User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

Discussione: Pregare per niente

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Pregare per niente

    Pregare per niente

    Quando prego per qualcosa, non sto pregando. Quando prego per niente, quella è vera preghiera.
    È domenica e, dopo la Messa che ho celebrato, rimango un po' nella chiesa che si svuota. Restano solo, alla fine, due persone: una donna anziana che recita il rosario e un signore che sta su una panca a metà chiesa. Passa il tempo, la «Liturgia delle Ore» mi fa dimenticare la loro presenza per un po'. Quando rialzo gli occhi, vedo che è rimasto solo quell'uomo che continua immobile a fissare la croce e l'altare. Mi passa per la mente una frase, quella che sopra ho proposto: idealmente la vorrei applicare a quella persona, anche se non so che cosa passa per la sua mente (forse è là soltanto perché ha bisogno di quiete e pensa ad altro).
    La frase è di un grande (e un po' provocatorio e arduo) mistico medievale; Meister Eckhart, domenicano tedesco contemporaneo di Dante. La sua distinzione tra i due tipi di preghiera è, comunque, importante. Certo, è forse un po' radicale ed esclusiva: non bisogna disprezzare la madre angosciata che prega per la guarigione di un figlio, oppure la vecchietta o il giovane che accendono una candela e dicono una preghierina, l'una per la salute e l'altro per un esame. Dio sa capire e giudicare meglio di noi che crediamo di conoscere la «teologia», cioè il pensiero di Dio. Sta di fatto, però, che ha ragione Eckhart quando ci ricorda che la preghiera perfetta è la lode pura, il celebrare Dio senza nulla chiedere, l'esaltarlo solo perché egli esiste e si rivela con la sua parola e la sua gloria. Forse quell'uomo è là, davanti a Dio, tacendo e contemplandolo: egli «prega per niente», proprio come Giobbe che «credeva in Dio per nulla» (1, 9),
    cioè senza nulla esigere in cambio.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Jun 2005
    Messaggi
    497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bellissimo, grazie ...

    ma... il Padre Nostro sono sette domande, giusto?

  3. #3
    "Rimanete in me e Io in voi"
    Data Registrazione
    30 May 2006
    Località
    castelli romani
    Messaggi
    122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ..è vero che è fatto da sette domande, ma contiene già tutto in sè: per es., Padre nostro che sei nei Cieli...subito facciamo un atto di fede in Dio, e non solo! ma in Dio che è Padre, che ama, che mi custoduisce, mi proitegge, mi copre all'ombra delle sue ali...che veglia su di me, contando anche i capelli del mio capo...davanti a questo, mi perdo , mi devo perdere in una ficducia sconfinata nell'Eterno Onnipotente, che ama...infinitamente! che è nei Cieli, trascendente, completa,mente altro da me! che bita una luce inaccessibile...
    "sia santificato il tuo nome"...ecco, entriamo nelle prima domanda...ed è proprio la lode purissima a Dio! il suo Nome è la sua Gloria ...lo splendore della sua magnificenza! la Bellezza senza confini della sua Maestà...la dolcezza senza misura del suo essere infinito, perfettissimo, che solo amore e luce ha per confine...felicissimo e beatissimo, amante dell'uomo!
    "venga il tuo regno"...ecco! riconosciamo la sua Regalità infinita! il suo operare eternamente perfetto! il suo regno è ciò che conta...non i nostri! non l'impero delle cose che occupa il nostro cuore...mna Lui solo!
    "sia fatta la tua volontà" bellissimo! in Dio l'essere e la volontà coincidono! volre il suo Volere è vivere in perfetta coincidenza con Lui, in osmosi santificante, in divinizzazione perfetta! è morire a se stessi per entrare nella vera Vita!...è annullare l' "io penso" , "io volgio"..eccc...per mettermi in ascolto di quel che Lui vuole!
    ...e poi..."dacci il nostro pane"...si! dobbiamo chiedere a Dio, tutto! i beni spirituali, ma anche quelli materiali! ...tutto ci può concedere! e tutto ci elargisce secondo la necessità che abbiamo ed in vista sempre della Vita Eterna!
    ..chidiamo ancora di essere perdonati...ne abbiamo bisogno e così ci ricosciamo peccatori! "abbi pietà di me, che sono un peccatore"!
    ...non permettere che la tentazione mi vinca e che cada nel peccato, perchè questo è il peggiore dei mali! perdere Te è perdere tutto! liberami dunque dal Male, dal Maligno...dalle opere e dai raggiri del demonio...liberami dai suoi inganni, dalle sue infestazioni, da tutto ciò che da lui viene!
    perchè solo tuo è il regno, la potenza e la gloria!
    amen

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Dec 2005
    Località
    "Bisogna fare Comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazareth che vivano nell'Umiltà , nella Semplicità e nella Lode , dove l'altro è CRISTO"
    Messaggi
    3,220
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ripenso per un attimo al Vangelo dove c'è la preghiera del Fariseo e del Pubblicano. Mi viene in mente quando per la prima volta mi insegnarono a pregare in maniera silenziosa e composta. Chi ha letto "Il pellegrino russo"?

    "Signore Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me che sono un peccatore"

  5. #5
    "Rimanete in me e Io in voi"
    Data Registrazione
    30 May 2006
    Località
    castelli romani
    Messaggi
    122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Signore Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me che sono un peccatore"

    ..presente!

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Chi ha letto "Il pellegrino russo"?
    Ottimo libretto.!!!!!!!!!!!!!!

    "Signore Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me che sono un peccatore"

  7. #7
    "Rimanete in me e Io in voi"
    Data Registrazione
    30 May 2006
    Località
    castelli romani
    Messaggi
    122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si, il Pellegrino russo è davvero un libretto ispirato...
    anche se non dobbiamo dimenticare che presenta un limite ed è quello di fissare la preghiera continua soltanto ad un metodo quantitativo di ripetizioni.
    Questa posizione, tra l'altro criticata anche tra gli ortodossi, è superata da alcuni mistici cattolici...che parlano della Presenza di Dio nel cuore.
    Il discorso è simile, ma la "tecnica", il metodo è differente. Normalmente in ambito cattolico viene lasciata più libertà...comunque questo nulla toglie al valore della formula e dell'Invocazione del Nome Santissimo di Gesù, sempre ed ovunque...anche il CCC ne parla...

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Bisogna camminare molto nel buio della notte per trovare la luce del giorno.
    Messaggi
    1,035
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    San Francesco pregava tutta la notte ripetendo solo ed esclusivamente la frase "mio Dio".
    Una tecnica o una disponibilità interiore ?
    O un desiderio ?

  9. #9
    שמע ישראל
    Data Registrazione
    11 Jan 2006
    Messaggi
    4,009
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da niocat55
    Ripenso per un attimo al Vangelo dove c'è la preghiera del Fariseo e del Pubblicano. Mi viene in mente quando per la prima volta mi insegnarono a pregare in maniera silenziosa e composta. Chi ha letto "Il pellegrino russo"?

    "Signore Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me che sono un peccatore"
    2 volte !!!

    E' la "preghiera del cuore" molto diffusa tra i nostri fratelli di rito Ortodosso.
    Ed è paragonabile al nostro bellissimo Santo Rosario.
    E' la ripetizione all'infinito delle stesse bellissime parole che aprono il cuore alla meditazione e al silenzioso accoglimento della volontà di Dio.

  10. #10
    שמע ישראל
    Data Registrazione
    11 Jan 2006
    Messaggi
    4,009
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Dicevo dianzi che la preghiera è come per l'amore: le parole abbondano al principio, le discussioni sono dei primi tempi. Poi si fa silenzio e ci si intende a monosillabi. Nelle difficoltà è sufficiente un gesto, uno sguardo, un nulla: basta amarsi. Viene quindi il tempo in cui la parola è di troppo e la meditazione è pesante, quasi impossibile. È il tempo della preghiera di semplicità, tempo in cui l'anima si intrattiene con Dio con uno sguardo semplice, amoroso, anche se sovente accompagnato da aridità e sofferenza. In questo periodo fiorisce la cosiddetta preghiera litanica: cioè ripetizione all'infinito di identiche espressioni povere di parole ma ricche, straricche di contenuto. Ave Maria... Ave Maria... Gesù ti amo... Signore abbi pietà di me... Ed è strano come in questa preghiera litanica, monotona, semplice, l'anima si trovi a suo agio, quasi si cullasse nelle braccia del suo Dio. È il tempo del Rosario vissuto e amato come una delle più alte e ispirate preghiere. Sovente, nella mia vita di europeo, ho avuto modo di assistere o prendere parte a discussioni animate sul pro e contro del Rosario. Ma, alla fine, non ero mai pienamente soddisfatto. Non ero in condizione adatta per comprendere a fondo questa maniera di pregare. "È una preghiera meditata", diceva qualcuno. Bene! Allora han ragione i giovani di lamentarsi delle distrazioni che dà alla meditazione del mistero questa ripetizione inutile di dieci Ave Maria. Annunziate il mistero e lasciatemi pensare. "No; è una preghiera di lode", dicevano altri; e bisogna pensare a ciò che si dice, parola per parola. Ma è impossibile! Chi è capace di dire 50 Ave Maria, distratto da cinque rappresentazioni di misteri, senza perdere il filo? Io debbo confessare che nella mia vita, pur facendo uno sforzo qualche volta, non sono mai riuscito a dire un solo Rosario senza distrarmi. E allora? E allora fu nel deserto che compresi che coloro che discutono - come io discutevo in tal maniera - sul Rosario, non hanno ancora capito l'anima di questa preghiera. Il Rosario appartiene a quel tipo di preghiera che precede di poco o che accompagna la preghiera contemplativa dello Spirito. Meditate o non meditate, distraetevi o meno, se amate il Rosario a fondo, e non potete trascorrere la giornata senza recitarlo, significa che siete uomini di preghiera. Il Rosario è come l'eco di unónda che percuote la riva, la riva di Dio: "Ave Maria... Ave Maria... Ave Maria...". È come la mano della Madre sulla votra culla di bambino; è come il segno di un abbandono di ogni difficile ragionamento umano sulla preghiera per l'accettazione definitiva della nostra piccolezza e della nostra povertà. Il Rosario è un punto di arrivo, non un punto di partenza. Per Bernardetta il punto di arrivo giunse molto presto, perché predestinata a vedere su questa terra la Madonna; ma normalmente è una preghiera della maturità spirituale. Se un giovane non ama dire il Rosario, se dice di annoiarsi, non insistere. Per lui è meglio la lettura di un testo scritturale o una preghiera più intellettuale. Ma se incontrate un bimbo in una campagna deserta, o un vecchio sereno, o una donna semplice che vi dice di amare il Rosario, senza capirne il perché, rallegratevi e gioite, perché in quei cuori c'è lo Spirito Santo che prega. Il Rosario è una preghiera incomprensibile per l'uomo del "buon senso", come è cosa incomprensibile ripetere a un Dio, che non si vede, mille volte al giorno: "Ti amo"; ma è una preghiera comprensibilissima per i puri di cuore, per chi è stabilito "nel Regno"; per chi vive le Beatitudini. Gli orientali, anime altamente contemplative, hanno sviluppato una preghiera litanica simile al nostro Rosario e lo chiamano la "preghiera di Gesù". Si tratta di ripetere, ripetere lentamente e con l'anima disposta alla pace il famoso "Kirie eleison". Signore, abbi pietà di me: sono un uomo peccatore; Cristo, abbi pietà di me: sono un uomo peccatore. E giungono in questa preghiera litanica ad una ginnastica spirituale che piace alla loro mentalità, cadenzandola con il respiro e addirittura col battito del cuore. Grande impresione mi ha fatto a questo proposito la lettura di un volumetto pubblicato in Francia: Le pèlerin russe, accompagnato più tardi da un altro di un monaco ortodosso della Abbazia di Chevetogne: La preghiera di Gesù."

    Carlo Carretto

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Non si può pregare così
    Di vanni fucci nel forum Fondoscala
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 23-11-11, 11:31
  2. Pregare in sardo
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 05-04-07, 00:51
  3. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 03-07-06, 14:15
  4. imparare a pregare
    Di Zarskoeselo nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-06-06, 22:26
  5. Pregare per Re Umberto II
    Di Cipriano (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 21-09-04, 00:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226