User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Invece che rompere a noi leghisti.....

    Pseudo-Indipendentisti...invece che rompere le scatole a noi leghisti perchè non impiegate le vostre forze ad evitare che accadano queste cose ?

    Dal 28 luglio l'esperimento con un gruppo di 30 studenti milanesi che studieranno la vita nell'età imperiale dimenticando i compiti tradizionali
    Scuola, la storia dell'antica Roma
    si impara giocando al videogame
    Addio libri, le lezioni durante l'estate le fa il "professor" mouse

    Un' immagine del Colosseo
    contenuta nel videogioco ROMA - Lo sapevate che il bagno, nell'antica Roma, si trovava nello stesso ambiente della cucina? Non lo abbiamo letto su un libro di testo, ma lo si può scoprire giocando a "Civ City: Roma", un videogioco di strategia in tempo reale che spazia dalla nascita dell'antica Roma al suo progressivo sviluppo fino all'impero e che sarà dato come compito estivo ad alcuni studenti di un liceo milanese. La scuola è finita ormai da alcune settimane e di compiti per le vacanze i ragazzi non vogliono proprio sentirne parlare. "Li facciamo tra fine agosto e inizio settembre", sembra essere la frase ricorrente. Ma se, invece, i compiti a casa potessero diventare più leggeri e accattivanti? È questa la sfida lanciata dalla casa di produzione di videogame Take Two Interactive, che darà la possibilità a un gruppo di trenta studenti dell'Istituto Opere Sociali Don Bosco di Milano di imparare divertendosi.

    Il procedimento è molto semplice: dal 28 luglio arriverà sul mercato italiano il nuovo gioco "Civ City: Roma". I produttori - d'accordo con i docenti dell'istituto - consegneranno le copie del gioco ai ragazzi, che potranno provarlo per tutta l'estate. Al ritorno dalle vacanze, poi, racconteranno con un tema quello che il videogioco ha insegnato loro. L'idea è nata per caso, spiegano gli organizzatori: "Abbiamo fatto vedere il videogame a un docente, che ne è rimasto impressionato perché al suo interno sono presenti delle valenze storiche molto alte".

    La storia inizia sulle sponde del Tevere, con un piccolo insediamento, che il giocatore crea e allarga. Per far progredire la città bisognerà però impegnarsi, ad esempio, a creare l'alfabeto o a realizzare scoperte scientifiche (possono essere sviluppate più di 70 diverse tecnologie), passaggi che sono fondamentali per evolvere e andare avanti nel gioco. "La cosa bella - aggiungono - è che all'interno del software c'è anche la cosiddetta 'Civipedia', una specie di enciclopedia che racconta la storia di Roma sotto ogni angolatura. Qualche esempio: si può approfondire il perché Roma faceva la differenza rispetto agli altri stati o in che modo funzionavano l'igiene o gli acquedotti. Tutto è spiegato in ogni minimo dettaglio: basta solo che il giocatore sposti il mouse su una casa, un personaggio della città o un edificio (ce ne sono tantissimi tra cui scegliere, tra cui scuole di gladiatori, anfiteatri, il Circo Massimo, fortini di legionari, depositi di armi) per avere tutte le informazioni storiche". Il team di sviluppatori ha studiato in modo molto accurato la civiltà romana, sia attraverso i libri sia facendo sopralluoghi sulle rovine della Città eterna. L'obiettivo, infatti, è stato quello di ricreare lo scenario più dettagliato possibile sulla vita dell'antica Roma.

    Il gioco è ispirato al Sid Meier's "Civilization". Per portare al massimo splendore Roma sarà necessario edificare strutture, assecondare i bisogni dei cittadini (magari, perché no, costruendo locande e non alzando troppo le tasse). Non è tutto, perché si dovranno anche diffondere l'istruzione e le più svariate tecniche (come la pesca, la coltivazione dei campi e l'allevamento) non dimenticando la politica e la religione, ripercorrendo, così, l'espansione della città. Chiaramente, maggiore sarà lo sviluppo del gioco, più numerose saranno le richieste, dalla disposizione di una rete urbana funzionale ed intelligente alla costruzione di luoghi di culto alla necessità di divertire i cittadini.

    "Il nostro esperimento - raccontano gli organizzatori - non intende sostituire l'insegnamento tradizionale, ma semplicemente usufruire di un gioco che può insegnare diversi aspetti dell'antica Roma che spesso non si leggono sui libri, utilizzando un 'mondo naturale' per un ragazzo, quello dei videogiochi. Alla fine dell'estate, poi, gli studenti scriveranno le proprie riflessioni in un tema-relazione che dovrà prendere in esame anche la profondità e l'accuratezza del videogame, oltre alla sua valenza didattica. La nostra iniziativa non vuole essere una rivoluzione nel campo dell'insegnamento - continuano - ma potremmo andare ad anticipare un futuro non troppo lontano, in cui può darsi che la stessa scuola andrà a richiedere un videogioco per insegnare. È bello poter andare in controtendenza a ciò che si dice di solito per i videogame, che fanno perdere tempo e non sono educativi". Ai ragazzi che meglio esprimeranno, tramite il tema, il loro pensiero, andranno in regalo computer e altre componenti. La valutazione sarà affidata a un team di professori di storia e di italiano supportati da alcuni esperti di videogiochi

    Tra i più entusiasti c'è proprio uno dei docenti che partecipa all'iniziativa, il prof. Andrea Maino: "Non è la prima volta che mi chiedono di verificare videogiochi per i ragazzi. In particolare, questo mi sembra un gioco che insegni molto, soprattutto perché negli studenti delle scuole medie e superiori c'è una grande curiosità per tutti quelli che sono gli agganci con la storia al di fuori del classico libro di testo. L'utilizzo che se ne può fare è certamente quello di suscitare una curiosità per le materie oggetto di studio. Io - ammette - da piccolo mi appassionavo molto per la lettura dei fumetti di Asterix, che suscitavano in me la curiosità e la voglia di andare ad approfondire. Anche in questo caso il videogame oggi può avere la stessa funzione che ha avuto il fumetto o il libro di lettura diversi anni fa, perché rende meno pesante e più accattivante l'insegnamento". Attenzione, però, a non calcare troppo la mano, perché si tratta sempre di videogiochi: "Sicuramente un'iniziativa del genere va molto bene, ma quello che c'è sui manuali non potrà mai essere sostituito".
    (6 luglio 2006)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    penso che la neolega sarebbe d'accordo su questo esperimento.

  3. #3
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se tra i forumisti o tra le loro conoscenze c'è qualche bravo smanettatore si potrebbe lanciare il gioco "La Serenissima"...

    Che ve ne pare?

    Poi non penso sia un gran problema trovare la sponsorizzazione di qualche politico "illuminato". Sarebbe anche un metterli alla prova...

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 May 2009
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nanths
    penso che la neolega sarebbe d'accordo su questo esperimento.
    e ma bastet non lo sa ancora...

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'operazione magari ha l'appoggio del neo "assesùr" Orsatti? bastet rivolgi le tue rimostranze a pappagone, sia mai che faccia un bel editoriale anche sulla "civiltà" degli antichi romani
    salucc

  6. #6
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bastet
    Pseudo-Indipendentisti...invece che rompere le scatole a noi leghisti perchè non impiegate le vostre forze ad evitare che accadano queste cose ?

    Dal 28 luglio l'esperimento con un gruppo di 30 studenti milanesi che studieranno la vita nell'età imperiale dimenticando i compiti tradizionali
    Scuola, la storia dell'antica Roma
    si impara giocando al videogame
    Addio libri, le lezioni durante l'estate le fa il "professor" mouse

    Un' immagine del Colosseo
    contenuta nel videogioco ROMA - Lo sapevate che il bagno, nell'antica Roma, si trovava nello stesso ambiente della cucina? Non lo abbiamo letto su un libro di testo, ma lo si può scoprire giocando a "Civ City: Roma", un videogioco di strategia in tempo reale che spazia dalla nascita dell'antica Roma al suo progressivo sviluppo fino all'impero e che sarà dato come compito estivo ad alcuni studenti di un liceo milanese. La scuola è finita ormai da alcune settimane e di compiti per le vacanze i ragazzi non vogliono proprio sentirne parlare. "Li facciamo tra fine agosto e inizio settembre", sembra essere la frase ricorrente. Ma se, invece, i compiti a casa potessero diventare più leggeri e accattivanti? È questa la sfida lanciata dalla casa di produzione di videogame Take Two Interactive, che darà la possibilità a un gruppo di trenta studenti dell'Istituto Opere Sociali Don Bosco di Milano di imparare divertendosi.

    Il procedimento è molto semplice: dal 28 luglio arriverà sul mercato italiano il nuovo gioco "Civ City: Roma". I produttori - d'accordo con i docenti dell'istituto - consegneranno le copie del gioco ai ragazzi, che potranno provarlo per tutta l'estate. Al ritorno dalle vacanze, poi, racconteranno con un tema quello che il videogioco ha insegnato loro. L'idea è nata per caso, spiegano gli organizzatori: "Abbiamo fatto vedere il videogame a un docente, che ne è rimasto impressionato perché al suo interno sono presenti delle valenze storiche molto alte".

    La storia inizia sulle sponde del Tevere, con un piccolo insediamento, che il giocatore crea e allarga. Per far progredire la città bisognerà però impegnarsi, ad esempio, a creare l'alfabeto o a realizzare scoperte scientifiche (possono essere sviluppate più di 70 diverse tecnologie), passaggi che sono fondamentali per evolvere e andare avanti nel gioco. "La cosa bella - aggiungono - è che all'interno del software c'è anche la cosiddetta 'Civipedia', una specie di enciclopedia che racconta la storia di Roma sotto ogni angolatura. Qualche esempio: si può approfondire il perché Roma faceva la differenza rispetto agli altri stati o in che modo funzionavano l'igiene o gli acquedotti. Tutto è spiegato in ogni minimo dettaglio: basta solo che il giocatore sposti il mouse su una casa, un personaggio della città o un edificio (ce ne sono tantissimi tra cui scegliere, tra cui scuole di gladiatori, anfiteatri, il Circo Massimo, fortini di legionari, depositi di armi) per avere tutte le informazioni storiche". Il team di sviluppatori ha studiato in modo molto accurato la civiltà romana, sia attraverso i libri sia facendo sopralluoghi sulle rovine della Città eterna. L'obiettivo, infatti, è stato quello di ricreare lo scenario più dettagliato possibile sulla vita dell'antica Roma.

    Il gioco è ispirato al Sid Meier's "Civilization". Per portare al massimo splendore Roma sarà necessario edificare strutture, assecondare i bisogni dei cittadini (magari, perché no, costruendo locande e non alzando troppo le tasse). Non è tutto, perché si dovranno anche diffondere l'istruzione e le più svariate tecniche (come la pesca, la coltivazione dei campi e l'allevamento) non dimenticando la politica e la religione, ripercorrendo, così, l'espansione della città. Chiaramente, maggiore sarà lo sviluppo del gioco, più numerose saranno le richieste, dalla disposizione di una rete urbana funzionale ed intelligente alla costruzione di luoghi di culto alla necessità di divertire i cittadini.

    "Il nostro esperimento - raccontano gli organizzatori - non intende sostituire l'insegnamento tradizionale, ma semplicemente usufruire di un gioco che può insegnare diversi aspetti dell'antica Roma che spesso non si leggono sui libri, utilizzando un 'mondo naturale' per un ragazzo, quello dei videogiochi. Alla fine dell'estate, poi, gli studenti scriveranno le proprie riflessioni in un tema-relazione che dovrà prendere in esame anche la profondità e l'accuratezza del videogame, oltre alla sua valenza didattica. La nostra iniziativa non vuole essere una rivoluzione nel campo dell'insegnamento - continuano - ma potremmo andare ad anticipare un futuro non troppo lontano, in cui può darsi che la stessa scuola andrà a richiedere un videogioco per insegnare. È bello poter andare in controtendenza a ciò che si dice di solito per i videogame, che fanno perdere tempo e non sono educativi". Ai ragazzi che meglio esprimeranno, tramite il tema, il loro pensiero, andranno in regalo computer e altre componenti. La valutazione sarà affidata a un team di professori di storia e di italiano supportati da alcuni esperti di videogiochi

    Tra i più entusiasti c'è proprio uno dei docenti che partecipa all'iniziativa, il prof. Andrea Maino: "Non è la prima volta che mi chiedono di verificare videogiochi per i ragazzi. In particolare, questo mi sembra un gioco che insegni molto, soprattutto perché negli studenti delle scuole medie e superiori c'è una grande curiosità per tutti quelli che sono gli agganci con la storia al di fuori del classico libro di testo. L'utilizzo che se ne può fare è certamente quello di suscitare una curiosità per le materie oggetto di studio. Io - ammette - da piccolo mi appassionavo molto per la lettura dei fumetti di Asterix, che suscitavano in me la curiosità e la voglia di andare ad approfondire. Anche in questo caso il videogame oggi può avere la stessa funzione che ha avuto il fumetto o il libro di lettura diversi anni fa, perché rende meno pesante e più accattivante l'insegnamento". Attenzione, però, a non calcare troppo la mano, perché si tratta sempre di videogiochi: "Sicuramente un'iniziativa del genere va molto bene, ma quello che c'è sui manuali non potrà mai essere sostituito".
    (6 luglio 2006)
    Visto che fà il maestro di vita , la lega a Milan come si è espressa sul fatto ?

    ci può dare qualche riferimento giornalistico o del Web su come La lega ha attaccato ( sempre che lo abbia fatto o che lo voglia fare) questa inutile fanfaronata "lombardoveneta" ?

    con ossequi.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Facciano giocare a ASTERIX..il mio eroe. In ogni caso regalate, comprate, duplicate cassette, DVD, videogames di ASTERIX..ASTERIX FOR EVER.

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 Jan 2013
    Località
    glüglülåndiå
    Messaggi
    1,699
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcagioiosa
    Se tra i forumisti o tra le loro conoscenze c'è qualche bravo smanettatore si potrebbe lanciare il gioco "La Serenissima"...

    Che ve ne pare?
    ...magari... ed al posto dei carroarmatini le miniature del Marcantonio Bragadin...

    Citazione Originariamente Scritto da marcagioiosa
    Poi non penso sia un gran problema trovare la sponsorizzazione di qualche politico "illuminato". Sarebbe anche un metterli alla prova...
    Non fosse stato per la faccina avrei trovato la digressione almanco esilarante. Però, par la ciòpa...

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    03 Apr 2010
    Messaggi
    178
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Clamoroso autogol di Bastet. L'assessore alla milanesità è della Lega e si chiama Orsatto. Chiedi a lui di intervenire. Ne ha tutti i mezzi.

  10. #10
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=bastet]Pseudo-Indipendentisti...invece che rompere le scatole a noi leghisti perchè non impiegate le vostre forze ad evitare che accadano queste cose ?

    Pseudo-normodotato, voi perchè invece non vi impegnate più in un cazzo di niente che non sia la famigliaculturaltradizziunalantiislamicoproliranoe uroabbassoigay?

    Ah, chiedi all'mgp, magari organizzano un torneo a smanettate celti (finti) vs Romani (prestati).

    Ah, no, bisogna pensare a come far capire alla gente il gioco delle tre tavolette
    Federalismo
    Nazziunala
    Padania (o lombardoveneto o etc.)
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Rompere con Bruxelles
    Di MarinoBuia nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 24-01-13, 10:57
  2. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-11-12, 16:56
  3. Rompere qualcosa
    Di pensiero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 16-06-06, 23:16
  4. non rompere i c....
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-04-04, 00:59
  5. Rompere l'alleanza con gli Usa
    Di Bryger nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30-03-03, 19:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226