico nordcoreano ha messo in moto la macchina diplomatica. A far scattare le lampadine rosse nelle cancellerie è stata la notizia del quotidiano giapponese di estrema destra 'Sankei', solitamente bene informato: il regime di Pyongyang aveva avvertito la popolazione di tenersi pronta a innalzare i vessilli nazionali e a seguire i notiziari in attesa di un "messaggio al popolo".

    L'informazione è stata ricollegata agli indiretti, ma ripetuti avvertimenti giunti nelle ultime due settimane dal Pentagono secondo cui la Corea del Nord avrebbe ultimato i preparativi per il lancio del suo primo missile balistico intercontinentale.

    La Corea del Nord è da tempo nella lista del presidente George Bush sugli "Stati canaglia", ma ultimamente anche esponenti democratici, come la senatrice Hillary Clinton, hanno espresso preoccupazione per l'atteggiamento di Pyongyang, già sospettata di volersi dotare di armamenti nucleari.

    Bush: "Risponderemo in modo adeguato"
    Il presidente statunitense George W. Bush, il segretario di Stato Condoleezza Rice e il consigliere per la sicurezza nazionale Steve Hadley hanno avuto contatti, negli ultimi giorni, con più di una decina di Paesi sui presunti piani della Corea del Nord di sperimentare un missile a lungo raggio.

    Lo ha detto il portavoce della Casa Bianca Tony Snow, secondo il quale gli Stati Uniti hanno anche trasmesso comunicazioni alla Corea del Nord tramite il rappresentante nordcoreano alle Nazioni Unite. Snow ha aggiunto che, se il test fosse effettivamente fatto, gli Stati Uniti dovrebbero rispondere "in modo adeguato e appropriato". Ma la Casa Bianca spera che la Corea del Nord rispetti la moratoria sui test missilistici a lungo raggio.

    Koizumi: "Reagiremo anche da soli"
    Il primo ministro giapponese Junichiro Koizumi ha detto che Tokyo si consulterà con gli Stati Uniti e risponderà in modo duro alla Corea del Nord, se questa effettuerà il test del missile Taepodong 2 a lunga gittata. Koizumi non ha voluto precisare quali provvedimenti potrebbero essere adottati. Il premier giapponese, che si è recato due volte in visita Corea del Nord nel passato, ha esortato Pyongyang ad agire "con razionalità e calma".

    "Esistono leggi che ci consentono di prendere iniziative in proposito", ha spiegato il segretario generale del governo Shinzo Abe, aggiungendo comunque di ritenere che anche la Cina e la Corea del Sud stiano esercitando pressioni su Pyongyang affinchè prolunghi la moratoria sugli esperimenti missilistici decisa quattro anni fa in colloqui ai massimi livelli con la dirigenza nipponica.
    __________

    TOKYO - Il Giappone ha avvertito la Corea del Nord che riceverà una "dura risposta" da Tokyo e Washington se dovesse effettuare il test sul lancio del missile a lunga gittata.
    E' quanto emerge oggi dai resoconti di alcuni organi di stampa.

    Un funzionario del governo giapponese, citato dal giornale Sankei Shimbun, ha detto che l'esecutivo della Corea del Nord ha avvertito i suoi cittadini di alzare la bandiera nazionale alle 17 ora italiana e di guardare la televisione per un "messaggio al popolo".

    L'agenzia di stampa Yonhap ha raccolto la dichiarazione di un funzionario del governo sudcoreano, che ha ricordato come oggi ricada l'anniversario dell'inizio della carriera politica di Kim Jong-il al comitato centrale del partito dei lavoratori coreano. Il funzionario ha fatto notare che pure l'anno scorso il governo ha solecitato i cittadini a guardare la televisione.

    In ogni caso, la Cbs ha riportato che l'ambasciatore della Corea del Sud negli Stati Uniti, Lee Tae-sik, ha detto ai corrispondenti coreani a Washington che Pyongyang potrebbe aver già predisposto l'alimentazione del missile, in vista del lancio.

    "Le foto dei satelliti confermano la presenza di dozzine di cisterne di carburante vicino alla piattaforma di lancio. Non siamo sicuri se abbiano già completato l'alimentazione o se si stiano predisponendo a farla", ha detto.

    Il ministro degli Esteri giapponese Taro Aso ha rilasciato un'intervista in televisione in cui ha detto che il suo paese potrebbe chiedere la convocazione immediata del Consiglio di sicurezza Onu se Pyongyang andasse avanti con i suoi progetti.

    Il ministro ha precisato che il Giappone non considererà in ogni caso il test come un gesto ostile: "Non lo considereremo immediatamente come un gesto militare".

    Aso non ha voluto precisare che tipo di reazione avranno Giappone e Stati Uniti dopo il lancio del missile, ma si è limitato a dire: "La risposta sarà piuttosto dura".

    I resoconti sulla preparazione al lancio si pongono nel contesto che vede le trattative sul programma nucleare di Pyongyang in posizione di stallo, mentre i timori dell'Occidente si sono via via concentrati sull'Iran.

  3. #3
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito


  4. #4
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Il lancio in questione sarebbe quindi il primo di questo tipo dopo il 1998, benchè voci su analoghi preparativi fossero già corse nel passato. Ora, le operazioni sembrano giunte ad uno stadio avanzato, tanto da far osservare ad esperti americani (Cnn online, 19.6.2006) che le note difficoltà tecniche relative all'eventuale rimozione del carburante deporrebbero a favore della tesi che stavolta i nord-coreani stanno davvero per passare al lancio. La prova che la sfida viene presa sul serio sta nella ferma reazione in primo luogo del governo giapponese: il ministro degli Esteri Taro Aso ha preannunciato, se ci sarà il "test", l'immediato ricorso al Consiglio di sicurezza Onu per sanzioni.

    Ma avvertimenti sono giunti anche dall'Australia e dagli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri australiano Alexander Downer ha parlato di possibili "gravi conseguenze". A Washington, il portavoce della Casa Bianca Tony Snow ha detto alla Cnn in tv che gli Usa sono contrari al "test" e che sarebbe meglio riportare la Corea del nord nella comunità internazionale, una alternativa alle "azioni provocatorie".

    Mentre resta il fatto che Pyongyang continua a tacere sull'argomento (salvo proteste dell'agenzia ufficiale Kcna contro asseriti sorvoli di ricognitori Usa) è diffuso il sospetto che in realtà il regime stia alimentando un bluff volto a dargli visibilità - in questo la sua tattica è sempre stata da manuale - e peso nella difficile partita diplomatica internazionale, ora in fase di stallo ma sempre aperta, sulle ambizioni nucleari del Paese comunista. I negoziati coinvolgono formalmente le due Coree, la Russia, gli Usa, il Giappone e la Cina. Ma da novembre 2005 Pyongyang ha bloccato i lavori. Dato anche il tipo di regime, dittatoriale vetero-stalinista con una venatura di follia, in un Paese oltre tutto ridotto alla fame, ci sono buone ragioni per temere che il bluff ceda il passo a gesti sconsiderati.

  5. #5
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito




  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Convocata una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell'Onu Corea del Nord, lanciati almeno sei missili
    Falliti gli esperimenti.
    Tra gli ordigni lanciati anche un intercontinentale.
    Bush: una sfida alla comunità internazionale

    MILANO - La Corea del Nord ha compiuto una serie di esperimenti missilistici che hanno aperto la più grave crisi degli ultimi anni nell'Estremo Oriente. Pur essendo stata ripetutamente ammonita anche da antichi alleati come la Cina, Pyongyang ha proceduto al lancio di almeno sei ordigni (dieci secondo fonti dei servizi di informazione sudcoreani citate dall'agenzia Yonhap), fra cui anche un missile intercontinentale. È il primo vettore del genere messo a punto dal Paese, ma fonti americane hanno indicato che l'esperimento è sostanzialmente fallito: invece di volare per migliaia di chilometri sopra il Pacifico portando verso gli Usa la più temibile minaccia aerea dall'epoca di Pearl Harbor, il missile intercontinentale è precipitato dopo una quarantina di secondi nel mar del Giappone. Un cacciatorpediniere lanciamissili nipponico che era stato dislocato nella zona ha seguito le traiettorie di tutti i razzi: si sono invariabilmente concluse al largo delle coste russe, a 5/600 chilometri a nordest dell'isola giapponese di Hokkaido. Il risultato è stato inferiore a quello del «Taepodong 1», che otto anni fa era finito nel Pacifico dopo avere sorvolato e impaurito tutto l'arcipelago del Sol levante.
    RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL'ONU - Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu si riunirà stamani a New York (nel pomeriggio in Italia), per discutere dei missili nord coreani. Lo ha annunciato l'ambasciatore francese Jean Marc de la Sabliere, presidente del Consiglio. In una dichiarazione diffusa alla stampa, de la Sabliere ha detto di avere «ricevuto una richiesta dell'ambasciatore del Giappone di tenere una riunione del Consiglio di Sicurezza dopo il lancio di missili da parte della Corea del Nord».
    LA REAZIONE DELLA CASA BIANCA - La decisione nord coreana di lanciare missili rappresenta «una sfida alla comunità internazionale»: questa la posizione del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, citato da fonti ufficiali Usa. Per la Casa Bianca i lanci dei missili nordcoreani rappresentano «una provocazione», pur non essendo una minaccia immediata per gli Stati Uniti. Il portavoce Tony Snow ha detto che il presidente Bush si è consultato con il capo del Pentagono Donald Rumsfeld, con il segretario di Stato Condoleezza Rice e con il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Stephen Hadley. L'assistente segretario di Stato Christopher Hill si recherà domani nella regione. Hadley incontrerà la sua controparte sudcoreana: il colloquio era già in programma.
    UN MESE FA I PRIMI SEGNALI DI ALLARME - Dell'ordigno balistico, il terzo a essere lanciato, si era avuta notizia per la prima volta un mese fa da fonti della ricognizione satellitare statunitense nel Sol Levante. I preparativi avevano suscitato in tutto il Giappone una notevole apprensione che ora si è trasformata in allarme: già nel 1998 l'arcipelago era stato sorvolato da un ordigno nordcoreano che era poi precipitato nel Pacifico dando a Tokyo un senso di vulnerabilità senza pari dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. In seguito Pyongyang si era dimostrata disposta a una moratoria su cui lo stesso presidente Kim Jongil aveva dato rassicurazioni al premier giapponese Junichiro Koizumi nel 2002. Ultimamente però, in concomitanza con il prolungarsi dello stallo nei negoziati internazionali sul nucleare nordcoreano, fonti del regime stalinista avevano indicato che Pyongyang non si sentiva più vincolata da alcun impegno. Tali indicazioni avevano accresciuto la preoccupazione di Tokyo, che oggi ha preannunciato un immediato ricorso al Consiglio di sicurezza dell'Onu. È stato lo stesso Capo della segreteria del governo Shinzo Abe a preannunciare «rigorose sanzioni» contro la Corea del Nord, che è già in condizioni economiche estremamente precarie e che, come preannunciato a Seul, dopo l'esperimento dovrà fare a meno anche degli aiuti umanitari dalla Corea del Sud.
    LA CONDANNA DI TOKYO - Da parte sua il ministro degli Esteri nipponico Taro Aso si è fatto interpete della sorpresa e della condanna di Tokyo per il passo di Pyongyang, che ha aperto in Estremo Oriente scenari di gravità senza precedenti dalla fine della guerra di Corea nel 1953. Aso ha detto che il governo giapponese è in stretto contatto con quello americano, con i membri del Consiglio di sicurezza dell'Onu e con gli altri paesi che partecipano al negoziato internazionale a sei sul nucleare nordcoreano, in stallo da novembre. La nave nordcoreana «Mangyonbyongo 92» non è stata fatta attraccare nel porto giapponese di Niigata, dove periodicamente giunge per motivi commerciali. Da stamani, quando erano ancora in atto i lanci balistici di Pyongyang, la nave è rimasta in alto mare al largo delle coste nipponiche. Successivamente è arrivato il divieto delle autorità marittime giapponesi, che hanno inoltre interdetto l'accesso al traghetto per almeno 6 mesi.
    05 luglio 2006

  7. #7
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    il fatto significativo non è che il missile sia caduto ma la sua sperimentazione. è chiaro che ogni missile per dare una piena affidabilità tecnica deve essere testato sul campo e non basta avere le conoscienze tecnico-scientifiche per realizzarlo. bene. oggi la corea del nord oltre ad avere le conscienze tecniche e la capacità di produrrà "da sè" il missile ( e cioè senza dover ricorrere a componenti esterne al paese) è in grado di avviare una serie di test che nel giro di pochi mesi porteranno il paese alla piena padronanza del missile intercontinentale.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Messaggi
    14,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    W la Corea!
    W i popoli liberi!

    Speriamo anche l'Iran riesca a farsi un buon armamento,cosi'
    l'entità sionista potrà rinunciare ai suoi sanguinari disegni di guerra
    e morte.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Messaggi
    14,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non tutto il comunismo vien per nuocere...a quanto pare.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il comunismo asiatico è sempre stato un comunismo sui generis..un pò come il nazionalbolscevismo di Ceausescu e di Stalin...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. NORD COREA LANCIA MISSILE BALISTICO
    Di paulhowe nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-12-12, 16:32
  2. Corea del Nord lancia il missile
    Di Kta nel forum Politica Estera
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 08-04-09, 21:18
  3. Corea del Nord lancia missile intercontinentale.
    Di King Z. nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 06-07-06, 11:40
  4. Nord Corea:Nuovo Missile!!!
    Di King Z. nel forum Politica Estera
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 21-06-06, 18:11
  5. Nord Corea lancia missile in mare
    Di VELENO nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-02-03, 15:57

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226