User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L’immoralità di Israele e l’ipocrisia del “mondo civile”

    Non se ne può più. Basta. Ogni giorno un massacro. Donne, bebé, bimbetti dal faccino ingenuo, ragazzi, ragazze, padri, madri, giovani spose, vecchi…, sbudellati, smembrati, massacrati dai militari israeliani. In nome di ciò che qualche giornalista farabutto farcito (di soldi) come un tacchino statunitense nel giorno del Ringraziamento, e l’amministrazione Bush e il suo codazzo indecente di politici, capi di stato, amministratori occidentali, e arabi, definiscono “diritto alla difesa” da parte di Israele.

    Ma difesa da chi? Da civili innocenti colpiti “per sbaglio”? O dai quattro missili casalinghi che solo il disperato ardimento di un popolo abbandonato a se stesso riesce a fabbricarsi nelle cantine o nelle catapecchie come a Napoli si assemblano clandestinamente i “botti di Capodanno”?

    Oppure dalla sempre provvidenziale al-Qa’idah - (Data)base - che spunta qua e là quando i “portatori di civiltà” sono in crisi di idee?

    Ma ci facciano ridere!

    In Palestina c’è gente che muore quotidianamente, senza mezzi di difesa o di attacco. Muore mentre va a fare la spesa o va in spiaggia. E nessuno si scandalizza. Bush ha fatto sapere di essere “dispiaciuto” della strage alla spiaggia di Gaza.

    Gli europei non commentano.

    Ma quando qualche kamikaze palestinese s’è fatto saltare in aria in luoghi pubblici israeliani, musulmani, e arabi, di mezzo mondo (ma soprattutto quelli immigrati in Europa!) sono stati messi sotto torchio: “Dite che vi dissociate. Dite che condannate questo atto efferato! La vostra è una religione di violenza!”. L’Islam italiano, e i suoi leader, sono costretti da anni a rispondere a queste domande provocatorie che escono dalle bocche di giornalisti, politici (di destra e di sinistra)…

    Ma qualcuno ha pensato di rivolgere alle comunità ebraiche e ai rabbini europei (o israeliani) domande sui crimini di guerra perpetrati con quotidiano accanimento da Israele? Per esempio: “Ma la vostra religione prevede la violenza? Come la mettete con il V comandamento? E con Esodo 23,7 (Non far morire l’innocente e il giusto)?”.

    Non si fa, perché Israele ha diritto a esistere e i palestinesi a morire.

    Forse perché Israele è un prodotto del colonialismo occidentale mentre gli arabi sono la “barbarie”, l’inciviltà?

    C’è un’ipocrisia disumana che fa da sfondo alle prese di posizione di molti tra gli “esportatori di civiltà” e non solo…

    Un’ipocrisia che ogni giorno si macchia del sangue che solca quei visetti innocenti saltati per aria insieme, o vicino, ai militanti che Israele voleva colpire.

    Davvero, come nel lontano passato: “E Rachele piange i suoi figli che non ci sono più (Ger 31,15)”.

    Nel nome della civiltà (quella vera) e della decenza, fermate le mani assassine che ogni giorno lasciano le tante Rachele palestinesi senza figli, senza mariti, senza padri, senza madri, senza sorelle, senza fratelli….

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Israele prosegue l’offensiva, condanna dall’UE


    Un commentino a margine:

    La “condanna” dell’UE è del tutto ipocrita, di facciata. Nella sostanza invece, l’UE appoggia l’offensiva militare di Israele contro i palestinesi. Due giorni fa, alla riunione del Consiglio per i Diritti Umani a Ginevra, tutti gli stati UE si sono schierati con Israele ed USA (membro osservatore) e si sono rifiutati di votare una risoluzione di condanna delle azioni militari israeliane nella Striscia di Gaza. La risoluzione, presentata dagli stati islamici, è passata lo stesso ma, come ho detto, CONTRO la posizione dei nostri governi europei ! Il Consiglio ha deciso di inviare nella Striscia di Gaza e nel West Bank un delegato che facesse un rilevamento delle condizioni di vita della popolazione sotto occupazione. Beh, non s’è trovato un delegato europeo, il Consiglio ha dovuto nominare un avvocato sudafricano al quale il governo israeliano, come ha subito dichiarato, rifiuterà ogni tipo di collaborazione (così rischierà anche di farsi ammazzare da un “terrorista ignoto”).

    L’indomani, Qatar ha presentato al Consiglio di Sicurezza dell’ONU una bozza di risoluzione chiedendo la condanna dell’offensiva militare israeliana contro la popolazione occupata della Palestina ed un richiamo di Israele alle sue responsabilità, come potere occupante, per la sopravvivenza della popolazione sott’occupazione. Di fronte alla bozza di Qatar, presentata in nome di tutti i paesi membri della Lega Araba, gli USA e la Francia - membro dell’UE - hanno subito detto che verrebbe bocciata in Consiglio di Sicurezza. All’Unione Europea non costa niente, fare dire ai giornalisti che “condanna” il comportamento di Israele se poi, nelle istituzioni internazionali che potrebbero incidere sul comportamento a parole “condannata”, ha sempre appoggiato e continua ad appoggiare la posizione di Israele nei fatti: boicottaggio del governo Hamas, definizione di Hamas quale organizzazione “estremista”, e “terrorista”, rifiuto degli aiuti finanziari all’Autorità Palestinese mentre contemporaneamente, stipula accordi di cooperazione militare con Israele, presidio militare del posto di confine a Rafah per conto di Israele ecc. Devo continuare ? Il lamento pubblico da parte dell’UE riguardante il presunto “uso sproporzionato della forza” è una beffa, in quanto è un implicito riconoscimento ad Israele di un diritto di condurre operazioni militari contro una popolazione sotto la propria occupazione. Ciò che è sotto i nostri occhi è un genocidio - e l’Unione Europea lo benedice, chiedendo solo che Israele lo compia in modo meno vistoso per non mettere l’Unione Europea in imbarrazzo.

    Susanne

 

 

Discussioni Simili

  1. In quale mondo civile si dovrebbe scegliere?
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 210
    Ultimo Messaggio: 20-08-12, 08:55
  2. La profonda immoralità dell’ipocrisia radicale
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-01-07, 14:21
  3. Disappunto in Israele: Hezbollah non fa la guerra civile
    Di aprile crudele nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-12-06, 14:26
  4. Disappunto in Israele: Hezbollah non fa la guerra civile
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-12-06, 20:27
  5. Israele: Ipocrisia In Ritardo....
    Di salerno nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-11-06, 11:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226