User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Jun 2011
    Messaggi
    4,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Controllo delle armi leggere: no degli Usa, fallisce il Summit Onu

    Sebbene la maggior parte dei governi - compresa l’UE e molti paesi africani e latinoamericani - avessero sostenuto la necessità controlli di più rigidi sul commercio internazionale di queste armi, la Conferenza si è conclusa il 7 luglio senza un accordo sul documento finale. Nonostante gli Stati Uniti abbiano anche bloccato la possibilità di tenere in futuro altre conferenze mondiali sul traffico delle armi, la campagna Control Arms porterà ora la propria richiesta di controlli più rigorosi all’Assemblea Generale dell’Onu di ottobre. In quell’assise, le decisioni sono spesso sottoposte a votazione a maggioranza e ciò significa che una piccola minoranza di paesi non può bloccarle.

    dal sito Unimondo.org
    lunedì, 10 luglio, 2006


    La forte opposizione della lobby armiera degli Stati Uniti - il maggior produttore ed esporatore mondiale di "small arms" - ha portato al fallimento la Conferenza mondiale dell'Onu sulle armi leggere e di piccolo calibro. Sebbene la maggior parte dei governi - compresa l’Unione Europea e molti paesi africani e latinoamericani - avessero sostenuto la necessità controlli di più rigidi sul commercio internazionale di queste armi, la Conferenza si è conclusa il 7 luglio senza un accordo sul documento finale. Gli Stati Uniti hanno bloccato qualsiasi possibilità di tenere in futuro altre conferenze mondiali sul traffico delle armi. Un chiaro ostruzionismo all’ipotesi di un accordo è venuto fin dal primo momento proprio dagli Usa sostenuti dalla potente lobby americana di produttori di armi vicina all’amministrazione Bush: per voce del sottosegretario di Stato sul controllo delle armi leggere, Robert Joseph hanno indicato una serie di condizioni che non avrebbero mai accettato in un'eventuale intesa - riporta l'agenzia Misna.

    “Il mondo è stato tenuto in ostaggio da una piccola minoranza di Paesi" - dichiarano i portavoce della campagna Control Arms facendo riferimento alla forte opposizione Usa ma anche di altri Paesi tra cui Russia, Cuba, India, Iran, Israele e Pakistan. La campagna Control Arms porterà ora la propria richiesta di controlli più rigorosi sul commercio di queste armi all’Assemblea Generale dell’Onu di ottobre. In quell’assise, le decisioni sono spesso sottoposte a votazione a maggioranza e ciò significa che una piccola minoranza di paesi non può bloccarle. Alcuni governi hanno già dichiarato che intendono presentare una risoluzione al primo Comitato dell’Assemblea generale, in cui si chiede l’apertura di negoziati su un Trattato sul commercio di armi, legalmente vincolante.

    “Il mondo ha disperatamente bisogno di un Trattato, forte e applicato in modo efficace, per fermare l’attuale flusso di armi verso chi si rende responsabile di gravi abusi dei diritti umani” – ha sottolineato Brian Wood, responsabile della ricerca sul commercio di armi per Amnesty International. La campagna Control Arms chiede ai governi di istituire tale Trattato e di concordare una serie di linee guida globali sulla vendita delle armi di piccolo calibro, in modo da fermare i flussi che alimentano le violazioni dei diritti umani e la povertà nel mondo. “Facendo fallire questo incontro, i governi hanno gettato alle ortiche l’opportunità di agire per salvare vite umane in tutto il mondo. È inaccettabile che due settimane di discussioni non abbiano prodotto alcun risultato, soprattutto sapendo che le armi causano 1000 morti al giorno” – ha commentato Rebecca Peters, direttrice di Iansa.

    Dopo un'apertura molto positiva - nel corso della quale le Ong del coordinamento Controlarms hanno consegnato a Kofi Annan la petizione con un milione di facce per l'adozione del Trattato sulle armi, e un gruppo di paesi tra cui Messico, Canada e Unione Europea avevano espresso il proprio appoggio ai principli globali di protezione da inserire nel protocollo finale, i maggiori Paesi produttori di armi leggere nel mondo - tra cui Stati Uniti, Russia, Cina e India - hanno fatto pressione sul presidente della Conferenza per ammorbidire il testo. La National Rifle Association - la potente lobby americana di difesa dei diritti dei portatori d'armi da fuoco che vanta oltre 4 milioni di soci negli Usa - ha raccolto 100mila firme per chiedere - nientemeno - la sospensione della Conferenza. La società civile e le Ong presenti alla Conferenza avevano preparato una serie di proposte di cambiamento nel documento preparatorio che avevano trovato consenso in molte delegazioni. Si era arrivati anche ad un comprosso di un “minimo di punti imprescindibili” per le Ong da inserire nel documento finale, che - come detto - non è servito.

    Secondo stime diffuse, le armi di piccolo calibro oggi in circolazione provocano fino a 500 mila morti all’anno, vittime di guerre civili, di episodi di criminalità o anche di incidenti. Per il presidente della Conferenza, l’ambasciatore all’Onu dello Sri Lanka (dove negli ultimi mesi si è riacceso il conflitto tra governo e guerriglia della minoranza Tamil), “un accordo era possibile”, ma ha aggiunto di ritenere già un successo il fatto che si sia parlato di questo argomento.

    di Giorgio Beretta
    http://www.retelilliput.it/modules.p...d40facb0e7b54c

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Jun 2011
    Messaggi
    4,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa è una notizia precedente:

    Control arms: un milione di volti nelle mani dell'Onu

    E’ stata consegnata dalle tre organizzazioni promotrici (Amnesty International, Iansa, Oxfam) nelle mani del Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, in occasione della Conferenza Internazionale dell’Onu iniziata a New York City, la foto-petizione che ritrae oltre un milione di volti contro le armi da tutto il mondo, nell'ambito della campagna internazionale "Control Arms" per il controllo delle armi "leggere". L’obiettivo della campagna è l’adozione entro il 2006 di un Trattato Internazionale sul Commercio di armi (ATT- Arms Trade Treaty) che introduca forme di controllo vincolanti sul commercio delle armi definite “leggere”. In Italia “Control Arms” ha raccolto circa 40.000 volti grazie alla collaborazione di tutte le associazioni coinvolte che hanno portato nelle piazze italiane il noto slogan “Mettici la faccia contro le armi”. Il documento sarà sottoposto ora a revisione dalla Conferenza.

    Fonte: Agenzia Radicale

 

 

Discussioni Simili

  1. Laboratorio USN: condizionamenti mentali, armi di controllo di massa
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-11-12, 19:28
  2. Il summit della Comunità Degli Stati Indipendenti.
    Di ulver81 (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-10-07, 08:24
  3. Ron Paul sul controllo delle armi
    Di *-RUDY-* nel forum Americanismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-06-07, 23:39
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-07-03, 19:27
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-03-03, 19:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225