User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 38
  1. #1
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Elezione del nuovo Superiore generale della F.S. San Pio X

    Lettera agli amici e benefattori, n° 69
    di S. Ecc. Mons. Bernard Fellay
    Superiore generale della Fraternità San Pio X
    del 4 giugno 2006

    In vista del prossimo svolgimento del «Capitolo» della Fraternità San
    Pio X, che dovrà eleggere il nuovo Superiore Generale, Mons. Fellay
    invita i fedeli a recitare una novena «allo scopo di ottenere dalla
    divina Misericordia la sua grazia, la sua luce e il sostegno dello
    Spirito Santo»

    Cari Fedeli e Benefattori,
    «Celebrando la Messa antica ho scoperto chi è il sacerdote».
    In questi ultimi tempi, abbiamo sentito più volte questa commovente
    testimonianza dalla bocca dei sacerdoti che si avvicinano a noi.
    In questa frase si trova riassunta una gran parte del profondo mistero
    che tocca la Chiesa:
    1) La Chiesa è in crisi dal Concilio Vaticano II perché il sacerdozio è
    stato ridotto a mal partito. È questo uno degli elementi fondamentali di questa crisi.
    2) Uno dei punti maggiormente decisivi per la restaurazione della Chiesa
    è e sarà il sacerdozio. Monsignor Lefebvre, tra gli uomini di Chiesa del XX
    secolo, è stato quello che probabilmente lo ha compreso più chiaramente.
    3) Fondando la Fraternità San Pio X egli non intese fare altro che
    restaurare il sacerdozio, per restaurare la Chiesa intera.
    4) E per far questo, egli ristabilì quell’intimo legame, di una profondità insospettabile, tra il sacerdote e la Messa.

    Che il sacerdote sia il grande dimenticato dal Concilio Vaticano II lo
    hanno confessato candidamente alcuni Padri del Concilio.
    E nella costituzione sulla Chiesa, la Lumen Gentium, mentre si dedicano
    interi capitoli ai vescovi e soprattutto ai laici, una delle grandi
    «invenzioni» del Vaticano II, per i sacerdoti si trovano solo alcuni
    paragrafi, subordinandoli ogni volta sia ai vescovi sia al sacerdozio
    universale dei battezzati.

    Nel 1971, la Commissione internazionale di teologia poté affermare: «Il
    Vaticano II ha modificata questa immagine sacerdotale sotto due aspetti.
    Prima di trattare del sacerdozio ministeriale, il Concilio ha trattato
    del sacerdozio comune dei fedeli […]. Esso ha messo maggiormente in
    evidenza il posto del vescovo, centro della Chiesa particolare e membro
    del collegio universale dei vescovi. Il posto dei sacerdoti nella Chiesa
    è divenuto vago» (1).
    Questo affievolimento, derivato dal deprezzamento e da una nuova
    prospettiva del sacerdozio, ha comportato la perdita di identità del
    sacerdote, di cui parlerà Giovanni Paolo II nell’esortazione
    post-sinodale del 1992, Pastores dabo vobis, affermando che essa deriva
    da una errata interpretazione del Concilio.
    Perdita di identità, posto impreciso nella Chiesa… e tuttavia il decreto
    Presbyterorum ordinis porta la definizione del sacerdozio data dal
    Concilio di Trento!

    Ma il contesto è tale che qui si porta avanti un concetto diverso,
    quello del sacerdote predicatore, come lo voleva Lutero, e non quello di
    colui che offre il Sacrificio. Cosa questa che, parlando del malessere
    intorno al sacerdozio a partire dal Concilio, farà dire al Padre
    Olivier, noto come uno specialista della questione, che: «Il vero
    problema è talmente inusuale nel cattolicesimo che si comprende
    facilmente questo istintivo accecamento che permette di eluderlo: la
    volontà di fedeltà a due concilii che divergono così chiaramente tra
    loro è semplicemente impossibile» (2).
    A questa nuova presentazione del sacerdozio corrisponde perfettamente la
    nuova Messa, dal sapore e dalle intenzioni ancora più protestanti…
    La coniugazione di questi due elementi: definizione del sacerdote e
    nuova Messa, sono bastati per provocare la più grave delle crisi che
    abbiano mai interessato il sacerdozio in tutta la storia della Chiesa.
    Diciamolo in parole povere: il sacerdozio è stato abilmente snaturato.
    Il «presidente» (præesse) e il «predicatore» (praedicare) sono certo dei
    ruoli sacerdotali, ma non sono certo l’essenziale: e cioè il
    «sacrificare».

    Fintanto che il sacerdote non comprende che la sua ragion d’essere è il
    sacrificio, che la sua ordinazione lo orienta al sacrificio, e al
    sacrificio di Nostro Signore sulla croce, egli non saprà veramente che
    cos’è, chi è. Il sacerdote senza la Messa, senza sacrificio, è un occhio
    senza vista, un orecchio che non sente, un piede che non cammina.
    Mai il nemico della Chiesa era riuscito a colpirla meglio al cuore. Il
    cuore della Chiesa, infatti, quello che comunica la vita soprannaturale
    a tutto il Corpo Mistico, quello che diffonde la vita in tutto
    l’organismo, è il santo Sacrificio della Messa.

    Alla Messa protestantizzata in nome dell’ecumenismo, secondo le stesse
    parole di Bugnini, era necessario un sacerdozio corrispondente…
    I sacerdoti che abbiamo citato all’inizio di questa lettera hanno capito
    tutto questo al contatto con la Messa tradizionale, come in un lampo
    folgorante. Ed allora mi dicono di sentirsi insieme frustrati e felici.
    Frustrati, perché «qualcuno» ha nascosto loro questo tesoro, li ha
    privati di esso. Felici, sommersi dalla gioia, nel comprendere la
    grandezza straordinaria della loro vocazione, la realtà sorprendente
    della partecipazione al sacerdozio di nostro Signore Gesù Cristo «in
    persona Christi». Il sacerdote è associato, perfino immerso nell’atto
    sacrificale di Nostro Signore, Sommo Sacerdote, ed egli vi partecipa
    così con tutto il suo essere che ha consacrato a Gesù, sacrificatore e
    ostia, per la salvezza delle anime, per l’atto redentore.
    Tutto questo è stato fatto sparire nella nuova Messa.
    Poveri sacerdoti, che non sanno più che cosa sono!

    Carissimi fedeli, non dubitiamo che voi gioite insieme a noi allorché
    dei sacerdoti scoprono chi sono. Si tratta di gran belle vittorie contro
    la crisi della Chiesa, di fortini, di roccaforti riconquistate per la
    Chiesa militante, che si aggiungono ai nuovi sacerdoti che ci dona ogni
    anno la Divina Provvidenza.
    Quest’anno saranno 17. 10 nel mese di giugno e 7 a dicembre.
    In queste occasioni, uno dei fini della nostra Fraternità viene
    raggiunto in maniera tangibile, poiché il suo scopo è il sacerdozio e
    tutto ciò che ad esso si riferisce.
    Ecco quale dev’essere la preoccupazione costante dei superiori:
    mantenere sempre viva tra i membri la volontà di perseguire e di
    raggiungere questo fine.

    Come in tutte le società, ogni tanto, è necessario fermarsi ed esaminare
    il cammino percorso, verificare se e come il fine della società è
    perseguito, osservare la condizione dei membri. Questo lavoro si fa in
    particolare nel corso del «Capitolo», una assemblea che nella Fraternità
    San Pio X si riunisce ogni dodici anni. In tale occasione i quaranta
    membri del Capitolo eleggono il Superiore generale, il quale, assistito
    dal suo Consiglio, condurrà la Fraternità nei successivi dodici anni.
    Non abbiamo bisogno di insistere sull’importanza di un tale avvenimento
    per la Fraternità.
    In questo senso le nostre regole ci ordinano di recitare delle preghiere
    nel corso dei sei mesi che precedono il Capitolo, allo scopo di ottenere
    dalla divina Misericordia la sua grazia, la sua luce e il sostegno dello
    Spirito Santo.

    Vi invitiamo ad unirvi alle nostre preghiere e sacrifici con una novena,
    e se volete con una giornata di digiuno.
    Questa novena comincerà il 2 luglio, e consiste nella recita del Veni
    Creator, di tre invocazioni al Cuore Immacolato di Maria e di una a San
    Pio X. Quanto al giorno di digiuno, è fissato per venerdì 7 luglio.
    Siate vivamente ringraziati per la vostra toccante e fedele generosità,
    senza la quale la Fraternità non avrebbe i mezzi per svilupparsi e
    crescere, crescita che ha del miracoloso… Noi contiamo sulle vostre
    preghiere e chiediamo alla Madonna che con la sua intercessione vi
    ottenga tutte le grazie e il sostegno spirituale di cui avete bisogno.
    Che Dio vi benedica abbondantemente!

    Nella festa di Pentecoste

    4 giugno 2006

    + Bernard Fellay

    -------------------
    NOTE
    (1) - Le ministère sacerdotal, Cerf, Paris, 1971. (torna al testo)
    (2) - Daniel OLIVIER, Les deux visages du prêtre, Fayard, Paris 1971, p.
    106. (torna al testo)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ieri, festa di San Benedetto Patrono d'Europa, il capitolo generale della FSSPX ha riconfermato per ulteriori 12 anni S. E. Mons. Bernard Fellay a superiore generale della Fraternità.

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Mons. Bernard Fellay, Superiore generale della Fraternità San Pio X, è nato il 12 aprile del 1958, in Svizzera. Ordinato sacerdote nel 1982, è stato consacrato senza mandato pontificio vescovo da Mons. Marcel Lefebvre il 30 giugno 1988, dal 1994 è Superiore generale della Fraternità San Pio X.

  4. #4
    Difendere la Vita!
    Data Registrazione
    13 Jul 2004
    Messaggi
    89
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Qualcuno di voi ha notizie fresche sul percorso di riavvicinamento tra la Fraternità ed il Vaticano?

  5. #5
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    per ora tutto tace. ma la vedo ardua.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lepanto

    Mons. Bernard Fellay, Superiore generale della Fraternità San Pio X, è nato il 12 aprile del 1958, in Svizzera. Ordinato sacerdote nel 1982, è stato consacrato senza mandato pontificio vescovo da Mons. Marcel Lefebvre il 30 giugno 1988, dal 1994 è Superiore generale della Fraternità San Pio X.
    Scusa Lepanto, lo chiedo a te in qualità di moderatore, ma perchè dare questa importanza a una realtà, che volontariamente è stata e lo è ancora fuori della Chiesa Cattolica? Compiendo gravi atti di disubidienza.

    p.s. -semplice curiosità, ma non mi rispondere che sono sempre fratelli, cristiani, et similia, per me l'obbedienza a Pietro è la roccia su cui poggia la cattolicità

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    e te lo dice uno che fa parte della Chiesa Cattolica (fino a prova contraria ) e che di solito la miglior cosa che si sente dire è "eretico" o "neo-gnostico"

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da niocat55
    Scusa Lepanto, lo chiedo a te in qualità di moderatore, ma perchè dare questa importanza a una realtà, che volontariamente è stata e lo è ancora fuori della Chiesa Cattolica? Compiendo gravi atti di disubidienza.

    p.s. -semplice curiosità, ma non mi rispondere che sono sempre fratelli, cristiani, et similia, per me l'obbedienza a Pietro è la roccia su cui poggia la cattolicità
    Importanza? Dreyer ha dato una notiza e io ho dato un chiarimento sul personaggio specificando, non so se te ne sei accorto, che il vescovo Lefebvre consacrò Fellay e i suoi 3 compagni senza mandato pontificio. Non mi pare di aver fatto apologia del movimento lefebvriano.

    P.S.
    Mica si può parlare sempre e solo dei neocatecumenali...

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh allora una piccola correzione....scusa è........

    P.S.
    Mica si può Sparlare sempre e solo dei neocatecumenali


  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si lavora col materiale che si ha...

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Comunicato della FSSPX sull'elezione del nuovo Papa
    Di Giò nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 29-03-13, 17:11
  2. Elezione della Corte Costituzionale, dell'Avv. generale e vice- II fase di dibattito
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 20-05-12, 16:12
  3. Elezione della Corte Costituzionale, dell'Avvocato generale e vice- fase di dibattito
    Di SteCompagno nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 09-05-12, 09:10
  4. L'8 maggio elezione del nuovo presidente della repubblica
    Di Giacomo58 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 02-05-06, 23:04
  5. Elezione nuovo presidente della Repubblica
    Di Alberich nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-05-06, 19:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226