User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Per Novis

  1. #1
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Per Novis

    Cara Novis,
    scusa se nella discussione di qualche giorno fa non ho replicato ma, purtroppo, mi trovo in un periodo di intenso lavoro e non ho tempo per reperire materiale statistico.
    Oggi però nel forum delle due sicilie hanno postato le statistiche di cui parlavamo . Te le incollo qui - si trovano in calce all'articolo.
    Ciao.



    Fernando Ritter

    da: "La via mala"

    Alla fine degli anni '60 vi erano ufficialmente, sparsi attraverso il mondo, 6 milioni di individui in possesso di passaporto italiano. Di questi, oltre 2,4 milioni vivevano in Europa: 900 mila in Francia, 700 mila in Svizzera, 400 mila in Germania, 250 mila nel Benelux, 150 mila in Gran Bretagna. In realtà, il numero degli italiani all'estero era allora sensibilmente superiore alla cifra ufficiale, in quanto da essa erano stati esclusi tutti coloro che, nel corso degli anni, avevano rinunciato o dovuto rinunciare alla propria cittadinanza originaria. Innumerevoli quindi sono stati gli italiani costretti a prendere la via dell'esilio per cercare, all'estero, quel pane che veniva loro negato in patria. Ciò avvenne precisamente da quando, conquistato dai piemontesi il Regno delle due Sicilie, cominciò in nome dell'Unità d'Italia, il pesante saccheggio del più vasto, più potente e più ricco Stato della Penisola; di quello Stato che poteva vantarsi di un'amministrazione pubblica modello e di un patrimonio aureo di poco inferiore al mezzo miliardo di lire oro, più che doppio di quello complessivo degli altri Stati d'Italia. Stato pacifico che, tra l'altro, non conosceva la coscrizione obbligatoria e la leva in massa, e che si era posto all'avanguardia del progresso tecnico; a esso i Borboni avevano dato la prima ferrovia in Italia, la prima nave a vapore, il primo telegrafo elettrico (sia pure sperimentale) e, alla sua capitale, l'illuminazione a gas, con 10 anni d'anticipo sulle altre città della Penisola. Stato dove non attecchì la grande usura, che vide anzi fallire il ramo dei Rothschild che si era stabilito a Napoli. L'Unità d'Italia, per il Meridione, significò il crollo della sua agricoltura e quello delle sue industrie -già più sviluppate e floride di quelle del Nord - con conseguenze che si fecero sempre più gravi e tragiche per le popolazioni.
    L'Unità portò anzitutto alla completa rovina dei contadini, considerati sino alla conquista legalmente inamovibili dalle terre feudali, ecclesiastiche e comunali da loro coltivate, nonché proprietari di quelle coloniche; contadini praticamente esenti da doppie imposizioni e tributi, e da qualsiasi servitù militari. L'incameramento di queste terre, in ossequio ai nuovi principî, da parte del demanio piemontese, la loro messa in vendita, il loro acquisto, furono il trionfo degli speculatori, degli usurai, dei manipolatori di ogni specie, locali e piovuti dal Nord, i quali - sotto la protezione di un esercito di occupazione forte di 120 mila uomini e che, in 10 anni, bruciando paesi e paesani, massacrò 20 mila contadini in lotta per il pane, gabbandoli per briganti -diventarono, con l'ausilio di leggi non meno infami di coloro che le applicavano, i padroni inesorabili del contadino. Questi, messo nell'impossibilità materiale di pagare le tasse e i balzelli imposti da un Piemonte in eterno disavanzo finanziario, si vide portare via le scorte, gli attrezzi, la capanna, il campo; e ciò non da un feudatario "spietato", ma dal borghese "liberale". Così il contadino dell'ex reame delle Due Sicilie, il quale dal 1830 al 1860 aveva fruito di una condizione economica assai migliore di quella dei lavoratori della terra del resto della Penisola, si vide con l'Unità depredato addirittura anche del lavoro. E questo in quanto i nuovi proprietari della terra - introducendo colture industriali (agrumi e ulivo) in sostituzione di quelle che coprivano il fabbisogno alimentare e tessile delle popolazioni locali, contadine e cittadine - non ebbero che una preoccupazione: quella di realizzare sempre maggiori profitti finanziari, pure a totale scapito del lavoro (l'industrializzazione di quei tempi!). Così le campagne del Mezzogiorno, sacrificate all'industrializzazione agricola locale e tradite dalla politica per lo sviluppo delle manifatture del Nord, non furono più nella possibilità materiale, come lo erano state nei secoli, di assicurare alla popolazione del Sud, anche delle città, neppure la propria alimentazione. E fu lo sfacelo [1]. Si interruppe in conseguenza - tra l'altro - la corrente migratoria della mano d'opera, che sino allora si era spostata dal Nord al Sud, mentre i contadini meridionali, cacciati per fame dalle loro terre, furono costretti alla fuga verso il Nord e l'estero. Fenomeno che non tardò a trasformare l'intera Penisola in una immane colonia di sfruttamento umano, dove nuovi negrieri razziavano ogni anno, non più africani, ma un crescente contingente di disperati bianchi, il cui numero salì progressivamente da 107 mila - media annua del periodo 1876 -1880 - a 310 mila, media annua del periodo 1896 -1900, a 554 mila, media annua del periodo 1901-1905, a 651 mila, media annua del periodo 1906-1910, a 711 mila nell'anno 1912, a 872 mila nell'anno 1913, anno di vigilia della prima guerra mondiale, che troncò questa tratta, sino alla fine delle ostilità, per fornire carne da cannone, in abbondanza, alle offensive, negazione della strategia, di un altro piemontese. Nessun documento meglio di queste cifre potrebbe illustrare i risultati economici, sociali e umani della politica della borghesia italiana "liberale" di quegli anni. Borghesia che doveva trovare in Giovanni Giolitti il suo personaggio più rappresentativo, diventato direttamente o - per pochi mesi - tramite i suoi luogotenenti Fortis e Luzzato, dal 1903 al marzo 1914 capo del governo e, attraverso la burocrazia e la corruzione, padrone assoluto del Paese. Politica che costrinse, nell'ultimo biennio dell'era giolittiana, oltre un milione e mezzo di italiani a emigrare; più della metà dei quali oltre Atlantico, verso l'inferno delle fazende brasiliane, delle miniere e ferriere della Pennsylvania, dei mattatoi di Chicago, degli angiporti e dei bassifondi di Buenos Aires e di New York; caricata per maggior utile degli armatori del Nord, in condizioni di poco meno disumane di quelle fatte all'inizio del secolo scorso dai negrieri agli schiavi portati sui mercati delle due Americhe.

    [1] Codificato dalle leggi protezioniste del 1887 a favore delle industrie del Nord.






    PRIMA



    1735 – Prima cattedra di astronomia in Italia (Università di Napoli a Pietro De Martino)
    1737 – Primo teatro nel mondo (San Carlo a Napoli)
    1754 – Prima cattedra di Economia nel mondo (Università di Napoli ad Antonio Genovesi)
    1762 – Fondazione Accademia di Architettura (tra le prime d’Europa)
    1774 – Istituzione della motivazione delle sentenze (G.Filangieri)
    1781 – Primo codice marittimo del mondo (Michele Iorio)
    1782 – Primo intervento in Italia di Profilassi Anti-tubercolare
    1783 – Primo cimitero d’Europa ad uso di tutte le classi sociali (Palermo)
    1786 – Più grande cantiere navale d’Italia e del Mediterraneo (Castellammare 2000 operai)
    1792 – Primo Atlante Marittimo nel mondo (scuola di cartografia napoletana)
    1801 – Primo museo Mineralogico del mondo
    1807 – Primo Orto botanico in Italia a Napoli
    1813 – Primo Ospedale Psichiatrico italiano (Aversa)
    1818 – Prima nave a vapore del mondo (Ferdinando I)
    1819 – Primo Osservatorio Astronomico in Italia (Capodimonte)
    1820 – Primo codice militare d’Italia
    1832 – Primo ponte sospeso in ferro in Italia (fiume Garigliano)
    1832 – Primo Stato italiano a dotarsi di un Ufficio Centrale di Statistica
    1839 – Prima ferrovia e prima stazione in Italia, terza in Europa (Napoli-Portici)
    1839 – Prima illuminazione a gas di una città italiana e terza in Europa (Napoli)
    1840 – Prima fabbrica metalmeccanica d’Italia (Pietrarsa con 1050 operai)
    1841 – Primo centro sismologico in Italia (Ercolano ing.Gaetano Fazzini)
    1841 – Primo sistema di fari lenticolari a luce costante in Italia (Nisida)
    1843 – Prima nave da guerra a vapore d’Italia (pirofregata Ercole)
    1844 – Primo Osservatorio Meteorologico in Italia (falde del Vesuvio dott. Melloni)
    1845 – Prima locomotiva a vapore costruita in Italia (stabilimento di Pietrarsa)
    1848 – Primo Stato italiano a concedere la Costituzione (29 gennaio)
    1852 – Primo Telegrafo elettrico in Italia
    1852 – Primo Bacino di Carenaggio in muratura in Italia (porto di Napoli)
    1852 – Primo Piroscafo della penisola italiana ad attraversare l’Atlantico (il Sicilia della società di
    navigazione del palermitano Salvatore De Pace)
    1852 – Primo esperimento di Illuminazione Elettrica in Italia (Capodimonte)
    1856 – Premio per il terzo paese al mondo in sviluppo industriale (Parigi Esposizione Internazionale)
    1856 – Primo Sismografo Elettromagnetico nel mondo (arch. Luigi Palmieri)
    1859 – Primo Stato italiano per produzione di guanti (700.000 dozzine di paia ogni anno)
    1860 – Prima flotta mercantile e militare d’Italia
    1860 – Prima nave ad elica in Italia (Monarca)
    1860 – Più bassa percentuale di mortalità infantile d’Italia
    1860 – Più alta percentuale di medici per abitante d’Italia
    1860 – Primo piano regolatore in Italia (città di Napoli)
    1860 – Minor carico Tributario Erariale in Italia
    1860 – Maggior quantità di lire-oro tra tutti i Banchi Nazionali Preunitari (Banco delle Due Sicilie 443
    milioni sui 668 milioni del totale: 66.3%)
    1860 – Prima borsa merci e seconda borsa valori d’Europa
    1860 – Maggior numero di società per azioni in Italia
    1860 – Miglior finanza pubblica tra gli stati preunitari
    1860 – Rendita dello stato quotata alla Borsa di Parigi al tasso del 12%
    1860 – Tasso di sconto più basso della penisola (5%)
    Primi assegni bancari della storia economica
    Primo sistema pensionistico con ritenute del 2% sugli stipendi (S.Leucio)
    Prima cattedra di Psichiatria
    Prima cattedra di Ostetricia e osservazioni chirurgiche
    Primo corpo di Pompieri in Italia

    ALTRE REALIZZAZIONI

    1740 – Inizio attività delle celebri manifatture di Capodimonte (lavorazione ceramica)
    1748 – Fondazione Università di Altamura (Terra di Bari)
    1748 – Costruzione del Real Albergo dei Poveri a Napoli (5000 posti letto)
    1757 – Inizio attività della Real Fabbrica d’Armi di Torre Annunziata
    1764 – Inaugurazione dell’Acquedotto di Maddaloni detto “Carolino”
    1768 – Inaugurazione del complesso siderurgico di Mongiana (VV)
    1774 – Completamento dei lavori per la costruzione della Reggia di Caserta
    1776 – Inizio attività del celebre setificio di S.Leucio
    1784 – Istituzione del Porto Franco a Messina (abolito nel 1879)
    1787 – Fondazione della Scuola Militare Nunziatella
    1835 – Costruzione del Ponte sospeso in ferro sul Fiume Calore
    1841 – Istituzione dell’Amministrazione Generale delle Bonificazioni (bonifiche del Volturno 15000ha,
    del Sarno, della Piana del Sele, delle paludi Sipontine, del golfo di Policastro, della piana di
    Bivona e dei dintorni di Brindisi)
    1845 – Risanamento del debito pubblico (ministro delle finanze D’Andrea)
    1847 – Fondazione della colonia agricola di S.Ferdinando di Puglia (FG), dopo la bonifica della zona
    1855 – Collegamento telegrafico tra Napoli e Roma, Parigi, Londra

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Cos'è, vuoi dimostrare che i napoletani sono il popolo più civile del mondo?

  3. #3
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Liutprando
    Cos'è, vuoi dimostrare che i napoletani sono il popolo più civile del mondo?
    Non serve dimostrarlo, è palese e sotto gli occhi di tutti...

























  4. #4
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77
    Non serve dimostrarlo, è palese e sotto gli occhi di tutti...

























    Non lo scriva neanche per scherzo: può sempre capitare che qualche partenopeo (dei pochi che sanno leggere) cominci a crederci per davvero...

    con ossequi
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,417
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Liutprando

    Cos'è, vuoi dimostrare che i napoletani sono il popolo più civile del mondo?
    credo che uqbar voglia sottolineare ancora una volta che fu il nord a prendersi la briga di "modernizzare e redimere" il sud attraverso una sporca guerra di aggressione e annessione.

    certo che il sud fa male a identificare il nord con i savoia, ma è pur vero che questi gentiluomini provenivano da nord.

    comunque sia andata, è importante una presa di coscienza collettiva di tutti coloro che si sentono vittime di questa forzata unità e comincino a lavorare seriamente per l'indipendenza e l'autogoverno di tutti i popoli della penisola.

    il sud in particolare la smetta di fare la vittima e reclami con orgoglio la sua indipendenza da roma e dal nord.


  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,640
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Beh Uqbar, ci sono fonti storiche, lettere, libri, che dicono tutt'altro, scritti non da esponenti delle istituzioni sabaude ma da intellettuali meridionali coraggiosi e lucidi, come Pasquale Villari o Giustino Fortunato...lo stesso Verga, nel suo periodo milanese (dunque prima dell'unità d'Italia), si era reso conto dell'arretratezza del regno delle due Sicilie, se trovo il passo relativo lo incollo....perchè mai avrebbero dovuto mentire sulle condizioni della loro terra?

    Credo invece molto probabile, anzi certo, che il Regno d'Italia non fece che aggravare le condizioni economiche del sud, insomma l'unità all'inizio di certo non giovò....perchè il nuovo Stato attinse alle riserve auree del banco di Napoli e soprattutto perchè, inserito di colpo in un mercato nazionale, il sud perse quei piccoli vantaggi che prima aveva, dati dalle barriere doganali: le poche manifatture erano di proprietà pubblica, e con l'unità cessarono di essere protette dai pesanti dazi che avevano predisposto i Borboni, cosicchè furono eliminate dalla concorrenza....ma non erano competitive neanche prima, erano solo iperprotette; lo stesso avvenne per il commercio, nel senso che Napoli , all'interno di uno Stato molto più vasto, perse la sua funzione di unico emporio commerciale del mezzogiorno...ma anche qui, non si trattò di una malvagità speciale dei Savoia verso il mezzogiorno, ma fu una conseguenza logica dell'allargamento del mercato.

    L'unità non giovò nel primo periodo (in seguito non si può negare che sia giovata molto a tutto il sud, dal dopoguerra in poi), ma è da escludere che il sud sia stato gettato sul lastrico a causa dell'unità...a meno di credere che tutte quelle testimonianze siano state inventate.

    Non spero di convincerti, ma per lo meno scambiare informazioni e fonti può servire sia a me che a te a farci un'idea il più imparziale possibile.

    Un'ultima cosa, nel 1700/1800 i viaggiatori dell'europa del nord che venivano in Italia (in tutta l'Italia, con la parziale eccezione della sempre ricca Lombardia...ma con eccezioni come la Valtellina...e anche il canton ticino allora era poverissimo) constatavano un decadimento in tutti i sensi, e ne attribuivano la colpa alle istituzioni politiche, più che ai cittadini.


    Ciao!

 

 

Discussioni Simili

  1. Eh si...hai ragione Novis...
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-05-07, 00:32
  2. Novis
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 22-02-07, 16:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226