User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    14/05/48 Schiavi di Sion
    Data Registrazione
    15 Jan 2005
    Località
    Al sicuro nella Basilica della Nativita', in Palestina ovvero in Terra Santa.
    Messaggi
    1,621
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Avvenire risponde alla proposta dell'Unione delle comunita' ebraiche italiane

    Dagli ebrei italiani stravagante proposta
    Quel principio d'identità che di colpo non piace più
    I fatti (e i numeri)indicano che il popolo italiano ancora desidera che i propri figli sappiano cosa è la fede che ha fatto la storia
    Davide Rondoni
    L'unione delle Comunità ebraiche italiane riunita a congresso lancia un appello a cambiare una situazione a suo dire «antistorica» grazie alla quale nelle scuole italiane è possibile accedere all'insegnamento della religione cattolica. E, raccogliendo gli applausi di una parte del governo e di una parte dei media, sollecita che si passi a un insegnamento di storia delle religioni ecc ecc. La trovata non è né nuova né originale, ma merita in questo caso una riflessione. Prima però sgombriamo il campo da possibili equivoci. Insomma, di che cosa stiamo parlando? Si tratta di un'ora settimanale, a cui lo studente non è obbligato a partecipare, dedicata all'insegnamento, in chiave «storico-critica», della religione che ha dato forma per secoli alla cultura europea e italiana. Non c'è nessun obbligo da parte dello studente a partecipare a ore dedicate all'approfondimento di che cosa è il cattolicesimo. Ma (prima sorpresa forse per i detrattori dell'ora di religione) oltre il 90% delle famiglie desidera che i propri figli usino di quella occasione. Le scuole, inoltre, possono offrire in alternativa praticamente ciò che vogliono, ma i fatti (e i numeri) indicano che il popolo italiano ancora desidera che i propri figli sappiano cosa è la fede che ha fatto la storia della nostra civiltà, e che nutre la pittura di Caravaggio, le opere di Michelangelo, di Dante e di Manzoni. Non si tratta di ore di catechismo, né di proselitismo, né crediamo che come tali i ragazzi le vivano (convertirsi con un'ora la settimana, e per di più a scuola? suvvia...). Si può discutere su come tale insegnamento si organizza, e occorre vigilare tutti sulla qualità di queste ore di scuola, come sulla qualità delle altre, magari. Ma gli amici della comunità ebraica in discussione stranamente mettono un principio che pure dovrebbero avere caro. A meno che quell'unione delle comunità ebraiche, più che identificarsi per un motivo di appartenenza e di identità dove civiltà e religiosità sono indissolubili , sia divenuta solo una lobby come un'altra, un sindacato di categoria o una amabile associazione come potrebbe esserci, che so, un'unione dei ghanesi d'Italia. Il principio messo in discussione è anche quello della identità. Secondo quanto previsto dagli ebrei italiani, e applaudito da una parte di forze al governo, la scuola di un Paese non ha il dovere di offrire (e in questo caso senza forzare nemmeno all'obbligo) una visione dei fenomeni e delle tradizioni che ne hanno maggiormente costituito lo sviluppo morale, artistico e civile. No, la scuola dovrebbe semplicemente essere il supermercato dove si offre la conoscenza, inevitabilmente un po' approssimativa, di tante tradizioni possibili. Come se il ragazzo fosse una "tabula rasa", un banco su cui mettere in mostra vari tipi di merce offerta. Siete certi, caro Morpurgo, che sia questo un metodo educativo adeguato a far crescere in consapevolezza critica i ragazzi? Un metodo giusto per farli coscienti del patrimonio dei loro padri, così da rinnovarlo, cambiarlo o eventualmente rifiutarlo? Un ragazzo considerato e coltivato come "tabula rasa", a cui si toglie il primo appoggio che viene dalla tradizione, non è forse maggiormente preda acritica di tutti i messaggi che vengono dalla società e dalla cultura? E se il principio della identità non vale più per l'aspetto religioso, perché dovrebbe valere, che so, per la letteratura o la geografia? Si offrano ore in cui il ragazzo può decidere se studiare letteratura boliviana o cinese, no?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ciò che si dovrebbe fare, senza impegnarsi in polemiche pretestuose, sarebbe estendere l'obbligatorietà dell'ora di religione cattolica a tutte le scuole di ogni ordine e grado senza alcuna esenzione possibile, e con dignità alla pari delle altre materie.

    ovviamente, in tali ore dev'essere esposta la dottrina cattolica catechistica, fondamento e coronamento dell'istruzione pubblica.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'ora di educazione cattolica dovrebbe essere obbligatoria per tutti tranne per gli studenti che espressamente dichiarino di appartenere ad altre religioni.
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  4. #4
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da shambler
    L'ora di educazione cattolica dovrebbe essere obbligatoria per tutti tranne per gli studenti che espressamente dichiarino di appartenere ad altre religioni.
    così era fino alla riforma del concordato del 1984.

  5. #5
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da antonio
    ma, no...la tua proposta, per come e', rischia di trasformare l'ora di reliione in ora di ateismo.
    e' bene, invece, che l'ora di religione ci sia e sia facoltativa.
    non vedo perchè. l'ora deve servire a istruire i giovani sulle verità della fede cattolica, senza la quale l'arte, la cultura e la civiltà occidentale e mondiale non si possono capire.

    non vedo quindi cosa c'entri il portare all'ateismo... ora come ora sì che lo porta, perchè si parla di sciocchezze tipo il sesso etc.

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ah, su un altro forum ho letto i messaggi di un goy radicale, il quale sputa fuoco e fiamme sul cattolicesimo ma difende con tutto il cuore gli haredim (quelli che hanno manato i sionisti cristiani o che tirano i sassi sulle macchine che camminano il sabato per capirci) bollando come quasi come antisemiti gli ebrei sionisti (quelli veri) che invece nutrono su costoro molte perplessità.

    Come dire che sono tutti bravi a fare i laicisti con le religioni degli altri.
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Jul 2002
    Messaggi
    16,995
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dreyer
    così era fino alla riforma del concordato del 1984.
    E infatti era meglio.
    Oddio la mia insegnante di religione non era questo granchè però il principio era giusto.
    La famosa artista idolo delle folle :" si figuri che uno ha addirittura scritto che avrei dovuto investire i MIEI soldi comprando un bar! Io!!!! La barista!!!!"

  8. #8
    Utente
    Data Registrazione
    02 Mar 2006
    Messaggi
    2,600
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io sono per l'ora di religione facoltativa, ma non come è fatta ora. Si dovrebbe fare catechismo vero e proprio: Dottrina, non cultura religiosa.
    Le persone che non vogliono avvalersi dell'insegnamento possono seguire lezioni alternative.

    CIAO

  9. #9
    Utente
    Data Registrazione
    02 Mar 2006
    Messaggi
    2,600
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Basta confrontare i testi di religione: quelli di ora con quelli degli anni '70. Dottrina spiegata perfettamente comprensibile per ragazzi. Su un libro per l'ora di religione di ora ho anche trovato un errore grossino. In pratica vi era scritto che i miracoli non servivano a dimostrare la Divinità di Cristo, andando contro un canone del CVI. Fortuna che la mia prof. non ha mai utilizzato quel libro.

    CIAO

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Italia e in tutta europa ci sono segni del cristianesimo in ogni città. Questi segni si vedono ancora prima di entrare nella città (penso ai campanili)
    Le radici cristiane si leggono molto bene nei segni concreti lasciati in europa (archittetura - arte - etc).
    Per questo sono d'accordo nell'insegnamento della religione obbligatoria anche come dottrina, ma non solo.
    Trovo sbagliato che solo per un anticlericalismo dilagante si butti alle spalle ciò che ha prodottto di bello la cultura cristiana.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. unione comunità ebraiche italiane..
    Di ulfenor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-08-06, 21:51
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-09-05, 23:41
  3. Le Comunità ebraiche italiane approvano la proposta di Fini
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-10-03, 14:25
  4. Le Comunità ebraiche italiane approvano la proposta di Fini
    Di Der Wehrwolf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-10-03, 11:24
  5. Le Comunità ebraiche italiane approvano la proposta di Fini
    Di Der Wehrwolf nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-10-03, 11:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226