User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    W la Ricerca
    Data Registrazione
    21 Mar 2006
    Messaggi
    1,065
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito l'Etica da un altro punto di vista

    Vi riporto l'editoriale delle scienze di questo mese che riporta un argomento per me molto interessante... mi farebbe piacere conoscere il vostro pensiero!


    luglio 2006
    Editoriale
    Problemi eticamente insensibili

    Enrico Bellone
    Notevole è la vivacità delle odierne discussioni sui problemi «eticamente sensibili». Il confronto ha luogo in sedi diverse – politiche, filosofiche, giornalistiche – e pone quesiti di rilievo. Ci si chiede, per esempio, se certi gruppi di cellule sono o non sono una persona, e, di conseguenza, sino a che punto sia criminosa una linea di ricerca che le studia in laboratorio, quali leggi vadano allora promulgate per bloccarla e quali pene siano eventualmente da infliggere a chi osasse violarle.
    Nulla di nuovo, tutto sommato. Nel primo Seicento fu appassionatamente scritto che la nuova scienza avrebbe sbriciolato il cosmo in atomi, dissolto la società e disgregato l’ordine dei rapporti umani; nell’Ottocento si insorse contro la teoria di Darwin accusandola di negare il progetto divino. E oggi non pochi intellettuali addirittura vedono, nell’intero mondo della scienza e della tecnica, la disumanizzazione della nostra specie e il tramonto dello spirito.
    Non vorrei essere frainteso: non intendo sottovalutare certe opinioni solo perché non le condivido. In fin dei conti, quasi tutti i portatori di queste opinioni dichiarano di non essere contrari alla scienza in generale, ma solo a certe sue conseguenze. Vorrei allora far notare che esistono problemi reali che, tuttavia, a molti opinionisti e politici non sembrano «eticamente sensibili».
    Chi è favorevole alla scienza in generale dovrebbe anche tener conto del fatto particolare che la scienza ha bisogno di scienziati che la producano, e che, di conseguenza, le Università hanno l’onere di preparare al meglio nuove generazioni di studiosi. Un buon numero dei nostri atenei ci riesce: ma non riesce ad arginare la cosiddetta «fuga dei cervelli». Come mai? È opportuno, a questo proposito, ricordare alcune cifre.
    Un giovane che entra in un dottorato di ricerca percepisce un emolumento annuo lordo pari a 10.540 euro. Al netto, poco più di 800 euro al mese. Un «giovane» ricercatore prossimo ai cinquant’anni, invece, è quasi benestante: incassa, ogni mese, 1700 euro. Ebbene, è impossibile avere dubbi sul fatto che un dottorando ventisettenne in fisica o un ricercatore quarantaseienne in biologia molecolare siano «persone». Ma come è possibile allora che i loro stipendi mensili non rientrino nella pubblica cornice dei problemi «eticamente sensibili»? Da più parti, e da troppi anni, si dice che la coperta è corta, e che non c’è una lira. Ebbene, se fosse vero che non ci sono fondi da investire nella ricerca, allora avrebbero ragione coloro che auspicano l’estinzione del ruolo stesso dei ricercatori.
    Penso invece che un simile auspicio sia deleterio. Penso anche che sia stata saggia la decisione italiana, presa poche settimane fa, di aderire al Consiglio Europeo della Ricerca. Saggia per un motivo «eticamente sensibile»: entrando nel Consiglio si innescano conseguenze la cui portata è potenzialmente innovativa.
    La prima conseguenza potrebbe essere quella di introdurre criteri meritocratici sia nella selezione del personale docente e ricercatore, sia nelle carriere. E la seconda? La seconda dovrebbe essere quella di vergognarci, come paese, dell’elemosina mensile con cui ricompensiamo i nostri «giovani» studiosi.


    © 1999 - 2006 Le Scienze S.p.A.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cavaliere d'oro
    Data Registrazione
    12 Dec 2003
    Località
    L'ultima ridotta d'Italia
    Messaggi
    13,879
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Già, ma io mi domando come mai una nazione con un PIL come il nostro ha tutte queste difficoltà. Mi rispondo che ci sono troppi sprechi, soprattutto nel comparto energetico. Se avessimo il nucleare avremmo almeno un 5% di PIL in più.
    Quando le armi saranno fuorilegge, solo i fuorilegge avranno le armi

  3. #3
    W la Ricerca
    Data Registrazione
    21 Mar 2006
    Messaggi
    1,065
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rick Hunter
    Già, ma io mi domando come mai una nazione con un PIL come il nostro ha tutte queste difficoltà. Mi rispondo che ci sono troppi sprechi, soprattutto nel comparto energetico. Se avessimo il nucleare avremmo almeno un 5% di PIL in più.
    Concordo sul nucleare dato che anche ecologicamente è l'energia più pulita che si conosce fino ad ora.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quoto sugli sprechi. Piu` in particolare: e` la gestione delle risorse che fa acqua. Parlo sia delle risorse economiche che di quelle umane, nella fattispecie i ricercatori. Troppa cattiva politica fa parte del modus operandi delle universita`.
    Ma e` difficile, molto difficile darci un taglio.

    Citazione Originariamente Scritto da Rick Hunter
    Già, ma io mi domando come mai una nazione con un PIL come il nostro ha tutte queste difficoltà. Mi rispondo che ci sono troppi sprechi, soprattutto nel comparto energetico. Se avessimo il nucleare avremmo almeno un 5% di PIL in più.

 

 

Discussioni Simili

  1. Un'altro punto di vista sulle elezioni
    Di Europeista (POL) nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-04-08, 23:54
  2. iran da un altro punto di vista...
    Di moon-man nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-11-07, 11:30
  3. Vediamo i DICO da un altro punto di vista
    Di vescovosilvano nel forum Cattolici
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12-03-07, 13:37
  4. Presentazione libro : Stalin, un altro punto di vista
    Di T. Muntzer nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-11-05, 13:28
  5. Presentazione libro : Stalin, un altro punto di vista
    Di T. Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-11-05, 16:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226